RIFUGIO Vieni? Sostienici!
giovedì 17 gennaio 2019   # Utenti online n.264 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico/Notizie sparse
Articoli della sezione «Notizie sparse».
Ordine cronologico: discendente (il più recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 15/06/2007 alle 20:02:45, in Notizie sparse, letto 1445 volte

 

Pesce velenoso nel Mediterraneo: è mortale
Avvistato in Grecia il Lagocephalous scleratus, il pesce palla argenteo. Le sue carni contengono sostanze altamente tossiche
ATENE (Grecia) - La prefettura di Atene ha lanciato oggi un allarme a tutti i pescatori professionisti segnalando la comparsa nelle acque greche del pesce palla argenteo, proveniente dal Mar Rosso, che è velenoso e uccide chi lo mangia.
GIA' DIECI CASI MORTALI - Il pesce, originario dell'Oceano Indiano, ha fatto la sua prima apparizione due anni fa nel Mediterraneo passando attraverso il Canale di Suez ma non deve essere assolutamente mangiato in quanto è estremamente velenoso, come aveva raccomandato già a fine marzo i ricercatori della Stazione idrobiologica dell'isola di Rodi diretta da Andreas Sioulas. Gli incauti che si sono cibati delle carni di questo pesce (10 i casi noti sinora, otto in Egitto e due in Israele) sono morti.
«NON MANGIATELO» - Alcuni esemplari del pesce - il cui nome scientifico è «Lagocephalous sceleratus», in italiano «pesce palla argenteo» - furono già avvistati nell'estate di due anni fa, ma negli ultimi tempi il loro numero è in costante aumento e solo lo scorso aprile ne sono stati trovati 10 esemplari nel Mediterraneo orientale. Dopo l'allarme dato dai ricercatori di Rodi, il Centro ellenico per la ricerca medica ha diffuso un avviso urgente alle autorità di tutti i porti della Grecia affinchè mettano in guardia tutti i pescatori, professionisti e dilettanti, circa la pericolosità dell'animale. «Questo pesce, se mangiato, è velenoso per gli esseri umani con un alto rischio di mortalità», è detto nell'avviso.
PARALISI DEI MUSCOLI - Il pesce palla argenteo appartiene alla famiglia dei Tetraontidi, ha un corpo grosso lungo fino a un metro la cui pelle può essere nuda o coperta di spine. La testa è massiccia con il muso arrotondato. La sua pelle, il fegato e gli organi riproduttivi contengono una sostanza altamente tossica che se ingerita - come avverte Sioulas - può provocare una fatale paralisi dei muscoli della respirazione o problemi circolatori. Le carni di questo pesce sono considerate una pietanza prelibata in molte città che si affacciano sull'Oceano Indiano ma lì, osserva Sioulas, i residenti sanno come rimuovere le parti che contengono il veleno prima di mangiarlo.
(Corriere della Sera)

04 giugno 2007

 
Pubblicato da Lidio il 15/06/2007 alle 10:45:04, in Notizie sparse, letto 1643 volte
Alla fine di marzo Stop Gavage (ne ha dato notizia nella mailing list del 14 giugno) ha incontrato la direzione dell'Istituto Nazionale di Ricerca Agricola francese. Di seguito la traduzione dell notizia e il testo originale con un rimando al documento particolareggiato in pdf.
 
La traduzione:
 
«In seguito ad una pubblicazione (v. sito Stop Gavage) sull'INRA (institut national de la recherche agronomique n.d.r.) a favore del foie gras, il presidente dell'INRA ci aveva proposto di incontrare la direzione scientifica dell'istituto. Questa riunione ha avuto luogo il 20 marzo 2007 nella sede dell'INRA, a Parigi. Ecco riassunti i principali di questa riunione:
 
La direzione dell'INRA ha segnalato che, se i ricercatori dell'INRA non si sono espressi per nulla (o poco) su alcuni problemi sollevati nel nostro libro (mortalità e patologie del gavage, alternative al gavage...), è perché, finora, non hanno condotto ricerche su queste questioni. La direzione scientifica ha annunciato che organizzerà una riflessione interna all'INRA per studiare le eventuali ricerche che potrebbero essere intraprese in questi settori.
 
Al di là del foie gras, l'INRA e stop Gavage hanno espresso la loro volontà comune che sia sviluppato, sul programma di ricerca in benessere animale, una collaborazione d'orientamento tra l'istituto e le associazioni di protezione animale. L'idea è che le associazioni siano informate e consultate, senza carattere a priori vincolante per l'INRA, su questo programma di ricerca.
 
Per iniziare questa collaborazione, l'INRA organizzerà, il 4 luglio 2007, un seminario sulla questione della competenza pubblica per quanto riguarda il benessere animale. Rappresentanti di associazioni di protezione animale interverranno per esprimere le loro attese sulla questione. Gli altri partecipanti saranno alcuni ricercatori dell'INRA ed un rappresentante del ministero dell'agricoltura (DGAL, Ufficio della protezione animale)».
 
Per saperne di più: 
http://www.stopgavage.com/actus/Rencontre-INRA-StopGavage-20-mars-2007.pdf
 
 
Il testo originale:
 
«Suite à la publication de L'INRA au secours du foie gras, la présidente de l'INRA nous avait proposé de rencontrer la direction scientifique de l'institut. Cette rencontre a eu lieu le 20 mars 2007 au siège de l'INRA, à Paris. Voici les principaux points que nous retenons de cette rencontre :, la présidente de l'INRA nous avait proposé de rencontrer la direction scientifique de l'institut. Cette rencontre a eu lieu le 20 mars 2007 au siège de l'INRA, à Paris. Voici les principaux points que nous retenons de cette rencontre :
 
La direction de l'INRA a indiqué que, selon elle, si les chercheurs de l'INRA ne se sont pas ou peu exprimés sur certaines questions soulevées dans notre livre (mortalité et pathologies en gavage, alternatives au gavage, ..), c'est parce qu'ils n'ont pas, à ce jour, mené de recherches sur ces questions. La direction scientifique a annoncé qu'elle va organiser une réflexion interne à l'INRA pour étudier les éventuelles recherches qui pourraient être entreprises dans ces domaines.
 
Au delà du cas du foie gras, l'INRA et Stop Gavage ont exprimé leur volonté commune que soit développé, sur le programme de recherche en bien-être animal, un partenariat d'orientation entre l'institut et les associations de protection animale. L'idée est que les associations soient informées et consultées, sans caractère a priori contraignant pour l'INRA, sur ce programme de recherche.
 
Pour initier ce partenariat, l'INRA va organiser, le 4 juillet 2007, un séminaire sur la question de l'expertise publique en bien-être animal. Des représentants d'associations de protection animale interviendront pour exprimer leurs attentes sur cette question. Les autres intervenants seront des chercheurs de l'INRA et un représentant du ministère de l'agriculture (DGAL, Bureau de la Protection Animale)».
 
Pubblicato da Piero il 14/06/2007 alle 18:17:37, in Notizie sparse, letto 1206 volte

casette

 

Gastronomia vegana e altro al Critical Bar. Venerdi prossimo!

 

 

                                                                                                            

 

 

Inoltre: continuano i Mercoledi Vegani...leggi sotto...

 

Progetto

Mercoledì Vegan


-CENA VEGAN-


Si svolge tutti i mercoledì presso l'associazione culturale
"laboratorio sociale autogestito 100 celle"
Viale della Primavera 319B - Centocelle - Roma.
Il costo è di 15euro con menu fisso dall'antipasto al dolce,
bevande e caffè incluso.



Per informazioni e prenotazioni: Cinzia 3494646081

 

 

 

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 13/06/2007 alle 12:50:10, in Notizie sparse, letto 1251 volte

 

(corriere della sera)
CAGLIARI — La tassa sui cani dopo quella sul lusso. In Sardegna i proprietari potrebbero essere presto costretti a pagare venti euro all'anno per ogni cane non sterilizzato. La nuova imposta è allo studio della giunta della Regione e ha subito scatenato polemiche. «Nessuna decisione politica è stata ancora adottata — precisa l'assessore regionale alla sanità, Nerina Dirindin — e si è ancora in una fase preliminare, di studio e di consultazione». Ma è stato sufficiente un vago riferimento nella riunione di un gruppo di lavoro incaricato di predisporre la bozza di un disegno di legge per creare malcontento.
«Nuove tasse? Proprio a ridosso del 20 giugno, data entro la quale le centinaia di migliaia di persone che possiedono una casa sulle coste devono mettere mano al portafogli per pagare le tasse sul lusso volute da Renato Soru?», insorge il centrodestra. Sarebbero i Comuni a decidere se far pagare o meno ai proprietari la tassa sui cani. Soru è preso di mira perché accusato dalla battagliera Michela Brambilla, presidente dei Circoli della libertà, qualche settimana fa a Ballarò: «Quando vengo in Sardegna vedo troppi randagi. Pensi a risolvere il problema». Soru aveva replicato con una battuta, ma nella rapidità con la quale sta prendendo corpo la nuova iniziativa fiscale qualcuno vede la mano del governatore decisionista.
L'obiettivo sarebbe ridurre i costi del randagismo: Regione sarda e Comuni spendono ogni anno cinque milioni di euro l'anno per mantenere cinquemila cani accolti in strutture gestite in gran parte da associazioni animaliste; i randagi sono più di 23 mila. Ci sono poi più di 220 mila cani «regolari», ovvero con un proprietario. Il conto è presto fatto: se ogni proprietario paga 20 euro si arriva quasi a equilibrare le spese di gestione dei canili e si possono impiegare altri fondi (che il ministero è disposto ad assegnare alla Regione) per le adozioni e le sterilizzazioni. Come identificare i proprietari dei cani? Esiste un'anagrafe gestita dalle Aziende sanitarie locali; basta mettere insieme i dati e incrociarli. Ma non è così semplice. Innanzitutto per le proteste.
«Si danneggerebbero i veri amici degli animali e aumenterebbe il randagismo — obietta Emanuele Deiana, coordinatore per la Sardegna dell'Ente protezione animali — . Noi siamo assolutamente contrari». E anche settori del centro sinistra non approvano la tassa: «I cani regolari sono già totalmente a carico dei proprietari; sarebbe incomprensibile tassare proprio loro e sarebbe un incentivo ad abbandonarli», è il parere di Nazareno Pacifico, presidente della commissione sanità del consiglio regionale. La tassa ancora non c'è, molti dubitano che mai ci sarà, ma comunque già si parla di probabili esenzioni: potrebbero non pagarla i proprietari di cani sterilizzati. Esenti, inoltre, i cani guida per i non vedenti, i cani poliziotto e della Protezione civile. E quelli utilizzati per la custodia delle greggi: i cani pastore, che sono almeno 40 mila (in Sardegna ci sono 4 milioni di pecore), quanti i loro padroni che, se ci sarà la tassa, hanno già minacciato una rivolta: porteranno i loro «amici» a Cagliari, davanti alla sede della Regione.
Alberto Pinna
11 giugno 2007

 
Pubblicato da Piero il 12/06/2007 alle 22:27:34, in Notizie sparse, letto 1429 volte

 

Il VegFestival di Torino

15, 16, 17 GIUGNO 2007

 

Torna il VegFestival di Torino, alla sua quinta edizione!

 

Anche quest'anno tanti ospiti italiani e stranieri, daranno al pubblico uno "spaccato di vita vegan" - come, perchè, dove, quando, così tante persone, in tutto il mondo scelgono una vita "senza crudeltà" verso gli animali e rispettosa dell'ambiente e delle persone.

 

Il nostro festival è prima di tutto un modo per farci conoscere da chi vegan non è, e quindi i primi che vogliamo invitare sono proprio le persone che di questo argomento ne sanno 'solo un poco' e vorrebbero saperne di più, o chi è curioso di provare la cucina vegan, o anche solo di farsi un giro tra gli stand.

 

Ma il festival è anche per i vegetariani, i vegan, gli attivisti, che vogliano rilassarsi e mangiare tranquilli in una festa totalmente senza crudeltà, incontrare altre persone con cui scambiare idee, conoscere attivisti di altre nazioni.

 

Per ogni informazione, consultate il sito: http://www.vegfestival.org

 
Pubblicato da monica il 08/06/2007 alle 23:06:56, in Notizie sparse, letto 1161 volte



Mercoledì 13 giugno metteremo in scena la seconda puntata dell'adozione della Sapienza
(l'iniziativa è descritta qui: http://www.agireora.org/progetti/adotta.html).
l'appuntamento è a piazzale Aldo Moro alle ore 11,00.

 

 

 


L'azione informativa durerà sino alle 16,00: chi potesse partecipare solo dopo le 11,00 avrà tre numeri di cellulari a disposizione per poter intercettare comodamente il resto del gruppo.
probabilmente avremo al nostro fianco le torte vegane da usarsi a scopo persuasorio, ma gli attivisti potranno comunque contare su croccanti di sesamo e latte di riso per soddisfare frugalmente i bisogni primari che si manifesteranno all'ora di pranzo.

 


Per info: dott.dulcamara@tiscali.it (Fabrizio e Vittoria).

 

Ecco i tre numeri eventualmente da contattare: 

 

Fabrizio 347 2636637,

 

Vittoria 338 8373433,

 

Monica 3357735307.

 

 

 

 

 
Pubblicato da Piero il 08/06/2007 alle 22:38:20, in Notizie sparse, letto 3316 volte

Giovedi' 14 giugno, alle 15.00, e' previsto, a Roma, presso la Camera dei Deputati,
un convegno intitolato "Sperimentazione animale: verso quale futuro?" che
ha lo scopo di rilanciare i lavori della proposta di legge (pdl) sulla vivisezione su
cui abbiamo lavorato negli scorsi anni. Questa pdl e' stata di recente ripresentata
(numero 2157), ed i suoi maggiori sostenitori sono ora due deputati di opposti
schieramenti - perche' le istanze pro-animali sono al di sopra e al di la' dello
schieramento politico -: Della Vedova, di Forza Italia, proponente della pdl, e
Cancrini, dei Comunisti Italiani, relatore della pdl.
Questo convegno serve a dimostrare in modo chiaro e forte ai politici che l'argomento
"vivisezione" e' una questione di forte interesse nella societa', e,
soprattutto, che le istanze ANTI-vivisezioniste sono molto sentite da tantissime
persone, e che per questo motivo si chiede che questa pdl sia discussa e approvata il
prima possibile.


Come sapete, il gruppo di lavoro "congiunto" che ha portato a questa pdl
era composto piu' di addetti ai lavori PRO-vivisezione che ANTI, e la pdl e' stato il
massimo che abbiamo potuto ottenere in questa situazione.  La pdl risultante è stata
quindi una mediazione tra due visioni assolutamente opposte: quella dei vivisettori e
vivisezionisti, che ritengono lecito, utile o addirittura necessario l'uso degli
animali, e quella degli antivivisezionisti, che non ne ritengono lecito l'uso da un
punto di vista etico, e ritengono che si tratti di una pratica inutile e dannosa sul
piano scientifico.

E' una legge migliorativa rispetto alla 116 attuale, per i vari motivi gia' citati e
spiegati in dettaglio qui:
http://www.novivisezione.org/info/nuova_116_commenti.htm
anche se ovviamente non abbasanza migliorativa per i nostri gusti ; - )
Pero' e' un primo passo, ed e' importante ottenere oggi questo per ottenere di piu'
in futuro.
Cosa vi chiediamo?
Di partecipare. Di partecipare perche' i vivisettori e vivisezionisti sono piu' di
noi, e non possiamo e non dobbiamo lasciare il campo libero a loro, non dobbiamo
lasciare che siano loro a indicare ai politici interessati all'argomento come stanno
le cose e quale si vuole che sia il "futuro della sperimentazione animale".
Il futuro che vogliamo noi, e' un futuro con sempre meno animali usati, fino ad
arrivare a zero nel tempo piu' breve possibile. Questo dobbiamo far vedere e far
capire. Ed e' importante dunque esserci, fare domande, fare osservazioni che mostrino
la nostra opposizione scientifica ed etica alla vivisezione, e il nostro appoggio a
questa pdl che consente un maggior controllo su quanto viene fatto oggi nei
laboratori.
Dato che il convegno si tiene in una sala della Camera e' necessario fornire in
anticipo i nomi del pubblico partecipante. Preghiamo dunque tutti quelli di voi che
vivono in Lazio o regioni vicine di scriverci per darci la propria  disponibilita'.
Anche se non siete certi al 100% di poterci essere, ma solo all'80%, scriveteci lo
stesso, poi se uno non partecipa pazienza, ma non ci si puo' aggiungere all'ultimo
momento.
Ci sono 100 posti, riempiamoli di antivivisezionisti, non di vivisezionisti!

Prendetevi mezza giornata di ferie, se necessario, ma partecipate! : - ) Scriveteci per favore su info@novivisezione.org per dare la vostra adesione. Grazie.

Massimo Tettamanti e Marina Berati

 
Pubblicato da Piero il 06/06/2007 alle 14:51:43, in Notizie sparse, letto 1164 volte

ANIMALI:DOPO PROTESTE RINASCENTE RINUNCIA A VENDITA PELLICCE

(ANSA) - ROMA, 5 GIU - I punti vendita del gruppo Rinascente non venderanno piu' pelli e pellicce che non siano provenienti dalla 'catena alimentare', ed entro il gennaio 2009 eliminera' dai propri magazzini i prodotti derivanti dall'industria della pelliccia. Ne da' notizia la stessa azienda, oggetto da tre anni di una campagna dell'associazione animalista Aip. ''La societa' La Rinascente ha adottato nel proprio codice etico la policy 'fur free' - si legge nel comunicato dell'azienda - in base a tale impegno la Rinascente non acquista e distribuisce presso i propri punti vendita, prodotti di pelle e/o pelliccia di animali che non siano provenienti dalla cosiddetta 'catena alimentare'''. ''Si tratta di un primo passo - continua il documento - che costituisce un significativo ed importante segnale da parte dell'azienda con l'obbiettivo, entro il 31 gennaio 2009 di eliminare totalmente dai propri magazzini i prodotti che siano derivanti dall'industria della pelliccia''. Secondo l'Aip, i cui attivisti sono arrivati a incatenarsi davanti ai negozi e a uno sciopero della fame, e' la prima vittoria di un'associazione animalista nella battaglia contro l'utilizzo delle pellicce. Non dello stesso parere i rappresentanti dell'azienda: ''Non e' stato il cedimento a un ricatto - sostiene Alessandro Cavalchini, responsabile legale del gruppo Rinascente - ma una scelta aziendale presa in autonomia, peraltro sulla scia di altri gruppi internazionali''. (ANSA).

Ecco la fonte:
http://www.ansa.it/ambiente/notizie/notiziari/natura/20070605184834323897.html

 
Pubblicato da Lidio il 05/06/2007 alle 19:18:34, in Notizie sparse, letto 1342 volte

Editoriale (di L.M.)

L’articolo pubblicato su “AgireOra” che ha per titolo “La pesca e il WWF” fa riflettere su quanto, all’interno di associazioni ormai “sdoganate” dalla pubblica opinione e raffigurate dai media come fulgido esempio di ottime iniziative ambientaliste, si scateni molto spesso la solita, eterna e deleteria dinamica potere/denaro.

Secondo una logica perbenista, inquadrata nei parametri del politically-correct, in base alla quale basta passare per anni in televisione come “buoni” (ed è proprio il caso del WWF) per potersi concedere il lusso di dire e fare ciò che si vuole senza un minimo di rigore, ecco appalesarsi ancora una volta il carattere assolutamente iniquo dell’homo commercialis che riduce a gara a premi ciò che su questo pianeta dovrebbe godere di un rispetto senza pari.

Saremmo curiosi di sapere sino a che punto inorridirebbero i responsabili del WWF se venissero a conoscenza di un’improbabile gara organizzata da una specie differente dalla nostra, nella quale alcuni umani, colpiti con una fiocina da creature dei fondali, venissero trascinati nelle acque profonde fra atroci sofferenze alle quali inevitabilmente seguirebbe la morte per soffocamento.

Si potrebbe sostenere che stiamo vivendo in un’epoca dove le contraddizioni sono pane quotidiano e dove cercare di vivere senza tali incoerenze sarebbe un esercizio assolutamente inutile. Si potrebbe tentare di giustificare l’ingiustificabile facendo chiacchiere, sulla base del fatto che ogni persona dotata di buon senso non deve (e soprattutto non può) inseguire rigidi principi.

E, certo, lo si potrebbe fare (non siamo poi così moralisti!) qualora non fossero in gioco delle vite. Ma contraddizioni come questa vanno molto al di là del più permissivo limite della decenza.

Questi aguzzini si sciacquano la bocca utilizzando la parola “rispetto”, in nome di regole che scaturiscono da logiche antropocentriche e consumistiche allo stesso tempo. Utilizzano frasi ad effetto in nome del buonismo dilagante: “si pulisce il pesce e si mangia insieme quello che il mare quel giorno ci ha voluto regalare”… Parole come queste sono come pietre. La propaganda che tocca le corde “giuste”, quelle legate alla tradizione, legate ai “sani valori” dei bei tempi andati… Paradigmi sub-culturali che impongono la figura del buon pescatore padre di famiglia, che ama le cose semplici, e che conduce una vita esemplare.

Balle!

Ancora più vergognose poiché non è la Barilla con il suo “mulino bianco” a propinarcele, ma un’entità che avrebbe dovuto essere “altro” rispetto ad una holding commerciale. Un’entità che – eticamente – dovrebbe rifiutarsi di definire le vite di esseri senzienti “il pescato”.

E che dire del loro "Smart Gear Competition" che premia i pescatori che si inventano congegni atti a ridurre le catture accidentali di esseri che non si vuole uccidere in quanto “scarti del pescato”? Non viene spontanea l’associazione alle “bombe intelligenti” utilizzate in Iraq e in Afghanistan?

Che fare, dunque?

Dopo esserci ripresi da questa notizia, che fa il paio con quella di qualche mese fa che segnalava banchetti a base di carne di balena da parte di attivisti di Greenpeace, credo che il primo passo sia iniziare una seria campagna di informazione che smascheri queste due “multinazionali” dell’ecologia.

Occorre mettere al corrente, comunicare, fare conoscere. Muniamoci di colla, stampiamo dei manifesti e attacchiamoli nei punti strategici. Facciamo circolare questa e altre notizie simili attraverso tutti i canali che abbiamo a disposizione.

Ma soprattutto: schieriamoci senza alcuna remora contro un simile abominio. Non è più possibile, in nome di un “ambientalismo” di comodo, giustificare qualsiasi cosa.

 
Pubblicato da Piero il 05/06/2007 alle 09:19:08, in Notizie sparse, letto 1387 volte
la pelliccia è servita - inchiesta sull'allevamento di cincillà
Il primo obiettivo della Campagna A.I.P. è stato raggiunto.

E’ ufficiale. La catena di grandi magazzini Rinascente, presente in Italia con numerose filiali e prima grande distribuzione nel nostro paese di inserti in pelliccia adotterà, a breve, una politica “fur free”, cioè non venderà né distribuirà più questo sanguinante capo che nel mondo condanna a morte più di un miliardo di animali.

Circa tre mesi fa alcuni attivisti della campagna A.I.P. hanno chiesto ed ottenuto un incontro con l’amministratore delegato di Rinascente. Incontro che non ha portato sin da subito i risultati sperati ma che comunque ha avuto conseguenze molto proficue. Le centinaia di presidi svolti davanti alle loro sedi, i moltissimi volantini distribuiti e qualunque altro tipo di pressione subita in questi tre anni di iniziative hanno convinto i dirigenti ad apportare una prima modifica alla loro politica: chiusura dei reparti pellicceria delle sedi di Milano Duomo e Roma Piazza Fiume, stop alla vendita di pellicce ed inserti ricavati dalle specie appositamente allevate o catturateper questo scopo. Con questa proposta Rinascente avrebbe continuato ad esporre inserti di altri animali, principalmente il coniglio, allevati per la carne, la cui pelliccia viene ritenuta un sottoprodotto della catena alimentare.

Nonostante ciò la decisione adottata dalla campagna A.I.P. è stata chiara, volta a non scendere a nessun compromesso: ogni pelliccia, sia essa di visone o coniglio, sia essa derivata dall’industria alimentare o dalle industrie di settore è pura crudeltà, e chi la espone va boicottato e convinto a disfarsene. Di fronte al fatto compiuto che la presenza solo di inserti di coniglio nei negozi Rinascente non avrebbe portato alla fine delle proteste, la società ha nuovamente rivisto le proprie scelte, informandoci che dal 31 gennaio 2009 ogni pelliccia, anche quella di coniglio, sarà eliminata. Questo riguarda ogni indumento o accessorio presente nei loro punti vendita: sia quelli a marchio Rinascente sia quelli acquistati presso altri fornitori, tra cui i principali nomi della moda italiana ed internazionale.

Una vittoria dunque, non assaporabile da subito ma comunque non parziale: è normale infatti che i grandi magazzini necessitino di tempo per smaltire i capi già acquistati, che risulterebbero altrimenti invenduti.

Questo il testo completo del fax pervenutoci:

"Milano, 11 Maggio 2007

Facendo seguito all'incontro di Martedì 8 maggio u.s. con i Vostri rappresentanti, Vi comunichiamo che la nostra società La Rinascente S.r.l ha adottato nel proprio codice etico la policy "fur free". In base a tale impegno, come è stato verbalmente spiegato, la Rinascente non acquista e distribuisce presso i propri punti vendita, prodotti di pelle e/o pelliccia di animali che non siano provenienti dalla c.d. "catena alimentare".

Si tratta di un primo passo che costituisce un significativo ed importante segnale da parte dell'azienda con l'obbiettivo, entro il 31 gennaio 2009 (fine saldi autunno/inverno 2008), di eliminare totalmente dai propri magazzini i prodotti che siano derivanti dall'industria della pelliccia.

Distinti saluti

la Rinascente S.r.l."

Per vedere il fax originale clicca qui: http://www.campagnaaip.net/fax%20rinascente.jpg

Ogni gruppo locale che abbia effettuato dei presidi davanti alle loro sedi, ogni e-mail, lettera o telefonata ha fatto la differenza: Rinascente ha mollato l’industria della pelliccia. Questo si traduce in migliaia di animali direttamente salvati, liberati da una moda assassina che li considera merce, non esseri senzienti, ed inoltre un colpo notevole per questo settore sanguinario. Ma ciò conferma anche un altro aspetto: l’attivismo funziona, la costanza e la perseveranza verso i diretti responsabili dello sfruttamento animale non possono che dare buoni frutti.

  Galvanizzati da questa prima vittoria bisogna ora dare il tutto per tutto per convincere anche UPIM ad abbandonare questo crudele mercato. Infatti nonostante il loro quadro dirigenziale sia praticamente identico a quello di Rinascente, la dichiarazione che ci è stata spedita non riguarda quest’altra catena di grandi magazzini, che continuerà a vendere inserti in pelliccia, di qualunque animale.

Fermare tutto ciò, ormai lo sappiamo, è possibile.

 

(Fonte: campagna A.I.P., www.campagnaaip.net)

 
fonte: arkangelweb.org (trad. Andrea Argenton di Forum etici)
Diminuiscono i polli, tacchini e maiali uccisi per la carne in Gran Bretagna e il calo è significativo secondo le ultime statistiche agricole prodotte da Defra (Department for Environment, Food and Rural Affairs).
Il gruppo di attivismo vegetariano Viva sostiene che a dispetto della propaganda che afferma che la gente sta abbandonando il vegetarianesimo, ad essere vero è il contrario, e un numero crescente di britannici sta adottando uno stile di vita più gentile e più salutare. “E' un'eccellente notizia che così tanta gente stia diventando vegetariana” dice il responsabile campagne di Viva! Justin Kerswell.
“Circa un miliardo di animali sono tuttora uccisi per la loro carne ogni anno in Gran Bretagna; la maggior parte di loro vive una vita spaventosamente breve in condizioni di squallore e incontra una morte orribile, quindi abbiamo ancora moltissima strada da fare ma stiamo vincendo. Le preoccupazioni per la crudeltà verso gli animali, per la salute e e per lo stato del pianeta crescono ogni giorno e il vegetarianesimo fornisce una soluzione a tutte.
Ce n'è bisogno come mai prima d'ora. Il calo annuo nelle macellazioni mostra che in Gran Bretagna sono stati uccisi 20 milioni di polli in meno, e 2 milioni di tacchini in meno. Anche considerando tutte le importazioni, le esportazioni e la produzione domestica, il consumo di pollame in Gran Bretagna è sceso di 32.000 tonnellate. 76.000 maiali in meno sono stati macellati, il che rappresenta il più basso numero di animali uccisi dal 1973, quando sono iniziate le rilevazioni di Defra.
Secondo Mintel (società di ricerche di mercato, dato del 2006) il 5-6 per cento della popolazione è ora vegetariana e il numero sta salendo. Il numero di vegan è cresciuto di dieci volte negli ultimi 10 anni, fino a raggiungere il milione. La persona media in Gran Bretagna mangia 11.047 animali nella sua vita: 1 oca, 1 coniglio, 4 bovini, 18 maiali, 23 agnelli, 28 anatre, 39 tacchini, 1.158 polli, 3.593 molluschi e crostacei e 6.182 pesci. Viva! fornisce supporto a chi vuole interrompere o almeno diminuire il suo consumo di carne. Chiunque può controllare il suo personale massacro di animali al link www.timetogoveggie.com
 
Pubblicato da Piero il 03/06/2007 alle 21:49:39, in Notizie sparse, letto 1045 volte

VEGANCH'io

 

Sono cominciati i lavori per l'organizzazione della seconda edizione del VEGANCH'io!

 

Tre giorni di incontri, divertimento, buon cibo (biologico e sostenibile) per diffondere una nuova cultura del rispetto e dei diritti: si può vivere, e bene, senza uccidere e senza sfruttare nessuno. Perchè una nuova idea di uguaglianza possa prendere corpo e per rendere possibile un altro mondo.

 

Tutti, ma proprio tutti, sono invitati a partecipare; ognuno, anche i più piccoli, avranno modo di avvicinarsi alla questione dei diritti animali in maniera amichevole e completa.

 

Per ogni info consultare il sito: http://www.veganchio.org

 
Pubblicato da Piero il 03/06/2007 alle 19:11:02, in Notizie sparse, letto 1060 volte

 

 

 

Alcuni casi di serial killer che hanno cominciato maltrattando gli animali. Clicca qui:

http://www.zona-franca.it/pagine/serial.htm

 

 

 Da ZonaFranca: www.zona-franca.it

associazione per una psicopedagogia uomo-animale.

 

 

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 02/06/2007 alle 13:26:59, in Notizie sparse, letto 3409 volte

Il nucleo antibracconaggio della Polizia Provinciale di Roma ha effettuato un attento lavoro d’indagine in merito all’attività di tassidermia ed imbalsamazione nella Provincia di Roma allo scopo di contrastare la caccia illegale a specie protette finalizzata all’imbalsamazione e la vendita sul mercato clandestino.
Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati, all’interno di un laboratorio abusivo, circa 250 spoglie di animali ancora in fase di ultimazione tassidermica e di altri detenuti illegalmente all’interno di tre congelatori in attesa di essere utilizzati.
Molte delle carcasse rinvenute nel laboratorio appartenevano a specie particolarmente protette tra cui alcune addirittura soggette alla normativa Cites sulla detenzione di specie esotiche.
Sotto sequestro sono infatti finiti numerosi esemplari di Avocetta, Cavaliere d’Italia, Volpoca, Poiana, Falco pecchiaiolo, Sparviere, Civetta, Assiolo, Gufo comune e Barbagianni nonché dieci esemplari di picchi tra Picchio verde, Torcicollo, Picchio rosso maggiore ed il rarissimo Picchio nero. Molte le specie di uccelli non cacciabili protette anche da convenzioni internazionali che sono state rinvenute dagli agenti della provinciale tra cui, degni di nota, Gruccioni, Ghiandaie marine, Martin pescatori, Pivieri dorati, Chiurli, Combattenti, passeriformi come Averle, Stiaccini, Balie, Pettirossi, Rondini, Cince ed altro insieme ad alcuni mammiferi, come Tassi, Faine, Scoiattoli, Daini, Caprioli ed un cucciolo di Camoscio. Numerosi sono stati anche gli esemplari rinvenuti appartenenti alla tipica fauna Alpina a dimostrazione del ricco scambio nazionale di animali abbattuti illegalmente che riguardava l’attività di imbalsamazione.
Il personale operante, all’interno di uno dei tre congelatori sequestrati, ha scoperto anche resti di
alcuni animali soggetti al particolare regime di tutela della Convenzione di Washington
come l’impala, il cranio di un babbuino, le pelli di uno sciacallo dorato e di un pitone bianco.
Al momento del controllo il responsabile non è stato in grado né di giustificare la provenienza degli animali, né di esibire la relativa autorizzazione provinciale per svolgere l’attività di imbalsamatore, il tutto mentre stava tranquillamente lavorando su un esemplare di Cervone, un innocuo serpente delle nostre campagne anche questo di provenienza sconosciuta.

 
Pubblicato da Piero il 02/06/2007 alle 11:09:31, in Notizie sparse, letto 1273 volte

Segnalazione da SHAC. Per ogni info: www.shac.net

Nuovo Azionista di HLS - DRESDNER & ALLIANZ
===========================================

Dresdner Bank ha recentemente acquistato circa 600mila azioni di
Huntingdon Life Sciences.

Allianz ha una grande influenza su Dresdner perche' Allianz
possiede
Dresdner.



Per favore scrivete a Dresdner e Allianz e chiedete loro di smetterla
di
supportare la crudelta' sugli animali che viene giornalmente
perpetrata
ad Huntingdon Life Sciences, comprando le loro azioni!

Grazie da parte degli animali!


Scriviamo agli indirizzi sotto elencati.
Qui di seguito trovate vari blocchi di indirizzi; mandate un messaggio
nuovo per ogni blocco, perche' sono troppi indirizzi per mandarli
tutti
insieme, quindi sono gia' stati suddivisi in blocchi di dimensioni
adatte.

BLOCCO 1

dresdner.info@dresdner-bank.com, Marketing@ma.allianz.com,
investor.services@allianzgi.co.uk, helpdesk@allianz.co.uk,
jwhite@aic-allianz.com, info2@allianzhfp.com,
Allianz_Contact@allianzlife.com, newyork@apep.com, dmay@ff-ab.com,
pr@ffic.com, postmaster@ffic.com, interstate@iigroup.com,
mposey@nfjinv.com, susan_hunter@nacm.com, info@adeus.de,
info@agemis.de,
info.agis@allianz.de, contact@allianzcapitalpartners.com,
presse@adbag.de, ADPC.info@allianz.de, agcs_mmc_germany@allianz.com,
info@allianzgi.com, immo.info@allianz.de, inf
o@allianz.de, service.apkv@allianz.de, allianz.profi@allianz.de,

BLOCCO 2

info@allianz.de, information@allianz-azt.de, allnet@allianz.com,
kontakt@dresdner-direktservice.com, info@dit.de,
presse@dresdner-bank.com, service@elvia.de, info@esa-marine.de,
info.de@eulerhermes.com, fragen@fondsdepotbank.de, olb@olb.de,
info@reuschel.com, erik.hartkoren@allianz.nl, mail@allianz-arc.com,
info.nl@elviatravel.com, interborg@eulerhermes.com, info@london.nl,
ecrire@agf.fr, hamonic@agf-afrique.com, asset@agf.fr,
contact@agfprivatequity.com, denis.mangin@agf.fr, corinne.david@agf.fr,
webmaster@banqueagf.fr, wagfcom@agf.fr, call.center.fr@elviatravel.com,
matassur@agf.fr, wagfcom@agf.fr, quiquet@wfinance.fr, info@agf.be,
michele.roels@shaine-allianz.be


oppure con il punto e virgola come separatore


BLOCCO 1

dresdner.info@dresdner-bank.com; Marketing@ma.allianz.com;
investor.services@allianzgi.co.uk; helpdesk@allianz.co.uk;
jwhite@aic-allianz.com; info2@allianzhfp.com;
Allianz_Contact@allianzlife.com; newyork@apep.com; dmay@ff-ab.com;
pr@ffic.com; postmaster@ffic.com; interstate@iigroup.com;
mposey@nfjinv.com; susan_hunter@nacm.com; info@adeus.de;
info@agemis.de;
info.agis@allianz.de; contact@allianzcapitalpartners.com;
presse@adbag.de; ADPC.info@allianz.de; agcs_mmc_germany@allianz.com;
info@allianzgi.com; immo.info@allianz.de; info@allianz.de;
service.apkv@allianz.de; allianz.profi@allianz.de

BLOCCO 2

info@allianz.de; information@allianz-azt.de; allnet@allianz.com;
kontakt@dresdner-direktservice.com; info@dit.de;
presse@dresdner-bank.com; service@elvia.de; info@esa-marine.de;
info.de@eulerhermes.com; fragen@fondsdepotbank.de; olb@olb.de;
info@reuschel.com; erik.hartkoren@allianz.nl; mail@allianz-arc.com;
info.nl@elviatravel.com; interborg@eulerhermes.com; info@london.nl;
ecrire@agf.fr; hamonic@agf-afrique.com; asset@agf.fr;
contact@agfprivatequity.com; denis.mangin@agf.fr; corinne.david@agf.fr;
webmaster@banqueagf.fr; wagfcom@agf.fr; call.center.fr@elviatravel.com;
matassur@agf.fr; wagfcom@agf.fr; quiquet@wfinance.fr; info@agf.be;
michele.roels@shaine-allianz.be


Messaggio-tipo:

Oggetto: information
---------------------------
You are profiting from the slaughter of innocent animals in the
bloodstained rooms inside Huntingdon Life Sciences. You can pretend that
the screams of agony of the animals and their painful deaths choking on
their own blood and bile don't happen But they happen. And you are
accomplices.

Plese, read this page:
http://www.shac.net/MISC/Inside_HLS.html

STOP vivisection!

Please, make a statement saying that you will no longer deal with
Huntingdon Life Sciences!

Best regards.
firma


-------------------------
Traduzione, x conoscenza
State guadagnando dal massacro di animali innocenti nelle stanze
macchiate di sangue di HLS. Potete fingere che le urla di agonia degli
animali e le loro morti atroci, per soffocamento nel loro stesso sangue
e bile, non esistano. Ma esistono. E voi ne siete complici.

BASTA con la vivisezione!

Per favore, fate una dichiarazione che affermi che non lavorerete
piu'
con HLS!

Distinti saluti.
firma

===========================================
INFORMAZIONI SULLA CAMPAGNA SHAC

Huntingdon Life Sciences (HLS) e' il piu' grande laboratorio di
sperimentazione su animali d'Europa. Dentro HLS uccidono 500
animali al
giorno nelle prove per prodotti quali diserbanti, i colouranti
alimentari e droghe. HLS e' stata denunciata almeno 5 volte per
crudelta' sugli animali e infrazione delle leggi relative.
La campagna Stop Huntingdon Animal Cruelty (SHAC) e' partita alla
fine
del 1999 grazie ad un gruppo di attivisti, che sono riusciti anche a far
chiudere Consort kennels e Hillgrove (due allevamenti di animali
destinati alla vivisezione). Entrambe le campagne sono
terminate con la chiusura dell'attivita' e con migliaia di
animali
sistemati in case (e salvati dalle torture dei laboratori).
SHAC si propone quindi di far fallire le attivita' di HLS, anche
sensibilizzando i fornitori del laboratorio.


===========================================
AVVERTENZE & INFORMAZIONI

Tutti i dati inviati tramite questo messaggio sono forniti solo a scopo
informativo, e non vanno usati per compiere attivita' illegali
cosi'come
definite nel vostro Paese di residenza. SHAC non e' coinvolto
ne'
incoraggia alcuna forma di molestia o azione illegale. Niente in questo
messaggio ha lo scopo di incitare a tali comportamenti.

Fate circolare liberamente questo messaggio, grazie.
Segnalazione della campagna SHAC - http://www.shac.net
Per maggiori informazioni sulla campagna SHAC potete visitare il sito o
leggere al fondo di questa mail.

 
Pubblicato da Piero il 01/06/2007 alle 18:08:00, in Notizie sparse, letto 1646 volte
Venerdì 1 giugno ore 20.30
CSA Macchia Rossa - Via pieve Fosciana 56-82 Magliana Roma

Si raccomanda una certa puntualità se vi preme riempire la pancia. La cena è a sottoscrizione indicativa (nel senso che alla fine faremo una conta delle spese e divideremo grossomodo per i partecipanti, ma comunque non preoccupatevi, max 10€)

Tentativo di menù (qualcosa salterà e qualcos’altro sarà inserito) : Pane alle olive
Pane ai pomodori secchi
Pane ai semi vari (girasole, sesamo, papavero) Farinata di ceci
Crostini al purè di fave e cicoria
Humus
Focaccia olive e bieta
Focaccia pesto, patate e fagiolini
Crocchette di tofu allo yogurt
Crostini alla crema di carote Cous cous di verdure
Timballo di pasta al forno
Fusilli zucchine e tofu affumicato Scaloppine al marsala
Curry di soia
Insalata
Gateau di patate
Quadretti di frutti di bosco allo zenzero, con crema
Torta banane e nocciole Tisana al finocchio
Acqua di fonte
Chinotto
vino
Spaghetto di mezzanotte se qualcuno ce la fa…

Altre info: www.veganriot.it
 
Pubblicato da monica il 01/06/2007 alle 09:03:18, in Notizie sparse, letto 1888 volte

Riceviamo da AIP:

Le recenti manovre repressive del governo inglese ai danni della campagna Shac, che hanno portato all'arresto di tre attivisti e a restrizioni per molti altri, devono avere indotto il mondo finanziario a pensare di essersi tolto ogni problema e di poter nuovamente fare affari con i vivisettori di Huntingdon Life Sciences. Niente di più sbagliato!

In questa settimana due banche tedesche hanno acquistato rispettivamente 590.000 e 20.000 azioni di HLS. Ma nulla sfugge agli occhi attenti di Shac e i cattivi investimenti portano solamente problemi, banche così importanti dovrebbero pur saperlo.
Investire nella vivisezione è un cattivo affare, molto cattivo, e gli effetti stanno già facendosi sentire davanti agli uffici di queste banche!

Non possiamo permettere che affaristi senza scrupoli investano i loro soldi nella tortura di 500 animali al giorno e che aiutino a mantenere attivo il più grande laboratorio di vivisezione d'Europa!
Non possiamo permettere che degli individui che soffrono le pene dell'inferno diventino solamente numeri da calcolare per queste banche!
Non possiamo permettere che gli ultimi arresti effettuati in Inghilterra aiutino HLS a riprendere forza dal punto di vista economico.

Per tutti questi motivi continueremo a mobilitarci contro i finanziatori e clienti di HLS, ovunque si nascondano. Ricordatevi che il movimento Shac ha convinto banche ben più potenti a cedere le azioni di HLS, e che per quei 500 animali che anche oggi finiranno sotto i ferri dei vivisettori non ci sono lacrime che tengano, solamente la vostra azione può salvarli!

***************************

Dresdner Bank è una banca tedesca facente capo al gruppo Allianz. In Italia non ci sono filiali della Dresdner Bank, ma ci sono numerose aziende del gruppo Allianz, a cui è necessario estendere le proteste.

-------------
Lettera tipo:

Salve,
sono venuto a conoscenza del fatto che una banca del gruppo Allianz, la Dresdner Bank, ha recentemente acquistato quasi 600.000 azioni di una azienda denominata Huntingdnon Life Sciences.

Quello di cui forse il Gruppo Allianz non è a conoscenza è che Huntingdon Life Sciences è il più grande laboratorio di vivisezione d'Europa. Dentro HLS ogni giorno vengono torturati e uccisi 500 animali.

HLS è stato denunciato varie volte per violazione delle leggi sul benessere animale, inoltre gli è stata ritirata temporaneamente la licenza dal Ministero inglese quando sono diventati pubblici filmati in cui cuccioli di cane venivano presi a pugni sul muso e sbattuti contro i muri.

Vi invito ad informarvi su questa azienda visitando i siti www.stophls.net e www.shac.net e a fare in modo che Allianz e Dresdner Bank scelgano di non investire nella crudeltà sugli animali.

Saluti,
xxxxxxxxxxxxxxxxx

------------------

Questi gli indirizzi degli uffici e le mail da contattare:

Allianz Global Corporate & Specialty
RAS-Riunione Adriatica di Sicurtá S.p.A., Corso Italia 23, 20122 Milano
Phone:  02 7216 1
Fax: 02 7216 5676
Email: info@rasnet.it
Internet: www.agcs.allianz.com

Allianz Subalpina S.p.A.
Via Alfieri 22, 10122 Torino
Phone: 011 516 11
Fax: 011 516 14 70
Email: info@azs.it
Internet: www.allianzsubalpina.it

Euler Hermes SIAC S.p.A.
Via Raffaello Matarazzo, 19, 00139 Rome
Phone: 06 87001
Fax: 06 8700 7000

Genialloyd Società per Azioni di Assicurazioni
Corso Italia 23, 20122 Milano
Phone: 02 28351
Fax: 02 2835 2835
Email: clienti@genialloyd.it
Internet: www.genialloyd.it


Investitori Sgr S.p.A.
Corso Italia 23, 20122 Milano
Phone:  02 7216-2500
Email: info@investitori.it
Internet: www.investitori.it


Lloyd Adriatico S.p.A.
Largo Ugo Irneri 1, 34123 Trieste
Phone: 040 7781-1
Fax: 040 7781-311
Email: info@lloydadriatico.it
Internet: www.lloydadriatico.it

Ras Asset Management Sgr S.p.A.
Piazza Velasca, 7/9, 20122 Milano
Phone: 02 72161
Fax: 02 7216 5023
Internet:> www.ramsgr.it

Rasbank S.p.A.
Piazza Erculea 15, 20122 Milano
Phone: 02 722031
Fax:  02 34 99 32 32
Email: customer.center@rasbank.it
Internet: www.rasbank.it

Rasfin Sim S.p.A.
Corso Italia 23, 20122 Milano
Phone: 02 72161
Internet: www.rasfin.it

RAS - Riunione Adriatica di Sicurtà S.p.A.
Corso Italia 23, 20122 Milano
Phone: 02 7216-1
Fax: 02 7216-5011
Email: info@rasnet.it
Internet: www.ras.it

E_MAIL: Potete mandare tutte quelle di ogni blocco insieme, facendo copia e incolla.

BLOCCO 1:
info@rasnet.it, privacy@rasnet.it, internet@rasnet.it, valerio.vago@rasnet.it, giuseppe.moder@rasnet.it, investor.relations@rasnet.it, rastour@rasnet.it, stefano.corradin@rasnet.it, enrico.sneider@rasnet.it, scarico.periti@rasnet.it, co.perizie@fiduciari.rasnet.it, massimiliano.pallotta@rasnet.it, raffaele.zenti@rasnet.it, fabrizio.galimberti@rasnet.it, press.office@rasnet.it, valentina.santoro@rasnet.it, massimo.cimato@rasnet.it, vara.gandi@rasnet.it, chiara.canzi@rasnet.it, laura.riva@rasnet.it, selezione@rasnet.it, carlo.folgheraiter@rasnet.it, antonella.bonsi@rasnet.it, stefano.visentin@rasnet.it, info_creditras@rasnet.it, ras.compliance.department@rasnet.it, sonia.scotti@rasnet.it, andrea.falessi@rasnet.it, simonetta.cerea@rasnet.it, luca.lamagni@rasnet.it, gianluca.olivari@rasnet.it, luca.rivoltella@rasnet.it, alessandro.morgese@rasnet.it, mauro.beltaro@rasnet.it
 
BLOCCO 2:
andrea.carelli@rasnet.it, info_aid@rasnet.it, aldo.andreoni@rasnet.it, Alberto.Francioli@rasnet.it, Tiziana.Rampini@rasnet.it, sicurplus@rasnet.it, walter.fizzotti@rasnet.it, francesco.fiaschi@rasnet.it, andrea.pasotti@rasnet.it, fulvio.giurco@rasnet.it, sergio.cergol@rasnet.it, andrea.carelli@rasnet.it, maurizio.iattoni@rasnet.it, alessandro.morgese@rasnet.it, umberto.mikolic@rasnet.it, Patrizia.guglielmetti@rasnet.it, Francesca.douglas@rasnet.it, utras@rasnet.it, natascia.colli@rasnet.it, siria.fragassi@rasnet.it, elisabetta.toso@rasnet.it, maurizio.spicuglia@rasnet.it, pietro.marchetti@rasnet.it, simonetta.cerea@rasnet.it, Giovanna.Mollo@rasnet.it, clientibmw@rasnet.it

BLOCCO 3:
infoweb@rasfin.it, alberto_barucci@rasfin.it, giuseppe_rebuzzini@rasfin.it, elena_follis@rasfin.it, barbara_ietto@rasfin.it, valentino_romeri@rasfin.it, oriana_cardani@rasfin.it, andrea.gitto@promotore.rasbank.it, antonio.alacqua@promotore.rasbank.it, giuseppe.fiorentino@promotore.rasbank.it, gabriele.maestrelli@promotore.rasbank.it, padova.p34@cpf.rasbank.it, emanuele.damore@promotore.rasbank.it, raffaele.nanni@promotore.rasbank.it, elena.perini@rasbank.it, claudio.gaudiosi@promotore.rasbank.it, massimo.faggella@promotore.rasbank.it, oriana.cardani@rasbank.it, carmelo.pappalardo@rasbank.it, luigi.monica@rasbank.it, customer.center@rasbank.it, andreacarlo.ponti@promotore.rasbank.it, lucadanilo.scalvini@promotore.rasbank.it, enrico.esposti@rasbank.it, gabriele.gambarova@rasbank.it, lucadanilo.scalvini@promotore.rasbank.it, michele.maghenzani@promotore.rasbank.it, francesco.delucia@promotore.rasbank.it, alfonso.dattolo@promotore.rasbank.it, milena.bracesco@promotore.rasbank.it, rossano.guerri@promotore.rasbank.it, marialuisa.conversano@promotorerasbank.it, luciano.frasson@rasbank.it

BLOCCO 4:
stefano.kihlgren@ramsgr.it, infosgr@ramsgr.it, stefano.lovati@ramsgr.it, isabel.reuss@ramsgr.it, pierangelo.buffa@ramsgr.it, simone.mele@ramsgr.it, francesca.campanelli@ramsgr.it, info@investitori.it, fabrizio.mucci@investitori.it, info@lloydadriatico.it, reclami@lloydadriatico.it, privacy@lloydadriatico.it, camporag@lloydadriatico.it, sangoid@lloydadriatico.it, zennarof@lloydadriatico.it, predonzl@lloydadriatico.it, verdoglf@lloydadriatico.it, Russol@lloydadriatico.it, rinaldif@lloydadriatico.it, cisottog@lloydadriatico.it, luppinog@lloydadriatico.it, roddaf@lloydadriatico.it, webmaster@genialloyd.it, clienti@genialloyd.it, privacy@genialloyd.it, risorse.umane@genialloyd.it, info@azs.it, padova.stazione@agenzie.azs.it, san.mauro.torinese@agenzie.azs.it, minu.arato@azs.it, albenga@agenzie.azs.it, torino.vinzaglio@agenzie.azs.it, parmamentana@agenzie.azs.it, cles@agenzie.azs.it, Giampiero.Pincetti@azs.it, teramo@agenzie.azs.it, caprino.veronese@agenzie.azs.it, castelfranco-c.sampiero@agenzia.azs.it, privacy@azs.it, chieti@agenzie-azs.it, venezia.mestre@agenzie.azs.it, pesaro@agenzie.azs.it, infocommerciale@azs.it, giulio.pagliano@azs.it, nizza.monferrato@agenzie.azs.it, silandro@agenzie.azs.it, legnano@agenzie.azs.it, marco.pronello@azs.it, carpi@agenzie.azs.it

***Laboratorio Antispecista***
via De predis 9
20155 Milano
laboratorioantispecista@yahoo.it

Infoline: 340-6368139

 
Pubblicato da monica il 29/05/2007 alle 16:59:33, in Notizie sparse, letto 1070 volte


Cosa c'e' di meglio di una sagra per apprezzare i piaceri della cucina vegan?
Per tutti coloro che pensano ancora che mangiare 100% vegetale sia riduttivo e di poco gusto e per tutti coloro che sono amanti del seitan e della cucina "non violenta" questa e' l'occasione giusta per mangiare bene e divertirsi.
E' tipico del nostro paese, attraverso le sagre, esaltare il gusto e le tradizioni culinarie.
Noi vegan non siamo da meno e invitiamo tutti a questa sagra davvero speciale.
La Toscana, poi, offre molte di queste occasioni ma si tratta quasi sempre di sagre "vietate" a chi come noi non ama nutrirsi con cinghiali e caprioli...
La Sagra del Seitan e' un evento ideato e realizzato dalla associazione Progetto Vivere Vegan Onlus.
Il ricavato della Sagra sara' quindi destinato alla realizzazione di materiale ed altri eventi per affermare lo stile di vita vegan nel rispetto di tutti gli esseri viventi.
perinfo e programma consulta www.sagradelseitan.it 
 
Pubblicato da monica il 29/05/2007 alle 15:05:32, in Notizie sparse, letto 957 volte
di Luciana Baroni

Vorrei approfittare dell’attenzione sincera e partecipe dei media nei confronti delle disgrazie che affliggerebbero i vegani a causa della propria scelta dietetica -e che mi auguro siano solo la conferma di una realtà che comincia ad essere tangibile, cioè l’esistenza ormai indiscussa di un buon numero di vegani-, per proporre alcune riflessioni: .
La probabilità che un qualunque evento accada, in termini percentuali, va da 0 a 100. Assumendo che in biologia il rischio 0 assoluto e 100 assoluto non esistono, possiamo dire che quando si valuta il rischio di un evento biologico, questo può spaziare in un intervallo che va da 0 a 100.
Per quanto riguarda il concetto di rischio, quindi, non ci sarà nulla in grado di assicurare la totale incolumità o al contrario la certezza che si verifichi un dato evento, ma si potrà distinguere tra fattori che, dato un certo rischio stimato, sono in grado di influenzarlo positivamente (cioè di aumentare quel rischio) o negativamente (cioè di ridurre quel rischio).
Per capirsi, Se è vero che la carne “fa venire” il tumore intestinale, non tutti i carnivori verranno colpiti da questo tumore ma qualche vegano potrebbe invece venirne colpito. Nessun fattore di rischio però può essere valutato da solo, e per questo esistono delle procedure di elaborazione statistica che permettono di valutare il peso di ciascun fattore di rischio, svincolandolo dall’effetto degli altri fattori di rischio coesistenti.
Lo stesso ragionamento vale per la frequenza di comparsa di un evento, nel caso specifico una data malattia o la morte. Ci troviamo a dover sempre fare i conti con il numero di persone che si ammalano di quella data malattia o muoiono, che viene espresso come numero di soggetti o percentuale sulla popolazione totale in un certo periodo di tempo. Anche in questo caso, se un evento si verifica in una certa popolazione, è possibile poi studiare quali sono i fattori che potrebbero essere responsabili di quell’evento. In questo caso, nei soggetti portatori di un dato fattore di rischio, l’evento dovrebbe verificarsi con una frequenza aumentata (se il fattore di rischio è positivo) o ridotta (se il fattore è di rischio negativo), rispetto alla popolazione generale (ad esempio gli abitanti di una nazione o di una regione) o di un gruppo di soggetti definiti come “di controllo”, che non sono portatori dei quel fattore di rischio.
Poiché la cosa detta così può apparire complicata, veniamo ad un esempio pratico, relativo al tema che ci interessa, cioè l’influenza della dieta sulla salute. Gli studi scientifici condotti su vegetariani evidenziano che questo persone hanno un rischio ridotto di sviluppare alcune malattie e che tra i vegetariani ci sono meno persone ammalate di queste stesse malattie croniche.
Nella popolazione generale, quando stratificata sulla base dei consumi, queste stesse malattie appaiono favorite (cioè il rischio è aumentato) in chi consuma elevate quantità di cibi animali e in chi consuma basse quantità di cibi vegetali, in confronto a chi si trova nella fascia di consumo all’estremo opposto. Questo non vuole dire però assolutamente che chi è vegetariano o chi mangia tanti vegetali avrà la certezza matematica di non ammalarsi mai di quella malattia, così come nei carnivori o in chi mangia pochi vegetali ci saranno pure persone che non se ne ammaleranno. Il fatto di conoscere una persona che fuma e che è morto in di vecchiaia, non significa che il fumo faccia bene o che chi fuma non rischi di morire per le conseguenze del fumo: 1 fumatore su 2 infatti muore a causa di questa abitudine. Questa è sostanzialmente la differenza tra aneddotica e scienza: chiunque può anche farsi delle convinzioni sulla base dell’aneddotica, ma di fronte alla scienza dovrebbe prendere atto che la realtà può essere un’altra e rivedere con umiltà ed onestà queste convinzioni. Prendiamo adesso, dopo questa lunga ma necessaria premessa, l’ultimo fatto di cronaca: La morte di un bambino figlio di vegani in USA. Pur essendo la morte di questo bambino non riferibile alla dieta bensì alla criminale incuria dei genitori, ipotizziamo pure che un certo numero di bambini vegani siano morti nel primo anno di età in un certo periodo di tempo, e vediamo come valutare l’evento, facendo il caso dell’Italia, di cui possediamo dati certi, e facendo presente quanto detto all’inizio, e che cioè quando un dato evento si verifica nella popolazione, nessuno ne è al riparo con una sicurezza del 100%.
Ora, utilizzando cifre “tonde”, vediamo che in Italia ci sono 60 milioni di persone: i vegetariani sono 6 milioni e tra questi i vegani 600 mila, il che permette di trasformare questi numeri in un 1% di vegani, 9% di vegetariani e 90% di carnivori nella popolazione italiana.
Questo significa che, per qualunque evento si verifichi nella popolazione italiana, mi devo attendere che questo evento, se la dieta non ha nessuna influenza su di esso, dovrebbe essere così distribuito nei 60 milioni di italiani: -90% in carnivori -9% in vegetariani -1% in vegani a semplice titolo di esempio, se in Italia ogni anno 1000 persone vengono infestate da pidocchi, mi devo attendere che avrò circa: -900 carnivori -90 latto-ovo -10 vegani infestati da pidocchi ogni anno. Se invece di 10 vegani, questi fossero ad esempio 5, una volta esclusa l’influenza di altre condizioni favorevoli, potrò dire che la dieta vegana protegge dai pidocchi. Se poi i vegani colpiti da pidocchi fossero 1 all’anno, potrei affermarlo ancora con più forza. Quello che invece paradossalmente di solito avviene, è che viene trasformato in una conclusione completamente opposta: siccome c’è 1 solo vegano che viene colpito dai pidocchi, allora è colpa della dieta! Tornando ai fatti reali, prendiamo l’evento morte infantile nel primo anno d’età, cioè il numero di bambini che muoiono sotto l’anno d’età. Bene, in Italia ogni anno muoiono 2350 bambini (pari al 4.7 per mille dei nati, che sono 500 mila bambini), per cause diverse: morti bianche, infezioni, malattie congenite, traumi, violenza e maltrattamento, eccetera. Poiché si tratta di bambini che saranno figli sia di carnivori, che di vegetariani e di vegani, dobbiamo considerare la morte colpirà questi bambini secondo quella che è la distribuzione di carnivori, vegetariani e vegani nella popolazione italiana, quindi (senza decimali): -90 % saranno figli di carnivori, cioè 2115 bambini morti ogni anno -9% saranno figli di vegetariani, cioè 211 bambini morti ogni anno -1% saranno figli di vegani, cioè 23 bambini morti ogni anno Cioè dobbiamo attenderci ogni anno la morte di circa 23 bambini figli di vegani, entro il primo anno di vita in Italia. Questo significa che solo se in un anno ne muore una cifra superiore (e con significatività statistica), ci si deve preoccupare e valutare quale sia il peso di differenti variabili, tra cui anche la dieta, su questo aumento di mortalità.
A questo punto spero che la mistificazione sia evidente a tutti senza nemmeno bisogno di spiegarla: La morte di 1 bambino (ma fossero anche 5-10) appare essere un evento al di sotto della cifra prevista. La morte di 1 solo bambino è un evento così raro, che salta agli occhi proprio per la sua eccezionalità , e nonostante questo il significato che si da all’evento è l’esatto opposto: la dieta vegana fa morire i bambini!!! Non aggiungo nient’altro, spero di essere stata sufficientemente chiara e di aver contribuito a rassicurare chi, anche solo per un attimo, era caduto nella trappola mediatica, architettata ad arte da chi trae profitto dal riempire gli ospedali di malati cronici, la cui vita potrebbe essere assolutamente migliore se fossero stati ben consigliati ed educati.
La dieta vegana non può purtroppo assicurare l’immortalità o l’assenza di malattia ma protegge in modo significativo nei confronti di molti eventi negativi.
Mi pare una ragione più che valida per non rinunciare!! !
-- dr.ssa Luciana Baroni
Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana  SSNV
 www.scienzavegetariana.it
 www.vegpyramid.info

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 26/05/2007 alle 15:07:49, in Notizie sparse, letto 2839 volte

 

Già salvati oltre 2 mila cani e 800 gatti. Ma anche 11 tigri e 4 coccodrilli...
Nasce il Nirda, il nucleo speciale del Corpo forestale che lavora per contrastare i reati contro la fauna. In due anni 5.344 sequestri
(corriere della sera) ROMA - La difesa degli animali in difficoltà può contare su una nuova struttura: il Nucleo investigativo per i reati in danno agli animali (Nirda) del Corpo Forestale dello Stato (Cfs). «Si tratta di una struttura specializzata - spiega il capo del Cfs, Cesare Patrone- che ha competenza esclusiva su fenomeni criminosi contro gli animali, quali esseri viventi vittime di reati come competizioni non autorizzate, commercio illegale e maltrattamenti, soprattutto in ambienti urbani».
Il Nirda è un nucleo giovanissimo, istituito il 21 marzo scorso, «ma che ha già operato sequestri negli ultimi due anni - precisa il vicequestore Maria Rosaria Esposito, responsabile del Nirda - per oltre cinque mila animali e 345 strutture, con 120 persone denunciate e 40 notizie di reato». Azioni importanti perchè, sottolinea la responsabile del Nirda, «come introiti il commercio degli animali è secondo solo a quello della droga».
Nell'attività anti-maltrattamenti, dal giugno 2005 al maggio 2007, sono stati sequestrati 5.344 animali: 3.250 da affezione, tra cui 2.448 cani e 802 gatti, e 383 protetti dalla convenzione Cites, tra cui 350 pappagalli, 2 leoni, 1 armadillo, 11 tigri, 4 coccodrilli, 4 pitoni e perfino 2 anaconde. Poi, 61 animali non sottoposti alla convenzione Cites, in particolare 3 struzzi, 2 nandù, 3 dromedari e 2 cammelli, 1 lama e una zebra. Inoltre, tra fauna e avifauna il Corpo forestale dello Stato ha sequestrato 1.650 animali e tra questi 2 aquile, 2 gheppi, 10 lupi, 20 daini, 70 anatidi e 1.500 fringillidi. Ma l'attività del Nirda non si ferma agli animali, sono state sequestrate anche 345 strutture illecite usate per la detenzione, comprendenti 75 manufatti edilizi, 4 terreni e 265 gabbie. In più 11 attrezzature, tra cui 4 automezzi e 3 congelatori. Infine, il Nirda ha sequestrato anche 5.140 documenti, tra questi 897 passaporti 1.549 documenti pubblici, 2.694 documenti privati.
24 maggio 2007

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source