RIFUGIO Vieni? Sostienici!
martedì 19 settembre 2017   # Utenti online n.207 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico/Notizie sparse
Articoli della sezione «Notizie sparse».
Ordine cronologico: discendente (il più recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da Piero il 29/07/2010 alle 16:45:09, in Notizie sparse, letto 2439 volte

BARCELLONA  - Con 68 voti a favore, 55 contrari e 9 astensioni, il Parlamento catalano ha approvato oggi il divieto delle corride in Catalogna, previsto dalla legge di iniziativa popolare promossa dalla piattaforma Prou! (Basta!). Il divieto entrera' in vigore a partire dal 1 gennaio 2012. La votazione e' stata celebrata come una ''vittoria storica'' dalle associazioni animaliste presenti al dibattito parlamentare e in attesa fuori dall'aula consiliare. La Catalogna e' la seconda regione spagnola, dopo le Canarie, ad aver messo al bando le corride.

L'abolizione della corrida decisa stamani dal parlamento della Catalogna ha scatenato la gioia degli animalisti presenti fra il pubblico dell'assemblea e ha gettato nella disperazione i numerosi "taurinos" (fan della corrida). Fuori dal parlamento, la polizia ha rafforzato il cordone che divide due gruppi di manifestanti, uno di favorevoli al provvedimento, l'altro di contrari, radunati già dalle prime ore della mattina. Con questa decisione la Catalogna diventa la seconda regione della Spagna a abolire gli spettacoli taurini, dopo l'analoga decisione presa dalle Isole Canarie nel 1991, anche se nell'arcipelago non si celebravano ormai corride da anni.

Nonostante gli "aficionados" di questo spettacolo fossero in netto calo, quello di oggi è un duro colpo per la "fiesta", che viene abolita in una delle regioni più importanti della Spagna. L'interdizione approvata - con uno scarto superiore a quello previsto (68 a favore, 55 contrari e 9 astenuti) - entrerà in vigore dal 1/o gennaio 2012 e si applicherà solo alla Plaza de toros monumental di Barcellona, l'unica ancora attiva in Catalogna.

"Ho votato contro l'abolizione perché credo nella libertà e avrei preferito che il proseguimento o meno delle corride fosse deciso tranquillamente dai costumi sociali dei catalani": lo ha detto il premier socialista della Catalogna José Montilla, il primo a comparire in conferenza stampa dopo l'abolizione della fiesta nella regione spagnola. Montilla ha detto di rispettare la decisione del parlamento, ha chiesto a tutti "moderazione" e "rispetto" e ha precisato di non voler usare il voto del parlamento come "termometro delle relazioni Spagna-Catalogna".

Per i portavoce della piattaforma animalista Prou! quello di oggi è invece "un successo che mostra il buono stato di salute della società catalana" e che "mette fine a cinque secoli di crudeltà". Il Partido Popular catalano ha annunciato dal canto suo che presenterà al Parlamento di Madrid un'iniziativa per dichiarare la corrida "festa di interesse culturale generale" e impedire in questo modo che le corti regionali possano abolire lo spettacolo taurino.

 
Pubblicato da Piero il 11/03/2010 alle 10:20:24, in Notizie sparse, letto 1568 volte

...è nascosto nella pineta di Castel Volturno.

Hanno carni poco pregiate e non danno, ovviamente, latte. La forestale: scaricati da allevatori spregiudicati

.


CASERTA – Non servono al latte, e neppure alla carne così vengono soppressi appena nati e le carcasse gettate alle spalle della pineta di Castel Voturno, dove sorge un cimitero di bufali. Macabra scoperta nella mattinata di oggi, mercoledì, da parte degli uomini del corpo forestale dello Stato, della locale stazione, diretti da Paolo Verdicchio. In una parte della pineta, dove l’acqua assume le sembianze di una palude, sono stati rinvenuti i corpi senza vita di decina di bestie di pochi mesi. Il responsabile della forestale della provincia di Caserta, Nicola Costantino, ha informato la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e disposto una serie di accertamenti tra le aziende zootecniche della zona per identificare i responsabili dell’uccisione degli animali.

.

Guarda VIDEO e ARTICOLO

.

 

SOPPRESSI E ABBANDONATI - Secondo Costantino si tratta di un fenomeno diffuso, i bufalini appena nati vengono strappati dopo uno o due giorni alla madre e lasciati morire nelle campagne, gettati nei canali o nei fossi, soffocati con la paglia o anche seppelliti ancora vivi. Sarebbero stati dunque gli allevatori, proprio perché i bufali maschi al contrario delle bufale non danno il latte alla base della mozzarella e non sono richiesti per la commercializzazione delle carni, a usare uno dei laghetti della pineta di Castel Volturno come cimitero dei bufali. Alcuni erano addirittura ancora integri mentre di altri sono state rinvenute solo le ossa, a testimoniare una pratica prolungata nel tempo.

 
Pubblicato da Piero il 18/12/2009 alle 20:01:30, in Notizie sparse, letto 1639 volte

Riceviamo e diffondiamo queste due analisi-risposte all'articolo pubblicato su Machete n°4

.

"Anche se l'articolo La zampata della vita risulta approssimativo e superficiale, assumendo toni provocatori più che critici attraverso l'uso di luoghi comuni,  mi accingo comunque, in maniera non molto difficoltosa ma piuttosto prolissa data la natura boriosa dello stesso, a rispondere.

.

 

Prima risposta a "La zampata della vita".

ALLA ZAMPATA DELLA VITA RISPONDO CON UN COLPO DI CODA

.

 

Nell'articolo menzionato, apparso sul numero 4 di Machete, si contrappone un attivismo radicale in difesa delle creature più deboli all'antispecismo definito come una teoria che incita alla loro sacralizzazione, sostenendo che il primo apre le gabbie e il secondo conforma i cervelli spacciando per etica ciò che è morale . Peccato però che la maggior parte delle rivendicazioni di liberazione animale al loro interno utilizzino spesso la parola antispecimo.  Chi scrive sembra non considerare che aprire le gabbie significa riconosce bisogni e necessità anche agli altri animali, primo fra tutti quello alla libertà, una pratica che supporta una teoria, quella antispecista.

.

 

Certamente in queste righe parlerò come antispecista e non come portavoce di un movimento, parlerò da individuo quale sono e non come membro di una massa.

.

 

L'antispecismo come predisposizione mentale non sostiene l'inviolabilità di altre esistenze ma il semplice superamento delle barriere antropocentriche che pongono l'essere umano al centro di un universo in cui gli altri esseri viventi sono solo risorse da sfruttare fino all'esaurimento, In questo quadro generale tutti gli Stati e le varie istituzioni sono contraddistinti da una filosofia specista, L'antispesicmo diviene allora una visione del mondo  in cui l'umano è una forma di vita tra le altre forme di vita, un animale tra gli altri animali che non dovrebbero essere considerati come macchine, proprietà o risorse la cui ragione di esistenza è il consumo umano.
Qui non c'è il rispetto di OGNI Vita, come tende a sottolineare l'articolo, ma di quelle vite deboli sottoposte al dominio umano, di quegli schiavi silenziosi   nascosti dietro muri, non solo di cemento, ma di ignoranza. Un'ignoranza politica che non assolutizza l'unica parola assoluta, libertà, ma che la rinchiude dentro gabbie mentali di distinzione di specie “dall'oppressione di alcune specie animali si passa al rapporto che si deve avere con ogni specie “ come se solo alcune classi di animali fossero sottoposte al dominio umano. Relativizzare ancora una volta.
Continuando la lettura del testo autori quali Singer e Regan vengono descritti come profeti di una nuova religione mentre sono solo filosofi paragonabili a Bakunin o Kropotkin e cosa assurda si vuole far passare il loro pensiero come il pensiero unico del “movimento antispecista”...sarebbe come dire che tutti gli anarchici sono stirneriani. Scrivere “gli antispecisti alla Singer o alla Regan” è non considerare che ci sono antispecist* che non si riconoscono in questi due autori, insomma è come dire “gli anarchici alla Malatesta o alla Proudhon o vattelapesca” senza riconoscere che ci siano anarchici che non hanno filosofi di riferimento.

.

 

Analisi interessante, che non viene nemmeno sfiorata dall’articolo apparso su questo aperiodico anarchico è  la differenza abissale tra le lotte per l'emancipazione umana e la lotta antispecista: nel primo è lo sfruttato a lottare perché il suo sfruttamento termini, nel secondo è una parte degli oppressori che combatte l’oppressione di cui, facendo parte della specie dominante, sono portatori.
E’ assurdo pensare che gli altri animali sottoposti al dominio umano possano, in qualche modo, sovvertire il sistema di cui sono vittime.

.

 

Sostenere che  l'analogia tra razzismo, sessismo, omofobia e specismo, ovvero la supposta superiorità di chi appartiene ad una determinata categoria eletta socialmente, sia un ossessione significa sminuire il loro reale significato e non considerare la gerarchia ahimè esistente tra razze, sessi, generi o specie presente in questo tipo di società. Ciò che si rifiuta è quindi la discriminazione utilizzata per disporre della vita e della libertà di una essere senziente e non la diversità biologica che intercorre ed è per questo che quando  parlo di animali lo faccio da essere umano, perché è ciò che sono, e il mio “interesse”semplicemente si riferisce a esigenze vitali quali la sopravvivenza e la libertà allo stato selvatico e non come si è voluto intendere in senso capitalistico.
Proseguendo si legge “È straziante notare nella stragrande maggioranza delle analisi antispeciste la totale assenza di ogni riferimento culturale” mentre la  lotta contro l'antropocentrismo è pregna di una profonda analisi anti-civilizzazione e l'anarchismo verde trasuda una tensione palpabile verso lo specismo ovvero verso il dominio umano nei confronti del vivente.
Ed è proprio qui l'errore di chi ha scritto, il non ritenere l'antispecismo una lotta contro il dominio non solo intraspecie (umano sull'umano) ma interspecie (di un animale sugli altri animali); il nocciolo non è riconoscere lo sfruttamento umano e/o quello animale, la questione è riconoscere lo sfruttamento. Ineludibile il fatto che il secondo include il primo e non viceversa per il semplice fatto che l'essere umano è un animale e come tale dovrebbe comportarsi, rinunciando ad ogni cosa che abbia compromesso la sua natura selvaggia trasformandolo in un animale addomesticato in nome della civilizzazione.
Di certo non ci si aspetta qualcosa da coloro che ciechi dinnanzi alla sofferenza umana continuano nella riproduzione quotidiana della vita piuttosto si spera che quelli che hanno sentito empaticamente questo sopruso scavino più in profondità per sentire anche le urla più sommesse, le urla dei più deboli tra i deboli: gli animali-non-umani.
È all'interno del contesto sociale che il veganesimo prende forma non come dogma ma come consapevole atto politico di astinenza da una pratica di sfruttamento, come resistenza ad una logica di dominio, come azione quotidiana di rifiuto. Non ci si può arroccare dentro la torre della scelta personale, così facendo si giustifica lo sfruttamento tout court e si annulla il peso politico che ogni azione comporta.
Si sostiene che esista una riga di confine che ognuno traccia ma il nodo fondamentale è che finchè esisterà questo sistema nessuna riga di delimitazione sarà accettabile: il mocassino in finta pelle non deve tacere la coscienza critica ma anzi ampliarla. Non si sta dichiarando che il veganesimo sia la scelta migliore ma solo la meno peggiore in questo scenario  e nemmeno la si vuole proporre come obbligo morale (nessuna lotta antiautoritaria si propone come tale) ma si ricerca il riconoscimento di punti comuni, primo fra tutti la libertà; “[...]stabilire COSA si possa mangiare o COSA non si possa mangiare. È inaccettabile!” io invece trovo inaccettabile che dopo righe e righe di retorica sulla terminologia che si rifà a valori del capitale l* stess* scrittore/ice mercifichi miserabilmente gli altri animali: con quel “cosa” ha trasformato dei soggetti in oggetti.
Consumare la sofferenza è un affare, in tutti i sensi, del nostro modello sociale.
Ciò su cui si basa il veganesimo, come atto politico, è una verità oggettiva (come lo sono tutti i tipi di sfruttamento fisico) che si basa sull'esperienza, una realtà: chiunque può andare in un macello o in un
allevamento e osservare da sé lo sfruttamento e la tortura. Se accettiamo che non esistono verità neppure l'autoritarismo, la gerarchia, il capitalismo, il militarismo lo sono eppure le varie individualità
anarchiche agiscono affinchè queste cessino e a nessuno viene in mente di dire che queste lotte, derivando da fatti oggettivi, siano costrizioni morali.
Nessun atto politico è per natura individuale giacchè il personale è politico. Ogni scelta, per quanto singolare, comporta delle conseguenze ed è di queste che ci si fa carico, è questa la responsabilità dinnanzi a cui si è chiamati a rispondere. Non si può far affidamento alla coscienza personale perchè ci sono persone che non hanno coscienza e allora come fare? Non credo che nanobiologi o lobbysti ne possiedano una; questo non significa conformare le menti ad un delirio collettivo ma semplicemente considerare il peso che ogni azione comporta.
Solo riconoscendo loro lo status di soggetti, e non di oggetti, non ci si comporterà da sfruttatore  e nemmeno ci si renderà complici di siffatte torture. E il mangiar brandelli di una animale in questo preciso contesto storico, politico e culturale non è compiacere le logiche di dominio che trovano negli animali non umani schiavi incapaci di ribellarsi, non per condizione mentale ma fisica? Non è forse su di essi che lo sfruttato diventa a sua volta sfruttatore come per una sorta di rivalsa?
Poi esistono contesti nei quali nutrirsi di un altro animale non comporta una sua sistematica uccisione e reificazione come nel caso delle tribù selvagge le quali rifiutando la civilizzazione non hanno conosciuto il
modello industriale di produzione. Queste realtà non si nutrono di carne quotidianamente e cosa più importante non si conformano ad un modello di allevamento/deportazione ma bensì a quello di caccia/raccolta, come giustamente descritto nel brano e personalmente mi trova d'accordo nel sostenere “Allorché questa industria infame dovesse scomparire, insieme al mondo di cui è espressione, c'è da credere che si ritornerebbe alla caccia” ma se questa industria è infame perchè non rinunciare al nostro ruolo di consumatori?
Il ritornello “Io voglio mangiare quello che mi piace” sarebbe ammissibile in un mondo privo da ogni forma di dominio, un mondo in cui delle gabbie sono rimaste solo le macerie ma dovremmo essere realisti e constatare che è impossibile in questa società rimanere neutrali, che “ogni singolo individuo può cambiare le cose, il modo in cui le cambiamo dipende da noi, perchè la scelta è nostra.” E' il nostro agire quotidiano che permette alla teoria di svestire i panni della retorica per divenire azione, quell'incantevole parola in bocca a tanti anarchici. Il veganesimo non rappresenta altro se non un'azione di libertà in questo mondo di prigioni.
Lo sbaglio che si commette è di considerare la mortificazione dei sensi, la RINUNCIA alla carne, al latte alle uova, al miele etc, che un vegano compie trascurando in maniera evidente  che ciò che si rifiuta è un prodotto derivante dallo sfruttamento, quindi ciò a cui si rinuncia è lo sfruttamento!
Segni lampanti di qualunquismo presenti nell'articolo sono rintracciabili nel “Tanto varrebbe far notare che il fiore strappato appasisce in fretta, ciò denota una sensibilità, la fine di una vita, quindi...” e chi ha mai
sostenuto il contrario, ovvero che le piante non siano anch'esse vita? Non starò a farmi forte del fatto che gli animali sono esseri senzienti che percepiscono il dolore “grazie” alla presenza di un sistema nervoso più
complesso, queste speculazioni scientifiche le lascio a chi non ha argomentazioni migliori. Io dal canto mio ritengo che l'agricoltura e l'allevamento siano i due pilastri fondamentali sui quali si erige la civilizzazione, esempi lampanti di come l'essere umano ha manipolato ciò che lo circonda per interessi (intesi come rapporti di potere) personali, mettendo in pratica appunto un principio antropocentrico: che il mondo gli appartiene.
Fatta questa premessa se il vegano “sostiene” l'agricoltura quale strumento di sopraffazione per controllare cicli al di fuori della sua portata ecco che allora l'onnivoro si avvale di entrambe; è inoltre indubbio che un qualsiasi essere vivente debba nutrirsi per sopravvivere, in questo caso il veganesimo diventa solo la scelta meno peggiore.  Usare come argomentazione la mancanza totale di coerenza, insita in ogni scelta effettuata all'interno di un sistema in cui siamo tutti intercalati quale risultato dei compromessi che ognun* è costretto a fare, per difendere la propria incoerenza mi sembra un atteggiamento mediocre degno del più misero pensiero; a dimostrarlo in maniera ancora più lampante è la testuale frase “Il risultato è che mentre gli onnivori stanno attenti a venire incontro ai principi dei vegani, la maggior parte di loro non fa niente per venire incontro ai gusti degli onnivori.” Non capisco se il significato di questa frase sia da intendere che  i vegani dovrebbero cucinare ciò che “sollazza” i palato dei mangiatori di animali oppressi (e se così fosse non ci sarebbero parole per rispondere a questa ottusità) o se invece si riferisce alla soia e ai suoi derivati (ed in questo caso direi che far conoscere a chi crede che i vegani si nutrano solo di insalate e paste al pomodoro, piatti più complessi non è poi così un male, certamente sostituire cibo spazzatura non vegano con cibo spazzatura vegano non ne migliora la qualità). In questo modo si è passati però dall'antispecismo, come fiolosofia politica, al veganesimo, come sterile regime alimentare, che è sì una sua espressione pratica ma letta nella sua totalità e non smembrata dal resto delle proprie tensioni politiche che porterebbe inevitabilmente a compiacersi per il solo fatto di essere vegani...ma è proprio quest'ultima concezione che l'antispecismo cerca di spronare a livello di coscienza politica, sostenendo che la teoria debba diventare prassi e che il solo fatto di essere vegani non possa bastare per mettere fine allo sfruttamento e al dominio. E' proprio l'inclusione del vivente come soggetto di mercificazione da parte dello Stato e del capitale che rende questa filosofia una lotta a 360 gradi.

.

 

Mi chiedo poi che cosa faccia un animale per conquistarsi il nostro astio, e poi l'antipatia e il suo opposto, la simpatia, non sono concetti morali di riferimento come buono o cattivo? io la gallina la trovo brutta ma non
per questo mi pongo a giudice della sua condanna.
Si legge “Ammesso e non concesso che esistano delle leggi della natura universali perché dovrei supinamente conformarmi ad esse? E se volessi sfidarle?” ma non è quello che da millenni provano a fare sedicenti scienziati, biologi, biotecnologi, etc? Sfidare la natura portandoci al collasso, alla distruzione del pianeta che abitiamo insieme ad altri?

.

 

Un animale umano"

.

-------------------------------------------------------------------------------------

.

Seconda risposta a "La zampata della vita".

.

LEGGENDO LA ZAMPATA DELLA VITA...

.


Leggendo "La zampata della vita", articolo sull'antispecismo apparso su "Machete" di luglio, nel mio piccolo ho ritenuto che potesse essere un ottimo spunto per me (e magari anche per altri individui) per fare i conti con il proprio passato, di militanti animalisti.
In questo senso sono svariati i punti che condivido dell'articolo, e alcuni di essi li ritengo tra i motivi che mi hanno indotto ad allargare (o per certi versi RESTRINGERE) il mio persorso di lotta ad altri ambiti: penso per esempio ad un certo settarismo, o meglio, alla necessità pratica di concentrarsi solo sul tema animalista per riuscire a portare avanti al meglio le varie campagne di lotta.... purtroppo questa necessità porta all'atto pratico, ad un'altra necessità (o è una celta): quella di "snobbare" altri tipi di liberazioni non meno importanti. Oppure penso al veganismo stesso, all'intransigenza con cui viene portato avanti ed escluso chi non fa questa scelta...
Ecco, tutto questo mi faceva sentire in un certo senso "chiuso" nella prospettiva delle lotte animaliste, che pure reputavo (e reputo tuttora) necessarie.
Detto ciò, pur sapendo che gli animalisti con la A maiuscola non hanno nessun bisogno di difese "esterne", tantomeno le mie, vorrei comunque evidenziare alcuni punti dell'articolo che non condivido pienamente: pochi ma importanti...perchè leggendo alcuni passaggi non sono riuscito a non domandarmi a che tipo di società liberata aspirino gli autori.
Sempre che aspirino ad un qualsivoglia modello di società liberata, perchè davvero nell'articolo in quesione si fa a fatica a evincerlo. Loro non si sbilanciano, non ci dicono nulla di loro stessi, delle loro passioni o pulsioni (se non che adorano la pastasciutta), l'unica cosa che ci è dato di capire è che sanno usare molto bene il martello (della critica.....) contro altri compagni.
Ma a parte ciò...gli autori dell'articolo prima dicono che si tratta di seguire le leggi della natura e non della morale vegana...e io fin qui son d'accordo, in quanto ciò significa che se gli animali mangiano altri animali per nutrirsi e sopravvivere, perchè l'uomo non dovrebbe fare altrettanto? (senza torturarli industrialmente ovvio).... Solo che poi gli stessi autori scrivono "perchè non voler sfidare le leggi della natura?", come se aspirassero ad una società diversa da quella dettata appunto dalle leggi naturali (ma non è quello che fa la tecnocrazia attuale?), lasciando capire che una società naturale non sarebbe per forza giusta. E allora? Non sarebbe forse auspicabile una vita senza industrie, cemento, merde in divisa, banche, denaro etc., una società cullata dalle sue leggi naturali, prati verdi, fiumi, paesaggi e armonia fra le varie forme di vita? Cosa significa esattamente andare oltre ciò, se non veder riaffiorare l'incubo di un proto-capitalismo strisciante? Non so se oltre la Natura (anarchica) ci sia dato realmente modo di esistere, secondo me potrebbe essere pericoloso quasi quanto questo sistema di morte che ci opprime quotidianamente cuori e menti.
Nel modello di società che io auspico (e che non ritengo nè utopico nè primitivista) di società gli animali non umani avrebbero un ruolo pari a quello dell'uomo. Per capire perchè forse occorre mettersi nell'ottica che loro già QUI ED ORA riescono a manifestare e a salvare parte dei propri istinti innati dal cancro sociale di cemento e corruzione nel quale ci ritroviamo a vivere. E chi sarà mai l'artefice di questo schifo appena descritto? Ecco, l'articolo non è molto limpido su questo punto: addossando tutta la colpa al capitalismo come ad un'entità astratta, arriva quasi a paventare che come esistono sfruttati e sfruttatori tra gli uomini, esisterebbero anche sfruttati e sfruttatori tra gli animali. Ma diamo i numeri...?!
L'altro aspetto dell'articolo che a mio avviso vale la pena sottolineare, poi, è l'assenza di qualsiasi critica propositiva al suo interno. Anch'io, come già detto, provo insofferenza verso parte di questa filosofia antispecista e verso la piega che ha preso il movimento animalista (sempre + associazionista) in Italia....ma perchè non menzionare anche gli aspetti positivi e liberatori, che oggi ci sono (forse) di meno ma che comunque vengono ancora espressi da alcuni? Penso alle liberazioni, ai sabotaggi, agli anomini Barry Horne odierni, all'Alf e all'Erth che negli USA come in altri paesi del sudamerica o anche meno esotici accompagnano CONCRETAMENTE una critica alle industrie che si rendono protagoniste dello sfruttamento animale e ambientale ad una più vasta e radicale critica dell'intero sistema....
Nonostante i fiumi di parole, secondo me nell'articolo manca proprio questo, e ciò forse impedisce ai più di comprendere la critica in esso contenuta.

.


Un compagno

 
Pubblicato da Piero il 26/11/2009 alle 12:22:37, in Notizie sparse, letto 3534 volte

I lavoratori dei canili Municipali del Comune di Roma a seguito della grave situazione venutasi a creare a causa del mancato pagamento della retribuzione e delle gravissime difficoltà che ne conseguono, preoccupati che la situazione si possa prolungare a tempo indeterminato e ribadendo che il salario è un diritto inalienabile, riuniti in assemblea permanente hanno deciso di autogestire il servizio garantendo solamente le attività strettamente essenziali al benessere animale.
Si chiede l`immediato pagamento delle retribuzioni mancanti, lo sblocco della situazione di stallo riguardante il futuro dei lavoratori e le garanzie degli attuali livelli occupazionle e della attuale qualità del servzio dei canili comunali.
Si invitano il sindaco e il consiglio comunale tutto, i cittadini e le cittadine a partecipare all'assemblea che si terrà al canile della muratella a partire dalle ore 16 il giorno 25 novembre 2009.
Comunichiamo inoltre che dalle 16 del 24 novembre 2009 è iniziata l'assemblea permanente dei lavoratori e delle lavoratrici che rimarranno riuniti, occupando lo stabile del canile, fino a quando non saranno risolte le seguenti questioni:

.

-Pagamento immediato degli stipendi e delle retribuzioni arretrati
-Garanzie e certezze sul futuro occupazionale
-Internalizzazione del servizio
-Certezza e qualità della cura degli animali

.

ComitatoDeiLavoratoriCaniliComunali

.

 ------

 .

Da repubblica.it

 

"Non ci pagano" e i dipendenti occupano il canile con 800 randagi.
 Garantiscono tutti i servizi agli 800 animali ma ora il canile della Muratella, in via della Magliana, è stato occupato dai 106 dipendenti. «Siamo da due mesi senza stipendio - dicono i lavoratori - a questo punto siamo stanchi, vogliamo sapere quale futuro ci aspetta». La decisione di chiudere i cancelli viene da lontano, raccontano «perché l´Avcpp, l´Associazione volontari canile Porta Portese, che gestisce la struttura, già da luglio non riceve i pagamenti delle fatture da parte del Comune». E così sino a due mesi fa «l´associazione - proseguono i dipendenti - ci ha versato lo stipendio attingendo dal fondo accantonato per i Tfr, ma ora non ci sono più soldi».

Per fare chiarezza su tutta la vicenda Cgil e la Cisl hanno incontrato, martedì, Paolo Giuntarelli, direttore dell´ufficio Tutela e benessere degli animali del Comune. Una riunione a porte chiuse durante la quale è emerso «che c´è stato un errore amministrativo - spiega Giovanna Catizone, segretario regionale Fisascat Cisl - e che ora ci vorrà una variazione di bilancio. L´errore, però, non lo possono pagare i lavoratori». Ma questo è solo «un aspetto della vicenda», prosegue la sindacalista perché non sappiamo neppure come intende proseguire nel servizio il Comune. Noi chiediamo che venga garantito il lavoro a tutti». Ed è quello che oggi, alle quattro del pomeriggio con una mobilitazione sotto il Campidoglio i dipendenti del canile chiederanno al sindaco. 

-------------------------

.

trasmesso da USI AIT


dopo una giornata di assemblea permanente si continua la lotta con nuove iniziative


COMUNICATO STAMPA

I Lavoratori e le Lavoratrici dei Canili Comunali di Roma sono ancora in assemblea permanente.
Dopo il primo giorno di mobilitazione e comunicazione con i numerosi cittadini che anche oggi sono venuti presso i canili comunali e che ci hanno espresso la massima solidarietà, i lavoratori vedono arrivare le prime risposte del mondo politico alle loro giuste rivendicazioni.
Siamo da due mesi senza stipendio eppure continuiamo a garantire un servizio pubblico di elevato livello.
Per questo continuiamo il nostro percorso in difesa dei nostri diritti proseguendo nell’assemblea permanente e garantendo sempre tutte le prestazioni strettamente legate al benessere degli animali. Convochiamo quindi una mobilitazione per Giovedì 26 Novembre 2009 sotto il consiglio comunale, ed invitiamo i rappresentanti di maggioranza, che sembrano non conoscere la nostra attuale situazione, a ripristinare la legalità garantendo lo stipendio e tutte le procedure necessarie a garantire un servizio pubblico ed efficiente e un futuro stabile per lavoratori-trici dei canili comunali.

.

Per questo ribadiamo le nostre richieste:

.

1 PAGAMENTO DEI NOSTRI STIPENDI
2 INTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO
3 SERVIZIO PUBBLICO E QUALITA’ PER GLI ANIMALI

.

Comitato dei Lavoratori e Lavoratrici dei Canili Comunali

Roma, 25/11/09

 
Pubblicato da Piero il 14/11/2009 alle 10:42:43, in Notizie sparse, letto 2278 volte

Vanno All'asta I Beagle Destinati Ai Laboratori

.
 
DAL COORDINAMENTO CHIUDERE MORINI

.

Apprendiamo una notizia che non può passare inosservata e la cui portata non possiamo sottovalutare: vista una notevole insolvenza alcuni beni dell'allevamento Stefano Morini sono stati pignorati e messi all'asta dall'Istituto Vendite Giudiziarie di Reggio Emilia.
Tra questi ci sono anche 278 cani, messi per ora all'asta come blocco unico ma che potrebbero essere presto scorporati in più blocchi per facilitarne l'acquisto.

Questo pignoramento per un totale di quasi 120.000 euro segna quasi certamente la chiusura dell'azienda Morini sas, quella contro cui per anni ci siamo battuti e si è battuto il movimento di liberazione animale italiano.
Non è ancora scritta la parola fine su questa vicenda, che per anni ha visto in prima linea decine di attivisti e attiviste, che ha fatto parlare di sé su tutti i media, che ha portato alla ribalta un movimento nuovo e determinato a far crollare colpo su colpo i luoghi di tortura degli animali, ma da quanto apprendiamo oggi abbiamo una conferma dell'impatto che la campagna del Coordinamento Chiudere
Morini ha avuto su questa azienda.

Se l'allevamento è rimasto formalmente attivo in questi ultimi anni è stata infatti più una scelta personale che non una scelta economica. Da alcuni anni infatti nessun laboratorio acquistava cani da Morini e Giovanna Soprani ha
voluto mantenere aperta l'azienda solamente per non darla vinta alla campagna.

Non cantiamo vittoria prima del tempo e soprattutto non perderemo di vista il destino di quei 278 cani adesso all'asta, per cui anche noi faremo il possibile per capire il loro destino e fare in modo che abbiano una vita dignitosa una volta fuori da quello che abbiamo chiamato e chiameremo sempre lager, fino a che non lo vedremo chiuso definitivamente.

Per la liberazione animale,
Coordinamento Chiudere Morini

 

 

 

La vendita di 278 'fido' prevista il 18 novembre. Prezzo: 115mila euro. L'Enpa chiede al governo di salvarli dalla vivisezione

Reggio Emilia, 12 novembre 2009 - I beagles di San Polo vanno all’asta. Saranno sicuramente in molti a ricordare la vicenda dei cani beagle destinati alla ricerca scientifica (qualcuno dice alla vivisezione) allevati nell’azienda Morini di San Polo; un camion di quei cuccioli erano stati fermato nel 2002 a Vipiteno e i cani erano stati sequetrati "in condizioni non buone".


Fu l’inizio di una lotta, a volte anche molto dura, da parte degli animalisti che protestavano contro la sperimentazione animale ed in modo particolare contro l’allevamento ora gestito da Giovanna Soprani che allevava i piccoli Snoopy per i laboratori farmaceutici.


Ora quei cani finiscono all’asta. Problemi economici dell’azienda hanno di fatto coinvolto 278 beagle. La notizia è apparsa sul sito della aste giudiziarie, correlata con tanto di foto. L’asta sarà battuta il 18 novembre alle 9, il prezzo base sarà di 115.898,20 euro per tutti i cani. Facendo due conti questi beagle verranno venduti a un prezzo di circa 400 euro.


Ma gli animalisti sono già mobilitati. L’Enpa di Roma e gli Amici della Terra di Reggio, con la sua presidente Stella Borghi si sono già attivati e hanno informato della situazione il ministero della salute. "La presidente nazionale dell’Enpa Carla Rocchi – spiega Stella Borghi - ha informato dell’asta la segreteria del sottosegretario del ministero, Francesca Martini. Abbiamo sottolineato la necessità di assicurare che i cani venduti rientrino esclusivamente in un circuito commerciale per evitare che siano presi da chi fa sperimentazioni".
Secondo gli animalisti, il ministero potrebbe decidere di revocare immediatamente l’autorizzazione della azienda di San Polo per il commercio rivolto al circuito della sperimentazione, tenendo conto che 278 cani sono un numero impegnativo, e certamente non possono essere comprati solo dai privati.


Le associazioni animaliste fanno anche un appello rivolto agli amanti degli animali e agli allevatori per adottare questi animali e salvarli. Sul sito www.reggioemilia.astagiudiziatia.com è spiegato come visionare gli animali, che si possono vedere direttamente nell’allevamento di San Polo, lo stesso luogo dove si svolgerà l’asta.

http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/reggio_emilia/cronaca/2009/11/12/259786-vanno_asta_cani_beagle.shtml

 
Pubblicato da Piero il 05/11/2009 alle 11:05:12, in Notizie sparse, letto 2078 volte

.

 

.

Protesta verso le autorità.

. 

Dopo aver visto il video, cercate di contattare l'ambasciata greca http://www.ambasciatagreca.it/autorita.html e l'ufficio del turismo ellenico turgrec@tin.it, enet.info@tiscalinet.it  mandando un email di protesta perchè tutte le turbine eoliche già presenti a Creta e tutte quelle che progetteranno di costruire siano con approvazioni ambientali per quel che riguarda la flora e la fauna. Nessun ornitologo finora è stato mai contattato.

 
Pubblicato da Piero il 04/11/2009 alle 13:07:19, in Notizie sparse, letto 1369 volte

Autorità preoccupate, con il loro veleno rendono immangiabile anche il pesce.

.

L'equipaggio tratto in salvo dalla guardia costiera. Gli esemplari di Nomura hanno invaso le acque nipponiche

.
 
TOKYO - Per un peschereccio essere affondato da una medusa appare il colmo dell’ignominia: è accaduto alla sfortunata imbarcazione giapponese Diasan Shinsho Maru, capovoltasi a causa del peso di decine di Meduse di Nomura, specie i cui esemplari possono arrivare a pesare fino a 200 chili con un diametro di 2 metri.

.

PESO ECCESSIVO - Come riporta il quotidiano britannico Daily Telegraph, l’incidente è avvenuto quanto l’equipaggio ha cercato di tirare a bordo la rete piena di meduse: l’imbarcazione si è capovolta, e i pescatori sono stati successivamente salvati dalla Guardia Costiera.

.

PESCI IMMANGIABILI - Quest’anno le Meduse di Nomura hanno invaso i mari del Giappone, senza che i ricercatori abbiano compreso le cause della loro moltiplicazione stagionale: nel 2007 non ne erano stati avvistati alcuni esemplari, mentre due anni prima avevano causato gravi danni alle reti, reso immangiabili molti pesci - colpiti dagli aculei avvelenati - e ferito alcuni pescatori.

 
Pubblicato da Piero il 03/11/2009 alle 11:02:20, in Notizie sparse, letto 1529 volte

.

VENERDI 6 NOVEMBRE 2009

.

a partire dalle ore 20.30

.

vi aspettiamo in bottega per un incontro di "corretta informazione" sul collegamento tra ALLEVAMENTI, INQUINAMENTO, FAME NEL MONDO E DEGRADO AMBIENTALE.

CONVINCERVI ad adottare una stile di vita sano, non è il nostro obiettivo primario, ma FORNIRVI INFORMAZIONI corrette per vivere una vita CONSAPEVOLE, si.

.

Prepareremo per voi un ricco buffet al costo di 3 euro.

.

Vi aspettiamo!!

 
Pubblicato da Piero il 29/10/2009 alle 14:10:00, in Notizie sparse, letto 1429 volte


      A Fabio è stato diagnosticato un cancro, sta combattendo la sua personale battaglia contro la malattia e contro un sistema –  che mai come di questi tempi- reprime l'individuo, dimenticandosi delle persone!

      La malattia è ormai in stadio avanzato, quasi terminale, il sistema sanitario nazionale non è in grado di fornirgli l'ausilio necessario. Le uniche speranze per Fabio sono legate ad una cura a base di un farmaco denominato “sunitinib” un inibitore dei recettori del fattore i crescita endoteliale (Sutent http://www.medfocus.it/medicina/show.php?a=12009&l=s&w=sutent&r=Tumore%20a%20cellule%20renali).

      Il farmaco può venire prescritto solo agli iscritti “arruolati” nel registro AIFA (= Agenzia Italiana del Farmaco); senza tale arruolamento il farmaco non viene consegnato a nessuno!

      La domanda presentata al Comitato etico di Perugia è stata rifiutata, poiché viene data la possibilità della cura solo, ed esclusivamente, ai pazienti che presentano maggiori possibilità di vita... Tutto questo non è accettabile i recapiti del comitato (pseudo)etico qualora vogliate scrivergli per esprimere il vostro dissenso sono: E-mail: segreteria@ceasumbria.it Telefono: 0755170199 Indirizzo: via della Rivoluzione, 16 - Ellera di Corciano 06070 Perugia (PG).

      Abbiamo provato a contattare i giornali locali, Corriere dell'Umbria, (Direttore: Anna Mossuto - anna.mossuto@edib.it) ma per il momento non abbiamo avuto riscontro, e il tempo in questo caso è davvero tiranno!

      Un Amico ha fornito informazioni importanti riguardo All'Istituto Europeo di Oncologia di Milano dove lavora un oncologo svizzero molto bravo: Aron Goldhirsch. La visita costa 250 euro e occorrono mesi per ottenere una visita. Il prof. Goldhirsch esercita anche in Svizzera. Potrebbe aiutare Fabio nella prescrizione.
(http://www.ieo.it/areaclinica/cv_ita.asp?uo=DipMed_DipartimentoMedicina&CF=B8B3BBADB1BECBC9BBCDCAA5CECECEBB)


      Come se non bastasse Fabio è caduto vittima del nuovo sistema di repressione messo in moto dal pacchetto sicurezza, per cui gli è stato presentato un foglio di via da Assisi che lo costringe all'obbligo di firma in questura!


Ognuno di noi può  testimoniare solidarietà a: 
Fabio Visetti,

Piazza San Giacomo, 11
06034 Foligno (PG)


Ogni aiuto, anche economico, è importantissimo, chi volesse può  dare il proprio contributo tramite Post-Pay

n°  4023 6005 6495 8975 Intestata a Fabio Visetti

 
Pubblicato da Piero il 14/10/2009 alle 09:21:03, in Notizie sparse, letto 1477 volte

Riceviamo e giriamo questa notizia esprimendo la massima solidarietà, la quale noi, antispecisti romani, per primi abbiamo sempre ricevuto tutte le volte che ci sono stati necessari degli spazi per eventi vegan, dagli occupanti degli spazi liberati della Magliana.

.

 

.

APPELLO AGLI INTELLETTUALI, ALLA SOCIETA' CIVILE, AI GIORNALISTI LIBERI

.

Il 14 settembre scorso nel quartiere Magliana, a Roma, si è consumato il tentativo di sgomberare l’occupazione a scopo abitativo dell’ex-scuola Otto Marzo. Nonostante il consistente spiegamento delle forze dell’ordine (circa 200 carabinieri guidati dal comandante provinciale dell’Arma) l’operazione non è riuscita. A fermarla è bastata la resistenza pacifica ma determinata delle 40 famiglie che abitano nell’ex edificio scolastico.

.

.

Constatato l’insuccesso, i carabinieri hanno tratto in arresto alcuni occupanti: 5 lavoratori precari che non potendosi permettere un affitto a prezzi “romani” hanno avuto il merito di non rassegnarsi a sopravvivere ma di lottare insieme ad altri, spinti dalla necessità materiale di avere una casa e dal desiderio di un diverso abitare. È così che in 2 anni di occupazione gli arrestati insieme ad altri nuclei familiari hanno recuperato uno spazio pubblico abbandonato al degrado restituendolo all’intero quartiere: oggi l’ampio giardino della ex- scuola è uno dei pochi spazi verdi di Magliana, mentre le sue mura ospitano una
scuola di teatro e una palestra popolare tirata su con le fatiche degli occupanti. Un auto-recupero che evidentemente nella capitale fa paura a molti: Roma vive, in effetti, da anni una condizione di emergenza abitativa, nonostante gli appartamenti sfitti sfiorino le 200.000 unità. Una città paradossale: la popolazione non cresce da circa vent’anni ma si continua a costruire senza sosta, mentre il bisogno di casa ha fatto sorgere diverse occupazioni, a scopo abitativo, di stabili pubblici abbandonati.

.

Dopo la sentenza del riesame, che ha avuto luogo il 29 settembre scorso, 3
dei 5 arrestati sono ora agli domiciliari, uno di loro invece ha l’obbligo
di firma quotidiana presso il commissariato di P.S., mentre il quinto è
stato liberato dopo 10 giorni di detenzione. Per un sesto occupante, che
si trova all’estero per motivi di lavoro, pende una richiesta di arresto
presso il proprio domicilio.

.

Le accuse a loro carico sono state formulate da un unico testimone: un
ex-occupante allontanato dallo stabile perché violento e sessista, che
oggi li accusa di estorsione, violenza privata, nonché di furto di rame e
di corrente elettrica. In particolare quest’uomo, sostiene che i sei
avrebbero preteso in cambio della permanenza nello stabile un “pizzo” di
150 euro mensili per ogni singolo abitante (compresi i minori).
Non è stato ancora possibile per gli avvocati della difesa ascoltare
quest’individuo, né far testimoniare gli altri abitanti della “8 Marzo”
che scagionerebbero gli accusati. Così prima che il riesame deliberasse la
scarcerazione, il Gip ha confermato gli arresti a scopo cautelare benché
non esistesse alcun pericolo di fuga e nonostante l’impianto accusatorio
sia a dir poco fantasioso: com’è possibile, per esempio, che famiglie
numerose come alcune di quelle della “8 marzo” possano pagare una cifra
che complessivamente supererebbe quella di un affitto? Com’è possibile non
tener conto dell’incompatibilità dell’accusa di estorsione con lo stile di
vita e i movimenti di denaro, ampiamente documentati dalla difesa, di 6
precari squattrinati?

.

Per quanto riguarda poi il presunto furto di rame, l’accusa sostiene che
gli arrestati avrebbero sventrato l’intero palazzo per ricavarne il
prezioso materiale dall’impianto elettrico il quale però oggi risulta
perfettamente funzionante; ma, nel caso fosse reale tale assurda
imputazione, come sarebbe possibile accusarli anche di furto di
elettricità? Delle due l’una.

.

Per quanto riguarda il furto di elettricità bisogna inoltre ricordare che
gli occupanti hanno fatto, più volte, richiesta di regolare allaccio per
poter pagare la corrente di cui usufruiscono. Tale regolarizzazione non
gli è stata però mai accordata.

.

A rimarcare l’infondatezza delle accuse si aggiungono le numerose
attestazioni di solidarietà che i 6 hanno ricevuto da tutti i movimenti di
lotta per la casa, dai movimenti studenteschi e universitari, da numerosi
centri sociali e associazioni socio-culturali della città che hanno
organizzato varie iniziative politiche in loro sostegno.

.

Per quanto concerne le vicende personali dei 6 occupanti accusati è
necessario evidenziare che uno di loro è in gravi condizioni di salute e
attende da tempo un intervento molto delicato. Nel corso dei 16 giorni di
detenzione gli è stata nei fatti negata la possibilità di una visita
specialistica da parte di un chirurgo oncologo.

.

Siamo sgomenti di fronte a una tale sospensione dei diritti civili nel
nostro paese e chiediamo pertanto la fine di qualsiasi restrizione alla
libertà di tutti loro. Allo stesso tempo però, al di là delle decisioni
del Gip e del tribunale del riesame, non possiamo dirci sorpresi
dall’intera vicenda.

.

Con questo appello vogliamo, difatti, portare all’attenzione generale
eventi che altrimenti rimarrebbero rubricati nella cronaca locale, per
riannodarli in un discorso politico più ampio che riguarda tanto il
disastro urbanistico della città di Roma quanto le ingiustizie sociali che
si consumano nel paese in cui
viviamo.

.

La campagna d’autunno di Alemanno è cominciata, per chi non se ne fosse
accorto, il primo settembre scorso con lo sgombero dell'ex ospedale Regina
Elena.
L’edificio di proprietà dell’università (anch’esso abbandonato al degrado
da diversi anni) in cui dal 2007 avevano trovato una sistemazione circa
300 nuclei familiari. Ciò che è accaduto il 14 settembre, primo giorno di
scuola, a Magliana non è che la prosecuzione di tale campagna. Per i circa
30 bambini che vivono nella Otto Marzo l’anno scolastico è così iniziato
sul tetto dello stabile che li ospita insieme alle loro famiglie. Tema
dell’insolita lezione, il diritto all’abitare. Il metodo d’insegnamento
seguito, invece, è lo stesso degli operai della Insse. All’alba, bambini e
genitori sono stati infatti costretti a rifugiarsi sul tetto dell’edificio
in cui vivono per difendersi dall’operazione di sgombero.

.


Nelle ore successive al blitz, il sindaco Gianni Alemanno ha fatto
riferimento, commentando l’operazione, all’esistenza di un “vero e proprio
racket delle occupazioni”, del quale sarebbero vittime “persone costrette
a pagare un affitto e a partecipare a manifestazioni” e altre addirittura
“aggredite e malmenate perché non pagavano questi veri e propri pizzi”.
Una tesi, quella sottoscritta dal primo cittadino capitolino, che fa eco a
quanto più volte sostenuto dal presidente della Commissione Sicurezza del
Comune, Fabrizio Santori. Il quale, del resto, nei giorni scorsi aveva
avuto modo di lanciare i suoi strali contro il blog del comitato
d’occupazione della “Otto Marzo”, definendolo “un canale d’informazione
deviato”.

.

In effetti, la libertà d’informazione sembra essere l’altro nodo della
questione esplosa a Magliana.
“Ma nun c’avete ‘na famija pure voi?”, gridava un occupante a un carabiniere
prima che salisse la tensione. “Io sono come un muratore”, rispondeva
l’altro “se il costruttore mi dice che devo fare una casa a forma di
piramide, io la faccio”. Mai paragone fu più calzante: sono difatti Il
Messaggero e Il Tempo, quotidiani dei costruttori Caltagirone e Bonifaci,
ad aver dato risonanza negli ultimi giorni alla campagna dei “si dice” e
dei “pare che” contro l’occupazione. Senza che i giornalisti di queste
testate siano mai venuti a fare un’inchiesta nell’occupazione di questo
quartiere già preda decenni addietro del famigerato sacco di Roma. Gli
unici giornalisti main stream a essere venuti nell’ex scuola a fare
domande e riprese erano stati quelli di Report, (Il Male Comune, puntata
del 31 maggio 2009). Milena Gabanelli aveva spiegato cosa significasse
l’auto-recupero della “Otto Marzo” per le famiglie di Magliana, inserendo
quest’occupazione nella più generale situazione abitativa e urbanistica
romana (questa sì, veramente preoccupante).

.


Quest’autunno la trasmissione di Rai Tre sembra abbia avuto non pochi
problemi a ripartire.
Proprio per il giorno degli arresti il comitato d’occupazione aveva
indetto una conferenza stampa per prendersi il diritto di replica alla
campagna diffamatoria del Messaggero e del Tempo. Qualche muratore ha però
costruito una piramide di troppo che ha costretto gli occupanti a
ridiscutere la loro agenda.

.

La vicenda di Magliana e gli arresti dei 6 precari, spingono dunque a una
riflessione più ampia sul concetto di libertà di stampa.

.

Chi oggi ritiene che la profonda crisi democratica che pervade il paese
riguardi esclusivamente la programmazione dei palinsesti Rai è destinato a
rimanere minoritario. Continuerà, cioè, a restare ostaggio di un populismo
che ha gioco facile nell’alimentare l’idea che esista un’élite
intellettuale e politica ossessionata a tal punto dalla persona del
premier da arrivare a preoccuparsi di quanto accade sotto le sue lenzuola.
Le preoccupazioni, destate da quello che si presenta come l’esito più
recente di una crisi democratica dalle profonde radici storiche, niente
hanno a che vedere con la ripugnanza estetica suscitata dal cattivo gusto
di Berlusconi. Se questo è vero, va in egual modo evidenziato che
l’inquietudine avvertita da molti non
può limitarsi al feroce attacco subito in questi giorni da alcuni quotidiani
nazionali, quali La Repubblica e L’Unità. Lo stretto controllo che il
potere esercita sulla propria rappresentazione è in effetti fortemente
connesso a ciò che si iscrive sulla pelle e nel quotidiano delle persone.
Appare evidente, in tal senso, che vi è da tempo un tentativo di far
sembrare naturali e ineluttabili processi economico -sociali che invece
appartengono alla dimensione dell’agire politico. L’intento è cioè quello
di ridurre questioni collettive come il disagio abitativo, la precarietà e
la riduzione del potere d’acquisto degli stipendi, a problemi che
riguardano il singolo e il suo personale fallimento sociale. Implicazione
non trascurabile di questo discorso, ormai egemone, è che coloro che
tentano di organizzare nei territori lotte su tali temi sono non solo
generici “farabutti”, ma addirittura criminali che attentano all’ordine e
alla sicurezza pubblica.

.

Invitiamo perciò a sottoscrivere questo appello tramite il quale si chiede
che i 5 occupanti vengano immediatamente liberati poiché i fatti
contestati non sussistono, che le accuse, assurde ed infamanti, vengano
ritirate e pubblicamente smentite e, in ultimo, che si faccia piena
chiarezza su quella che è una lotta per il diritto all'abitare che non
può, e non deve, essere ricostruita come una questione di malavita.

.

Per aderire a questo appello mandate una e mail con nome,
cognome e professione, all’indirizzo: occupa@inventati.org

.

Comitato di Occupazione Magliana
CSOA Macchia Rossa

.

Per visionare il video dell'arresto degli occupanti dell'8 Marzo
ecco i link e alcune fonti della notizia:
http://www.youtube.com/watch?v=idYqIAUsFO8
http://www.archive.org/details/MaglianaResiste (versione integrale)

http://occupa.noblogs.org/

 
Pubblicato da Piero il 09/10/2009 alle 09:44:18, in Notizie sparse, letto 1402 volte

.

hello to everybody,
 
this is the announcement of a new event:
 
a VEGAN DJ SET
 
What is it?
It is a musical event. The DJs will play only music by veg bands.
The music will be supported by videos regarding the animals: suffering, joy, slavery, liberation, freedom, ....
 
Why a VEGAN DJ SET?
it is a way to attract more people and to make them think about the relationship between humans and other animals, through the instrument of art (music art and video art).
And it is a way to show again that there are humans who act in a different way...and that they are not freaks or nerds
 
This VEGAN DJ SET will be held during the VEGANIGHT.
 
And the flyers are in the attached file (english language and italian language)
 
I will be glad if you would spread the message to your contacts
 
Thanks very much 
 .


http://vegandjset.blogspot.com/

 
Pubblicato da Piero il 23/09/2009 alle 15:23:58, in Notizie sparse, letto 1397 volte
 
Pubblicato da mukawama il 17/09/2009 alle 11:24:13, in Notizie sparse, letto 1396 volte
Nascerà ad Allumiere, in zona militare.
Oggi a palazzo Chigi per l´ok. Vertice tra il sindaco Alemanno, il presidente della Regione Marrazzo, il sottosegretario Letta e il responsabile della Protezione civile Bertolaso. Nuova discarica di Roma, inizia il count down. Oggi pomeriggio a Palazzo Chigi si incontrano il sottosegretario Gianni Letta, il responsabile della Protezione civile Guido Bertolaso, il sindaco Gianni Alemanno e il presidente della Regione Piero Marrazzo. Un summit in piena regola per decidere il sito dove bisognerà aprire la nuova discarica, che permetterà a Malagrotta di chiudere. L´Ama la sua proposta ce l´ha già. Per l´azienda è Allumiere il sito ideale: vicina all´autostrada A1, vicina alla ferrovia Orte-Civitavecchia. Soprattutto vicina alla centrale Enel di Torrevaldaliga nord, sempre a Civitavecchia, dove i rifiuti potrebbero essere trasformati in energia. E ormai Ama e Campidoglio puntano all´incenerimento, come ben risulta dal piano industriale che prevede, accanto a quello di Albano, un secondo gassificatore, interamente pubblico. Il sito di Allumiere individuato per la discarica si trova all´interno di un´area militare e, secondo l´Ama, sarebbe anche facile da acquisire perché è in atto un processo di dismissione delle aree militari. Allumiere ospiterebbe un invaso per i rifiuti e un impianto di trattamento per smistare il materiale e indirizzarlo o all´invaso o alla centrale di Civitavecchia. Non è un caso che nel suo viaggio di maggio in Israele il sindaco Alemanno sia andato a visitare l´impianto di Tel Aviv, giudicato all´avanguardia, che separa i rifiuti a valle, vale a dire alla fine, senza la fase della raccolta differenziata. Un sistema che affascina molto l´amministratore delegato Franco Panzironi. In una recente intervista a Repubblica l´ad ha infatti anticipato la sua intenzione a realizzare non una semplice discarica, ma un centro di smaltimento, dove i rifiuti possano essere separati e anche bruciati. «Nel comune di Roma - aveva spiegato Panzironi - non esistono più aree disponibili, sono tutte vincolate. In provincia, invece, abbiamo individuato siti che non fanno male a nessuno». Allumiere, dunque. E, in seconda battuta, Riano, sulla Flaminia. Ad Allumiere, dove ormai la notizia si è diffusa, residenti e istituzioni sono da tempo sul piede di guerra. «Non saremo la pattumiera della capitale», dice il sindaco Augusto Bellocchio. Allumiere non ha una sua discarica, conferisce i suoi rifiuti nell´invaso di Civitavecchia. E le norme tecniche del piano regolatore escludono che se ne possa realizzare una. Contro la discarica ad Allumiere ed in generale in provincia si scaglia anche l´assessore provinciale all´Ambiente Michele Civita. «La regione - spiega - è stata divisa in Ato, ambiti territoriali omogenei, ognuno dei quali deve essere indipendente sul piano rifiuti e dotato di una propria discarica. L´Ato di Roma comprende la capitale, Fiumicino e Ciampino. È in questi comuni che va individuata la nuova discarica». «Una follia - protesta Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio - una politica di questo tipo significa non voler puntare sul porta a porta e sulla raccolta differenziata».  da Repubblica 16 settembre 2009
 
Pubblicato da mukawama il 16/09/2009 alle 12:10:05, in Notizie sparse, letto 3981 volte

Gli animali come esseri sensibili e consapevoli, dotati di un mondo interiore e di sentimento. Sono i protagonisti delle immagini di Alessia Cerqua, fotografa romana, che da tempo studia le condizioni degli animali in cattività. Ecco alcuni sui scatti in bianco e nero fatti nel Bioparco di Roma e negli zoo di Berlino e Londra: malinconia, sofferenza e dignità [15 settembre 2009] Repubblica

per Le altre foto visitate www.alessiacerqua.com

 
Pubblicato da mukawama il 14/09/2009 alle 16:58:27, in Notizie sparse, letto 1854 volte

 PANDEMIA DI LUCRO

2000 persone contraggono l’influenza suina e ci si mette la mascherina… 25 milioni di persone con AIDS e non ci si mette il preservativo…Che interessi economici si muovono dietro l’influenza suina? Nel mondo, ogni anno, muoiono milioni di persone, vittime della malaria.. I notiziari di questo non parlano… Nel mondo, ogni anno muoiono due milioni di bambini per diarrea che si potrebbe evitare con un semplice rimedio che costa 25 centesimi.. I notiziari di questo non parlano… Polmonite e molte altre malattie curabili con vaccini economici, provocano la morte di 10 milioni di persone ogni anno. I notiziari di questo non parlano… Ma quando comparve la famosa influenza dei polli… i notiziari mondiali si inondarono di notizie… un’epidemia e più pericolosa di tutte, una pandemia! Non si parlava d’altro, nonostante questa influenza causò la morte di 250 persone in 10 anni… 25 morti l’anno!! L’influenza comune, uccide ogni anno mezzo milione di persone nel mondo. … Mezzo milione contro 25. E quindi perché un così grande scandalo con l’influenza dei polli? Perché dietro questi polli c’era un “grande gallo”. La casa farmaceutica internazionale Roche con il suo famoso Tamiflu, vendette milioni di dosi ai paesi asiatici. Nonostante il vaccino fosse di dubbia efficacia, il governo britannico comprò 14 milioni di dosi a scopo preventivo per la sua popolazione. Con questa influenza, Roche e Relenza, ottennero milioni di dollari di lucro. Prima con i polli, adesso con i suini: e così adesso è iniziata la psicosi dell’inflluenza suina. E tutti i notiziari del mondo parlano di questo. E allora viene da chiedersi: se dietro l’influenza dei polli c’era un grande gallo, non sarà che dietro l’influenza suina ci sia un “grande porco?”. L’impresa nord americana Gilead Sciences ha il brevetto del Tamiflu. Il principale azionista di questa impresa è niente meno che un personaggio sinistro, Donald Rumsfeld, segretario della difesa di Gorge Bush, artefice della guerra contro l’Iraq… Gli azionisti di Roche e Relenza si stanno fregando le mani… felici per la nuova vendita milionaria. La vera pandemia è il guadagno, gli enormi guadagni di questi mercenari della salute… Se l’influenza suina è così terribile come dicono i mezzi di informazione, se l’Organizzazione Mondiale della Salute (diretta dalla cinese Margaret Chan) è tanto preoccupata, perché non dichiara un problema di salute pubblica mondiale e autorizza la produzione farmaci generici per combatterla? DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO COME SE SI TRATTASSE DI UN VACCINO, PERCHE’ TUTTI CONOSCANO LA REALTA’ DI QUESTA “PANDEMIA”.

Dr. Carlos Alberto Morales Paita Children’s Hospital pediatra – Lima, Peru

 
Pubblicato da Piero il 13/09/2009 alle 11:19:36, in Notizie sparse, letto 1600 volte

PRESIDIO AL PALIO DI ASTI
Promosso dal gruppo antispecista “Animali della Langa”

Il gruppo antispecista Animali della Langa esprimerà il proprio dissenso nei confronti di una manifestazione, anacronistica come il palio di Asti, espressione della cultura specista, che denigra, e, nega i diritti dell'individuo animale, umano e non umano. Il presidio si svolgerà Il presidio si svolgerà il 20 Settembre 2009 ad Asti presso i portici rossi, in piazza Alfieri, all'angolo con corso Vittorio Alfieri 208-206.
Riitrovo per le 14:30 nei pressi della stazione, il presidio si protrarrà fino alle 19:30/20:00.

Con questo evento si intende rivendicare il diritto di ciascun individuo alla libertà.
Noi riteniamo ingiusto l' utilizzo di Animali in un simile evento, dove ogni anno, Assistiamo al triste verificarsi di molti incidenti, che portano all' azzoppamento e alla soppressione degli Animali infortunati.

Vogliamo gridare forte il nostro NO! All'utilizzo di Animali, di individui senzienti a puro e, mero scopo ludico per uomini.

Allo stesso modo milioni di persone ogni giorno nascono, vivono e muoiono in condizioni atroci, sfruttati e uccisi dalla cultura che li vuole schiavi torturandone il corpo fino a che scompaiono piegati dalla fame, dalla fatica, dalle malattie, dalla miseria o dalla guerra, nella più totale indifferenza.

Antispecismo E' LIBERAZIONE.


Mail per info presidio:
palio.asti@live.it

Sito web: www.antispecismo.net
Mail: info@antispecismo.net

per partecipare all'organizzazione:
http://www.antispecismo.net/viewtopic.php?t=5045&p=24256

=================

PRIMA DI CLICCARE "PARTECIPERO' " VERIFICATE DI AVER LETTO "A COSA " E DI ESSERE SVEGLI !

ATENCIÓN:
RECUERDO A. TODO QUE POR "PARTICIPARE"' SE ENTIENDE LA PRESENCIA FISICA, NO VIRTUAL...
NO COMPRIMÁIS "PARTICIPARE" SI NO TENÉIS INTENCIÓN DE PRESIDIAR
GRACIAS A TODO
======================
ATTENTION:
I REMEMBER TO EVERYBODY THAT FOR " I WILL PARTICIPATE' " HE INTENDS THE PHYSICAL PRESENCE, NOT VIRTUAL...
DON'T PRESS "I WILL PARTICIPATE" IF DON'T HAVE INTENTION TO COME ON THE PLACE!!!
THANKS TO EVERYBODY.
=============================
ATTENZIONE:
RICORDO A TUTTI CHE PER " PARTECIPERO' " S'INTENDE LA PRESENZA FISICA, NON VIRTUALE...
NON PREMETE "PARTECIPERO' SE NON AVETE INTENZIONE DI VENIRE O GIA' SAPETE CHE DIFFICILMENTE VI SARA' POSSIBILE

 
Pubblicato da mukawama il 12/09/2009 alle 15:47:59, in Notizie sparse, letto 1332 volte
Notizie
di Enrico Cardinali dal sito http://www.ternimagazine.it inc Terni

E’ stato fissato per il 21 dicembre prossimo l’inizio dell’udienza preliminare davanti al gup di Terni a carico di 23 indagati per i quali la procura ha chiesto il rinvio a giudizio al termine dell’inchiesta, aperta nell’autunno 2006 dal magistrato Elisabetta Massini, in merito al funzionamento dell’inceneritore dell’Asm, Azienda municipalizzata, e alle condizioni di lavoro dei dipendenti. Nell’indagine sono stati ipotizzati a vario titolo anche reati quali disastro ambientale. L’udienza preliminare si terrà davanti al gup di Terni Pieluigi Panariello. Tra gli indagati per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio anche l’ex sindaco di Terni, Paolo Raffaelli, l’ex presidente della municipalizzata, Giacomo Porrazzini, e i componenti dell’ex consiglio di amministrazione, ma anche dirigenti della Provincia di Terni, tecnici di laboratorio e imprenditori privati. Tra le parti lese oltre ai lavoratori figurano anche lo stesso Comune di Terni, il ministero dell’Ambiente e l’Erario. Le indagini cominciarono a metà gennaio 2007 prendendo le mosse da un esposto dei lavoratori relativo al rispetto della legge 626 sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, denunciando come fossero costretti a convivere da anni con polveri cancerogene, e dall’infaticabile passione civile di Giovanni Raggi, presidente provinciale dell’Unmil, l’unione nazionale mutilati invalidi del lavoro, che presentò alla procura della repubblica una dettagliata denuncia, con tanto di documentazione medica, sul caso di persone che lavorando nell’impianto di Maratta si erano ammalate di cancro. Nei mesi successivi ripetuti blitz del Corpo forestale portarono all’acquisizione di oltre duemila pagine di documenti e alla formulazione di gravi ipotesi di reato da parte del magistrato inquirente Elisabetta Massini. Sono 35 i reati ipotizzati (non tutti per le stesse persone) e l’ultimo parla di omicidio colposo, dopo la morte per un tumore al polmone di un operaio dell’impianto di Maratta. Ma c’è anche disastro ambientale, avvelenamento, truffa ai danni dello Stato e falsificazioni dei registri dei danni sull’inquinamento. Più lo scarico nel Nera di acque reflue piene di metalli pesanti, avvelenando le falde relative ai pozzi di emungimento dell’acquedotto di Terni, Narni e Acquasparta. Il sindaco uscente Paolo Raffaelli è coinvolto per essere il “proprietario” dell’Asm (azienda a capitale pubblico) e per essere la massima autorità sanitaria della città. Il reato più grave tra quelli ipotizzati nei confronti del sindaco e dei vertici dell’Asm (dal presidente Giacomo Porrazzini al direttore generale Moreno Onori, all’amministratore delegato Stefano Tirinzi, oggi presidente) riguarda la violazione dell’articolo 434 "per avere, agendo in concorso tra loro, con più azioni in esecuzione del medesimo disegno criminoso, immettendo inquinanti anche pericolosi nell’aria (diossine e acido cloridrico) e nell’acqua (selenio, rame, piombo, mercurio ed altri materiali pesanti nel fiume Nera), commesso un fatto diretto a cagionare un disastro ambientale". Per truffa aggravata ai danni dello Stato sono indagati sempre il sindaco Raffaelli, il presidente ed il consiglio di amministrazione dell’Ast "per avere bruciato per otto anni con artifici consistiti nell'utilizzare per la combustione e la produzione di energia elettrica, anziché frazione secca (cdr), rifiuti contenenti sostanze organiche, non conformi all'autorizzazione e non idonei alla termovalorizzazione, con caratteristiche da provocare il disastro ambientale e procurando a sé un ingiusto profitto pari a circa tredici milioni di euro. Un fatto che ha provocato allo Stato un danno patrimoniale di elevata entità". Altro delicato capitolo riguarda la falsificazione dei dati sulle emissioni nell'atmosfera e nelle acque di scarico. Tecnici compiacenti della ditta privata Ecosil avrebbero diviso in molti casi perfino per dieci i referti analitici, che poi venivano trasmessi alla Provincia, i cui funzionari non effettuavano alcun controllo e prendevano per oro colato quanto riferito. Una falsificazione che permetteva all'Asm un notevole risparmio, ma a discapito di normative ben precise e della salute dei lavoratori e dei cittadini. L'accusa nei confronti di due funzionari della Provincia, Anna Rita Amadei (funzionario settore acque) e Giovanni Vaccari (dirigente settore ambiente) riguarda il "non aver attivato, con più omissioni in esecuzione del medesimo disegno criminoso, il procedimento di diffida a fronte delle reiterate violazioni da parte dell’Asm", mentre Paolo Grigioni (responsabile monitoraggio atmosferico), insieme allo stesso Vaccari, è accusato di "non aver provveduto alla revoca dell'autorizzazione all'impianto di termovalorizzazione né alla diffida, pur in presenza di reiterate violazioni alla prescrizione contenute nell'autorizzazione". Ma venivano falsificati anche i registri per smaltire rifiuti pericolosi. Per la Procura i laboratori di analisi nominati dall'Asm avrebbero consentito con analisi false lo smaltimento di rifiuti pericolosi e quelli da sottoporre a trattamento prima del trasferimento nella discarica di Valle, di proprietà dell'Ast, e in altre discariche, non autorizzate, consentendo così un notevole risparmio all'Asm nei costi di smaltimento, questo fino al 2007. Particolarmente interessante è il fatto che alla direzione dell'inceneritore di Maratta si siano susseguiti negli ultimi anni ben sei dirigenti (Latini, Ciaralla, Motzu, Monaco, Camiciola e l'ultimo in ordine di tempo, Carloni). Sostituiti soprattutto, secondo quanto emerso dalle indagini, perché non in sintonia con i vertici aziendali. Alcuni avrebbero chiesto all'azienda di mettere in atto misure adeguate per la sicurezza dei lavoratori, ma non sarebbero stati ascoltati, anzi allontanati. C'è anche il capitolo dei rifiuti sanitari. Per l'accusa ne venivano smaltiti abusivamente ingenti quantitativi senza autorizzazione, visto che a Terni potevano essere bruciati solo quelli umbri, ma arrivavano da tutta Italia. Sugli indagati pesano poi la morte di Giorgio Moretti, l'ex capo turno stroncato da un cancro al polmone, e le patologie tumorali che hanno colpito altri tre lavoratori dell'inceneritore. Si ipotizza dunque l'omicidio colposo. Per anni si sarebbe nascosta a tutti i dipendenti la pericolosità delle sostanze cui erano esposti. E per chi esprimeva preoccupazione c'era il mobbing. "Costrittività lavorative", emarginazione, ordini di servizio punitivi, demansionamenti avrebbero caratterizzato la vita quotidiana dei lavoratori che avrebbero fatto resistenza alle direttive. C'è stato anche il caso di lavoratori, oggetto di provvedimenti disciplinari annullati dall'ufficio del lavoro, trascinati dall'azienda in tribunale per ottenere la conferma del provvedimento dal giudice del lavoro. La propensione a umiliarli è proseguita anche dopo la chiusura dell'inceneritore. Rodolfo Staffieri, 65 anni, coordinatore elettrico strumentale dell'impianto di Maratta, che aveva rifiutato la nuova collocazione di spazzino, adducendo la propria professionalità e anzianità di servizio, ha ricevuto infatti immediatamente una lettera dell'azienda che gli comunicava "la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione". Per trentadue anni l'inceneritore ha ruminato e bruciato oltre il 50 per cento dei rifiuti urbani della città e dell'intera provincia producendo, sin quando è economicamente convenuto, energia elettrica (5 megawatt l'ora). Ma in uno scambio diabolico, a leggere le pagine con cui il pubblico ministero Elisabetta Massini avvisa gli indagati dello scempio di cui li ritiene responsabili, in cui il rispetto per la sicurezza e la salute dei lavoratori e di tutta la popolazione è stato sistematicamente trascurato.


----------------------------------------------------
PARTECIPA!!!

L'unico modo per fermare uno scempio ed un ingiustizia come la costruzione di un inceneritore nella zona di Roncigliano (Albano) è quello di mobilitarsi tutti e tutte, unitamente ed in maniera coordinata. C'è bisogno anche della tua partecipazione !!!

Non delegare agli altri le decisioni, decidi direttamente del tuo futuro !!!

 

Le riunioni del coordinamento contro l' inceneritore

La riunione del coordinamento è ogni martedì sera alle 21.30 a via indipendenza 23 ad Ariccia. Vieni e partecipa!

Altri modi di partecipazione

Se non hai tempo e modo per partecipare alle riunioni ogni martedì, puoi dare una mano al coordinamento in altre forme. Per esempio ti puoi rendere disponibile per andare a fare volantinaggi, attacchinaggi di manifesti per pubblicizzare eventi oppure puoi partecipare ad iniziative pubbliche che vengono organizzate dando il tuo contributo. Spesso anche un aiuto saltuario diventa fondamentale. Se vuoi dare la tua disponibilità a questo tipo di attività scrivi e mettiti in contatto con il coordinamento coordinamento Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. .

La mailing list del coordinamento

Se vuoi partecipare in maniera attiva anche tramite l'utilizzo della rete internet, puoi mandare una mail per iscriverti alla mailing list del coordinamento a rifiuti-albano@googlegroups.com rifiuti-albano@googlegroups.com

 
Pubblicato da mukawama il 12/09/2009 alle 15:08:01, in Notizie sparse, letto 1352 volte
Un team di biologi irlandesi: "Il loro sistema immunitario è per il 90% simile ai mammiferi". Ma la sperimentazione sugli animali è controversa, e si cercano metodi alternativi
di FLAMINIA FESTUCCIA
ADDIO topi da laboratorio. Le sperimentazioni sui farmaci potrebbero presto essere effettuate su falene, moscerini e bruchi. Lo spiega una ricerca presentata pochi giorni fa nel corso di un meeting di microbiologia, a Edimburgo, dal ricercatore irlandese Kevin Kavanagh. Se questa possibilità verrà adottata, il numero dei topi usati come cavie per i test di sostanze chimiche e batteri si ridurrà dell'80%, riducendo tempi e costi della ricerca. "Ormai è una pratica collaudata - spiega Kavanagh - i test iniziali dei farmaci vengono fatti prima su larve di insetto, poi si passa ai topi. Il metodo è più veloce, i test sugli insetti danno risultati in 48 ore, quelli sui roditori impiegano dalle 4 alle 6 settimane". Kavanagh e i suoi colleghi hanno scoperto infatti che le cellule del sistema immunitario dei mammiferi e quelle degli insetti lavorano praticamente allo stesso modo. "Abbiamo usato gli insetti per verificare la patogenità di un fungo o di un batterio, e abbiamo trovato un'ottima correlazione con i risultati sui mammiferi. Il sistema immunitario corrisponde al 90 per cento". Meglio dei topi. Secondo il biologo, questi risultati potranno portare all'uso quasi esclusivo di falene e moscerini della frutta per testare farmaci antimicrobici, esperimenti per i quali si usano di solito mammiferi, per la maggior parte roditori come i topi. Rispetto agli altri animali, infatti, i topi sono piccoli, economici, si riproducono in fretta e sono facili da studiare. Ma il costo di allevamento per un a singola cavia da laboratorio si aggira tra le 50 e le 80 sterline (da 60 a 90 euro). Un bruco, invece, si alleva, si nutre e si ospita con 10, massimo 20 pence (intorno ai 20 centesimi di euro). Un risparmio enorme, senza considerare anche la maggiore rapidità di risposta che permetterebbe di tagliare i tempi della ricerca, migliorandone l'efficienza. I problemi dei test sugli animali. Gli esperimenti su animali sono da anni nel mirino non solo degli ambientalisti e delle associazioni contro la vivisezione, ma anche degli stessi ricercatori. Dalle pagine dell'autorevole rivista scientifica Nature, poco più di un mese fa Thomas Hartung, farmacologo e tossicologo tedesco dell'Università di Costanza, commentava: "Non siamo ratti da 70 chili, i test sugli animali hanno la stessa accuratezza del lancio di una moneta". Una provocazione, ma anche una constatazione su basi statistiche. Fra gli esempi citati da Hartung: il 40% delle sostanze chimiche irritanti per i conigli non lo era per l'uomo, mentre solo il 43% degli effetti tossici di alcuni farmaci sull'uomo si riscontrava anche nei topi. I problemi, secondo il tossicologo, sono anche i falsi positivi: i casi di una sostanza non dannosa per l'uomo che viene invece classificata come tale. Le differenze di reazione. La lista dei principi attivi che agiscono in modo completamente diverso su animali e uomini è lunga. La penicillina uccide le cavie (tra i roditori più usati per i test) mentre è un efficace antibiotico per l'uomo. L'aspirina è dannosa per topi, scimmie, cani e gatti, mentre stricnina e arsenico, letali per gli esseri umani, sono innocue rispettivamente per le scimmie e le pecore (ma anche polli e porcospini non riportano danni da questi veleni). E ancora, i conigli possono cibarsi senza danni di un fungo altamente tossico come l'amanita falloide, e topi e ratti sopravvivono benissimo all'assenza della vitamina C: il loro organismo la produce autonomamente, mentre così non è per l'uomo, in cui l'avitaminosi induce lo scorbuto. I casi più drammatici. Ma sono molti anche i casi di farmaci che, testati sugli animali e giudicati innocui, hanno provocato enormi danni sugli esseri umani. E' tristemente noto il caso Thalidomide, un tranquillante venduto negli anni Sessanta come farmaco "da banco", che ha provocato pesantissime malformazioni in quasi dodicimila bambini, figli delle donne che lo avevano assunto in gravidanza. Stesso destino per il Dietilstilbestrolo, un estrogeno di sintesi usato per ridurre l'incidenza degli aborti spontanei. Tra le figlie nate da madri che avevano fatto uso di questo ormone si è riscontrata l'incidenza di una forma rara di cancro alla cervice anche in età giovanissima (tra i 15 e i 25 anni). Non rare le malformazioni dell'apparato riproduttivo e l'aumento del rischio di aborti e gravidanze extrauterine. Si potrebbe andare avanti a lungo. La proposta di Hartung. Nel suo articolo intitolato "Tossicologia per il ventunesimo secolo", Thomas Hartung propone una via alternativa da seguire per arrivare a una strategia integrata che utilizzi le tecniche più recenti di colture cellulari e bioinformatica. I fenomeni biologici possono ora essere studiati in vitro, spiega Hartung, su strutture tridimensionali "organotipiche", costruite cioè come organi e tessuti umani. Un metodo che non esita a definire più affidabile, efficace, moderno. E, non ultimo, etico.

(12 settembre 2009)
Repubblica
 
Pubblicato da Piero il 09/09/2009 alle 07:48:17, in Notizie sparse, letto 1602 volte

Sono considerati carne da macello, ma c'è chi ha deciso di salvarli da questo destino, vivendo l'emozione di un rapporto nuovo e coinvolgente con mucche, maiali, galline...18 storie di animali ritrovati.

.

Mucche, maiali, galline...sono tutti esseri senzienti con un'intensa vita emotiva. Ce ne accorgeremmo facilmente se solo cercassimo di avere delle relazioni con loro, invece di trattarli come oggetti e portarli alla fine a cui li condanniamo quotidianamente: una morte violenta per essere "trasformati" in cibo.

Ma ci sono persone che, lontano dai riflettori dei media, stanno proponendo un radicale e significativo cambiamento nel rapporto che abbiamo con gli animali: così, il superamento della visione che li vuole "altro" dagli animali - dimentichi che anche noi siamo animali - si concretizza in azioni di salvataggio proprio di quegli esseri considerati gli ultimi degli ultimi, gli animali "da macello".

8 brevi saggi e 18 storie vere di animali salvati dallo sfruttamento e da morte certa ci introdurranno in questo mondo parallelo ma reale, per emozionarci e per farci scoprire come lo scambio di relazioni fra animali umani e non umani sia affascinante e coinvolgente.

Spunti per riflettere sul perchè viviamo nella convinzione - dogmatica - di essere superiori agli "altri" animali e di poterne disporre a nostro piacimento.

E' l'inizio di una rivoluzione, di un altro mondo in cui il nostro rapporto con gli animali non umani sarà finalmente diverso.



Introduzione: la nostra casa sarà la loro casa
di Dora Grieco e Alberto Manganaro (testo tratto da pp 9 e seguenti)

Le cose cambiano se vogliamo farle cambiare e noi vogliamo che, peri più deboli, cessi il martirio in atto negli allevamenti per produrre carne, latte, uova, pellicce, pelle e lana; nei laboratori di vivisezione; nei circhi e negli zoo; nella caccia e nella pesca. L’elenco delle pratiche che vedono gli Animali sfruttati, maltrattati, violentati, uccisi, è lungo. Ma non vogliamo parlarvi di questo, almeno non direttamente. Vogliamo parlarvi di qualcosa di nuovo che sta avvenendo: l’inizio della “liberazione degli Animali”, che risale a molti anni fa e che oggi continua e accelera il suo cammino. Vogliamo parlarvi di persone che si muovono singolarmente e organizzazioni, piccole e grandi, che hanno dato il via ad un nuovo modo di pensare e di vedere il loro rapporto con gli altri animali.

Dalle parole, dalla filosofia si passa ai fatti. Ognuno con i mezzi che può, ognuno fino a dove può. Non basta più il rifiuto di mangiarli, o di evitare ogni prodotto della loro sofferenza, non basta più salvare un cane dalla strada. Non possiamo più stare a guardare quei camion che percorrono le nostre autostrade carichi di esseri senzienti diretti al macello, ai quali, peraltro, è stata negata fin dal principio la vita. A volte accade che qualcuno di questi sfortunati sia adottato, salvato dal macello, dall’allevamento, dal laboratorio di vivisezione. Accade che questi sfortunati siano spesso comprati (contro ogni principio che vorrebbe che la vita, di chiunque, non si debba comprare), a volte recuperati dalla strada perché abbandonati come rifiuti, o più raramente, andando contro la legge, sottratti ai “proprietari”.

Salvare una vita, nonostante i miliardi di altre vite che saranno spezzate, è importante perché ogni Animale è un individuo, I media ci abituano a vederli in gruppi, ammassati, togliendo loro il valore di esseri unici. Ma se proviamo a conoscerli singolarmente, cosa che più spesso ci capita con cani e gatti, ci rendiamo conto che tutti gli animali, anche quelli destinati ad “imbandire” le nostre tavole, sono esseri speciali, diversi uno dall’altro, .con un loro carattere, con aspettative di vita (seppur semplici ai nostri occhi), con le loro emozioni.

Attraverseremo riflessioni e testimonianze per conoscere questo mondo parallelo che non fa notizia sui media ma che è vivo e presente. Vi parleremo, attraverso le persone, di animali sottratti al destino della macellazione e racconteremo del perché sia necessario portare un cambiamento.

Almeno a parole siamo sempre (o quasi) tutti d’accordo che la vita delle donne, degli uomini e dei bambini, di qualunque Paese siano, vada difesa e protetta. Questo non accade per gli Animali. Essi sono considerati dalla maggior parte delle persone esseri da sfruttare a piacimento. E questo avviene in qualsiasi nazione, ricca o povera, avviene fra gente benestante e indigente. Allora, proveremo ad analizzare e a demolire insieme quei preconcetti, per la verità difficili da scardinare, che condizionano il nostro pensiero. Proveremo a dare vita ad un sogno che vorrebbe gli Animali liberi di vivere e di farlo secondo le loro esigenze, restituendo loro la dignità e i loro spazi naturali o, quando non è possibile altrimenti, convivendo in modo pacifico e rispettoso.

Approfondiremo il concetto "dell'altro”, ossia questo nostro modo ingiusto di voler prendere le distanze da uomini, donne o animali che non consideriamo al nostro pari. Comprenderemo come questa distanza ci serva per sentirci a posto con la coscienza quando non li soccorriamo o quando li sfruttiamo. Impareremo che anche semplicemente non dare loro un nome fa la differenza, siano essi Uomini o Animali, poiché quando manca il nome è come se mancasse “la vita”. Queste riflessioni prenderanno forza con le testimonianze dirette. A cominciare da quelle relative agli allevamenti, narrate da chi ci è entrato per lavoro e ha visto cose che gli hanno cambiato la vita, fino ad arrivare alle storie vere di salvataggi e adozioni.

Conosceremo alcuni rifugi per Animali da macello e leggeremo i racconti delle adozioni scritti direttamente dalle persone che si prendono cura degli Animali che hanno salvato. Animali che, comunque, in questo mondo, non trovano un loro posto per vivere liberi, ma devono adattarsi ad una stretta convivenza con chi gli è“amico” per sfuggire a chi li vuole morti.

E ci sorprenderà come questa vicinanza, basata sul rispetto, sia per gli Animali anche motivo di apprendimento e scoperta, come accade più semplicemente pure per i cani e i gatti. Il fatto è che oggi non c’è scelta per loro. Finché non riavranno gli spazi per poter vivere liberi e in sicurezza, la nostra casa sarà la loro “casa”. Almeno per alcuni.


Racconti di animali liberi: Remigia, Ulrike e Maggie
di Cornelia Pfeffer (testo tratto da pp 117 e seguenti)

Remigia è una gallina pesante e grassottella, un pollo da carne, insomma.
Da parecchio tempo un camionista pazzo percorreva di notte le strade delle Langhe, con il camion pieno di gabbiette con polli. Un amico lo aveva visto più volte.
Una notte il camion ha avuto un incidente (non era il primo) e ha rovesciato il carico. Polli impazziti impauriti per strada, polli morti, una strage. Il mio amico è riuscito a prendere una gallina. L’ha chiamata Remigia (il luogo vicino al quale è stata recuperata si chiamava più o meno così..). L’ha portata dal veterinario, l’ha tenuta in casa, nel bagno, in città (Alessandria).

Remigia non era abituata a mangiare normale, mangiava solo mais, ed era un po’ malata. Pian pianino il mio amico l’ha abituata a mangiare normale, l’ha curata amorevolmente, ma certo non poteva restare una vita in bagno. Perciò ha cercato di introdurla nel pollaio di una zia, ma i polli la trattavano molto male, Remigia aveva tanta paura e non osava nemmeno mangiare. Allora l’ha portata da me, e i miei polli l’hanno accolta amichevolmente. Già dopo due giorni Remigia si sentiva a casa.

Ora, è una grande mangiona, accorre subito quando ci si avvicina, pesa un accidente, ma è proprio contenta. È gentile e dolce, ha sempre un pochino di paura quando uno la tocca, si appiattisce un po’, ma capisce subito che non si vuole farle del male.
Il camionista è stato individuato e denunciato. Lo hanno fermato quando è andato a sbattere contro un muro. Gli allevamenti, dai quali portava i polli, non sono risultati abusivi, ma lui prendeva più lavoro di quanto potesse svolgere, e allora correva come un pazzo.

Non che la destinazione dei polli fosse meglio dell’incidente sulla strada... ma oltre all’allevamento di massa, al terrore del mattatoio, gli “regalava” in più ore di terrore puro durante il trasporto, al freddo, poiché non erano protetti contro le intemperie ed il vento, e spesso finivano ammazzati direttamente per strada, abbandonati morti, moribondi o ancora vivi dove erano caduti. Poveri piccoli. Piccola Remigia, che si è salvata grazie al nostro caro amico.

Ulrike e Maggie erano invece due “galline da brodo”. L’estate scorsa avevo fatto un salto al mercato di Alessandria, e lì c’era una bancarella con tante gabbie strettissime piene di galline. Su una di queste c’era scritto “Galline da brodo, 1 anno, 1,60 euro l’una”.

Credevo di non vedere bene. Le galline da brodo provengono dalle fabbriche delle uova, dove, dopo un anno o due, non rendono più abbastanza e sono buone solo per essere bollite. Non potevo prenderle tutte, ne ho scelte due. Il venditore le ha afferrate nel solito modo rozzo e le ha messe in una scatola. Me le sono portate a casa. Ho aperto la scatola in mezzo al pollaio..., e non ci sono voluti nemmeno due minuti perché Maggie ed Ulrike capissero che qualcosa di fondamentale era cambiato nella loro vita. Si sono immediatamente scrollate di dosso tutto il pesante passato.

Tutto era buono, tutto era, per loro, bello: il sole, la pioggia, tutto, specialmente il gallo... Sono state, finché sono vissute, le galline può gioiose ed allegre che ho avuto. Erano curiose e avevano “una marcia in più” delle altre. Non davano nulla per scontato, sapevano cosa vuol dire vivere. Alla prima pioggia, affascinate dall’evento inusuale per loro, sono rimaste fuori a bagnarsi fino all’osso. Allegre come bambini.

Anche il gallo sapeva che erano diverse, era incantato dal loro carattere affettuoso, intraprendente e avventuroso. Scappare dal recinto per mettere sottosopra le aiuole e sradicare il praticello era il loro passatempo preferito. Erano fiduciose e il loro amore era puro. Non so che motivo avessero di amare gli umani. Sono vissute con me per un anno e sono morte a causa di un uovo che, avendo il guscio troppo sottile (come sempre accade alle ovaiole), si è rotto prima di essere espulso e le ha infettate, lo amo tutte le mie galline, ma queste due sono, nel mio ricordo, speciali.


Indice del libro

Introduzione di Dora Grieco e Alberto Manganaro 

Ripartiamo da capo di Dora Grieco 
Gli altri animali di Alberto Manganaro 
Per loro e per loro soltanto di Alessandra Galbiati e Massimo Filippi 
Allevamenti tradizionali: nella vecchia fattoria... di Enrico Moriconi 
Allevamenti industriali: i lager moderni di Enrico Moriconi 
Rifugi di Dora Grieco e Alberto Manganaro 
Introduzione alle testimonianze di Alessandra Galbiati 

RACCONTI DI ANIMALI LIBERI

Due galli in un pollaio di Piero Liberati 
Emilio-Giovanni di Dorothea Friz 
La piccola storia di Gianna, Michele e anche degli altri di Alessandra Galbiati 
Lakshmi e compagni di Claudio, Elisabetta, Francesco e Simone Lolli 
Bianchina e Nerina di Alberto Manganaro 
Remigia, Ulrike e Maggie di Cornelia Pfeffer 
lero e Sheila di Helena Deza Linares 
Pippo di Antonietta Prestigiacomo 
Syd - Piccola biografia di un coniglio di Giovanni Mori e Verbena Giambastiani 
Ryan di Guido Masciello 
I Tre Porcellini di Costanza A. Olschki 
Paperina e Paperino di Adriano, Gloria e Margherita Fragano 
Carlotta di Annalisa Scalià 
Torbiera di Maria Grazia Barbieri 
Il pesciolino di Cavo di Nicola Fontana 
Gino e Caterina di Simona Basilico 
Giulianamucca di Sara d’Angelo 
Alvaro di Sara d’Angelo 

Link di approfondimento 

Bibliografia 


Progetto Vivere Vegan è un'associazione onlus nata nel 2001 a Firenze, che promuove lo stile di vita vegan come condizione necessaria per eliminare la sofferenza degli animali non umani.
L'associazione produce materiale informativo ed organizza eventi e mostre, focalizzando l'attenzione anche su temi importanti quali la salvaguardia dell'ambiente, la disponibilità delle risorse e la salute umana.
www.viverevegan.org

 
Pubblicato da Piero il 04/09/2009 alle 07:31:45, in Notizie sparse, letto 1213 volte

  Dopo una campagna durata sei anni (2003-2009) il governo del Nepal ha deciso di interrompere definitivamente l'allevamento di scimmie per la ricerca biomedica negli Stati Uniti. Questo dimostra che vale la pena avere pazienza e a volte alla fine si vince!

.

Questa vittoria sarà la fine della campagna Gateway to Hell.
La campagna Gateway to Hell è stata interamente funzionale alle scimmie del Nepal e ora che abbiamo vinto questa campagna, gli attivisti potranno finalmente spostare il loro impegno su altri obiettivi specifici.

.

Vogliamo ringraziare tutti coloro che sono stati attivi per questa campagna; speriamo in un impegno simile anche per gli animali in altre campagne!

.

Gateway To Hell team

.

.

30-08-2009 eKantipur, Nepal

.


Circa trecento scimmie che erano destinate ad essere deportate verso gli Stati Uniti d'America, da questa settimana saranno in grado di trovare il loro cibo in libertà, nel loro paese. Una lettera del Ministero per le foreste nepalese, per l'immediato il loro immediato rilascio, sarà inviata a Pravesh Man Shrestha, che è stato l'allevamento scimmie negli ultimi cinque anni.

.

Il Ministro Deepak Bohra ha detto, "Abbiamo deciso di non permettere l'esportazione delle scimmie. Egli ha inoltre aggiunto: " Chiederemo a Pravesh di liberare le scimmie in una settimana. "

.

Maggiori info:

.

http://www.gatewaytohell.net/

.

http://war-online.org/Alert_NepalMonkeys-Safe.htm

 

 

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source