RIFUGIO Vieni? Sostienici!
martedì 20 aprile 2021   # Utenti online n.512 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
MAI PIU’ PELLICCE ALLA RINASCENTE
Pubblicato da Piero il 05/06/2007 alle 09:19:08, in Notizie sparse, letto 1480 volte
la pelliccia è servita - inchiesta sull'allevamento di cincillà
Il primo obiettivo della Campagna A.I.P. è stato raggiunto.

E’ ufficiale. La catena di grandi magazzini Rinascente, presente in Italia con numerose filiali e prima grande distribuzione nel nostro paese di inserti in pelliccia adotterà, a breve, una politica “fur free”, cioè non venderà né distribuirà più questo sanguinante capo che nel mondo condanna a morte più di un miliardo di animali.

Circa tre mesi fa alcuni attivisti della campagna A.I.P. hanno chiesto ed ottenuto un incontro con l’amministratore delegato di Rinascente. Incontro che non ha portato sin da subito i risultati sperati ma che comunque ha avuto conseguenze molto proficue. Le centinaia di presidi svolti davanti alle loro sedi, i moltissimi volantini distribuiti e qualunque altro tipo di pressione subita in questi tre anni di iniziative hanno convinto i dirigenti ad apportare una prima modifica alla loro politica: chiusura dei reparti pellicceria delle sedi di Milano Duomo e Roma Piazza Fiume, stop alla vendita di pellicce ed inserti ricavati dalle specie appositamente allevate o catturateper questo scopo. Con questa proposta Rinascente avrebbe continuato ad esporre inserti di altri animali, principalmente il coniglio, allevati per la carne, la cui pelliccia viene ritenuta un sottoprodotto della catena alimentare.

Nonostante ciò la decisione adottata dalla campagna A.I.P. è stata chiara, volta a non scendere a nessun compromesso: ogni pelliccia, sia essa di visone o coniglio, sia essa derivata dall’industria alimentare o dalle industrie di settore è pura crudeltà, e chi la espone va boicottato e convinto a disfarsene. Di fronte al fatto compiuto che la presenza solo di inserti di coniglio nei negozi Rinascente non avrebbe portato alla fine delle proteste, la società ha nuovamente rivisto le proprie scelte, informandoci che dal 31 gennaio 2009 ogni pelliccia, anche quella di coniglio, sarà eliminata. Questo riguarda ogni indumento o accessorio presente nei loro punti vendita: sia quelli a marchio Rinascente sia quelli acquistati presso altri fornitori, tra cui i principali nomi della moda italiana ed internazionale.

Una vittoria dunque, non assaporabile da subito ma comunque non parziale: è normale infatti che i grandi magazzini necessitino di tempo per smaltire i capi già acquistati, che risulterebbero altrimenti invenduti.

Questo il testo completo del fax pervenutoci:

"Milano, 11 Maggio 2007

Facendo seguito all'incontro di Martedì 8 maggio u.s. con i Vostri rappresentanti, Vi comunichiamo che la nostra società La Rinascente S.r.l ha adottato nel proprio codice etico la policy "fur free". In base a tale impegno, come è stato verbalmente spiegato, la Rinascente non acquista e distribuisce presso i propri punti vendita, prodotti di pelle e/o pelliccia di animali che non siano provenienti dalla c.d. "catena alimentare".

Si tratta di un primo passo che costituisce un significativo ed importante segnale da parte dell'azienda con l'obbiettivo, entro il 31 gennaio 2009 (fine saldi autunno/inverno 2008), di eliminare totalmente dai propri magazzini i prodotti che siano derivanti dall'industria della pelliccia.

Distinti saluti

la Rinascente S.r.l."

Per vedere il fax originale clicca qui: http://www.campagnaaip.net/fax%20rinascente.jpg

Ogni gruppo locale che abbia effettuato dei presidi davanti alle loro sedi, ogni e-mail, lettera o telefonata ha fatto la differenza: Rinascente ha mollato l’industria della pelliccia. Questo si traduce in migliaia di animali direttamente salvati, liberati da una moda assassina che li considera merce, non esseri senzienti, ed inoltre un colpo notevole per questo settore sanguinario. Ma ciò conferma anche un altro aspetto: l’attivismo funziona, la costanza e la perseveranza verso i diretti responsabili dello sfruttamento animale non possono che dare buoni frutti.

  Galvanizzati da questa prima vittoria bisogna ora dare il tutto per tutto per convincere anche UPIM ad abbandonare questo crudele mercato. Infatti nonostante il loro quadro dirigenziale sia praticamente identico a quello di Rinascente, la dichiarazione che ci è stata spedita non riguarda quest’altra catena di grandi magazzini, che continuerà a vendere inserti in pelliccia, di qualunque animale.

Fermare tutto ciò, ormai lo sappiamo, è possibile.

 

(Fonte: campagna A.I.P., www.campagnaaip.net)

 
# 1
E se ora nasce una società nuova (di comodo) che non si chiama più "rinascente.srl"? E' vero che la mobilitazione paga. Ma è pur vero che l'industria difficilmente rinuncia al profitto per "meri" motivi etici... Prima di cantare vittoria eviterei di abbassare il livello di attenzione.
Scusate. Forse le mie sono solo paranoie...
Pubblicato da  Lidio  (inviato il 05/06/2007 alle 10:00:46)
 
# 2
quindi secondo te Rinascente.srl cambierebbe marchio e nome solo per vendere nuovamente pellicce??come se fosse una cosa semplice da cambiare da un giorno all'altro,e comunque pur con nome diverso saprebbe che le proteste comincerebbero il giorno dopo...secondo me è la prima vera vittoria animalista in italia,e speriamo che questa provochi una effetto a cascata e altri grandi magazzini mollino questo mercato di morte!
noi tutti animalisti dovremo essere contenti di questo bel risultato,anche se è solo l'inizio!!
Pubblicato da  liuk  (inviato il 05/06/2007 alle 10:52:38)
 
# 3
Caro Liuk, a prescindere che sono ovviamente contentissimo per questa vittoria (mi pareva fosse chiaro), la risposta alla tua domanda è sì: Rinascente.srl potrebbe tranqullamente creare un'altra srl (sottolineo "un'altra": non "cambiare" il proprio brand, ma aggiungere una nuova società svincolata dalla dichiarazione che hanno finalmente fatto) solo per poter continuare a vendere pellicce. Gli interessi sono troppo forti. Ecco perchè occorre stare molto, molto in guardia...
Pubblicato da  Lidio  (inviato il 05/06/2007 alle 11:47:07)
 
# 4
E' una bella notizia, anche se non tutto è chiaro. Avanzo l'ipotesi peggiore: fino al 31 gennaio 2009 continueranno a vendere le giacenze di magazzino, assicurandosi al tempo stesso un anno e mezzo circa di quiete da proteste e boicottaggi. Poi, tra un anno e mezzo, vedranno com'è la situazione...
Pubblicato da  Marco.  (inviato il 05/06/2007 alle 12:48:19)
 
# 5
ragazzi ogni tanto cerchiamo di vedere anche il positivo delle cose, sono d'accordo con te Marco che dici che fino al 31 gennaio 2009 venderanno le giacenze, in finale sono imprenditori sarebbe troppo bello vederle buttare, ma la cosa è impossibile. Personalmente sono felice, perchè quando un'ideale da fastidio è perchè inizia a farsi sentire!
Pubblicato da  cla  (inviato il 05/06/2007 alle 15:14:56)
 
# 6
Scusate, ma questo passaggio:
"la Rinascente non acquista e distribuisce presso i propri punti vendita, prodotti di pelle e/o pelliccia di animali che NON SIANO provenienti dalla c.d. "catena alimentare".
... mi sembra significhi che smetteranno di vendere solo pelli e pellicce di animali allevati apposta, ma gli "scarti di macellazione" li venderanno eccome. O mi sbaglio?
Pubblicato da  lori  (inviato il 05/06/2007 alle 16:03:57)
 
# 7
Secondo me purtroppo non ti sbagli, lori. Il problema del "poco e subito" è certamente una cosa buona. Ma non è ancora una cosa giusta.
C'è una certa differenza, mi pare...
Pubblicato da  Lidio  (inviato il 05/06/2007 alle 16:17:54)
 
# 8
E poi, ripeto, i "giochini" con le parole li sanno fare bene. Eccome! E a costoro non gli mancano certo gli "azzeccagarbugli"...
Io, ripeto, pur essendo felicissimo di questa vittoria, continuo ad essere molto diffidente.
Pubblicato da  Lidio  (inviato il 05/06/2007 alle 16:22:54)
 
# 9
il mio amico dell'Ansa sta chiamando da ore la Rinascente per avere conferma della loro dichiarazione, non gli danno una risposta chiara e dicono che lo faranno richiamare dai loro avvocati.
Lo stesso avevano detto a me 10 giorni fa.
Dunque per ora la cosa non avrà alcun risalto fuori dall'ambiente animalista, perché i giornali non si fidano senza una conferma ufficiale... che sia tutto calcolato? Tener buoni noi e prendere tempo?
Pubblicato da  Leonora.  (inviato il 05/06/2007 alle 17:45:46)
 
# 10
Leonora giornalista d'assalto!
Pubblicato da  Daniela!  (inviato il 05/06/2007 alle 17:48:42)
 
# 11
anche secondo me è x prendere tempo e tenerci buoni. Comunque grande Leo.
Pubblicato da  Daniela...  (inviato il 05/06/2007 alle 17:51:01)
 
# 12
Ci tengo a precisare che ciò non toglie niente alla validità della battaglia di AIP: già il fatto che Rinascente abbia sentito la necessità di fare una dichiarazione significa che le proteste non li lasciano indifferenti.
Però sono dei filoni, e fa benissimo Leonora a cercare la dichiarazione ufficiale tramite l'amico Ansa. Se continueranno a vendere colli di coniglio ammazzato per la carne non si toglieranno gli attivisti dalle palle, cosa credono??
Pubblicato da  lori  (inviato il 05/06/2007 alle 18:06:49)
 
# 13
Quoto Lori al 100%
Pubblicato da  Lidio  (inviato il 05/06/2007 alle 18:28:07)
 
# 14
Gli avvocati della Rinascente hanno appena chiamato per confermare tutto!!!!!! Stasera lancio Ansa e domani (si spera) vittoria AIP su tutti i giornali!!!
Pubblicato da  Leonora.  (inviato il 05/06/2007 alle 18:56:41)
 
# 15
x piero:
mi riferivo alla prima vittoria di una campagna,nata dal basso,autorganizzata con tanti gruppi locali!!
non c'è bisogno di travisare sempre quel che viene detto!è ovvio che ci sono tante piccole vittorie quotidiane e non,come il convincere qualcuno a diventare vegan o salvare un cane o un gatto o un maiale...o una gallina!senza malizia mi stavo riferendo esclusivamente alla campagna,probabilmente(anzi sicuramente!)mi sono spiegato male...
...detto questo,comunque,congratulazioni a tutti gli attivisti dell AIP,e in generale a tutti gli attivisti animalisti-antispecisti...(così non escludo nessuno;)
ciao
Pubblicato da  liuk  (inviato il 05/06/2007 alle 19:59:15)
 
# 16
Non ho nè travisato nè ti sei spiegato male nè hai usato malizia (!!!???!!!???). Anzi, ti difendevo da possibili attacchi............. e cercavo di darti sostegno e risalto.
Cani? Gatti? Maiali, Galline? ... Luuuuca???
(della serie: perchè non mi faccio i fatti miei!? Boh, perchè è più divertente così...).
Pubblicato da  Piero.......  (inviato il 05/06/2007 alle 20:16:26)
 
# 17
Per claudia: non intendevo dire che avrei voluto che buttasserro le loro giacenze di magazzino. Sarebbe folle pensarlo. Intendevo dire che temo - diciamo che è un sospetto, non una certezza - che non abbiano alcuna intenzione di smettere di alimentare il mercato della pelliccia. Semplicemente sanno che hanno sufficente materiale in magazzino (fino al 2009? non è un po' troppo?) da poter interrompere per un po' gli acquisti. Così vendono ugualmente le pellicce e tengono buoni gli animalisti. Poi nel tardo 2008 vedranno com'è la situazione, faranno i loro piani di investimento per il prossimo biennio e valuteranno se riprendere o no la vendita.
Ma questo è lo scenario peggiore, frutto del mio essere pessimista. Magari invece non va così.

Comunque, a parte tutto il mio scetticismo, volevo anche dire che al di là di quello che farà la Rinascente davvero, averli inchiodati in questo modo e costretti a scendere a compromessi è già di per se un grandissimo risultato.
Pubblicato da  Marco.  (inviato il 06/06/2007 alle 12:07:33)
 
# 18
x Liuk. A quanto pare ti ho confuso con un altro Liuk che conosco personalmente. Come non detto. Se ti va scrivimi in privato attivismo@vallevegan.org
Pubblicato da  Piero.  (inviato il 06/06/2007 alle 14:31:24)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source