\\ Home : Intervento : Stampa
Roma Muratella. Canile Comunale Occupato Autogestito
Pubblicato da Piero il 26/11/2009 alle 12:22:37, in Notizie sparse, letto 3921 volte

I lavoratori dei canili Municipali del Comune di Roma a seguito della grave situazione venutasi a creare a causa del mancato pagamento della retribuzione e delle gravissime difficoltà che ne conseguono, preoccupati che la situazione si possa prolungare a tempo indeterminato e ribadendo che il salario è un diritto inalienabile, riuniti in assemblea permanente hanno deciso di autogestire il servizio garantendo solamente le attività strettamente essenziali al benessere animale.
Si chiede l`immediato pagamento delle retribuzioni mancanti, lo sblocco della situazione di stallo riguardante il futuro dei lavoratori e le garanzie degli attuali livelli occupazionle e della attuale qualità del servzio dei canili comunali.
Si invitano il sindaco e il consiglio comunale tutto, i cittadini e le cittadine a partecipare all'assemblea che si terrà al canile della muratella a partire dalle ore 16 il giorno 25 novembre 2009.
Comunichiamo inoltre che dalle 16 del 24 novembre 2009 è iniziata l'assemblea permanente dei lavoratori e delle lavoratrici che rimarranno riuniti, occupando lo stabile del canile, fino a quando non saranno risolte le seguenti questioni:

.

-Pagamento immediato degli stipendi e delle retribuzioni arretrati
-Garanzie e certezze sul futuro occupazionale
-Internalizzazione del servizio
-Certezza e qualità della cura degli animali

.

ComitatoDeiLavoratoriCaniliComunali

.

 ------

 .

Da repubblica.it

 

"Non ci pagano" e i dipendenti occupano il canile con 800 randagi.
 Garantiscono tutti i servizi agli 800 animali ma ora il canile della Muratella, in via della Magliana, è stato occupato dai 106 dipendenti. «Siamo da due mesi senza stipendio - dicono i lavoratori - a questo punto siamo stanchi, vogliamo sapere quale futuro ci aspetta». La decisione di chiudere i cancelli viene da lontano, raccontano «perché l´Avcpp, l´Associazione volontari canile Porta Portese, che gestisce la struttura, già da luglio non riceve i pagamenti delle fatture da parte del Comune». E così sino a due mesi fa «l´associazione - proseguono i dipendenti - ci ha versato lo stipendio attingendo dal fondo accantonato per i Tfr, ma ora non ci sono più soldi».

Per fare chiarezza su tutta la vicenda Cgil e la Cisl hanno incontrato, martedì, Paolo Giuntarelli, direttore dell´ufficio Tutela e benessere degli animali del Comune. Una riunione a porte chiuse durante la quale è emerso «che c´è stato un errore amministrativo - spiega Giovanna Catizone, segretario regionale Fisascat Cisl - e che ora ci vorrà una variazione di bilancio. L´errore, però, non lo possono pagare i lavoratori». Ma questo è solo «un aspetto della vicenda», prosegue la sindacalista perché non sappiamo neppure come intende proseguire nel servizio il Comune. Noi chiediamo che venga garantito il lavoro a tutti». Ed è quello che oggi, alle quattro del pomeriggio con una mobilitazione sotto il Campidoglio i dipendenti del canile chiederanno al sindaco. 

-------------------------

.

trasmesso da USI AIT


dopo una giornata di assemblea permanente si continua la lotta con nuove iniziative


COMUNICATO STAMPA

I Lavoratori e le Lavoratrici dei Canili Comunali di Roma sono ancora in assemblea permanente.
Dopo il primo giorno di mobilitazione e comunicazione con i numerosi cittadini che anche oggi sono venuti presso i canili comunali e che ci hanno espresso la massima solidarietà, i lavoratori vedono arrivare le prime risposte del mondo politico alle loro giuste rivendicazioni.
Siamo da due mesi senza stipendio eppure continuiamo a garantire un servizio pubblico di elevato livello.
Per questo continuiamo il nostro percorso in difesa dei nostri diritti proseguendo nell’assemblea permanente e garantendo sempre tutte le prestazioni strettamente legate al benessere degli animali. Convochiamo quindi una mobilitazione per Giovedì 26 Novembre 2009 sotto il consiglio comunale, ed invitiamo i rappresentanti di maggioranza, che sembrano non conoscere la nostra attuale situazione, a ripristinare la legalità garantendo lo stipendio e tutte le procedure necessarie a garantire un servizio pubblico ed efficiente e un futuro stabile per lavoratori-trici dei canili comunali.

.

Per questo ribadiamo le nostre richieste:

.

1 PAGAMENTO DEI NOSTRI STIPENDI
2 INTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO
3 SERVIZIO PUBBLICO E QUALITA’ PER GLI ANIMALI

.

Comitato dei Lavoratori e Lavoratrici dei Canili Comunali

Roma, 25/11/09