RIFUGIO Vieni? Sostienici!
sabato 19 gennaio 2019   # Utenti online n.397 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico
Tutti gli articoli.
Ordine cronologico: discendente (il più recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da monica il 10/04/2007 alle 23:44:42, in Notizie sparse, letto 2953 volte
OGNI SETTIMANA VERRA' AGGIUNTO L'INDIRIZZO DI UN' ASSOCIAZIONE DA CONTATTARE è un gesto che costa poco, ci impegna niente ma è un potente mezzo per far sentire la nostra voce 
Parte da oggi una iniziativa sistematica di protesta contro le associazioni per la ricerca medica che finanziano la ricerca su animali (vivisezione). Scopo della protesta e' tenere sotto pressione queste cosiddette "associazioni per la ricerca medica", in modo da far sentire sempre la nostra voce, far capire che noi ci siamo sempre, che NON vogliamo la ricerca sugli animali, che ci sono metodi non cruenti di ricerca (SENZA animali appunto), che hanno una valenza scientifica ben maggiore dei test su animali.
Ogni settimana viene segnalata un'associazione a cui scrivere, con i relativi indirizzi email.
1) AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro); potete vedere alcune ricerche da loro finanziate al link: http://www.ricercasenzaanimali.org/ric_airc.htm  tra le quali segnaliamo in fondo quella di maggio 2003, come esempio.
scriviamo a: ufficiostampa@airc.it
2) AISM - (Associazione Italiana Sclerosi Multipla); potete vedere alcune ricerche da loro finanziate al link: http://www.ricercasenzaanimali.org/ric_aism.htm tra le quali segnaliamo in fondo una del 2003, come esempio.
Scriviamo a: aism@aism.it
3)ANLAIDS onlus Associazione Nazionale per la lotta contro l'AIDS; potete vedere alcune ricerche da loro finanziate al link: http://www.ricercasenzaanimali.org/ric_anlaids.htm tra le quali segnaliamo in fondo un articolo sull'uso delle scimmie
Scriviamo a: anlaids@anlaids.it
4)*ASID Associazione per lo Studio e l'Intervento sulle Tossicodipendenze*; potete vedere alcune ricerche da loro finanziate al link: http://www.ricercasenzaanimali.org/ric_asid.htm tra le quali segnaliamo in fondo un estratto, come esempio.
Scriviamo a: asid@medicinatossicodipendenze.it
5) telethon potete vedere alcune ricerche da loro finanziate al link: http://www.ricercasenzaanimali.org/ric_asid.htm tra le quali segnaliamo in fondo un estratto, come esempio. Scriviamo a: info@telethon.it

E' importante scrivere un messaggio personale, magari prendendo spunto dal sito Ricerca senza Animali.
Il messaggio-tipo proposto e' molto breve:
Mi unisco alla protesta contro i metodi di ricerca utilizzati dalla Vostra Associazione, i quali prevedono l'utilizzo di animali. Non sosterro' finanziariamente nessuna delle Vostre attivita' finche' non dichiarerete per iscritto che non userete piu' animali nelle Vostre ricerche, e invitero' conoscenti ed amici a fare lo stesso. Distinti saluti, . Nome Cognoma. Citta'.. 

PER MAGGIORI INFO www.ricercasenzanaimali.org

Ecco un esempio di uso di animali da parte dell'AIRC: TORINO, LA SCOPERTA DELL'IRCC, PUBBLICATA DALLA RIVISTA "NATURE" Il gene intelligente uccide il tumore COMBATTERE il tumore privandolo dei vasi sanguigni che lo alimentano: nei topi funziona, con una terapia genica tutta made in Italy. L'hanno messa a punto all'Ircc, l'Istituto per la ricerca e la cura del cancro di Candiolo, nei pressi di Torino, grazie a un finanziamento dell'Airc. Coordinatore è Luigi Naldini, a cui - a sottolineare l'eccezionalità della scoperta - "Nature Medicine" dedica un articolo on-line e un altro nell'edizione cartacea di giugno. Suoi collaboratori Michele De Palma e Mary Venneri, dottorandi di ricerca dell'Università di Torino. "E' ancora presto per pensare a una sperimentazione sull'uomo, ma la capacità di questa tecnica di colpire esclusivamente il tessuto-bersaglio, senza intaccarne altri, promette applicazioni molto ampie", osserva Naldini, da gennaio 2003 codirettore dell'Istituto Telethon per la terapia genica presso l'Istituto San Raffaele di Milano.
Ecco un esempio di uso di animali da parte dell'AISM: Anno: 2003 Le cellule nervose staminali adulte, iniettate per via endovenosa, possono ricostruire la mielina distrutta dalla sclerosi. La scoperta effettuata all'Istituto San Raffaele di Milano è opera di due ricercatori, Gianvito Martino e Angelo Vescovi. I due scienziati hanno condotto studi su topi malati di encefalite allergica sperimentale. I risultati della ricerca, finanziati dalla Fondazione italiana sclerosi multipla (Fism) in collaborazione con Myelin project, Unione Europea, Fondazione Agarini e Bmw italia Group, pubblicati su Nature di aprile, sono di una enorme portata scientifica perché aprono la strada al potenziale trattamento della sclerosi multipla e di altre malattie neurologiche.
Fonte: Il Centro, 17-5-2003
Ecco un esempio di uso di animali da parte dell'ANLAIDS: La sfida all'Hiv continua. E questa volta e' la ricerca italiana a segnare un punto a suo favore: nei laboratori dell'Istituto Superiore di Sanita', a Roma, e' nato infatti il primo vaccino anti-Aids efficace sulle scimmie. A metterlo a punto, dopo due anni e mezzo di lavoro, e' stata l'equipe guidata da Barbara Ensoli, del Laboratorio di virologia diretto da Paola Verani. I risultati, ottenuti per ora solo sui macachi, sono incoraggianti. E apriranno la strada, tra un anno, alla sperimentazione sull'uomo. Fonte: http://www.galileonet.it/archiviop/magazine.asp?id=467
Ecco un esempio di uso di animali da parte dell'ASID: *Modelli animali di dipendenza psicologica* Gli animali di laboratorio possono essere indotti a preferire l'alcol all'acqua attraverso differenti accorgimenti, come quello di sostituire tutta l'acqua da bere con la soluzione alcolica, o quello di correggerne il sapore (il gusto dell'alcol in generale non piace all'animale) miscelandola con soluzioni dolcificate. L'animale preferirà l'alcol all'acqua quando ne avrà provato gli effetti centrali. Come si è detto, la scimmia puo' essere facilmente indotta ad iniettarsi l'alcol in vena o direttamente nello stomaco attraverso un catetere. Tra i roditori, una piccola percentuale preferisce spontaneamente l'alcol (al 10%) all'acqua. Facendo accoppiare selettivamente questi animali, ` possibile ottenere linee di ratti geneticamente "bevitori". Nel nostro laboratorio sono state selezionate due linee di ratti, definite rispettivamente Sardinian alcohol-preferring (sP) e -non preferring (sNP). I primi, quando siano messi a scegliere tra l'acqua ed una soluzione di alcol al 10%, preferiscono quest'ultima e assumono più di 6 grammi di alcol per chilogrammo di peso corporeo al giorno. L'animale che si autoinietta volontariamente l'alcol in vena, quello che se lo somministra direttamente nello stomaco o lo assume per os, superando la naturale avversione per le sue caratteristiche organolettiche, ci hanno offerto importanti informazioni sul substrato biologico della cosiddetta dipendenza psicologica.
Ecco un esempio di ricerca finanziato da Telethon che fa uso di animali. *Ottobre 2003 NUOVO STUDIO SULLA DISTROFIA DI DUCHENNE* Anche una proteina difettosa può bastare per far funzionare il muscolo Anche la versione alterata della distrofina, la proteina responsabile della distrofia muscolare di Duchenne (DMD), può contribuire al funzionamento della fibra muscolare ed evitare i danni provocati dalla sua totale assenza. E' la conclusione di uno studio che ha sperimentato un farmaco sul modello animale della DMD, cioè topini cosiddetti mdx in cui manca la distrofina. *Fonte: Comunicato stampa Telethon *
 
Pubblicato da Piero il 07/04/2007 alle 12:21:30, in Notizie sparse, letto 2352 volte

Logo Valle Vegan(ANSA) - ROMA, 7 APR -

 A prima vista sembra una fattoria come tutte le altre: ci sono le pecore, i conigli, le galline, persino un maiale. In realta' pero' a Vallevegan gli animali anche a Pasqua non vengono mangiati, ma salvati.

 Ognuno di loro ha una storia particolare da raccontare, e molti sono arrivati in questo piccolo paradiso in provincia di Roma dopo essere stati usati negli esperimenti dei laboratori di ricerca. Il progetto, e' nato circa un anno fa, intorno a una tenuta di 11 ettari a Bellegra in provincia di Roma che e' diventata subito il centro di riferimento per il centro-sud Italia dell'iniziativa internazionale I-Care, che si propone di recuperare e riabilitare gli animali utilizzati dai centri di ricerca. A costituire la fondazione con lo stesso nome che la gestisce sono stati tre volontari animalisti, ma il centro e' il punto di riferimento per centinaia di volontari che arrivano da tutta Italia. Attualmente Vallevegan ospita cavie, ratti, conigli e gerbilli, e si sta preparando a ricevere anche i cani.

''Gli animali che arrivano hanno grossi problemi psicologici, - spiega Pietro Liberati, uno dei responsabili del centro - hanno cosi' paura degli spazi larghi che se vengono semplicemente liberati muoiono d'infarto. Inoltre non riconoscono i predatori, e non sono in grado di interagire con i propri simili''. Quelli che arrivano a Vallevegan sono animali che non sono stati usati in esperimenti su malattie: vengono da test comportamentali, o da laboratori chiusi per irregolarita', o sono cavie comprate ma non usate. Nonostante questo, la riabilitazione e' complessa: ''Il recupero passa attraverso diverse fasi - spiega ancora Liberati - per i primi giorni li si mette in mezzo agli altri, ma sempre in una gabbia, perche' si sentano al sicuro. Quando l'olfatto e la vista si sono abituati li si libera, prima da soli in spazi piccoli e poi insieme agli altri in ambienti via via piu' grandi. Quando sono recuperati pero' non li si puo' lasciare liberi, perche' non sanno difendersi dai predatori. Li teniamo qui o li diamo in adozione''. A fare compagnia alle cavie da laboratorio ci sono decine di altri animali arrivati a Vallevegan nei modi piu' disparati.

Uno degli ultimi ospiti e' un capretto giunto a fine dicembre in circostanze 'esoteriche'. ''Mi hanno chiamato nel cuore della notte il 21 dicembre - racconta Liberati - alcune persone che avevano salvato un capretto che era stato comprato per essere sacrificato in un rito celtico per il solstizio d'inverno. Cosi' e' arrivato Geppo''. Il migliore amico di Geppo e' un maiale che e' gia' assurto agli onori delle cronache. Trovato mentre vagava in una piazza di Brescia, non e' stato mai reclamato, e attraverso diversi passaggi e' 'sbarcato' a Vallevegan: ''All'inizio lo tenevamo da solo, perche' era irrequieto. Una notte e' riuscito a sfondare la porta della gabbia, ma lo abbiamo trovato che dormiva tranquillo in mezzo alle galline. Voleva solo un po' di compagnia, tant'e' vero che da allora sta in mezzo agli altri animali senza nessun problema, a dispetto di quello che si dice sull'aggressivita' di questa specie''.

Ironia della sorte, il casale dove sorge Vallevegan in passato era abitato da bracconieri e allevatori, i cui 'ferri del mestiere', sono stati conservati dai volontari in una stanza. ''Adesso invece e' un posto dove si cerca di far tornare gli animali per quanto possibile ad uno stato naturale - spiega Liberati - adesso stiamo cercando di aprire altri centri simili a questo, e di coordinare altre iniziative animaliste. Una di queste, che va avanti gia' da qualche anno, sono i campi antibracconaggio sull'isola di Ponza, che e' un punto di passaggio fondamentale per decine di specie di migratori. Al prossimo, che partira' il 20 aprile, partecipera' anche il Noa (nucleo operativo antibracconaggio) del Corpo Forestale''.

(ANSA). ANIMALI: I-CARE, OLTRE 3MILA SALVATI DA LABORATORI  - ROMA, 7 APR -

Solo in Italia, il progetto I-Care (International Centre for Alternative in Research and Education) ha gia' recuperato dai laboratori di ricerca piu' di 3 mila animali, fra cani, gatti e roditori. Nato nel 2005 in India, si e' esteso a diversi paesi soprattutto europei. Due gli obiettivi principali del progetto: diffondere i metodi alternativi alla vivisezione sfruttando le esperienze dei singoli paesi (in Italia, ad esempio, abbiamo sostituito molti esperimenti sugli animali con altri che non li prevedono, mentre all'estero no), e una volta riusciti a evitare l'utilizzo degli animali da parte dei laboratori, recuperarli e reinserirli in una vita normale.

Gli animali da riabilitare, che devono essere tassativamente non infetti da alcuna malattia, sono ceduti dal laboratorio secondo i seguenti criteri: animali ceduti dal laboratorio al rifugio al termine di un progetto specifico oppure nel caso di chiusura del laboratorio; animali salvati dal laboratorio a causa di irregolarita' riscontrate nel laboratorio stesso; animali coinvolti in studi non terminali (cioe' che non prevedono la soppressione finale dell'animale); animali usati per studi comportamentali; animali non piu' necessari perche' il laboratorio adotta dei metodi alternativi; animali in sovrappiu', comprati ma mai usati; cuccioli provenienti da studi di teratogenicita' (cioe' test in gravidanza per studiare l'effetto delle sostanze sotto test sulla prole) che sopravvivono al parto. ''La legge attuale lascia a completa discrezione dei centri di ricerca la fine di questi animali - spiega Massimo Tettamanti - e spesso dobbiamo lottare per farceli affidare, sempre sotto garanzia di anonimato dei laboratori. Attualmente c'e' una proposta di legge alla Camera per rendere obbligatoria la cessione a strutture specializzate, ma sull'iter sono pessimista''.

In Italia finora i centri che accolgono gli animali sono a Milano, Monza, Torino, Genova, Parma e Trieste, oltre a quello di Roma che fa da punto di riferimento per il centro-sud. Sono gestiti da volontari, e si finanziano prevalentemente con donazioni private. La riabilitazione puo' durare fino a sei mesi, soprattutto nel caso di cani e gatti che hanno psicologie piu' complesse.

 
Pubblicato da monica il 28/03/2007 alle 17:43:22, in Notizie sparse, letto 1208 volte


Giovedi' 29 Marzo e Domenica 1 Aprile alle ore 17,00 saremo sotto la Rinascente di Piazza Fiume a Roma, per protestare contro lo sterminio degli animali che vengono torturati e massacrati dall'industria della pelliccia per poi finire nei luminosi scaffali dei grandi magazzini come Rinascente e Upim.
Questo orrore deve finire!
Rinascente deve smetterla di vendere capi con inserti in pelliccia, fin quando non lo fara' non gli daremo pace!
Portate manifesti, megafoni, fischietti.
Diamo voce agli animali !!!
*GIOVEDI 29 MARZO * DOMENICA 1 APRILE PIAZZA FIUME ore 17,00
Rinascente vende morte, fino alla fine davanti alle sue porte.
www.campagnaaip. net
iniziative_vegan@ yahoo.com

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 28/03/2007 alle 15:04:11, in Notizie sparse, letto 1306 volte

 

(corriere della sera) Pecora-uomo: per i futuri trapianti.
Nasce in laboratorio la nuova chimera: un ovino con il 15 per cento del patrimonio genetico umano
NEVADA, (Stati Uniti) - E' stato creato un ovino che ha nel suo DNA un 15 per cento di geni umani: ne dà notizia il quotidiano inglese The Mail on Sunday , riportando tutte le implicazioni dell'esperimento da laboratorio. In gergo scientifico lo chiamano chimera, vale a dire un essere vivente che contiene nel suo patrimonio geni non omogenei. Il «papà» dell'ovino particolare si chiama Esmai Zanjani ed è il ricercatore che ha coordinato il pool di scienziati dell'Università del Nevada.
LA TECNICA - Lui difende strenuamente questa creatura con il corpo da pecora e gli organi parzialmente umani. Gli ci sono voluti sette anni e già nel 2003 era riuscito a creare una pecora con un fegato costituito al 7 per cento di materiale umano. L'obiettivo principale è quello di trapiantare organi per vite umane e il procedimento consiste nell'iniettare cellule umane prelevate dal midollo di un donatore nel peritoneo di un feto ovino. L'agnello dovrebbe avere tessuti di tipo umano e questo consentirebbe un giorno di creare fegati, cuori e polmoni pronti per essere trapiantati, soddisfacendo la domanda altissima di pazienti in attesa di un organo. Solo in Gran Bretagna si calcola che siano 7.168 le persone bisognose di trapianto. La scoperta scientifica ha acceso una vera e propria corsa a questo tipo di esperimenti e gli scienziati del King's College di Londra hanno già chiesto autorizzazione all'HFEA (l'autorità britannica competente) per iniziare a lavorare sugli animali-chimera.
I DUBBI - Ancora una volta si apre il sipario dei dubbi sul tema degli xenotrapianti. Le perplessità riguardano soprattutto la sicurezza, il loro funzionamento e la loro eticità. Ad esprimerle è il dottor Patrik Dixon, autore del saggio «La rivoluzione genetica», che sottolinea il pericolo di virus silenziosi che negli animali non hanno alcuna influenza, ma che possono mutare nel corpo umano causando patologie gravissime. Possono emergere dopo il trapianto, come ci insegna la triste storia dell'evoluzione dell'Hiv, e l'impatto è incalcolabile e imprevedibile. E poi c'è la grande paura che queste tecnologie possano essere utilizzate per creare l'uomo. Nella maggior parte dei paesi è proibita la clonazione dell'essere umano, ma ci sono paesi dove non esiste una regolamentazione e questo è uno dei classici scenari che, al di là della ragionevolezza dei dubbi,inquieta non poco.
Emanuela Di Pasqua
28 marzo 2007

 
Pubblicato da monica il 27/03/2007 alle 16:28:13, in Notizie sparse, letto 1425 volte


Ricordiamo a tutti che e' importantissimo continuare la raccolta di firma per la petizione a livello europeo contro la vivisezione  "Sostituzione degli esperimenti su animali in Europa", portata avanti da varie associazioni antivivisezioniste in Europa.

Potete:
- firmare on-line qui: http://www.endeuanimaltests.org/languages/italian/sign.php
- ma e' importante non limitarsi a quello, e scaricare il modulo cartaceo da far firmare a parenti, amici, conoscenti, colleghi, ecc.: http://www.endeuanimaltests.org/languages/italian/ItalianPDF.pdf
- diffondetela usando il banner che trovate qui: http://www.agireora.org/progetti/endeutest.html

Maggiori informazioni sempre alla pagina di cui sopra.

 
Pubblicato da monica il 27/03/2007 alle 16:09:24, in Notizie sparse, letto 1226 volte


Un’usanza barbarica Il foie gras (letteralmente “fegato grasso”) è il fegato malato di un’oca o di un’anatra che è stata sovralimentata forzatamente, più volte al giorno, per mezzo di un tubo metallico, lungo 20-30 cm, infilato in gola e spinto giù fino al raggiungimento dello stomaco. Per costringere il suo organismo a produrre il foie gras, l’animale deve ingerire un’enorme quantità di mais in pochi secondi. Questo comporta l’aumento delle dimensioni del fegato quasi di dieci volte superiore rispetto a quelle normali e lo sviluppo di una malattia nell’animale: la steatosi epatica. Se l’animale cerca di divincolarsi quando il tubo gli viene inserito in gola, o se il suo esofago si contrae per conati di vomito, rischia il soffocamento e la perforazione del collo che gli sarà fatale. L’inserimento del tubo comporta lesioni con conseguenti infezioni e dolorose infiammazioni. La squilibrata e forzata sovralimentazione causa frequentemente malattie dell’apparato digestivo, potenzialmente fatali. Subito dopo ogni sessione di alimentazione forzata, l’animale soffre di attacchi di dispnea e diarrea. L’allargamento del fegato comporta difficoltà respiratorie e rende doloroso qualsiasi movimento. Il ripetersi di questo trattamento porta alla morte dell’animale alimentato forzatamente. Questi volatili vengono macellati prima che muoiano per queste conseguenze. In ogni caso, gli animali più deboli sono già moribondi al momento dell’arrivo nella stanza da macello, mentre molti altri non arriveranno neanche a quel momento: nel periodo di alimentazione forzata, il tasso di mortalità delle anatre è da dieci a venti volte superiore al normale. Sofferenza concentrata La violenza insita nella produzione del foie gras basterebbe a giustificarne l’abolizione. Comunque, per la maggior parte di questi animali il calvario non si limita alla brutalità dell’alimentazione forzata. A molti viene amputata parte del becco, senza anestesia, con pinze o forbici. La natura delle anatre è di trascorrere gran parte della loro esistenza in acqua. In questi “allevamenti”, molti volatili vengono tenuti prima in capannoni, poi in gabbie dove si feriscono le zampe che appoggiano su una serie di fili metallici. Le gabbie sono così piccole che gli animali non possono nemmeno girarsi su loro stessi, tantomeno assumere una posizione eretta o battere le ali. A molti di quelli che sopravvivono fino al macello si spezzano le ossa durante il trasporto e mentre vengono maneggiati. Quindi vengono appesi a testa in giù per essere fulminati con l’energia elettrica, per poi essere sgozzati. Le anatre femmine vengono macellate vive o asfissiate brevemente con il gas dopo la covatura, perché i loro fegati hanno più vene di quelli dei maschi. Piacere per alcuni, sofferenza per altri Come può il banale piacere di mangiare il suo fegato giustificare l’imposizione di un’esistenza così orribile ad un essere senziente che, come noi, prova dolore e angoscia? Solo il fatto che appartiene ad un’altra specie ci dà il diritto di rimanere sordi nei confronti della sua sofferenza e muti di fronte a questa schiavitù immorale? Esistono delle leggi che proteggono gli animali dalle torture e dalle crudeltà. Queste leggi vengono deliberatamente ignorate quando ogni anno 30 milioni di animali vengono utilizzati per il foie gras, soprattutto in Francia. Si dice che la “sofferenza necessaria” è accettabile. In realtà, il consumo di questo prodotto è assolutamente non necessario. Nessuno, nemmeno chi trae profitto da questo commercio, oserebbe affermare il contrario. Mentre per il consumatore il prezzo al chilo del foie gras continua ad abbassarsi, gli animali, i cui corpi vengono straziati deliberatamente, pagano a caro prezzo. Anche la Francia sta pagando a caro prezzo il foie gras, dal momento che è vista come una nazione reazionaria a confronto di quei Paesi che ne hanno bandito la produzione. Non è incredibile che un’usanza barbarica come conficcare un imbuto o una pompa pneumatica nella gola di un animale in gabbia sia considerata una tradizione d’elevata cultura? Bandire il foie gras: verso una produzione alimentare etica In qualità di cittadini di un Paese civilizzato, riconoscendo che la realizzazione del foie gras si basa su una totale negazione dei diritti degli animali utilizzati per la sua produzione: Chiediamo a coloro che alimentano forzatamente oche e anatre di fermare questa pratica abusiva. Il fatto che non intendano fare del male a questi animali non riduce la sofferenza che comunque provocano loro. Chiediamo a chiunque tragga profitto dal foie gras, senza nessuna considerazione etica, di cessare la sua partecipazione a questo business malato. Chiediamo a chiunque tragga profitto dal foie gras, senza nessuna considerazione etica, di cessare la sua partecipazione a questo business malato. Chiediamo alle autorità scientifiche e veterinarie a cui sta genuinamente a cuore il benessere degli animali di denunciare coraggiosamente, nonostante la pressione politica ed economica, gli attuali metodi di produzione del foie gras. Chiediamo ai nostri giudici di ricordare che esistono delle leggi finalizzate a limitare la sofferenza che può essere inflitta ad un essere senziente, e che, di conseguenza, la produzione del foie gras è illegale. Chiediamo ai nostri politici di legiferare al fine di bandire questa pratica arcaica dall’Europa per sempre. In qualità di consumatori determinati a “servire l’etica” a tavola, e coscienti del fatto che questa sofferenza esiste unicamente per soddisfare le nostre papille gustative, ci rifiutiamo di comprare e consumare questi fegati malati di animali torturati.
Firma il manifesto: http://www.stopgavage.com/it/firma.php

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 23/03/2007 alle 11:29:08, in Notizie sparse, letto 5554 volte

 

(ansa 23/03) GRANCHIO PER CENA: LO PUNGE E UCCIDE!

Singapore. Pizzicato da un granchio che si accingeva a cucinare per cena, dopo poco più di due giorni è morto per una rara infezione batterica. La vittima dell'incidente, 83 anni, aveva coperto la piccola ferita con una benda ma non è bastato.

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 21/03/2007 alle 17:53:29, in Notizie sparse, letto 1735 volte

 

Accadeva in Brasile, ma ora una legge lo impedisce.
(ANSA) - BRASILIA, 21 MAR - Cani e gatti potranno abbaiare e miagolare liberamente a Brasilia dopo una legge che impedisce di tagliar loro le corde vocali. La pratica era diffusa  per impedire loro di far rumore e disturbare i vicini condomini. D'ora in poi, un veterinario che pratichi la resezione delle corde vocali a cani e gatti sara' punito con la detenzione da tre mesi ad un anno ed una multa, secondo la nuova legge del Distretto federale, che ospita la capitale brasiliana.

 
Pubblicato da Piero il 19/03/2007 alle 19:45:58, in Notizie sparse, letto 1361 volte

 Vari attivisti hanno effettuato uno dei primi sopralluoghi notturni sull’isola di Ponza. Si conferma l’efficacia delle strategie finora adottate, grazie al supporto di gruppi che si battono per la liberazione degli animali e della natura. Infatti il risultato totale è stato: raccolte circa 30 trappole, sopralluoghi in molti punti “caldi”, collaborazione degli abitanti.

 

C’è da notare soprattutto che il bracconiere accanito non riesce più ad ostentare la propria spavalderia, che comunque veniva mascherata solo dall’omertà dei suoi timorati e dalla propria ristrettezza cerebrale. Sa di essere sempre più emarginato anche dai propri familiari, tante infatti sono state le testimonianze negli anni passati di donne isolane stufe delle ornitomanie dei mariti (per i pochi “accoppiati”). La gran parte delle trappole trovate e rimosse dagli attivisti non erano più le classiche TAGLIOLE, ma lastre di roccia sollevate con un rudimentale congegno a scatto, tipiche dell’età della pietra (l’UOMO è nato CACCIATORE, dicono loro. Poi è diventato SAPIENS, sanno tutti). Tentativo del bracco è di far passare il proprio alambicco micidiale, illecito e illegale ammazzauccelli, per una innocua bomba intelligente in grado di individuare e punire il nocivo ratto di turno (tremendo nemico dell’antropofauna derelitta di un’isola condannata alla deriva dall’abusivismo, dal bracconaggio e dalle spadare), in modo da spacciarsi per paladini della giustizia specista.

 

Nel nome di uno degli uccelli più calpestati dall’uomo, lo Scricciolo (da notare il nome scientifico Troglodites Troglodites!), eravamo, siamo e saremo ancora a Ponza, fino a che non verrà braccato l’ultimo vero troglodita dell’isola!

 

PROSSIMO CAMPO ANTIBRACCONAGGIO A PONZA: dal 15 aprile al 20 maggio 2007. ADERITE!!!

Per partecipare scrivete a attivismo@vallevegan.org

 

Piero Liberati

 
Pubblicato da monica il 19/03/2007 alle 18:35:55, in Notizie sparse, letto 1388 volte
Ammazzalo, cucinalo, mangialo
Questo e' il titolo di una serie di trasmissioni che la BBC inglese sta mandando in onda in questi giorni (dal 5 al 7 marzo, "Kill It, Cook It, Eat It"), che mostrano la vita negli allevamenti, il trasporto verso il macello, la macellazione, lo squartamento dei corpi e la preparazione della "carne", di vari animali (agnelli, maiali, bovini, ecc.).
Quello che la BBC dichiara di voler fare e' semplicemente mostrare cosa avviene "prima" che la bistecca, il prosciutto, la costoletta d'agnello, finisca nei nostri piatti. Il pubblico (di ogni genere ed eta': adulti, ragazzini, fanatici della carne, vegetariani) e' fisicamente presente dentro al macello, per vedere come vengono uccisi gli animali. Il tutto viene filmato e mandato in onda.
Viene mostrato il fumo che esce dalla testa di un maiale che collassa al suolo dopo aver subito l'elettrocuzione (i maiali vengono storditi prima la macellazione attraverso questa sorta di elettroschock).
Si vedono i macellai che appendono l'animale tremante per le zampre posteriori e gli tagliano la gola, si vede il sangue che sgorga e riempie il pavimento.
Il pubblico guarda attraverso un vetro, alcuni piangono quando il maiale viene gettato nell'acqua bollente e scuoiato. Pochi minuti prima un filmato aveva mostrato quello stesso animale da cucciolo, un tenero e affettuoso maialino rosa.
Il quotidiano inglese "Sunday Mirror" del 4 marzo riporta che la portavoce della Vegetarian Society inglese, Liz O'Neill ha dichiarato "E' stato sconvolgente" e che l'allevatore Ken Howie ha dichiarato al presentatore del programma, Richard Johnson: "Mi chiedo se il pubblico abbia bisogno di vedere queste cose".
Certo che ne ha bisogno, signor allevatore, certo che ne ha bisogno, anche se a lei non piace che si vedano la sofferenza e la morte degli animali, e ancora meno che si mostri com'erano questi animali da vivi, come fossero dei teneri cuccioli come il nostro cagnolino di casa, che poi sono stati menomati, tenuti prigionieri, privati di ogni cosa che rendesse piacevole la loro vita, per finire in un macello lurido, fatti a pezzi per soddisfare lo sfizio umano per la "carne".
Certo che il pubblico ha bisogno di saperlo, e ancora di piu' ne han bisogno gli animali.
Probabilmente solo una parte del pubblico sara' toccata da queste immagini.
Solo le persone piu' sensibili, quelle che han dentro un senso di giustizia che rende loro impossibile fare del male per un puro e stupido piacere personale.
La maggioranza, quelli che "se ne fregano", continueranno a pensare "sono solo animali", e se un po' si senso di colpa li colpira', diventeranno ancora pou' aggressivi nella loro difesa del proprio "diritto alla bistecca". Per alcuni, questo senso di colpa sara' un seme che germogliera' quando abbasseranno un po' le difese, per altri non germogliera' mai, perche' sono persone cosi' deboli che non hanno la capacita' di rispettare il diritto alla vita di chi non si puo' difendere, e sentono minacciata la loro "superiorita'", nel concedere il diritto alla non sofferenza a esseri senzienti che sono alla loro merce'.
Ma anche se solo alcune persone saranno toccate, almeno quelle non potranno piu' far finta di non sapere, e stara' a loro fare una scelta coraggiosa, o continuare con la non-scelta codarda di "fare come fanno tutti gli altri".
Le immagini mostrate sono quelle di un piccolo macello. Nei grossi macelli, da cui la maggior parte della "carne" proviene, le condizioni per gli animali sono ancora peggiori, la loro morte e' ancora piu' cruenta (perche' per velocizzare il processo non e' raro che le operazioni di stordimento preventivo non funzionino affatto e l'animale venga sgozzato ancora cosciente).
Come dichiara la responsabile del programma di BBC-3, Julian Bellamy (sul Sunday Mirror del 4 marzo): "C'e' il desiderio di sapere da dove arriva il cibo che mangiamo e come questo cibo raggiunge i nostri piatti. Fara' discutere la gente".
Ecco la pagina dedicata alla trasmissione, con i filmati scaricabili: http://www.bbc.co.uk/bbcthree/programmes/kill_it
 
Pubblicato da chiara il 19/03/2007 alle 16:00:57, in Notizie sparse, letto 1453 volte

Da 'mpo de tempo a questa parte
Se sente dì che, de cose strane,
A Valle Vegan ne succedono tante

Quanno qualcheduno ce fa visita
Sembra che Tutto ‘nsieme se mpazzisce
Che tutt’antratto riscopra la vita
 
D’artronne come poi negà nsoriso
A chi te fa le feste
Puro si nun t’ha mai visto nviso?
 
L’artra vorta per esempio
M’è capitato de vedè na cosa
Che nse capiva s’era bella o era no scempio
 
Un cane magro nero e  grosso
S’avventò sul porco che magnava
E incominciò a leccallo a più non posso
 
“Sentirà er sapore der prosciutto”
Pensai incredula ner vedè la scena
De quello che je leccava la pansa piena
 
Ma er porco nun aprì bocca, je piaceva
Tanto che nuje ressero le gambe
E diede una gran botta ‘nte la schiena
  
Nun se scompose nemmeno mpochetto
Rimase immobile e disteso
Sperando ritornasse l’amichetto.
 
Se te capita de beve mpo de vino
Nun te sconvorge ner vedè
Er cane che magna cor felino
 
Nun stai mbriaco, damme retta
Che quanno nun c’avemo gnente
Se dividemo in cento l’urtima fetta.
 
Pubblicato da monica il 19/03/2007 alle 12:37:43, in Diario di ValleVegan, letto 7126 volte
Molta gente usa il termine "bestiale" per descrivere ciò che i nazisti facevano alle loro vittime, e ritiene che si comportassero "come animali". Quando sento queste affermazioni, io rispondo sempre :"no i nazisti si comportavano come esseri umani". Solo gli uomini hanno la capacità di uccidere per piacere, assaporando la soferenza degli altri. Nessun animale ha mai fatto ciò che io ho visto fare dai nazisti ai loro simili. Maggio 1940, i tedeschi invadono il Belgio. Misha ha sei anni ed è ebrea. I suoi genitori vengono arrestati e deportati ma riescono a salvare la bambina nascondendola presso una famiglia di cattolici. Pur evitando la deportazione, la famiglia adottiva fa patire a Misha ogni sorta di privazioni e di umiliazioni. Così la piccola decide di fuggire, nella folle speranza di trovare la madre, di cui ha sentito dire che era stata "portata verso est". Germania, Ucraina, Polonia; da un villaggio all'altro rubando e nascondendosi, Misha riesce incredibilmente a sopravvivere e a percorrere più di tremila chilometri a piedi. Nella foresta tedesca viene adottata da una coppia di lupi, al cui comportamento si adatta immediatamente fino a diventare la baby sitter dei lupacchiotti. Per la prima volta in molti anni non deve più patire la fame ed è circondata dall'affetto. "Questo libro è il racconto di un periodo particolare della mia vita. Mezzo secolo dopo, ho ritirato la rete della memoria e ne ho tratto quel che ho potuto.Non sono uno storico :nomi, date e fatti sono reali nella misura in cui sono riuecita a ricostruirli a partire da brandelli e frammenti della mia memoria. la mia storia è una pietra gettata in un lago; non potrò mai sapere fin dove arriveranno le increspature dell'acqua. A coloro che leggono domando compassione per tutte le creature viventi. E auguro loro la pace" Misha Defonseca vive vicino a Boston cl marito e molti animali. Ancora oggi, ogni tanto va nelle foreste del massachusetts a incontrare i suoi amici lupi.
 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 16/03/2007 alle 20:05:23, in Notizie sparse, letto 1716 volte

 

(dal Corriere della Sera del 15/03/2007) MILANO - Continuano le polemiche dopo lo stop deciso dalla magistratura nei giorni scorsi allo spettacolo "Accidens - Matar para comer", nel quale viene ucciso un astice, in scena al Teatro I di Milano. Ma secondo l'assessore alla Cultura di Milano Vittorio Sgarbi, ''La cultura ha il diritto e il dovere di provocare e anche di scandalizzare: proprio per questo censurare lo spettacolo vuol dire uccidere la cultura a Milano e in Lombardia''. A difendere il provvedimento e' invece il presidente dell'Enpa di Milano Ermanno Giudici ''La tutela di tutti gli animali - ha detto - ci sembra un'assoluta affermazione di cultura''. (Agr)

Scriviamo una e-mail di protesta al sito www.vittoriosgarbi.it nella sezione contatti, perchè un indirizzo e-mail non si trova, ma guarda!

 
Pubblicato da monica il 16/03/2007 alle 14:22:42, in Notizie sparse, letto 1200 volte
L'associazione NO ALLA CACCIA  vi invita mercoledì 28 marzo alle ore 20.00 ad una Cena Vegan presso la "Biosteria" di Roma in Viale della Primavera 319/b, (Prezzo 15)
Per stare insieme ,raccogliere fondi, e soprattutto per tenere sempre viva l'attenzione sull'enorme massacro di animali che ogni giorno avviene nei campi e nei boschi perpetrato dai cacciatori.
Quindi oltre alla degustazione di un'ottima cena senza nessun sfruttamento animale ,ci saranno filmati ,materiale gratuito ,informazioni ,la possibilità di conoscerci.
Per INFO : Alessio 3282494921
E-mail : alessiobalelli@libero.it
 
Pubblicato da monica il 15/03/2007 alle 16:13:22, in Notizie sparse, letto 2258 volte

 

tratto da  : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=3145

FONTE: COVANCE (*)

Documenti resi pubblici attraverso una disposizione legale rivelano l’esistenza di una relazione molto stretta tra Grandi Multinazionali del Tabacco e Covance (in precedenza nota come Hazleton), un rapporto che è andato avanti per più di 30 anni.
Una relazione del 2000 stilata nel Regno Unito dall’Imperial Tabacco Group, parla della costruzione a Harrogate, nello Yorkshire, di “appositi stabilimenti per la ricerca, dove condurre esperimenti scientifici” in merito al fumo; e dove una “grande quantità “ di “condensato di fumo di sigarette” sarebbe stata spalmata sulla pelle degli animali.
La relazione sottolinea che nel 1974, i laboratori di Harrogate furono venduti agli Hazleton Laboratories, e da allora, “gli esperimenti sul tabacco – compresi esperimenti di inalazione – furono condotti attraverso la stipula di contratti con Hazleton.
Un rapporto strettamente confidenziale del 1978 descrive esperimenti condotti presso i laboratori Hazleton di Reston in Virginia – gli stessi in cui la Hazleton/Covance introdusse le scimmie infette dal virus Ebola provenienti dalle Filippine.
Tali esperimenti comprendono “l’esposizione continua di cani beagle maschi al fumo di intere sigarette e allo stesso fumo arricchito di monossido di carbonio (CO).” I cani furono uccisi alla fine dello studio.
Una relazione del 2002, apparsa sulla rivista Inhalation Toxicology condannò gli esperimenti basati sull’inalazione, come quelli condotti ad Hazleton, perché incapaci di dimostrare che il fumo di sigaretta aumenta il rischio di contrarre il cancro negli esseri umani; e sottolineò che “non venivano rilevati aumenti significativi del numero di tumori maligni del tratto respiratorio in ratti, topi, criceti, cani o nei primati non umani esposti per lunghi periodi ad alte concentrazioni di fumo di sigarette.
” Di conseguenza, gli esperimenti di inalazione ad Hazleton furono responsabili sia della sofferenza degli animali usati nella sperimentazione, che di quella degli esseri umani. Nel 1998, Covance condusse degli esperimenti che “stabilirono” che anche la più massiccia esposizione al fumo passivo equivale a fumare solo da sei a nove sigarette l’anno.
Più tardi si scoprì che lo studio era stato sponsorizzato dal ‘Centre for Indoor Air Research’ un gruppo di facciata dell’industria del tabacco. In netto contrasto con le scoperte di Covance, sono invece le autorità sanitarie degli Stati Uniti che hanno dichiarato che l’esposizione al fumo passivo aumenta in modo sostanziale negli umani, il rischio di contrarre cancro ai polmoni e malattie cardiache.
Documenti riservati redatti nello stabilimento di Covance e datati 10 Luglio 2002, parlano di un “Team Project Covance/Philip Morris” formato da 40 persone con l’intento di consolidare uno stretto legame tra le due compagnie, di modo che Covance possa condurre degli studi per Philip Morris.
Ad una conferenza per TABINFO, un gruppo nel commercio del tabacco, tenutasi a Manila nel Novembre 2005, Covance ha presentato una relazione intitolata: “Come può Covance supportare i bisogni relativi alla Ricerca e allo Sviluppo dell’Industria del Tabacco?” Nonostante Covance continui a dichiarare di avere a cuore il benessere degli animali, i video prodotti dagli investigatori della Peta all’interno dei suoi laboratori testimoniano casi di sofferenza inaudita e di grande negligenza nei confronti degli animali.
Le multe inflitte dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti a carico di Covance, per via delle grandi violazioni della legge Federale per la Protezione degli Animali, ci forniscono un’ulteriore prova della sua interpretazione del benessere degli stessi.
Covance si presenta come una compagnia che ha a cuore la salute delle persone, dice di voler essere la fautrice di un “miracolo nel mercato globale”; tuttavia la sua lunga relazione con le grandi multinazionali del tabacco ci da un’immagine ben diversa, quella di un’azienda che ha a cuore il profitto e non il benessere degli esseri umani e degli animali.
Fonte: www.covancecruelty.com Link: http://www.covancecruelty.com/feat-tobacco.asp

Traduzione per comedonchisciotte.org a cura di MONIA

(*) Covance Inc. è un'azienda specializzata in vivisezione per conto terzi con filiali in 18 paesi, 6000 dipendenti, un fatturato di circa 900 milioni di dollari.
Lavora per conto di 50 imprese farmaceutiche e biotech.
L'azienda, "tra le prime al mondo per lo sviluppo di servizi farmaceutici", alleva e vende cani, conigli, porcellini d'India, topi, maiali, scimmie.

 
Pubblicato da monica il 15/03/2007 alle 15:00:44, in Notizie sparse, letto 1348 volte
Portavoce degli animali rapiti della libertà, ingabbiati e torturati in nome della moda e del profitto, decine di persone si sono date appuntamento davanti le porte della Rinascente a piazza Fiume.
Cresce la partecipazione, la sensibilità contro lo sfruttamento animale: la mostra sugli allevamenti di animali considerati da pelliccia colpisce le persone che attraversano quel lembo di marciapiede e sono tante quelle che scelgono di non entrare a sostegno della campagna.
Sempre di più. Parallelamente cresce il malcontento di chi La Rinascente difende.
Durante la giornata internazionale della donna, il presidio davanti alla Rinascente simboleggia la lotta inscindibile contro lo sfruttamento umano e animale.
Rinascente vende morte, fino alla fine davanti alle sue porte.
Ricordiamo a tutti il prossimo appuntamento:
SABATO 17 MARZO ore 17.00 davanti la RINASCENTE di piazza Fiume a Roma.
Se non ora, quando?
Se non tu, chi?

www.campagnaaip. net
iniziative_vegan@ yahoo.it
 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 15/03/2007 alle 14:39:51, in Notizie sparse, letto 1507 volte

 

(da: Repubblica) Il progetto "Forma Libre" dell'architetto Alvarez Yale: abitazioni con materiali "naturali" dalle linee
più strane. E' la nuova filosofia dell'abitare. Tutto pronto in 15 giorni a 900 euro al metro quadrato.


Se non avete più di 15 giorni per trovare casa e il vostro budget si aggira sui 900 euro al metro quadrato l'architetto spagnolo Moisés Alvarez Yela ha ideato una nuova filosofia dell'abitare che può fare al caso vostro.  Ispirandosi al mondo animale, dove ciascuno fabbrica il proprio nido, e alle culture africane dove ogni nucleo familiare mette su la capanna di fango e paglia, Alvarez Yela insegna a ritrovare il gusto arcaico di costruire da sè la propria casa. Antisismica ed ecologica, per di più. Il progetto si chiama Forma Libre e non a caso: casette dalle forme più originali e che ricordano un po' i monoliti preistorici. Fabbricata senza angoli o linee rette, la struttura è sostenuta da sbarre di ferro arcuate. La gabbia così ottenuta viene rivestita di tela di sacco (materiale di recupero al 100%) e, infine, avvolta da una gettata di cemento armato

Nessun limite di altezza o di dimensioni. La nuova formula va incontro così al gusto dei più estrosi, che possono inventare forma e volumi della loro nuova tana, integrandola armoniosamente nell'ambiente naturale in cui sorge. Ma il successo è legato anche alla vocazione ecologica della struttura che, riducendo la superficie di contatto con l'esterno, abbassa la dispersione del calore. Uno studio sull'edilizia "etica" lungo trent'anni che ha portato l'architetto spagnolo a rivoluzionare l'architettura abitativa. Il bassissimo costo di costruzione e la velocità di realizzazione (appena 15 giorni) stanno facendo di questa formula un fenomeno di tendenza: il primo di questi alloggi è nato in Andalusia, a Jaén; oggi, nella provincia di Malaga, interi quartieri residenziali stanno sorgendo nel segno di Forma Libre.
(per vedere le foto delle case andate sul sito www.repubblica.it)

(15 marzo 2007)

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 14/03/2007 alle 17:48:08, in Notizie sparse, letto 1638 volte

 

(ANSA-REUTERS) - PECHINO, 13 MAR - Squali e serpenti, zampette d'orso e cervelli di scimmia: le prelibatezze della cucina cinese rischiano di venire escluse dai menu destinati agli stranieri durante le prossime Olimpiadi di Pechino 2008. L'invito arriva dal preside della prestigiosa Universita' di Pechino, nonche' deputato del National People Congress, Xu Hongzhi, secondo il quale ''servire pinne di squalo agli stranieri potrebbe danneggiare l'immagine della Cina e pertanto bisognerebbe sin da subito eliminarli dai menu''. Squali, ma non solo: secondo Xu Hongzhi dalla tavola cinese dovrebbero essere esclusi anche altre specie che potrebbero urtare la sensibilita' degli stranieri. ''Non si tratta solamente di una questione ecologica - ha sottolineato Xu - ma qualcosa che riguarda il rapporto diretto con l'immagine dei cinesi''. Alcuni campioni dello sport cinese, come il giocatore dell'Nba Yao Ming e il ginnasta Li Ning, hanno partecipato a una campagna contro il consumo delle pinne di squalo durante lo scorso anno.

 

Nota di redazione: che peccato rischiano di venire escluse queste prelibatezze! Che sia la volta buona per fare un passo in avanti cari cinesi belli!

 

 


 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 14/03/2007 alle 09:52:11, in Notizie sparse, letto 3260 volte

 

14 mar 08:44
SYDNEY (Australia) - La siccita' che ha colpito l'Australia costringera' le autorita' a fare abbattere centinaia di migliaia di dromedari selvatici resi folli dalla sete. Lo riferiscono oggi gli esperti del Desert Knowledge Cooperative Research Centre. "Si ritiene che un milione di dromedari selvatici, il cui numero raddoppia ogni otto anni, siano in competizione con gli animali originari della zona e il bestiame di allevamento, minacciando le coltivazioni, distruggendo recinzioni, scavi e serbatoi e invadendo i siti aborigeni", ha detto Glen Edwards, ecologo del Centro. "E' da un decennio che i dromedari sono diventati un problema, ma l'ultima siccita', la peggiore da cento anni a questa parte, li ha spinti a concentrarsi su determinate zone, ponendoli in stretto contatto con la popolazione e le attivita' umane". (Agr)

(Corriere della Sera)

 
Pubblicato da Piero il 13/03/2007 alle 11:27:18, in Notizie sparse, letto 1413 volte

Luoghi di emergenza: Valmontone (RM), Pratoni del Vivaro (RM), Arcinazzo Romano (FR).

 

In primavera inizia la MIGRAZIONE DEI ROSPI. Gli anfibi percorrono anche grandi distanze per raggiungere laghi, fiumi e zone umide in cui accoppiarsi e riprodursi. Nella loro lunga marcia, però, si imbattono in ostacoli di ogni genere, in particolare le STRADE. A causa della loro lentezza ne vengono schiacciati a milioni in questo periodo in tutta Italia.

 

Per evitare questo massacro, in provincia di Roma organizziamo da anni un monitoraggio e un aiuto concreto. Muniti di torce, guanti, secchi li raccogliamo ai bordi delle strade e li portiamo alla loro meta finale. Inoltre, in un sito con un passaggio cospicuo, i pochi rospi che riescono a superare le macchine, muoiono in vasche di cemento di un allevamento di trote, costruite in una conca nella quale prima si trovava una zona umida naturale per la riproduzione.

 

Serve una presenza costante quotidiana, perché anche una sola autovettura può ucciderne o mutilarne a decine, ed evitare che finiscano nelle vasche. Bisogna dividersi in turni di poche persone a sera, circa dalle ore 20 alle ore 23.

 

Per chi crede che l’attivismo sia la prima forma di lotta e che anche salvare un solo individuo sia un passo concreto, ci scriva.

attivismo@vallevegan.org

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source