RIFUGIO Vieni? Sostienici!
domenica 19 maggio 2019   # Utenti online n.191 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico
Tutti gli articoli.
Ordine cronologico: discendente (il più recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da Piero il 18/03/2010 alle 10:57:31, in anti caccia, letto 3619 volte

.

Ponza. Volontari LAC e CABS con il supporto del NIPAF identificano bracconieri.

.

 

Nonostante l´inverno non abbia ancora lasciato il centro Italia, sull´isola di Ponza i bracconieri si sono giá attivati con le loro trappoline finalizzate alla cattura dei piccoli uccelli migratori. In un sopralluogo realizzato a metá marzo, i volontari hanno rinvenuto una cinquantina di trappole sistemate fra orti e la gariga mediterranea nella zona intorno alla famigerata Piana d´Incenso. Fra le vittime ritrovate nelle trappole: pettirossi, codirossi spazzacamino e tordi bottacci, giá in migrazione sull´isola.
Fortunatamente i forestali del nucleo NIPAF di Latina si sono attivati con controlli accurati e hanno denunciato un trappolatore di CalaFonte, colto sul fatto, mentre un altro é stato filmato e identificato mentre preparava le trappole e le posizionava. Nella zona di Cala Feola, invece, i volontari hanno rinvenuto e rimosso una rete da uccellagione di otto metri, tesa sulla vegetazione con l´ausilio di pali e tiranti. All´interno si trovavano tordi e pettirossi, ormai morti da alcune settimane.

.

 

.

"Evidentemente il cacciatore - dichiara un volontario della LAC Lega per l'Abolizione della Caccia e del CABS Committee Against Bird Slaughter - non si era neanche curato di rimuovere la rete una volta superata la stagione di massimo passo".
La LAC annuncia che verranno eseguiti nuovi controlli durante la stagione primaverile a protezione degli uccelli migratori.

 
Pubblicato da Piero il 11/03/2010 alle 10:20:24, in Notizie sparse, letto 1677 volte

...è nascosto nella pineta di Castel Volturno.

Hanno carni poco pregiate e non danno, ovviamente, latte. La forestale: scaricati da allevatori spregiudicati

.


CASERTA – Non servono al latte, e neppure alla carne così vengono soppressi appena nati e le carcasse gettate alle spalle della pineta di Castel Voturno, dove sorge un cimitero di bufali. Macabra scoperta nella mattinata di oggi, mercoledì, da parte degli uomini del corpo forestale dello Stato, della locale stazione, diretti da Paolo Verdicchio. In una parte della pineta, dove l’acqua assume le sembianze di una palude, sono stati rinvenuti i corpi senza vita di decina di bestie di pochi mesi. Il responsabile della forestale della provincia di Caserta, Nicola Costantino, ha informato la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e disposto una serie di accertamenti tra le aziende zootecniche della zona per identificare i responsabili dell’uccisione degli animali.

.

Guarda VIDEO e ARTICOLO

.

 

SOPPRESSI E ABBANDONATI - Secondo Costantino si tratta di un fenomeno diffuso, i bufalini appena nati vengono strappati dopo uno o due giorni alla madre e lasciati morire nelle campagne, gettati nei canali o nei fossi, soffocati con la paglia o anche seppelliti ancora vivi. Sarebbero stati dunque gli allevatori, proprio perché i bufali maschi al contrario delle bufale non danno il latte alla base della mozzarella e non sono richiesti per la commercializzazione delle carni, a usare uno dei laghetti della pineta di Castel Volturno come cimitero dei bufali. Alcuni erano addirittura ancora integri mentre di altri sono state rinvenute solo le ossa, a testimoniare una pratica prolungata nel tempo.

 
Pubblicato da Piero il 09/03/2010 alle 09:32:40, in anti caccia, letto 1705 volte

[comunicato stampa, 8/3/2010]

.


Caccia/Roma - per la LAC la manifestazione di stamane dei cacciatori oltranzisti è un "patetico tentativo di raschiare il fondo del barile del nostro patrimonio faunistico".

.


   La manifestazione di stamane a Roma indetta dalla Confavi, raggruppamento delle più oltranziste piccole sigle venatorie locali, mira ad utilizzare il clima pre-elettorale per reclamare lo stravolgimento dell'attuale legge 157/92 che disciplina la tutela della fauna e la disciplina del'esercizio venatorio in Italia.
  Di fronte al depauperamento del patrimonio faunistico, allo scadimento qualitatito e quantitativo degli ambienti naturali e rurali, l'unica risposta di cui è capace la parte più retriva dell'associazionismo venatorio, quella che colpisce il delicato capitale internazionale dei contingenti migratori, è reclamare più mobilità interregionale delle doppiette, più giorni di caccia, meno regole, meno zone protette, orari più dilatati, sanzioni più basse per i bracconieri e via dicendo.

.


  Una politica del segare il ramo su cui si è seduti assolutamente inaccettabile. La Lega per l'Abolizione Caccia, consapevole del maggioritario sentimento di disprezzo degli italiani per pratiche anacronistiche e distruttive, auspica che la Camera torni indietro rispetto alla recente scelta del Senato di consentire alle Regioni - con il ddl "comunitaria 2009"-  la dilatazione della stagione di caccia, senza condizionamenti del peggior stampo elettoralistico.

.


 
 

Lega Abolizione Caccia, Ufficio Stampa

 
Pubblicato da Piero il 26/01/2010 alle 21:21:11, in Diario di ValleVegan, letto 2541 volte

Sabato 20 febbraio conferenza su VEGANISMO, ANTISPECISMO, VALLEVEGAN. Dalle ore 19 alle 22. Proiezione video e dibattito.

.

.

Dal 23 gennaio al 27 marzo 2010, per 10 sabato consecutivi, l’Associazione Volontari Canile di Porta Portese promuove l’apertura all day del canile comunale Muratella, dalle h. 10 alle h. 22.

.

 

Il maltrattamento degli animali e le attività delle guardie zoofile italiane. Ma anche la cultura vegetariana, il corretto rapporto uomo-animale-bambino, il bracconaggio e la caccia, il veganesimo, l’ospedale degli animali selvatici di Roma e la pet therapy.    
Per 10 sabato consecutivi, dal 23 gennaio al 27 marzo 2010, il canile comunale di Roma Muratella si apre all day, dalle 10 del mattino alle 10 di sera, per un viaggio che oltre alle adozioni di cani e gatti, permetterà il racconto di una giornata di lavoro o di volontariato dentro un canile e poi, in serata, un momento di approfondimento di argomenti spesso conosciuti solo “per sentito dire”.

.

 

Esperti Lav-Lega Anti Vivisezione, Enpa-Ente Nazionale Protezione Animali, Oipa-Organizzazione Internazionale Protezione Animale, Lac-Lega Abolizione Caccia, Lipu-Lega Italiana Protezione Uccelli, AVCPP-Associazione Volontari Canile di Porta Portese, AVA-Associazione Vegetariana Animalista, INSCA-Istituto Nazionale per lo Studio del Comportamento Animale, biologi, zoologi, vegani e antispecisti della Fondazione ValleVegan, docenti di Pedagogia e Psicologia cinofila, comportamentalisti ed educatori cinofili, fondatori di scuole di addestramento e di cultura cinofila, si confronteranno in tavole rotonde che si concluderanno con un buffet vegetariano ed un gentile omaggio che porta la firma dell’Associazione che ha promosso l’iniziativa, l’Associazione Volontari Canile di Porta Portese che gestisce i canili comunali di Roma dal 1997.

.

.

 
Pubblicato da Piero il 25/01/2010 alle 14:30:55, in anti caccia, letto 2490 volte

Dalle trappole dei bracconieri ai numeri della morte: perchè la scienza e l'animalismo dicono NO ALLA CACCIA

.

 

Sabato 13 febbraio 2010, Carlo Consiglio, Presidente LAC già docente di Zoologia all'Università di Roma La Sapienza, Piero Liberati, delegato LAC e Andrea Attanasio, biologo ed esperto anti-bracconaggio, incontrano i cittadini all'indomani dell'approvazione in Senato della caccia no-limits in Italia

.

 

Tutti i dati relativi ai decessi (uomini, bambini, animali) causati dalla caccia in Italia nel corso del 2009 e i risultati di un recentissimo sondaggio operato in Italia sul gradimento degli italiani alla caccia. Oltre alla presentazione di tutte le trappole (compresa la micidiale trappola esplosiva) utilizzate dai bracconieri per
catturare ed uccidere le prede, piccoli e grandi mammiferi e volatili, e video in cui vengono mostrate le lesioni che i cani riportano durante le battute di caccia estreme cui sono sottoposti e le condizioni di vita che spesso devono sopportare quando sono "a riposo".

.

 

Una conferenza assai cruda ed interattiva quella che SABATO 13 FEBBRAIO alle ore 19 il presidente della Lega Abolizione Caccia, Carlo Consiglio, già docente di zoologia all'Università La Sapienza di Roma,
Piero Liberati, delegato LAC e Andrea Attanasio, biologo ed esperto anti-bracconaggio, condurranno nel Canile Comunale di Roma Muratella nell'ambito dell'iniziativa "Open Muratella 2010".

.

 

Carlo Consiglio e Piero Liberati illustrerano le recenti campagne della LAC dal titolo "Togli la terra ai cacciatori" per difendere i terreni privati dalle incursioni dei cacciatori, e la campagna "Isole sicure" per il monitoraggio di come in isole del Mediterraneo come Ponza, il Giglio, Cipro e Malta, l'utilizzo indiscriminato delle armi da fuoco rischia di sterminare gli uccelli migratori e gli animali selvatici stanziali. Il tutto all'indomani dell'approvazione, in Senato, dell'articolo 38 della Legge Comunitaria che cancella i limiti
della stagione venatoria attualmente contenuti tra il 1 settembre e il 31 gennaio di ogni anno.

.

 

"Open Muratella 2010" è l'ultima iniziativa dell'Associazione Volontari Canile di Porta Portese per tenere aperto il canile comunale di Roma ai cittadini: dal 23 gennaio al 27 marzo 2010, per 10 sabato consecutivi, dalle ore 10 alle ore 22 i cittadini potranno recarsi in canile per adottare cani e gatti, visitare il canile/gattile e farsi raccontare una tipica giornata di lavoro e di volontariato all'interno del più grande canile d'Europa e fermarsi la sera per una conferenza-dibattito con buffet vegetariano.

.

 

Canile Comunale di Roma Muratella, via della Magliana 856, Roma
Per informazioni:
info@iolibero.org, cellulare 333 2065453, www.iolibero.org

 
Pubblicato da Piero il 24/01/2010 alle 19:50:07, in Veg(A)Roma, letto 2102 volte
 
Pubblicato da Piero il 04/01/2010 alle 14:16:19, in romantispecismo, letto 1826 volte
 
Pubblicato da Piero il 21/12/2009 alle 04:34:00, in romantispecismo, letto 2702 volte

.

Riportiamo gli articoli di alcune importanti testate giornalistiche su una clamorosa protesta della Campagna AIP "Attacca l'Industria della Pelliccia". (20 dicembre 2009)

.

Da "Repubblica"

.

 

Protesta anti pellicce, due ragazzi appesi al cornicione della Rinascente.
Clamorosa manfestazione di un ragazzo e di una ragazza che si appesi ad un cornicione del palazzo che ospita il grande magazzino in piazza della Repubblica. I due giovani contestano la vendita di capi con inserti di pelliccia, vendita che era stata esclusa da un accordo con le associazioni animaliste. All'arrivo dei vigili del fuoco gli attivisti dell'Aip si sono issati alla ringhiera del bar all'ultimo piano dell'edificio. Quattro denunciati. Due giovani, un ragazzo e una ragazza, si sono calati dalla terrazza sul cornicione del palazzo della Rinascente, nella centralissima piazza della Repubblica, per protestare contro la vendita di capi con inserti di pelliccia nei punti vendita della catena di grandi magazzini. I due appartengono ad Aip, una rete di gruppi che protesta contro l'uso della pelliccia di animali per l'abbigliamento.

.

 

I due giovani, legati con corde, sono rimasti in piedi sul cornicione al quinto piano dell'edificio. Appena saliti hanno lanciato volantini nei quali si spiega che "nella primavera del 2007 i grandi magazzini La Rinascente hanno firmato un impegno per una politica aziendale fur free. L'impegno da parte di Rinascente - si legge dal volantino - era quello di arrivare ad una piena attuazione di tale politica alla fine dei saldi del gennaio 2009. Nei mesi di settembre 2009 ci siamo trovati invece a verificare la presenza di capi con inserti di pellicce all'interno di tutti i punti vendita La Rinascente in Italia".

.

 

Sotto il palazzo si è riunita una grande folla di persone che erano in centro per lo shopping. Sono intervenuti polizia municipale, polizia e vigili del fuoco con un'autoscala. Dopo circa mezz'ora, mentre i vigili del fuoco stavano salendo con la scala per indurli a scendere, i due ragazzi si sono issati sulla ringhiera del bar che si trova all'ultimo piano della Rinascente, e sono risaliti concludendo la loro manifestazione.

.

 

Alla fine la polizia ha denunciato un fiorentino di 33 anni, un trentunenne di Faenza, un ragazzo di 26 anni di Como e una giovane di 22 anni di Milano. 

.

 

Da "La Nazione"

.

 

Protesta contro la vendita di pellicce alla Rinascente.
I due protestavano per la vendita di capi con inserti di pelliccia nei punti vendita della catena di grandi magazzini.

.

Firenze, 20 dicembre 2009 - Piazza della Repubblica teatro di una dimostrazione contro l'uso di pellicce e la vendita di capi con inserti di pelliccia nei punti vendita della catena di grandi magazzini. Autori della protesta sono stati due giovani che si sono calati dalla terrazza sul cornicione del palazzo della Rinascente, nel cuore del centro storico. I due appartengono ad Aip, una rete di gruppi che protesta contro l'uso della pelliccia di animali per l'abbigliamento.

.

Erano legati con corde, in piedi sul cornicione al quinto piano dell'edificio, hanno lanciato volantini nei quali si spiega che ''nella primavera del 2007 i grandi magazzini La Rinascente hanno firmato un impegno per una politica aziendale fur free. L'impegno da parte di Rinascente - si legge dal volantino - era quello di arrivare ad una piena attuazione di tale politica alla fine dei saldi del gennaio 2009. Nei mesi di settembre 2009 ci siamo trovati invece a verificare la presenza di capi con inserti di pellicce all'interno di tutti i punti vendita La Rinascente in Italia''.

.

Grande folla di persone, sotto il palazzo. Sul posto è intervenuta la polizia municipale, polizia e vigili del fuoco con un'autoscala. Dopo circa mezz'ora, mentre i vigili del fuoco stavano salendo con la scala per indurli a scendere, i due ragazzi si sono issati sulla ringhiera del bar che si trova all'ultimo piano della Rinascente, e sono risaliti concludendo la loro manifestazione.

.


Da "ANSA"

.

 

Firenze: protesta contro vendita pellicce.
Giovani si calano da cornicione palazzo Rinascente, denunciati
20 dicembre, 18:31

.


(ANSA)- FIRENZE, 20 DIC -Due giovani si sono calati dalla terrazza sul cornicione del palazzo della Rinascente per protestare control'uso della pelliccia di animali. I 2, un ragazzo e una ragazza, hanno lanciato volantini nei quali si denuncia il mancato rispetto della Rinascente di un accordo per una politica aziendale fur free. Sono intervenuti polizia e vigili del fuoco per indurli a scendere. Sono state poi denunciate 4 persone, le 2 che si sono calate sul cornicione piu' altre 2, per manifestazione non preavvisata.

 

 
Pubblicato da Piero il 19/12/2009 alle 13:28:48, in anti caccia, letto 2457 volte

TOGLI LA TERRA AI CACCIATORI

ABOLIZIONE DELL'art.842  DEL CODICE CIVILE

.

Scopri come impedire ai cacciatori di entrare nella tua proprietà

.

 

L’eliminazione dell’articolo 842 del Codice Civile, che permette ai soli cacciatori di entrare nella proprietà privata altrui, è un obiettivo “storico” per la LAC, che ha promosso persino un referendum per abrogarlo e, più recentemente, una petizione che sta riscuotendo unanime successo.
L’articolo 842 del Codice civile, commi 1 e 2 recita: “Il proprietario di un fondo non può impedire che vi si entri per l’esercizio della caccia, a meno che il fondo sia chiuso nei modi stabiliti dalla legge sulla caccia o vi siano colture in atto suscettibili di danno. Egli può sempre opporsi a chi non è munito della licenza rilasciata dall’autorità.” La Legge 157/92 per la protezione della fauna selvatica stabilisce il divieto d’ingresso nei fondi, purché questi siano recintati per tutto il loro perimetro con una rete metallica, o un muro, di altezza non inferiore a mt 1.20, oppure delimitati da corsi d’acqua perenni il cui letto deve essere fondo almeno 1.50 mt e largo non meno di 3 metri. In base alle disposizioni della Legge 157/1992 e dell’art. 842 del Codice Civile, risulta così garantita soltanto la proprietà di quei cittadini che possano permettersi costose recinzioni.
Questo stato di cose, che risale all’epoca della legislazione del ventennio, rappresenta una violazione del principio di uguaglianza dei cittadini, sancito dalla Costituzione italiana, che devono godere tutti degli stessi diritti davanti alla legge (art. 3) e che devono vedere assicurato il loro diritto assoluto alla proprietà privata riconosciuta e garantita dalla Costituzione in maniera esclusiva (art. 42). La legge prevede però che il conduttore che desideri escludere il suo fondo dalla programmazione venatoria senza doverlo recintare, possa farlo secondo precise modalità e tempi previsti dalle Regioni di appartenenza: il proprietario o conduttore deve inoltrare, entro 30gg dalla pubblicazione del piano faunistico venatorio, al presidente della propria giunta regionale una richiesta motivata che viene esaminata nel termine di 60 giorni. La Regione demanda solitamente all’autorità provinciale la competenza dei Piani territoriali di caccia, quindi il proprietario o conduttore del fondo che si vuole sottrarre all’attività venatoria deve rivolgere la propria istanza alla Provincia di appartenenza.
Perché la richiesta possa essere accolta essa non deve contrastare con la pianificazione territoriale ai fini venatori, oppure deve rientrare in uno dei casi specificamente individuati con norme regionali. Tra questi casi si considera il contrasto tra l’attività venatoria e l’esigenza di salvaguardia di colture specializzate, siano esse condotte con sistemi sperimentali o a fine di ricerca scientifica, ovvero quando siano motivo di danno ad attività di rilevante interesse economico, sociale o ambientale. Questo iter si rivela complesso e non privo di difficoltà per i proprietari di fondi, e spesso la domanda alla fine viene respinta dalla Provincia con motivazioni che fanno pensare a una eccessiva attenzione alle richieste del mondo venatorio, più che a quello dei proprietari dei terreni. Bisogna considerare i gravi danni causati dall’ingresso di squadre di cacciatori impegnati, ad esempio, in una battuta al cinghiale, dei loro fuoristrada, delle mute del loro cani, per non parlare dell’uso delle armi troppo vicino alle case che costituisce un pericolo reale per persone e animali domestici purtroppo documentato quotidianamente dai giornali. Per tutti questi motivi, la Lega per l’abolizione della caccia ha scelto di rivolgersi direttamente ai proprietari dei terreni e ai loro conduttori che vogliano far valere il proprio sacrosanto diritto a proteggere la loro proprietà privata dai cacciatori, offrendo gratuitamente informazione e assistenza per compilare la domanda di esclusione del fondo dall’attività venatoria, e assistenza legale nel caso sia necessario fare ricorso contro un parere negativo da parte della provincia. Fin qui le premesse.
La LAC, come dicevamo, ha promosso la raccolta di firme per l’abolizione dell’articolo 842 (insieme ad Oipa, LAV ed Enpa), le prime 100.000 delle quali sono già state consegnate in occasione della conferenza stampa di presentazione delle proposte di legge di Donatella Poretti e altri, il 28 ottobre scorso a Roma.
Ma la LAC rilancia la campagna, affidandola ad uno studio grafico pubblicitario di Milano, entusiasta e sinceramente contrario alla caccia, lo Studio di Franco Bellino.

.

 

Ecco come Franco Bellino presenta l’iniziativa:
“Molte cose conosce la volpe; il riccio una sola, ma importante.”
“Su questo misterioso frammento attribuito ad Archiloco (VII secolo a.C.), la LAC ha costruito la propria strategia di comunicazione per il 2008-2009. Un solo obiettivo, però molto importante.
Un solo obiettivo, però concreto, realistico e raggiungibile anche in breve tempo. Poiché l’appello diretto ai cacciatori affinchè rinuncino a cacciare è probabilmente velleitario e sicuramente ininfluente, la LAC ha deciso di togliere il terreno sotto i piedi dei cacciatori. Ha scelto quindi di rivolgersi direttamente ai proprietari dei terreni, i quali per la bizzarria (eufemismo) della legge italiana non sono padroni in casa propria. Un cacciatore può infatti entrare armato in qualsiasi terreno privato, anche se coltivato, e sparare e uccidere. Ma non basta : il proprietario del terreno, del giardino, dei campi coltivati e dei vigneti – o recinta fino all’ultimo centimetro la sua proprietà - oppure, per tenere i cacciatori fuori da casa sua, deve fare domanda scritta alle propria Provincia. Ricevuta la domanda, la Provincia –spesso per motivi di interesse squisitamente intere$$$ato - il più delle volte la respinge. Questo rifiuto è cosi frequente, che la LAC ha deciso di offrire assistenza legale gratuita a quei proprietari che trovano (e ce ne vuole!) il coraggio di respingere da casa propria chi entra per uccidere. “Chi si difende, la LAC lo difende. Gratis”. Un’associazione come la LAC, che ama e protegge tutti gli animali, non poteva però, tornando ad Archiloco, dimenticare la lezione della volpe che “conosce molte cose”. Da qui la decisione di raggiungere quell’unico obiettivo strategico – sottrarre terreno ai cacciatori - percorrendo però molte diverse strade. Ecco allora sulla stampa persone reali, con il loro nome e cognome e indirizzo, che mettono la propria faccia e raccontano la propria esperienza.
In una pletora di ‘testimonial’ strappati al mondo dello spettacolo e dello sport, questi sono invece semplici eroi del quotidiano, donne e uomini veri, protagonisti di una battaglia che combattono per la difesa dei propri diritti, per la protezione di innocenti animali e in fondo anche per il bene di ognuno di noi. Ecco invece che sulla Rete, ma presto anche nei cinema, sulle TV locali e nazionali e forse sui cellulari, prendono la parola altri testimonial: personaggi di risonanza mondiale. Ognuno di questi spot, molti ed ognuno diverso dall’altro e ciascuno di costo vicino a zero, è un efficace esempio di comunicazione interattiva : uno spot creato in diretta dal telespettatore stesso, che si trasforma da spettatore passivo in protagonista e visualizzatore di un messaggio. Da un’unica strategia di comunicazione, nascono perciò per la campagna LAC 2008/09 due diversi linguaggi. Testimonianze reali di persone reali in media che consentono un’argomentazione razionale e il tempo per riflettere : stampa-affissionemail.
Invece parodia di personaggi pubblici e tono auto-ironico per i media (TV-cinema-web-cellulari) nei quali l’approccio è inevitabilmente più superficiale e il messaggio deve possedere anche immediate valenze di spettacolarità e simpatia” Preparate le foto e gli spot, audio e video, abbiamo intanto deciso di far trasmettere le tre imitazioni all’emittente radiofonica Radio Popolare Network, che li ha proposti a rotazione nelle giornate del 29 e 31 ottobre, e 3, 4 e 5 novembre, su scala nazionale. Abbiamo poi chiesto il patrocinio di Pubblicità Progresso che, se accordato, ci permetterà di far pubblicare e trasmettere i messaggi gratuitamente in tutta Italia dalla stampa, e dai media radio televisivi. La diffonderemo poi naturalmente tramite i nostri canali (sito web, “Lo Strillozzo”, liste mail di associati e simpatizzanti, e la inseriremo su YouTube per un’ampia diffusione online. Ognuno avrà l’occasione di aiutare a diffonderla, tutti la potremo proporre e far sentire. Il target al quale la LAC intende rivolgersi è quindi la vasta schiera di proprietari e conduttori di terreni che giornalmente si trovano minacciati dai cacciatori e che non sanno come fare per impedirne l’accesso, ma anche più generalmente l’opinione pubblica nazionale.
Se vogliamo identificare sociologicamente i proprietari in questione, si tratta soprattutto di persone di estrazione cittadina che hanno scelto di vivere in campagna per un proprio desiderio di vita più vicina alla Natura, quindi rispettosi della campagna e degli animali e sensibili all’etica e ai principi della non violenza. Non di meno, la categoria dei proprietari di agriturismi si sente minacciata dall’eccessiva vicinanza dei cacciatori e vede in essi un chiaro detrimento economico alla propria attività in campagna. Importante anche la categoria dei coltivatori di essenze pregiate (quali ad esempio viti, alberi da frutto, erbe officinali, funghi e tartufi), che vedono distrutta la propria produzione dalla quotidiana invasione dei cacciatori.
E’ quindi un chiaro invito ad agire quello che la LAC rivolge a queste persone, a far valere un proprio diritto, grazie all’assistenza che l’associazione mette a disposizione gratuitamente.
Le numerose richieste in tal senso che già sono pervenute alla LAC fanno pensare che questo sia un bisogno sentito e diffuso su tutto il territorio nazionale, di cui vale la pena occuparsi in concreto.

.

Affronta disarmata due uomini armati, li mette in fuga... e poi non paga nemmeno l'avvocato che la difende! Leggi la storia di Diana.

.

 

Anche loro hanno deciso di togliere i loro terreni ai cacciatori:
Personaggio 1     Personaggio 2    Personaggio 3

.

 

Se anche tu hai un terreno e lo vuoi vietare alla caccia, contattaci.

.

 

Lega Abolizione Caccia:
EMail:
info@abolizionecaccia.it
www.abolizionecaccia.it

Tel/Fax: 0247711806

 
Pubblicato da Piero il 18/12/2009 alle 20:01:30, in Notizie sparse, letto 1723 volte

Riceviamo e diffondiamo queste due analisi-risposte all'articolo pubblicato su Machete n°4

.

"Anche se l'articolo La zampata della vita risulta approssimativo e superficiale, assumendo toni provocatori più che critici attraverso l'uso di luoghi comuni,  mi accingo comunque, in maniera non molto difficoltosa ma piuttosto prolissa data la natura boriosa dello stesso, a rispondere.

.

 

Prima risposta a "La zampata della vita".

ALLA ZAMPATA DELLA VITA RISPONDO CON UN COLPO DI CODA

.

 

Nell'articolo menzionato, apparso sul numero 4 di Machete, si contrappone un attivismo radicale in difesa delle creature più deboli all'antispecismo definito come una teoria che incita alla loro sacralizzazione, sostenendo che il primo apre le gabbie e il secondo conforma i cervelli spacciando per etica ciò che è morale . Peccato però che la maggior parte delle rivendicazioni di liberazione animale al loro interno utilizzino spesso la parola antispecimo.  Chi scrive sembra non considerare che aprire le gabbie significa riconosce bisogni e necessità anche agli altri animali, primo fra tutti quello alla libertà, una pratica che supporta una teoria, quella antispecista.

.

 

Certamente in queste righe parlerò come antispecista e non come portavoce di un movimento, parlerò da individuo quale sono e non come membro di una massa.

.

 

L'antispecismo come predisposizione mentale non sostiene l'inviolabilità di altre esistenze ma il semplice superamento delle barriere antropocentriche che pongono l'essere umano al centro di un universo in cui gli altri esseri viventi sono solo risorse da sfruttare fino all'esaurimento, In questo quadro generale tutti gli Stati e le varie istituzioni sono contraddistinti da una filosofia specista, L'antispesicmo diviene allora una visione del mondo  in cui l'umano è una forma di vita tra le altre forme di vita, un animale tra gli altri animali che non dovrebbero essere considerati come macchine, proprietà o risorse la cui ragione di esistenza è il consumo umano.
Qui non c'è il rispetto di OGNI Vita, come tende a sottolineare l'articolo, ma di quelle vite deboli sottoposte al dominio umano, di quegli schiavi silenziosi   nascosti dietro muri, non solo di cemento, ma di ignoranza. Un'ignoranza politica che non assolutizza l'unica parola assoluta, libertà, ma che la rinchiude dentro gabbie mentali di distinzione di specie “dall'oppressione di alcune specie animali si passa al rapporto che si deve avere con ogni specie “ come se solo alcune classi di animali fossero sottoposte al dominio umano. Relativizzare ancora una volta.
Continuando la lettura del testo autori quali Singer e Regan vengono descritti come profeti di una nuova religione mentre sono solo filosofi paragonabili a Bakunin o Kropotkin e cosa assurda si vuole far passare il loro pensiero come il pensiero unico del “movimento antispecista”...sarebbe come dire che tutti gli anarchici sono stirneriani. Scrivere “gli antispecisti alla Singer o alla Regan” è non considerare che ci sono antispecist* che non si riconoscono in questi due autori, insomma è come dire “gli anarchici alla Malatesta o alla Proudhon o vattelapesca” senza riconoscere che ci siano anarchici che non hanno filosofi di riferimento.

.

 

Analisi interessante, che non viene nemmeno sfiorata dall’articolo apparso su questo aperiodico anarchico è  la differenza abissale tra le lotte per l'emancipazione umana e la lotta antispecista: nel primo è lo sfruttato a lottare perché il suo sfruttamento termini, nel secondo è una parte degli oppressori che combatte l’oppressione di cui, facendo parte della specie dominante, sono portatori.
E’ assurdo pensare che gli altri animali sottoposti al dominio umano possano, in qualche modo, sovvertire il sistema di cui sono vittime.

.

 

Sostenere che  l'analogia tra razzismo, sessismo, omofobia e specismo, ovvero la supposta superiorità di chi appartiene ad una determinata categoria eletta socialmente, sia un ossessione significa sminuire il loro reale significato e non considerare la gerarchia ahimè esistente tra razze, sessi, generi o specie presente in questo tipo di società. Ciò che si rifiuta è quindi la discriminazione utilizzata per disporre della vita e della libertà di una essere senziente e non la diversità biologica che intercorre ed è per questo che quando  parlo di animali lo faccio da essere umano, perché è ciò che sono, e il mio “interesse”semplicemente si riferisce a esigenze vitali quali la sopravvivenza e la libertà allo stato selvatico e non come si è voluto intendere in senso capitalistico.
Proseguendo si legge “È straziante notare nella stragrande maggioranza delle analisi antispeciste la totale assenza di ogni riferimento culturale” mentre la  lotta contro l'antropocentrismo è pregna di una profonda analisi anti-civilizzazione e l'anarchismo verde trasuda una tensione palpabile verso lo specismo ovvero verso il dominio umano nei confronti del vivente.
Ed è proprio qui l'errore di chi ha scritto, il non ritenere l'antispecismo una lotta contro il dominio non solo intraspecie (umano sull'umano) ma interspecie (di un animale sugli altri animali); il nocciolo non è riconoscere lo sfruttamento umano e/o quello animale, la questione è riconoscere lo sfruttamento. Ineludibile il fatto che il secondo include il primo e non viceversa per il semplice fatto che l'essere umano è un animale e come tale dovrebbe comportarsi, rinunciando ad ogni cosa che abbia compromesso la sua natura selvaggia trasformandolo in un animale addomesticato in nome della civilizzazione.
Di certo non ci si aspetta qualcosa da coloro che ciechi dinnanzi alla sofferenza umana continuano nella riproduzione quotidiana della vita piuttosto si spera che quelli che hanno sentito empaticamente questo sopruso scavino più in profondità per sentire anche le urla più sommesse, le urla dei più deboli tra i deboli: gli animali-non-umani.
È all'interno del contesto sociale che il veganesimo prende forma non come dogma ma come consapevole atto politico di astinenza da una pratica di sfruttamento, come resistenza ad una logica di dominio, come azione quotidiana di rifiuto. Non ci si può arroccare dentro la torre della scelta personale, così facendo si giustifica lo sfruttamento tout court e si annulla il peso politico che ogni azione comporta.
Si sostiene che esista una riga di confine che ognuno traccia ma il nodo fondamentale è che finchè esisterà questo sistema nessuna riga di delimitazione sarà accettabile: il mocassino in finta pelle non deve tacere la coscienza critica ma anzi ampliarla. Non si sta dichiarando che il veganesimo sia la scelta migliore ma solo la meno peggiore in questo scenario  e nemmeno la si vuole proporre come obbligo morale (nessuna lotta antiautoritaria si propone come tale) ma si ricerca il riconoscimento di punti comuni, primo fra tutti la libertà; “[...]stabilire COSA si possa mangiare o COSA non si possa mangiare. È inaccettabile!” io invece trovo inaccettabile che dopo righe e righe di retorica sulla terminologia che si rifà a valori del capitale l* stess* scrittore/ice mercifichi miserabilmente gli altri animali: con quel “cosa” ha trasformato dei soggetti in oggetti.
Consumare la sofferenza è un affare, in tutti i sensi, del nostro modello sociale.
Ciò su cui si basa il veganesimo, come atto politico, è una verità oggettiva (come lo sono tutti i tipi di sfruttamento fisico) che si basa sull'esperienza, una realtà: chiunque può andare in un macello o in un
allevamento e osservare da sé lo sfruttamento e la tortura. Se accettiamo che non esistono verità neppure l'autoritarismo, la gerarchia, il capitalismo, il militarismo lo sono eppure le varie individualità
anarchiche agiscono affinchè queste cessino e a nessuno viene in mente di dire che queste lotte, derivando da fatti oggettivi, siano costrizioni morali.
Nessun atto politico è per natura individuale giacchè il personale è politico. Ogni scelta, per quanto singolare, comporta delle conseguenze ed è di queste che ci si fa carico, è questa la responsabilità dinnanzi a cui si è chiamati a rispondere. Non si può far affidamento alla coscienza personale perchè ci sono persone che non hanno coscienza e allora come fare? Non credo che nanobiologi o lobbysti ne possiedano una; questo non significa conformare le menti ad un delirio collettivo ma semplicemente considerare il peso che ogni azione comporta.
Solo riconoscendo loro lo status di soggetti, e non di oggetti, non ci si comporterà da sfruttatore  e nemmeno ci si renderà complici di siffatte torture. E il mangiar brandelli di una animale in questo preciso contesto storico, politico e culturale non è compiacere le logiche di dominio che trovano negli animali non umani schiavi incapaci di ribellarsi, non per condizione mentale ma fisica? Non è forse su di essi che lo sfruttato diventa a sua volta sfruttatore come per una sorta di rivalsa?
Poi esistono contesti nei quali nutrirsi di un altro animale non comporta una sua sistematica uccisione e reificazione come nel caso delle tribù selvagge le quali rifiutando la civilizzazione non hanno conosciuto il
modello industriale di produzione. Queste realtà non si nutrono di carne quotidianamente e cosa più importante non si conformano ad un modello di allevamento/deportazione ma bensì a quello di caccia/raccolta, come giustamente descritto nel brano e personalmente mi trova d'accordo nel sostenere “Allorché questa industria infame dovesse scomparire, insieme al mondo di cui è espressione, c'è da credere che si ritornerebbe alla caccia” ma se questa industria è infame perchè non rinunciare al nostro ruolo di consumatori?
Il ritornello “Io voglio mangiare quello che mi piace” sarebbe ammissibile in un mondo privo da ogni forma di dominio, un mondo in cui delle gabbie sono rimaste solo le macerie ma dovremmo essere realisti e constatare che è impossibile in questa società rimanere neutrali, che “ogni singolo individuo può cambiare le cose, il modo in cui le cambiamo dipende da noi, perchè la scelta è nostra.” E' il nostro agire quotidiano che permette alla teoria di svestire i panni della retorica per divenire azione, quell'incantevole parola in bocca a tanti anarchici. Il veganesimo non rappresenta altro se non un'azione di libertà in questo mondo di prigioni.
Lo sbaglio che si commette è di considerare la mortificazione dei sensi, la RINUNCIA alla carne, al latte alle uova, al miele etc, che un vegano compie trascurando in maniera evidente  che ciò che si rifiuta è un prodotto derivante dallo sfruttamento, quindi ciò a cui si rinuncia è lo sfruttamento!
Segni lampanti di qualunquismo presenti nell'articolo sono rintracciabili nel “Tanto varrebbe far notare che il fiore strappato appasisce in fretta, ciò denota una sensibilità, la fine di una vita, quindi...” e chi ha mai
sostenuto il contrario, ovvero che le piante non siano anch'esse vita? Non starò a farmi forte del fatto che gli animali sono esseri senzienti che percepiscono il dolore “grazie” alla presenza di un sistema nervoso più
complesso, queste speculazioni scientifiche le lascio a chi non ha argomentazioni migliori. Io dal canto mio ritengo che l'agricoltura e l'allevamento siano i due pilastri fondamentali sui quali si erige la civilizzazione, esempi lampanti di come l'essere umano ha manipolato ciò che lo circonda per interessi (intesi come rapporti di potere) personali, mettendo in pratica appunto un principio antropocentrico: che il mondo gli appartiene.
Fatta questa premessa se il vegano “sostiene” l'agricoltura quale strumento di sopraffazione per controllare cicli al di fuori della sua portata ecco che allora l'onnivoro si avvale di entrambe; è inoltre indubbio che un qualsiasi essere vivente debba nutrirsi per sopravvivere, in questo caso il veganesimo diventa solo la scelta meno peggiore.  Usare come argomentazione la mancanza totale di coerenza, insita in ogni scelta effettuata all'interno di un sistema in cui siamo tutti intercalati quale risultato dei compromessi che ognun* è costretto a fare, per difendere la propria incoerenza mi sembra un atteggiamento mediocre degno del più misero pensiero; a dimostrarlo in maniera ancora più lampante è la testuale frase “Il risultato è che mentre gli onnivori stanno attenti a venire incontro ai principi dei vegani, la maggior parte di loro non fa niente per venire incontro ai gusti degli onnivori.” Non capisco se il significato di questa frase sia da intendere che  i vegani dovrebbero cucinare ciò che “sollazza” i palato dei mangiatori di animali oppressi (e se così fosse non ci sarebbero parole per rispondere a questa ottusità) o se invece si riferisce alla soia e ai suoi derivati (ed in questo caso direi che far conoscere a chi crede che i vegani si nutrano solo di insalate e paste al pomodoro, piatti più complessi non è poi così un male, certamente sostituire cibo spazzatura non vegano con cibo spazzatura vegano non ne migliora la qualità). In questo modo si è passati però dall'antispecismo, come fiolosofia politica, al veganesimo, come sterile regime alimentare, che è sì una sua espressione pratica ma letta nella sua totalità e non smembrata dal resto delle proprie tensioni politiche che porterebbe inevitabilmente a compiacersi per il solo fatto di essere vegani...ma è proprio quest'ultima concezione che l'antispecismo cerca di spronare a livello di coscienza politica, sostenendo che la teoria debba diventare prassi e che il solo fatto di essere vegani non possa bastare per mettere fine allo sfruttamento e al dominio. E' proprio l'inclusione del vivente come soggetto di mercificazione da parte dello Stato e del capitale che rende questa filosofia una lotta a 360 gradi.

.

 

Mi chiedo poi che cosa faccia un animale per conquistarsi il nostro astio, e poi l'antipatia e il suo opposto, la simpatia, non sono concetti morali di riferimento come buono o cattivo? io la gallina la trovo brutta ma non
per questo mi pongo a giudice della sua condanna.
Si legge “Ammesso e non concesso che esistano delle leggi della natura universali perché dovrei supinamente conformarmi ad esse? E se volessi sfidarle?” ma non è quello che da millenni provano a fare sedicenti scienziati, biologi, biotecnologi, etc? Sfidare la natura portandoci al collasso, alla distruzione del pianeta che abitiamo insieme ad altri?

.

 

Un animale umano"

.

-------------------------------------------------------------------------------------

.

Seconda risposta a "La zampata della vita".

.

LEGGENDO LA ZAMPATA DELLA VITA...

.


Leggendo "La zampata della vita", articolo sull'antispecismo apparso su "Machete" di luglio, nel mio piccolo ho ritenuto che potesse essere un ottimo spunto per me (e magari anche per altri individui) per fare i conti con il proprio passato, di militanti animalisti.
In questo senso sono svariati i punti che condivido dell'articolo, e alcuni di essi li ritengo tra i motivi che mi hanno indotto ad allargare (o per certi versi RESTRINGERE) il mio persorso di lotta ad altri ambiti: penso per esempio ad un certo settarismo, o meglio, alla necessità pratica di concentrarsi solo sul tema animalista per riuscire a portare avanti al meglio le varie campagne di lotta.... purtroppo questa necessità porta all'atto pratico, ad un'altra necessità (o è una celta): quella di "snobbare" altri tipi di liberazioni non meno importanti. Oppure penso al veganismo stesso, all'intransigenza con cui viene portato avanti ed escluso chi non fa questa scelta...
Ecco, tutto questo mi faceva sentire in un certo senso "chiuso" nella prospettiva delle lotte animaliste, che pure reputavo (e reputo tuttora) necessarie.
Detto ciò, pur sapendo che gli animalisti con la A maiuscola non hanno nessun bisogno di difese "esterne", tantomeno le mie, vorrei comunque evidenziare alcuni punti dell'articolo che non condivido pienamente: pochi ma importanti...perchè leggendo alcuni passaggi non sono riuscito a non domandarmi a che tipo di società liberata aspirino gli autori.
Sempre che aspirino ad un qualsivoglia modello di società liberata, perchè davvero nell'articolo in quesione si fa a fatica a evincerlo. Loro non si sbilanciano, non ci dicono nulla di loro stessi, delle loro passioni o pulsioni (se non che adorano la pastasciutta), l'unica cosa che ci è dato di capire è che sanno usare molto bene il martello (della critica.....) contro altri compagni.
Ma a parte ciò...gli autori dell'articolo prima dicono che si tratta di seguire le leggi della natura e non della morale vegana...e io fin qui son d'accordo, in quanto ciò significa che se gli animali mangiano altri animali per nutrirsi e sopravvivere, perchè l'uomo non dovrebbe fare altrettanto? (senza torturarli industrialmente ovvio).... Solo che poi gli stessi autori scrivono "perchè non voler sfidare le leggi della natura?", come se aspirassero ad una società diversa da quella dettata appunto dalle leggi naturali (ma non è quello che fa la tecnocrazia attuale?), lasciando capire che una società naturale non sarebbe per forza giusta. E allora? Non sarebbe forse auspicabile una vita senza industrie, cemento, merde in divisa, banche, denaro etc., una società cullata dalle sue leggi naturali, prati verdi, fiumi, paesaggi e armonia fra le varie forme di vita? Cosa significa esattamente andare oltre ciò, se non veder riaffiorare l'incubo di un proto-capitalismo strisciante? Non so se oltre la Natura (anarchica) ci sia dato realmente modo di esistere, secondo me potrebbe essere pericoloso quasi quanto questo sistema di morte che ci opprime quotidianamente cuori e menti.
Nel modello di società che io auspico (e che non ritengo nè utopico nè primitivista) di società gli animali non umani avrebbero un ruolo pari a quello dell'uomo. Per capire perchè forse occorre mettersi nell'ottica che loro già QUI ED ORA riescono a manifestare e a salvare parte dei propri istinti innati dal cancro sociale di cemento e corruzione nel quale ci ritroviamo a vivere. E chi sarà mai l'artefice di questo schifo appena descritto? Ecco, l'articolo non è molto limpido su questo punto: addossando tutta la colpa al capitalismo come ad un'entità astratta, arriva quasi a paventare che come esistono sfruttati e sfruttatori tra gli uomini, esisterebbero anche sfruttati e sfruttatori tra gli animali. Ma diamo i numeri...?!
L'altro aspetto dell'articolo che a mio avviso vale la pena sottolineare, poi, è l'assenza di qualsiasi critica propositiva al suo interno. Anch'io, come già detto, provo insofferenza verso parte di questa filosofia antispecista e verso la piega che ha preso il movimento animalista (sempre + associazionista) in Italia....ma perchè non menzionare anche gli aspetti positivi e liberatori, che oggi ci sono (forse) di meno ma che comunque vengono ancora espressi da alcuni? Penso alle liberazioni, ai sabotaggi, agli anomini Barry Horne odierni, all'Alf e all'Erth che negli USA come in altri paesi del sudamerica o anche meno esotici accompagnano CONCRETAMENTE una critica alle industrie che si rendono protagoniste dello sfruttamento animale e ambientale ad una più vasta e radicale critica dell'intero sistema....
Nonostante i fiumi di parole, secondo me nell'articolo manca proprio questo, e ciò forse impedisce ai più di comprendere la critica in esso contenuta.

.


Un compagno

 
Pubblicato da Piero il 17/12/2009 alle 22:00:13, in Mappa Vegana Italiana, letto 1813 volte

.

Finalmente è online la sezione OPERATIVA della Mappa vegana Italiana!
Si tratta di una BACHECA ONLINE dove chiunque sia vegan può lasciare un breve messaggio di solo testo. Il messaggio sarà inviato per la moderazione al nostro staff che lo leggerà e lo renderà pubblico.
La bacheca permette di inserire link esterni a siti web, video e documenti, ma non di allegare materiale.
Lo spazio del testo è ridotto in modo da permettere a tutte/i di avere un proprio "bigliettino" virtuale di annuncio.
Gli annunci commerciali NON saranno pubblicati.
La BACHECA nasce cose strumento operativo per organizzare incontri, eventi, per chiedere consigli, per incontrarsi, per chiedere aiuto o fornire esperienze e competenze in vari campi, il tutto sempre con spirito egualitario e senza secondi fini. Speriamo davvero che vi piaccia!

.


Per visitare la BACHECA collegatevi qui: http://www.mappaveganaitaliana.org/bacheca.html

.


Basta fare un DOPPIO CLICK con il mouse sullo spazio verde e scrivere il bigliettino che apparirà, molto semplice vero?

.

 


ATTENZIONE: MOLTE PERSONE CI HANNO CHIESTO DI PUBBLICIZZARE EVENTI, APPELLI O ANNUNCI, COGLIAMO L'OCCASIONE PER COMUNICARE LORO CHE ORA POSSONO DA SOLE PUBBLICARE GLI ANNUNCI CHE VOGLIONO DIRETTAMENTE NELLA BACHECA. IN QUESTO MODO CI AIUTERANNO A SBRIGARE MEGLIO IL NOSTRO LAVORO :=)

.

 


PS: nella mappa finora ci sono 806 vegani italiani!

.

 


Saluti antispecisti

.


 
Lo Staff di MappaVeganaItaliana
www.mappaveganaitaliana.org
contatti@mappaveganaitaliana.org

 
Pubblicato da Piero il 17/12/2009 alle 10:58:58, in Diario di ValleVegan, letto 1611 volte

.

 

Caserta antispecista

 
Pubblicato da Piero il 16/12/2009 alle 23:01:53, in anti caccia, letto 1820 volte
Una quindicina di volontari della Lega per l'Abolizione della Caccia ha condotto la tredicesima campagna anti-bracconaggio nel Cagliaritano ed ha portato alla neutralizzazione di oltre 15 mila trappole. La campagna, svoltasi in costante contatto con il Corpo forestale e di vigilanza ambientale e con il contributo del Gruppo d'Intervento Giuridico, ha visto, come di consueto, la partecipazione di volontari giunti da varie parti d'Italia (Lombardia, Toscana, Liguria, Veneto, Emilia-Romagna, Lazio, Sardegna) e dall'Estero (Paesi Bassi) con l'obiettivo di bonificare quanti più boschi e zone di macchia mediterranea dalle micidiali trappole posizionate dai bracconieri, per aiutare la costante attività nel settore del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e delle altre Forze di Polizia.
Numerose le aree battute, nei territori comunali di Capoterra, Uta, Assemini, Santadi. Sono state neutralizzati e rimossi n. 90 lacci in acciaio per la cattura di ungulati (cervi sardi e cinghiali), circa 15 mila lacci in nylon e crine per la cattura di avifauna selvatica, utilizzati dai bracconieri per la cattura delle grive. Sono stati anche rinvenuti e liberati alcuni piccoli uccelli (pettirossi, tordi) ed un cinghiale preso al cappio, prontamente liberato.
Il bracconaggio è un'attività illegale e distruttiva del patrimonio ambientale (si stimano n. 120 bracconieri "fissi" + n. 350 "occasionali" nella sola Capoterra). Il giro di affari è di sensibili dimensioni: basti pensare che una sola griva (spiedo di 8 tordi) costa al mercato illegale un centinaio di euro al dettaglio.
Tuttavia fra i principali "fruitori" finali del bracconaggio sembrano proprio essere alcuni noti ristoranti del Cagliaritano nei confronti dei quali appaiono necessarie ispezioni senza preavviso da parte delle Forze dell'ordine. Da non tralasciare il controllo, nel periodo delle festività natalizie, dei mercati pubblici.
Tutte le trappole rinvenute sono state naturalmente consegnate al Corpo forestale e di vigilanza ambientale quali corpi di reato.
La caccia di frodo è, infatti, un reato contravvenzionale punito dalla legge n. 157/1992 e successive modifiche ed integrazioni con sanzioni penali (art. 30) e con sanzioni amministrative (art. 31), nonché dalla legge regionale n. 23/1998 e successive modifiche ed integrazioni (art. 74).
Graziella Zavalloni, coordinatrice della campagna anti-bracconaggio della L.A.C., in proposito ha dichiarato: "anche quest'anno siamo particolarmente soddisfatti dell'aiuto fornito alle Forze dell'ordine che combattono il bracconaggio ogni giorno, tuttavia sono necessari un impegno molto più incisivo nei confronti degli acquirenti e un deciso rafforzamento delle sanzioni: sequestri dei mezzi utilizzati per il bracconaggio, auto comprese, ispezioni in ristoranti e mercati. Il bracconaggio è un vero e proprio danno al patrimonio ambientale, è un vero e proprio furto ai danni di tutti noi".
La L.A.C. conduce campagne anti-bracconaggio nelle zone del Paese dove il fenomeno è più grave: in Sardegna come nelle Valli Bresciane, a Ponza come nelle Valli Venete, nel Bergamasco come sull'Appennino ligure.
 
 
Pubblicato da Piero il 16/12/2009 alle 13:23:03, in anti caccia, letto 1866 volte

Campo anti bracconaggio inverno 2009, foresta di Gutturu Mannu (Sardegna sud-occidentale). Durante un'operazione di bonifica dalle trappole dei bracconieri, viene rinvenuto un cinghiale catturato da un laccio, stretto intorno al collo....

.

 
Pubblicato da Piero il 26/11/2009 alle 12:44:18, in Diario di ValleVegan, letto 1637 volte

.

.

---------------------------------------------

.

Il Gruppo "CANAVESE VEG" è lieto di invitarvi alla seguente iniziativa:

.

Mercoledì 9 dicembre alle 20.30
Presso Birreria "LA IENA" di San Giorgio Canavese

.

CENA VEG BENEFIT pro ValleVegan e altre iniziative

.

MENU'

.

patè di lenticchie al curry
voul au vent con crema di rape

pennette con broccoli
quadrotti di polenta con vellutata di spinaci e tofu

seitan alla orientale
insalata di fagioli neri, patate e radicchio

cannoli con crema pasticcera
crostata di frutta

.

OFFERTA 16,00 euro + BEVANDE

.

Prenotare entro il 4 dicembre POSTI LIMITATI:
animalistanata@libero.it
347 7833190 dopo le 17

.

Chi porterà i piatti in ceramica da casa avrà un piccolo omaggio

.

Ricordiamo inoltre di partecipare senza abiti di pelle e pelliccia. Grazie.

.

http://blog.libero.it/AltarediAslan/

 
Pubblicato da Piero il 26/11/2009 alle 12:22:37, in Notizie sparse, letto 3902 volte

I lavoratori dei canili Municipali del Comune di Roma a seguito della grave situazione venutasi a creare a causa del mancato pagamento della retribuzione e delle gravissime difficoltà che ne conseguono, preoccupati che la situazione si possa prolungare a tempo indeterminato e ribadendo che il salario è un diritto inalienabile, riuniti in assemblea permanente hanno deciso di autogestire il servizio garantendo solamente le attività strettamente essenziali al benessere animale.
Si chiede l`immediato pagamento delle retribuzioni mancanti, lo sblocco della situazione di stallo riguardante il futuro dei lavoratori e le garanzie degli attuali livelli occupazionle e della attuale qualità del servzio dei canili comunali.
Si invitano il sindaco e il consiglio comunale tutto, i cittadini e le cittadine a partecipare all'assemblea che si terrà al canile della muratella a partire dalle ore 16 il giorno 25 novembre 2009.
Comunichiamo inoltre che dalle 16 del 24 novembre 2009 è iniziata l'assemblea permanente dei lavoratori e delle lavoratrici che rimarranno riuniti, occupando lo stabile del canile, fino a quando non saranno risolte le seguenti questioni:

.

-Pagamento immediato degli stipendi e delle retribuzioni arretrati
-Garanzie e certezze sul futuro occupazionale
-Internalizzazione del servizio
-Certezza e qualità della cura degli animali

.

ComitatoDeiLavoratoriCaniliComunali

.

 ------

 .

Da repubblica.it

 

"Non ci pagano" e i dipendenti occupano il canile con 800 randagi.
 Garantiscono tutti i servizi agli 800 animali ma ora il canile della Muratella, in via della Magliana, è stato occupato dai 106 dipendenti. «Siamo da due mesi senza stipendio - dicono i lavoratori - a questo punto siamo stanchi, vogliamo sapere quale futuro ci aspetta». La decisione di chiudere i cancelli viene da lontano, raccontano «perché l´Avcpp, l´Associazione volontari canile Porta Portese, che gestisce la struttura, già da luglio non riceve i pagamenti delle fatture da parte del Comune». E così sino a due mesi fa «l´associazione - proseguono i dipendenti - ci ha versato lo stipendio attingendo dal fondo accantonato per i Tfr, ma ora non ci sono più soldi».

Per fare chiarezza su tutta la vicenda Cgil e la Cisl hanno incontrato, martedì, Paolo Giuntarelli, direttore dell´ufficio Tutela e benessere degli animali del Comune. Una riunione a porte chiuse durante la quale è emerso «che c´è stato un errore amministrativo - spiega Giovanna Catizone, segretario regionale Fisascat Cisl - e che ora ci vorrà una variazione di bilancio. L´errore, però, non lo possono pagare i lavoratori». Ma questo è solo «un aspetto della vicenda», prosegue la sindacalista perché non sappiamo neppure come intende proseguire nel servizio il Comune. Noi chiediamo che venga garantito il lavoro a tutti». Ed è quello che oggi, alle quattro del pomeriggio con una mobilitazione sotto il Campidoglio i dipendenti del canile chiederanno al sindaco. 

-------------------------

.

trasmesso da USI AIT


dopo una giornata di assemblea permanente si continua la lotta con nuove iniziative


COMUNICATO STAMPA

I Lavoratori e le Lavoratrici dei Canili Comunali di Roma sono ancora in assemblea permanente.
Dopo il primo giorno di mobilitazione e comunicazione con i numerosi cittadini che anche oggi sono venuti presso i canili comunali e che ci hanno espresso la massima solidarietà, i lavoratori vedono arrivare le prime risposte del mondo politico alle loro giuste rivendicazioni.
Siamo da due mesi senza stipendio eppure continuiamo a garantire un servizio pubblico di elevato livello.
Per questo continuiamo il nostro percorso in difesa dei nostri diritti proseguendo nell’assemblea permanente e garantendo sempre tutte le prestazioni strettamente legate al benessere degli animali. Convochiamo quindi una mobilitazione per Giovedì 26 Novembre 2009 sotto il consiglio comunale, ed invitiamo i rappresentanti di maggioranza, che sembrano non conoscere la nostra attuale situazione, a ripristinare la legalità garantendo lo stipendio e tutte le procedure necessarie a garantire un servizio pubblico ed efficiente e un futuro stabile per lavoratori-trici dei canili comunali.

.

Per questo ribadiamo le nostre richieste:

.

1 PAGAMENTO DEI NOSTRI STIPENDI
2 INTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO
3 SERVIZIO PUBBLICO E QUALITA’ PER GLI ANIMALI

.

Comitato dei Lavoratori e Lavoratrici dei Canili Comunali

Roma, 25/11/09

 
Pubblicato da Piero il 14/11/2009 alle 10:42:43, in Notizie sparse, letto 2386 volte

Vanno All'asta I Beagle Destinati Ai Laboratori

.
 
DAL COORDINAMENTO CHIUDERE MORINI

.

Apprendiamo una notizia che non può passare inosservata e la cui portata non possiamo sottovalutare: vista una notevole insolvenza alcuni beni dell'allevamento Stefano Morini sono stati pignorati e messi all'asta dall'Istituto Vendite Giudiziarie di Reggio Emilia.
Tra questi ci sono anche 278 cani, messi per ora all'asta come blocco unico ma che potrebbero essere presto scorporati in più blocchi per facilitarne l'acquisto.

Questo pignoramento per un totale di quasi 120.000 euro segna quasi certamente la chiusura dell'azienda Morini sas, quella contro cui per anni ci siamo battuti e si è battuto il movimento di liberazione animale italiano.
Non è ancora scritta la parola fine su questa vicenda, che per anni ha visto in prima linea decine di attivisti e attiviste, che ha fatto parlare di sé su tutti i media, che ha portato alla ribalta un movimento nuovo e determinato a far crollare colpo su colpo i luoghi di tortura degli animali, ma da quanto apprendiamo oggi abbiamo una conferma dell'impatto che la campagna del Coordinamento Chiudere
Morini ha avuto su questa azienda.

Se l'allevamento è rimasto formalmente attivo in questi ultimi anni è stata infatti più una scelta personale che non una scelta economica. Da alcuni anni infatti nessun laboratorio acquistava cani da Morini e Giovanna Soprani ha
voluto mantenere aperta l'azienda solamente per non darla vinta alla campagna.

Non cantiamo vittoria prima del tempo e soprattutto non perderemo di vista il destino di quei 278 cani adesso all'asta, per cui anche noi faremo il possibile per capire il loro destino e fare in modo che abbiano una vita dignitosa una volta fuori da quello che abbiamo chiamato e chiameremo sempre lager, fino a che non lo vedremo chiuso definitivamente.

Per la liberazione animale,
Coordinamento Chiudere Morini

 

 

 

La vendita di 278 'fido' prevista il 18 novembre. Prezzo: 115mila euro. L'Enpa chiede al governo di salvarli dalla vivisezione

Reggio Emilia, 12 novembre 2009 - I beagles di San Polo vanno all’asta. Saranno sicuramente in molti a ricordare la vicenda dei cani beagle destinati alla ricerca scientifica (qualcuno dice alla vivisezione) allevati nell’azienda Morini di San Polo; un camion di quei cuccioli erano stati fermato nel 2002 a Vipiteno e i cani erano stati sequetrati "in condizioni non buone".


Fu l’inizio di una lotta, a volte anche molto dura, da parte degli animalisti che protestavano contro la sperimentazione animale ed in modo particolare contro l’allevamento ora gestito da Giovanna Soprani che allevava i piccoli Snoopy per i laboratori farmaceutici.


Ora quei cani finiscono all’asta. Problemi economici dell’azienda hanno di fatto coinvolto 278 beagle. La notizia è apparsa sul sito della aste giudiziarie, correlata con tanto di foto. L’asta sarà battuta il 18 novembre alle 9, il prezzo base sarà di 115.898,20 euro per tutti i cani. Facendo due conti questi beagle verranno venduti a un prezzo di circa 400 euro.


Ma gli animalisti sono già mobilitati. L’Enpa di Roma e gli Amici della Terra di Reggio, con la sua presidente Stella Borghi si sono già attivati e hanno informato della situazione il ministero della salute. "La presidente nazionale dell’Enpa Carla Rocchi – spiega Stella Borghi - ha informato dell’asta la segreteria del sottosegretario del ministero, Francesca Martini. Abbiamo sottolineato la necessità di assicurare che i cani venduti rientrino esclusivamente in un circuito commerciale per evitare che siano presi da chi fa sperimentazioni".
Secondo gli animalisti, il ministero potrebbe decidere di revocare immediatamente l’autorizzazione della azienda di San Polo per il commercio rivolto al circuito della sperimentazione, tenendo conto che 278 cani sono un numero impegnativo, e certamente non possono essere comprati solo dai privati.


Le associazioni animaliste fanno anche un appello rivolto agli amanti degli animali e agli allevatori per adottare questi animali e salvarli. Sul sito www.reggioemilia.astagiudiziatia.com è spiegato come visionare gli animali, che si possono vedere direttamente nell’allevamento di San Polo, lo stesso luogo dove si svolgerà l’asta.

http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/reggio_emilia/cronaca/2009/11/12/259786-vanno_asta_cani_beagle.shtml

 
Pubblicato da Piero il 05/11/2009 alle 11:05:12, in Notizie sparse, letto 2218 volte

.

 

.

Protesta verso le autorità.

. 

Dopo aver visto il video, cercate di contattare l'ambasciata greca http://www.ambasciatagreca.it/autorita.html e l'ufficio del turismo ellenico turgrec@tin.it, enet.info@tiscalinet.it  mandando un email di protesta perchè tutte le turbine eoliche già presenti a Creta e tutte quelle che progetteranno di costruire siano con approvazioni ambientali per quel che riguarda la flora e la fauna. Nessun ornitologo finora è stato mai contattato.

 
Pubblicato da Piero il 04/11/2009 alle 13:07:19, in Notizie sparse, letto 1481 volte

Autorità preoccupate, con il loro veleno rendono immangiabile anche il pesce.

.

L'equipaggio tratto in salvo dalla guardia costiera. Gli esemplari di Nomura hanno invaso le acque nipponiche

.
 
TOKYO - Per un peschereccio essere affondato da una medusa appare il colmo dell’ignominia: è accaduto alla sfortunata imbarcazione giapponese Diasan Shinsho Maru, capovoltasi a causa del peso di decine di Meduse di Nomura, specie i cui esemplari possono arrivare a pesare fino a 200 chili con un diametro di 2 metri.

.

PESO ECCESSIVO - Come riporta il quotidiano britannico Daily Telegraph, l’incidente è avvenuto quanto l’equipaggio ha cercato di tirare a bordo la rete piena di meduse: l’imbarcazione si è capovolta, e i pescatori sono stati successivamente salvati dalla Guardia Costiera.

.

PESCI IMMANGIABILI - Quest’anno le Meduse di Nomura hanno invaso i mari del Giappone, senza che i ricercatori abbiano compreso le cause della loro moltiplicazione stagionale: nel 2007 non ne erano stati avvistati alcuni esemplari, mentre due anni prima avevano causato gravi danni alle reti, reso immangiabili molti pesci - colpiti dagli aculei avvelenati - e ferito alcuni pescatori.

 
Pubblicato da Piero il 03/11/2009 alle 11:02:20, in Notizie sparse, letto 1647 volte

.

VENERDI 6 NOVEMBRE 2009

.

a partire dalle ore 20.30

.

vi aspettiamo in bottega per un incontro di "corretta informazione" sul collegamento tra ALLEVAMENTI, INQUINAMENTO, FAME NEL MONDO E DEGRADO AMBIENTALE.

CONVINCERVI ad adottare una stile di vita sano, non è il nostro obiettivo primario, ma FORNIRVI INFORMAZIONI corrette per vivere una vita CONSAPEVOLE, si.

.

Prepareremo per voi un ricco buffet al costo di 3 euro.

.

Vi aspettiamo!!

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source