RIFUGIO Vieni? Sostienici!
venerdì 22 marzo 2019   # Utenti online n.535 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico
Tutti gli articoli.
Ordine cronologico: discendente (il più recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da monica il 12/03/2007 alle 12:27:41, in Notizie sparse, letto 1150 volte
Il quotidiano australiano Herald Sun riporta una interessante campagna portata avanti da alcuni attivisti della citta' di Victoria per liberare gli animali prigionieri degli allevamenti, in particolare gli allevamenti di galline per la produzione di uova.
Si tratta degli stessi attivisti che qualche settimana fa si sono introdotti nel piu' grande allevamento di galline ovaiole di Victoria e hanno portato via 18 galline.
Mercoledi' 21 febbraio gli attivisti hanno superato un gigantesco recinto elettrificato, cani da guardia e fari di sorveglianza presso l'allevamento "Happy Hens" (Galline Felici) nella citta' di Meredith.
Sostengono di aver visto un sovraffollamento illegale, sporcizia estrema, galline che si mangivano altre galline morte, altre finite dentro la fossa del letame.
Gli attivisti erano soprattutto studenti universitari, ma tra loro c'era anche Patty Mark, di 57 anni, che ha gia' a suo carico 8 accuse penali. "Le galline gridavano, c'erano corpi che marcivano nelle gabbie, i contenitori con i corpi degli animali morti venivano lasciati nei capannoni e gli animali malati e sfiniti venivano abbandonati a loro stessi in minuscole gabbie" ha dichiaro Patty Mark, fondatrice di Animal Liberation Victoria.
Patty Mark sostiene che i capannoni contengono 80.000 galline allevate in batteria, in uno spazio che una volta conteneva un quarto degli animali. Gli allevatori invece affermano di trattare bene gli animali, per farli rendere al massimo, e minacciano di denunciare gli attivisti.
La signora Mark pero' invita tutti a unirsi in questa lotta. Il loro piano e' di liberare gli animali senza nascondersi e celare la propria identita'. Questo li espone alle denunce, ma dicono di essere disposti a finire in prigione per la causa.
Noah Hannibal, laureato in filosofia, ha dichiarato di aver passato qualche notte in prigione per violazione di proprieta' privata, furto, o disturbo della quiete pubblica, ma che le accuse sono sempre state ritirate. "Specialmente quando si fanno liberazioni alla luce del sole" ha detto "abbiamo in pratica la licenza di fare quel che vogliamo.
Anziche' arrestarci, la polizia ci ha aiutato a portar fuori gli animali malati".
Gli attivisti organizzano riunioni per mettere a punto le proprie strategie e usano tecniche elaborate per entrare negli allevamenti super-protetti. Ogni membro di una squadra ha un ruolo specifico - dal disabilitare recinti elettrificati, a documentare le condizioni degli animali nei capannoni, a guidare il furgone.
Callum Bryant, una studentessa 20enne che studia arte all'universita' dichiara "Mi piacerebbe che tutti diventassero vegetariani, o, piu' specificamente, vegani.
Vorrei fermare la crudelta' sugli animali" e dichiara di non aver paura di andare in prigione per difenderli. Le galline liberate sono gia' state adottate da famiglie nei dintorni di Melbourne.
La Reale Societa' per la Prevenzione delle Crudelta' sugli Animali (RSPCA) sta esaminando le segnalazioni degli attivisti sulle irregolarita' nell'allevamento Happy Hens.
Fonte: Herald Sun, "In the name of animal liberation", 25 febbraio 2007 http://www.news.com.au/heraldsun/story/0,,21283415-2862,00.html
 
Pubblicato da monica il 12/03/2007 alle 12:23:35, in Notizie sparse, letto 4214 volte

tratto da www.tradizioniviolente.org
per vedere il video collegarsi al sito

Ogni anno migliaia di merli, cesene, allodole, tordi bottacci, tordi sasselli, mentre stanno migrando verso i paesi caldi: Vengono catturati nelle reti, da persone pagate dalle Province, dopo essere stati attirati da altri uccelli, che, chiusi nelle loro gabbiette, poste in prossimità delle reti di cattura, hanno il compito di cantare per intrappolare i loro simili.
Vengono tolti dalle reti e in preda al panico, vengono messi in minuscoli contenitori per essere trasportati ai centri di distribuzione dove i cacciatori stanno aspettando.
Ai centri di distribuzione vengono regalati ai cacciatori che li useranno per effettuare la caccia da appostamento. Sempre piu' terrorizzati, gli uccelli catturati vengono messi in sacchettini o in gabbiette e vengono portati a casa del cacciatore che é diventato il loro padrone.
Durante tutti questi viaggi gli uccelli sbattono in continuazione contro le pareti delle gabbie ferendosi. Le allodole sono gli uccelli più stressabili e sbattono in continuazione la testa contro il soffitto della gabbia.
A casa del cacciatore vengono messi, fino alla fine dei loro giorni, in gabbie grandi al massimo 30 centimetri, disposti su scaffali, all'interno di scantinati o sottoterra, in box, nelle cantine.
Spesso questi locali sono semibui, sporchi, umidi e malsani. Lo sterco degli uccelli, ognuno nella sua gabbietta, rimane depositato a blocchi sugli scaffali, e viene rimosso molto raramente; moltissimi degli uccelli appena arrivati muoiono perché non sopportano la vita in cattività, molti rifiutano di mangiare, altri non riescono a digerire quel nuovo mangime, così diverso dal cibo naturale, altri continuano a sbattere e si feriscono fino alla morte, altri si lasciano andare fino a morire. Ma alcuni sopravvivono, senza sapere quale terribile sorte li aspetta, accettano quella nuova vita e verranno nutriti finché canteranno bene, poi non serviranno più a nessuno e anche la natura li rifiuterà perché non li riconoscerà più.
Apre la stagione di caccia (da settembre a gennaio) tutti i giorni, con qualunque tempo atmosferico, il cacciatore si reca al suo capanno di caccia, trasportando i suoi uccelli da richiamo, contenuti ognuno nella propria gabbietta. Qui verranno appesi agli alberi e, contro natura, canteranno per attirare e far cadere in trappola altri sventurati uccelli, che verranno uccisi dal cacciatore nascosto nel capanno.
Finisce la caccia e gli uccelli, sempre rinchiusi nelle loro minuscole gabbiette, vengono disposti sugli scaffali, in freddi e umidi locali, con pochissima aria, con pochissima luce, con scarsa igiene. In queste condizioni passeranno lunghi mesi finché, senza piu' accorgersi che é arrivata primavera, si troveranno in estate.
Siamo nel mese di giugno: i cacciatori prendono i loro uccelli, gli strappano un po' di penne, li mettono in locali completamente bui, e in questa terribile condizione li lasciano, soli a sé stessi, per due lunghi, interminabili mesi.
Questa è la MUTA ARTIFICIALE tutti i cacciatori torturano così i loro uccelli per fargli subire la muta delle penne, cosa che in natura avviene spontaneamente all'approssimarsi della primavera; é in questa meravigliosa stagione che gli uccelli, ricoperti dal nuovo piumaggio, cominciano a cantare perché siamo nella stagione degli amori. Ma la caccia é aperta in autunno e ai cacciatori serve che gli uccelli cantino, come se fosse primavera, in autunno, quindi strappano loro delle penne e li tengono al buio completo per indurli a credere che sia inverno (in realtà siamo in piena estate: giugno e luglio) e che, invece, l'autunno reale sia per loro primavera (hanno cambiato le piume e hanno rivisto la luce: credono che dall'inverno si sia passati alla primavera. In realtà dall'estate si é passati all'autunno).
Oltre alle sevizie gli uccelli subiscono uno scompenso del metabolismo, non sanno più distinguere il giorno dalla notte, l'inverno dall'estate, ecc., il sistema ormonale é completamente sconvolto. Così trascorre la loro misera vita, quei pochi uccelli che riescono a sopravvivere subiscono tutte le estati la muta artificiale. Man mano che il tempo passa i loro muscoli si atrofizzano; non sono più capaci di volare, non sanno più cosa significa trovare un compagno e accoppiarsi. La coda si é rotta e non esiste più a furia di sbattere contro le pareti della gabbia. Le zampe, a furia di stare nello sporco e a furia di stare fermi in uno spazio così ridotto, si riempiono di croste, di piaghe, molti uccelli perdono gli arti. Le penne spariscono in molte parti del corpo lasciandoli nudi a sopportare le intemperie (se piove, se c’è vento, in qualunque condizione gli uccelli da richiamo, appesi ai loro alberi devono cantare).

"La mia vita con bambi" di Cristina Rovelli, Ed. Cosmopolis
I cacciatori dovrebbero riconsegnare i richiami vivi, una volta deceduti, ai centri di raccolta per riceverne altri gratuitamente. Questo significa che ogni cacciatore dovrebbe mantenere in vita i suoi richiami anche quando smettono di cantare. Considerando il fatto che ogni cacciatore riceve fino a 40 richiami vivi possiamo facilmente dedurre quanti uccelli, ogni cacciatore dovrebbe continuare a mantenere “inutilmente” fino alla morte: un richiamo che smette di svolgere la sua funzione non serve più a nulla al cacciatore, diventa unicamente un costo e un fardello che non gli permette di continuare l’attività venatoria a pieno ritmo. E’ noto infatti da diverse testimonianze di guardie venatorie di come in realtà spesso i cacciatori abbandonino i propri richiami una volta che smettono di cantare, in modo che possano riceverne subito altri. Il problema è che questi uccelli abbandonati non sono più in grado di volare, non sanno più procurarsi il cibo da soli, non sanno più migrare e scappare dai predatori: non sono più degli uccelli. E’ facile quindi immaginare quale sia la loro sorte. Il fatto che questa pratica inizi ad essere vietata anche a livello locale in Italia, ci indica chiaramente la sua natura violenta e crudele.
Contatti: info@tradizioniviolente.org
 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 07/03/2007 alle 17:08:31, in Notizie sparse, letto 1218 volte

Siamo quasi arrivati, la Pasqua è alle porte! Miei teneri cuccioli l'essere umano con la sua maledetta ingordigia, ignoranza, superficialità, cattiveria, vi metterà di nuovo le mani addosso, sporche di sangue per saziare il suo stomaco, vostra tomba vivente. Come ogni anno, più si avvicina il fatidico giorno più mi addoloro alla sola idea della vostra uccisione, esseri innocenti. Mi sento così impotente, sento le vostre urla, il vostro dolore è il mio, scusate fratelli miei, mi vergogno di far parte della razza umana... E come ogni anno andrò in giro ad attaccare manifesti nella speranza di sensibilizzare qualche persona...

 
Pubblicato da Daniela il 07/03/2007 alle 12:12:28, in Diario di ValleVegan, letto 5001 volte

Se la caccia fosse un lavoro

 

Filippo Schillaci

 

 

Nel novembre 2001 l'allora responsabile regionale umbro delle guardie giurate del WWF Sauro Presenzini, all'indomani di una impressionante serie di incidenti di caccia con esito mortale verificatisi in quella regione denunciò fermamente la caccia come problema di ordine pubblico. Gli rispose, a sostegno delle posizioni dei cacciatori, l'assessore al bilancio del comune di Perugia, Fabio Faina, cacciatore egli stesso, dichiarando che i cacciatori: "non sparano all'impazzata ma seguono regole di comportamento estremamente precise" e che "la percentuale degli incidenti, rispetto al numero dei partecipanti alle battute, è irrisoria".[1] Queste dichiarazioni erano fatte con riferimento alla caccia al cinghiale e alla situazione umbra, tuttavia non c'è dubbio che egli intendesse dare a esse validità generale. Compito di questo articolo è quantificare la pretesa "irrisorietà" degli incidenti di caccia attraverso un confronto con un diverso contesto, quello degli incidenti sul lavoro, nonché confrontare il concetto di sicurezza e prevenzione quale è affrontato a livello legislativo nei due diversi contesti. 1. Definizione dell'attività venatoria dal punto di vista della sicurezza Cominciamo col dare una definizione dell'attività venatoria (la quale, notiamolo esplicitamente, per le circostanze in cui si svolge è cosa ben diversa dallo sport del tiro, sia a volo che a bersaglio fisso) osservata dal punto di vista della sicurezza. Essa in null'altro consiste che nel libero uso di armi da fuoco in luoghi non protetti, siano essi pubblici o privati. Notiamo a quest'ultimo proposito che la legislazione italiana (art. 842 C.C.) consente di svolgere tale attività perfino nelle altrui proprietà private a prescindere dal consenso del legittimo proprietario (cosa quest'ultima già da tempo condannata, con riferimento alla Francia, dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo). Luoghi, in altre parole, in cui chiunque può trovarsi a transitare in qualsiasi momento. La sua principale e intrinseca caratteristica è pertanto la totale promiscuità di spazi con le altre attività umane, sia lavorative (agricoltura e silvicoltura innanzi tutto) che ludiche (turismo, escursionismo ecc.). Notiamo anche che coloro che esercitano tale attività, benché debbano superare a tale scopo appositi esami, null'altro possono essere considerati nell'uso delle armi da fuoco, che dei dilettanti. 2. Si muore più di caccia o di lavoro? Si farà riferimento nel seguito ai dati del 2001, in quanto sono i più recenti a nostra disposizione. In tale anno dunque si verificarono 1.366 incidenti mortali sul lavoro (fonte: INAIL) mentre il totale degli occupati era di 21.514.000 (fonte: ISTAT). Considerando 20 giornate lavorative di 8 ore al mese e 11 mesi lavorativi all'anno per ciascun lavoratore si ottiene un totale di 4.733.080.000 giornate lavorative effettuate. Nella stagione venatoria 2001/2002 vi sono stati 47 incidenti mortali di caccia (fonte: EURISPES) a fronte di un numero di cacciatori pari a 780.000 unità.[2] Il numero massimo di giornate di caccia disponibili (tre a settimana per 5 mesi) era di 66 per ciascun cacciatore. Ipotizzando che ciascuno di essi abbia sfruttato integralmente le giornate di caccia a sua disposizione, otteniamo un numero totale di giornate di caccia effettuate pari a 51.145.714. Al fine di poter effettuare un raffronto omogeneo dobbiamo ipotizzare però che giornata di caccia e giornata lavorativa abbiano l'identica durata di 8 ore, il che ci pare ipotesi non realistica. Essendo difficilmente quantificabile il dato "durata media della giornata di caccia" intendendo come tale il periodo di tempo che il cacciatore trascorre nel cosiddetto "atteggiamento di caccia" assumeremo l'ipotesi, che riteniamo non molto lontana dal vero, di una durata media di 4 ore. Pertanto assumeremo nel calcolo seguente l'equivalenza: 1 giornata lavorativa = 2 giornate di caccia. Detto ciò si ottiene che si ha un incidente mortale ogni 3.464.919 giornate lavorative e un incidente mortale ogni 544.186 giornate di caccia. Ne risulta, dal rapporto fra le due ultime cifre, che si muore di caccia 6.37 volte più frequentemente che sul lavoro. È necessario aggiungere qualche considerazione in merito all'ipotesi fatta sul numero di giornate di caccia, dato cruciale nel determinare il valore del risultato finale del calcolo e pertanto il modo in cui esso deve essere interpretato. Ci è stato fatto da più parti notare che tale ipotesi è irrealistica in quanto palesemente sovradimensionata rispetto alla realtà e che è ben più verosimile supporre che il numero di giornate di caccia settimanali per ciascun cacciatore non sia superiore a una o due. Questa obiezione è esatta.[3] Il che implica che dobbiamo realisticamente stimare un numero di giornate di caccia pari a uno o al più due terzi di quelle calcolate, non di più. Questa stima farebbe sì che il numero di vittime vada diviso per un numero minore di giornate di caccia, e avrebbe come conseguenza che la frequenza di incidenti mortali nella caccia risultasse ancora maggiore. Il valore di 6.37 sopra trovato del rapporto fra le frequenze di eventi mortali è pertanto da intendersi come una stima minimale e l'affermazione conclusiva del precedente capoverso va più realisticamente corretta affermando dunque che si muore di caccia almeno 6.37 volte più frequentemente che sul lavoro, fermo restando che il valore reale è da intendersi sensibilmente superiore. Quanto superiore? Non riteniamo necessario approfondire ulteriormente questi calcoli ritenendo il risultato raggiunto già di per sé sufficiente a giustificare le considerazioni seguenti. 3. Sicurezza e prevenzione nelle discipline del lavoro e dell'attività venatoria La storia della legislazione in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro comincia in Italia nel 1898 con una normativa che stabilisce per il datore di lavoro l'obbligo di stipulare una polizza assicurativa nei confronti del lavoratore. L'ottica in cui viene affrontata la questione era pertanto a quel tempo puramente risarcitoria. Era del tutto assente il concetto di prevenzione. La successiva evoluzione legislativa ha portato oggi a una regolamentazione costituita da un insieme piuttosto articolato di normative (non esiste a tutt'oggi un testo unico) la cui punta più avanzata è il D.L. 626/94, un lungo e dettagliato testo che definisce norme capillari e precise in materia e in particolare stabilisce, a carico di tutti i soggetti coinvolti, una serie di obblighi comportamentali atti a conseguire l'obiettivo della prevenzione. Prevenzione che è oggi, come nota Antonio Moccaldi, Direttore Generale dell'ISPESL, il concetto primario su cui si basa la vigente legislazione (e la conseguente azione) in materia di sicurezza sul lavoro. Del tutto superata è pertanto l'originaria ottica risarcitoria: prevenire il verificarsi dell'evento negativo piuttosto che concepirlo come fatalità, lasciare che accada e risarcire a posteriori il danno. L'art. 2 lettera g) del D.L. 626/94 definisce 'prevenzione' «il complesso delle disposizioni o misure adottate o previste in tutte le fasi dell'attività lavorativa per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell'integrità dell'ambiente esterno». Sottolineiamo esplicitamente l'attenzione estesa non soltanto all'ambiente lavorativo ma anche all'ambiente esterno a esso e in particolare alla popolazione. Su questo concetto torna l'art. 4 comma 5 lettera n) ponendolo come obbligo del datore di lavoro. È importante aggiungere inoltre che il D.L. 626/94 è stato riconosciuto successivamente (Art. 1 del D.L. 242/96) inadeguato alle 'particolari esigenze connesse al servizio espletato' nell'ambito di alcuni contesti lavorativi, fra cui quelli 'delle Forze armate e di polizia, (...) delle strutture giudiziarie, penitenziarie, di quelle (...) con compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica'. Tali contesti era previsto nel predetto D.L. 242/96 che si dovessero regolamentare a parte mediante specifici Decreti Interministeriali. Ciò è stato fatto, alla data attuale (giugno 2003), fra i contesti sopra citati, solo per la Guardia di Finanza e per le strutture giudiziarie e penitenziarie, il che impedisce ogni ulteriore approfondimento in merito alla natura delle 'particolari esigenze' menzionate. Sottolineiamo comunque come si tratti di contesti che, per loro intrinseca natura, implicano l'uso di armi da fuoco in condizioni non a priori prevedibili e controllabili, esattamente come avviene nell'esercizio della caccia.[4] Soffermiamoci ora sul D.L. 626/94 ed esaminiamone gli elementi fondamentali. 1) L'obbligo di programmazione della prevenzione. Il datore di lavoro deve stabilire una scala di priorità degli interventi necessari a prevenire gli infortuni. 2) La identificazione delle procedure, ovvero mettere per iscritto attraverso quali procedure ciascuna impresa può essere messa in condizione di raggiungere accettabili condizioni di prevenzione. E' questo il cosiddetto Documento di valutazione dei rischi. 3) L'informazione. Ovunque esista una fonte di pericolo la sua presenza deve essere opportunamente evidenziata mediante segnaletica o etichettatura, l'una e l'altra a loro volta normate. 4) La formazione. Tutti i soggetti coinvolti devono periodicamente esservi sottoposti. 5) L'istituzione di figure specifiche rivolte al raggiungimento e alla tutela della prevenzione (Medico competente, Servizio di Prevenzione e Protezione, ecc.). 6) Estensione della sfera dei soggetti beneficiari del diritto alla sicurezza. La legge tutela non solo i lavoratori ma anche altri soggetti qualora riconosciuti esposti a rischio. La norma prevede in particolare tre categorie di funzioni fondamentali e all'interno di ciascuna di esse delle ben precise figure di riferimento, che riassumiamo nella seguente tabella: Funzioni Figure di riferimento Obblighi e responsabilità Datore di lavoro, dirigenti, preposti, lavoratori Consulenza, analisi, soluzioni Servizio di Prevenzione e Protezione e relativo Responsabile, Medico Competente Rappresentanza dei lavoratori Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza È superfluo qui addentrarsi nell'analisi dettagliata dei compiti attribuiti a ciascuna figura. Ci limitiamo a citarle per evidenziare come la legge concepisca l'attuazione della sicurezza attraverso la prevenzione quale attività continuativa, sistematica e organizzata, non solo attraverso l'attribuzione di compiti specifici ai vari soggetti coinvolti, ma anche attraverso la creazione di nuovi soggetti specificamente rivolti a questo compito. Alcuni punti è comunque opportuno sottolinearli. L'art. 2 lettera e) del D.L. 626/94 definisce il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come 'persona (...) in possesso di attitudini e capacità adeguate'. A causa di ciò il D.L. 626/94 è ritenuto a livello europeo inadempiente rispetto alle Direttive comunitarie di cui costituisce recepimento in quanto per tale figura non sono definiti con precisione i requisiti, come invece è richiesto dalle Direttive stesse e come avviene, ad esempio, nella precedente lettera d) dello stesso articolo per la figura del medico competente. Vedremo in seguito il perché di questo rilievo. Il successivo art. 4 individua gli obblighi, fra gli altri, del datore di lavoro relativi alla prevenzione e alle misure di emergenza: «Il datore di lavoro, in relazione alla natura dell'attività (...) valuta, nella scelta delle attrezzature (...), nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, i rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari». Tali obblighi sono successivamente elencati in 13 punti, 5 dei quali relativi alle misure di emergenza. Inoltre, l'art. 22 prevede che il datore di lavoro provveda a fornire al lavoratore una formazione adeguata in materia di sicurezza e salute. I lavoratori incaricati di gestire le situazioni di emergenza devono ricevere una formazione specifica. Alle figure sopra elencate si aggiungono poi gli organismi di vigilanza esterni quali l'INAIL, l'Ispettorato del Lavoro, le ASL, nonché organismi di studio e consulenza quali l'ISPESL e la commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e per l'igiene del lavoro. Per l'esattezza l'art. 24 comma 1 elenca un insieme di 8 organismi pubblici aventi fra i loro compiti quello di svolgere «attività di informazione, consulenza e assistenza in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro». L'art. 14 prevede che almeno una volta l'anno il datore di lavoro convochi una riunione periodica di aggiornamento cui devono partecipare anche i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza i quali concorrono all'esame del documento di valutazione, compreso il metodo con cui certe valutazioni sono state tratte. Infine l'art. 8 comma 5 prevede uno specifico obbligo di organizzazione del servizio di prevenzione e protezione all'interno dell'azienda in alcuni casi, fra cui le «aziende per la fabbricazione e il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni». L'attività venatoria è regolamentata in Italia a livello nazionale dalla Legge 157/92. Il tema della sicurezza trova spazio in essa in tre articoli: 12, 21 e 25. L'art. 12 prevede l'obbligo a carico di chi pratica l'attività venatoria di stipulare una 'polizza assicurativa per la responsabilità civile verso terzi derivante dall'uso delle armi o degli arnesi utili all'attività venatoria'. Inoltre, egli ha l'obbligo di stipulare una polizza assicurativa 'per infortuni correlata all'esercizio dell'attività venatoria'. Viene qui citata espressamente l'eventualità di 'morte o invalidità permanente'. Il Legislatore dunque riconosce, come del resto è ovvio, all'attività venatoria caratteristiche di alto rischio e riconosce come soggetti esposti a esso non solo coloro che praticano tale attività ma anche persone a essa estranee. Nel contempo tuttavia egli affronta questo aspetto in un'ottica puramente risarcitoria. La medesima ottica guida l'art. 25, il quale istituisce un 'Fondo di garanzia per le vittime della caccia' nei casi in cui il responsabile dei danni non sia identificato o risulti privo di assicurazione per responsabilità civile verso terzi, limitando però il diritto al risarcimento ai 'soli danni alla persona che abbiano comportato la morte od un'invalidità permanente superiore al 20 per cento'. Si ribadisce con ciò l'affermazione che l'entità dell'esposizione al rischio, anche per il soggetto estraneo può risultare grave o addirittura letale. La parola "prevenzione", in tutto l'articolato della Legge appare due sole volte: nell'art. 14 comma 14 e nell'art. 26 comma 1, i quali trattano di risarcimenti e appunto 'prevenzione' indifferentemente dai danni causati dalla fauna selvatica e dall'attività venatoria. Il contesto lascia però intendere che si alluda a danni a cose piuttosto che a problematiche di sicurezza. La prevenzione non è esplicitamente trattata in quanto tale (fatto questo particolarmente significativo) ma accorpata, nell'art. 21, con altre disposizioni sotto la comune dicitura 'divieti'. Prima di analizzarlo è utile soffermarsi un momento sull'art.1 comma 2 il quale afferma: L'esercizio dell'attività venatoria è consentito purché non contrasti con l'esigenza di conservazione della fauna selvatica e non arrechi danno effettivo alle produzioni agricole. Una omissione colpisce in questa norma, trattando essa di un 'esercizio' consistente come detto nell'uso massiccio di armi da fuoco in luoghi promiscui con altre attività umane: che esso non costituisca pericolo per l'incolumità pubblica. Si nota dunque fin dall'articolo iniziale la precisa assenza, nella impostazione di principio voluta dal legislatore, di ogni preoccupazione relativa alla sicurezza e alla prevenzione. E ciò nonostante il fatto che «è chiaro che l'attività venatoria può porre in pericolo la tranquilla convivenza dei cittadini, la loro incolumità, particolari attività da questi svolte, ecc. ecc.».[5] Quest'ultima frase non l'abbiamo tratta da una pubblicazione ambientalista o animalista ma da un manuale di tecnica venatoria della Federazione Italiana della Caccia, che più oltre citeremo diffusamente. Essa non può dunque certamente essere accusata, per la fonte da cui proviene, di essere viziata da posizioni pregiudiziali o da esagerazioni estremisticamente tendenziose. Esaminiamo ora il citato art. 21. Per l'esattezza esso prevede il divieto di esercizio venatorio, fra gli altri, nei seguenti luoghi: giardini, parchi, terreni adibiti ad attività sportive, aie, corti o altre pertinenze di fabbricati rurali. Prevede inoltre delle distanze minime da rispettare dai fabbricati (100 m), dalle macchine agricole in funzione (100 m) e dalle vie di comunicazione (50 m), escludendo però da queste ultime le strade poderali e interpoderali. Tali distanze diventano di 150 m qualora si spari in direzione di una delle entità suddette se si usa un'arma con canna ad anima liscia, di una volta e mezza la gittata massima nel caso di uso di altre armi. Questo articolo esaurisce tutto ciò che il Legislatore nazionale ha ritenuto di dover dire in materia di prevenzione degli incidenti di caccia con riferimento alla tutela della sicurezza di terze persone. Il miglior commento a esso lo abbiamo trovato nel manuale sopra citato (p. 441 e seguenti) il quale, notevole evidenziarlo, risale al 1979 e dunque commenta in realtà la preesistente L. 968 del 27/12/1977 e non l'attuale L. 157/92 che l'ha sostituita. La seconda infatti null'altro ha fatto, in tema di prevenzione e sicurezza, che riprodurre, pressoché letteralmente, la prima con ciò facendo sì che considerazioni vecchie di quasi un quarto di secolo rimangano oggi di piena attualità. Ecco dunque un ampio estratto del commento che tale manuale fa relativamente agli obblighi relativi alle distanze di sicurezza: I divieti all'esercizio venatorio che sotto vedremo attengono alla tutela della incolumità pubblica. (...) Una casa, una villa, ecc. ecc., anche se al momento disabitata, deve sempre godere del raggio di m. 100 di rispetto, in quanto è sempre adibita ad abitazione. Non rientrano invece in questo concetto le case abbandonate e diroccate che talvolta si incontrano in certe zone, in quanto non più adibite ad abitazione; invece occorre rispettare la distanza di legge pure da una fabbrica, ad esempio, chiusa per ferie, perché si tratta sempre di un immobile adibito a posto di lavoro (anche se temporaneamente non funzionante). (...) Non è invece tutelato dalla distanza di legge un carro agricolo, ad esempio, fermo in un campo, sul quale in quel momento alcune persone caricano del fieno; ciò perché un carro agricolo non è un immobile (bensì un veicolo). Quest'ultimo punto è uno dei due soli elementi di diversità (vedremo poco oltre il secondo) in materia di sicurezza rispetto alla L. 157/92 il cui art. 21 (comma 1, lettera l) come abbiamo visto include l'obbligo di rispettare le distanze anche con riferimento a 'macchine agricole in funzione'. E' questo l'unico passo avanti che si è fatto in 25 anni. Proseguiamo nella lettura del commento riportandone l'interessante parte in cui si precisa cosa debba intendersi per 'strada': Qualche problema può sorgere quando ci troviamo di fronte ad una strada: per strada deve intendersi quella via di comunicazione che è percorribile (salvo fatti eccezionali) in ogni stagione dai veicoli ordinari. Esistono tracciati in terra battuta che sono percorribili da questi, ma soltanto in alcune stagioni dell'anno; appena piove il tracciato diviene intransitabile; non siamo perciò dinanzi ad una strada. Egualmente con motociclette o auto fuori-strada si possono percorrere sentieri o carrarecce transitabili soltanto con carri agricoli, da trattori, o a piedi; anche in questo caso non siamo dinanzi a una 'strada' come la legge intende, perché transitabile soltanto con mezzi particolari e non con veicoli ordinari. La legge poi non impone il rispetto della fascia di m. 50 di distanza da quelle strade, che pur avendo i requisiti di transitabilità sopra detti (...) siano poderali o interpoderali; per poderale si intende quella strada che pur partendo da una strada pubblica, porta ad una unità poderale, servendo normalmente ad un numero limitato di persone addette a quel podere (anche se ivi possono passare altre persone per recarsi alla relativa casa), e lì si fermi senza proseguire; per interpoderale si intende quella strada che pur partendo da una strada pubblica, serve più unità poderali, congiungendo un immobile ad altri, ma poi sempre terminando senza sfondo alcuno. Se al contrario questa strada, pur partendo da una strada pubblica e congiungendo diverse unità poderali, prosegue riallacciandosi ad altra strada pubblica, ecco che questa serve ad un numero indeterminato di persone e come tale rientra nel raggio del rispetto di m. 50 per l'esercizio venatorio. In altre parole le strade senza sfondo non sono tutelate dalla legge, in quanto assai meno frequentate. Citiamo infine quest'ultimo passo: Le competenti autorità possono disporre il divieto temporaneo di caccia nelle zone interessate da intenso fenomeno turistico; la esigenza del divieto (applicabile presumibilmente dai Comuni) è così evidente che non necessita di commento alcuno. È opportuna a quest'ultimo proposito una breve digressione poiché questo è il secondo elemento di diversità fra l'abrogata L. 968/77 e l'attuale L. 157/92, e questa volta lo è in senso regressivo. L'art. 20 della precedente legge statale sulla caccia consentiva infatti alle autorità territoriali competenti di "vietare temporaneamente la caccia nelle zone interessate da intenso fenomeno turistico". Tale previsione non è stata però ribadita nella vigente legislazione statale che su questo punto è riuscita a essere pertanto addirittura peggiorativa della precedente. Da notare però che 'una recentissima sentenza del Consiglio di Stato ha riconosciuto il potere del Sindaco di vietare la caccia per un limitato periodo di tempo ed in una zona circoscritta, con ordinanza ben motivata contingibile ed urgente per motivi di polizia locale, a tutela della pubblica incolumità'.[6] Si tratta per l'esattezza della sentenza n.2387 del 4/2/2003 della sesta sezione del Consiglio di Stato dalla quale è interessante riportare il seguente estratto: A norma dell'art. 38, co. 2, L. 8 giugno 1990, n. 142, in vigore all'epoca dei fatti: '2. Il sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta, con atto motivato e nel rispetto dei princìpi generali dell'ordinamento giuridico, provvedimenti contingibili e urgenti in materia di sanità ed igiene, edilizia e polizia locale al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l'incolumità dei cittadini; per l'esecuzione dei relativi ordini può richiedere al prefetto, ove occorra, l'assistenza della forza pubblica'. (...) Il provvedimento è infatti motivato con riferimento alla circostanza che nel periodo estivo vi era nel Comune di Sauris una rilevante presenza di turisti, messi in pericolo dall'esercizio quotidiano della caccia. Tale esercizio era autorizzato durante l'intera giornata, e non solo all'alba e dopo il tramonto, come sostenuto da parte appellante. Né è sufficiente ad escludere il pericolo la circostanza che la caccia al capriolo avviene senza cani, e solo da parte di tiratori specializzati, perché non sono solo i cani a creare pericolo per l'incolumità, né è sufficiente la particolare competenza dei cacciatori, ad impedire l'errore umano nell'uso delle armi, errore che può essere fatale in situazioni di particolare affollamento della zona a causa della presenza di turisti. In conclusione, va riconosciuto il potere del Sindaco a vietare l'esercizio della caccia per un limitato periodo di tempo e in una zona circoscritta, con ordinanza contingibile e urgente ai sensi dell'art. 38, co. 2, L. 8 giugno 1990, n. 142, a tutela dell'incolumità pubblica (in termini, T.A.R. Lazio - Roma, sez. II, 18 settembre 1991, n. 1368), e, in particolare, della salute dei turisti della zona in un determinato periodo dell'anno, ove l'urgenza sia tale da non consentire il ricorso tempestivo ad altri rimedi. Rilevante notare che con tale sentenza si respinge un ricorso presentato dalla Federazione Italiana della Caccia, la stessa Associazione Venatoria che ha curato la redazione del manuale che qui stiamo utilizzando e in cui si scriveva, come già citato, che: "'la esigenza del divieto (...) è così evidente che non necessita di commento alcuno', la qual cosa dovrebbe indurre ad approfondite riflessioni circa l'aderenza fra le dichiarazioni di principio e la pratica attività del mondo venatorio o di almeno parte di esso". Torniamo ora al nostro discorso principale: da quanto sopra detto emerge un elemento di fondamentale importanza: il singolo cittadino non è tutelato - col che intendiamo: non è oggetto di tutela preventiva - in quanto tale bensì solo in quanto 'immerso' in una rilevante collettività (la strada su cui egli transita deve essere 'molto' frequentata, il fenomeno turistico deve essere 'intenso'). Esempio concreto: una persona che lasci una via pubblica per incamminarsi lungo il viottolo che conduce alla propria abitazione di campagna è da quell'istante al di fuori di qualsiasi tutela preventiva di legge e deve pertanto ritenersi potenzialmente esposto (sia pure 'accidentalmente') al tiro di colpi d'arma da fuoco. Salvo poi ottenere ciò che per legge è da intendersi un 'giusto' indennizzo, per sé se gli va bene, ... per i propri beneficiari testamentari se gli va male. Di fatto, l'art. 21 tutela in realtà la sicurezza di quanti si trovino all'interno di fabbricati e loro immediate pertinenze e vie di comunicazione pubbliche, ma esclude totalmente ogni altra circostanza, quale la persona che esce di casa e si sofferma in giardino, il lavoratore agricolo che non opera alla guida di una macchina, l'escursionista, eccetera. Per tutti costoro la 'tutela' prevista è, come già detto, limitata alla pura e semplice ottica risarcitoria degli art. 12 e 25: prima farsi sparare e poi chiedere i danni. Notiamo ancora il sussistere di una diretta conseguenza di questa impostazione su un piano che non crediamo sia esagerato definire dei diritti umani. Qualora infatti si voglia garantire la condizione di tutela preventiva della sicurezza, la L. 157/92, per il solo fatto di consentire l'attività venatoria, impone inaccettabili limitazioni alla libertà del cittadino, costretto, se vuole mantenersi al sicuro, alla reclusione all'interno dei fabbricati o, se è un lavoratore agricolo, delle macchine operatrici. Chi non volesse soggiacere a tali limitazioni si troverebbe nella condizione di soggetto esposto a rischio: a quel non trascurabile rischio che è il tiro di armi da fuoco, con la sola tutela della normativa risarcitoria, vedendo così gravemente violato il suo diritto alla sicurezza. Non solo, ma una tale impostazione ci pare anche in contrasto con l'art. 32 della Costituzione Italiana secondo il quale 'la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo ed interesse della collettività'. Potendo il concetto di sicurezza intesa come tutela della propria incolumità fisica rientrare nel più ampio novero della tutela della salute, si vede come nella vigente legislazione venatoria sia mancante l'elemento della tutela della salute come 'diritto dell'individuo'. La tutela è garantita, ripetiamo, solo nei confronti della collettività. Si vede dunque come il concetto di prevenzione quale è elaborato nella legislazione venatoria sia estremamente rudimentale prevalendo in essa, come visto, l'impostazione risarcitoria, legata, anche qui, al concetto di 'incidente' come effetto di imprevedibile fatalità piuttosto che strettamente legato a fonti di pericolo e condizioni operative intrinseche all'attività svolta. In questa direzione è ancor oggi orientato anche il senso comune, e basti citare, a puro titolo esemplare, il seguente articolo di cronaca relativo al ferimento 'accidentale' di due persone ad opera di un cacciatore, nel cui testo balza agli occhi la ripetizione ossessiva di parole quali 'coincidenza', 'accidentale', 'fatalità', così ossessiva da generare il legittimo sospetto che il cronista volesse convincere innanzi tutto se stesso prima ancora che il lettore. Il Resto del Carlino 14 - 10 - 2002 CACCIA PERICOLOSA, FERITI AL VOLTO DAI PALLINI CADELBOSCO - Una sfortunata coincidenza, con le fronde di un'albero che hanno deviato alcuni pallini da caccia, che in discesa hanno accviato da un'albero, ferendo al volto il 23enne Yagrady Singh ed il connazionale Sevvak Singh, di 31 anni. E' stato lo stesso cacciatore a prestare i primi soccorsi ai due indiani, portati in auto all'ospedale di Guastalla, dove sono stati medicati per lesioni giudicate lievi. I carabinieri non hanno assunto alcun provvedimento nei confronti del cacciatore, in quanto non è stata ravvisata alcuna ipotesi di reato. E' stata solo una fatalità. Galaverni è cacciatore da oltre trent'anni: è esperto di attività venatoria e mai prima d'ora gli era capitato un episodio simile. Sul posto, guidati dal maresciallo Vincenzo Milazzo, sono intervenuti i carabinieri di Guastalla. (Antonio Lecci) Da parte nostra commentiamo soltanto come sia ben noto anche al meno esperto dei tiratori che il rimbalzo dei pallini in condizioni di tiro con presenza di ostacoli sia da ritenersi non coincidenza o fatalità, ma evento perfettamente verosimile e il cui verificarsi è dunque da prendere in considerazione a priori. L'omissione di questa intuitiva constatazione e dunque il pregiudiziale prevalere dell'arcaica concezione dell'incidente come fatalità ha fatto sì che gli stessi carabinieri non abbiano ravvisato 'alcuna ipotesi di reato'. Il che probabilmente, stanti le rudimentali concezioni dell'attuale legislazione venatoria in tema di sicurezza, è perfino esatto. Abbiamo inoltre visto come il D.L. 626/94 imponga precisi obblighi in merito alla gestione delle misure di emergenza. Nulla di tutto ciò è presente nella L. 157/92 a eccezione dell'inserimento, fra le materie d'esame per il conseguimento della licenza di caccia, di nozioni di pronto soccorso. Un ultimo punto da notare è che l'art. 12 impone un limite minimo di età per il conseguimento della abilitazione all'esercizio venatorio (18 anni) ma non un limite massimo. Inoltre l'art. 22 prevede che il rinnovo di tale abilitazione, con relativa visita medica tendente ad accertare l'idoneità del candidato, debba avvenire ogni 6 anni, periodo di tempo certamente non breve, soprattutto in soggetti in tarda età. Ciò conduce a conseguenze a volte addirittura grottesche. Durante l'ultima stagione venatoria infatti fra coloro che sono stati autorizzati a imbracciare un fucile nelle campagne italiane c'è stato anche un uomo di 100 (cento) anni compiuti.[7] Riteniamo superfluo commentare il fatto. Né è da ritenersi un caso isolato. Ecco qualche ulteriore dato relativo ai tesserini venatori rilasciati nel 2003 in provincia di Brescia: 'Quasi il 40 per cento [dei cacciatori] ha dai 51 ai 65 anni: in termini assoluti 12.021 praticanti. Mille e 227, invece, i più giovani fra i 18 e i 25 anni. Hanno avuto il tesserino (chissà se è stato usato...) anche quattro ultra novantenni e 136 ultra ottantenni. Ben 1.985 i cacciatori con oltre settant'anni.'.[8] Tutto ciò non deve stupire visto il sussistere di un sensibile grado di 'generosità' del Legislatore nel definire i requisiti fisici minimi richiesti per ottenere il porto d'armi per uso di caccia. La norma che definisce tale punto, insieme agli analoghi requisiti richiesti per armi da difesa personale, è il Decreto 28 aprile 1998 del Ministero della Sanità il quale costituisce, nei propri intendimenti, perfezionamento del precedente decreto 14 settembre 1994 'con il quale sono stati determinati detti requisiti in maniera differenziata in relazione ai diversi tipi di armi, ai diversi impieghi delle stesse ed al loro diverso grado di pericolosità', così si legge nel preambolo al Decreto 28 aprile 1998. Si noti la distinzione non solo fra i diversi tipi di arma, ma anche fra i diversi impieghi, col che si riconosce implicitamente il ruolo non solo del tipo di arma, ma anche delle condizioni d'uso nel determinare il livello di rischio. Nonostante ciò il successivo art. 1 tratta in maniera indifferenziata i casi di 'uso di caccia (...) e sport del tiro al volo'[9] ignorando totalmente il fatto che le condizioni d'uso delle armi nell'uno e nell'altro caso sono profondamente diverse ed è dunque impensabile che i medesimi requisiti possano essere richiesti a chi pratica l'una o l'altra attività. La 'generosità' cui accennavamo si comprende facilmente constatando che il suddetto Decreto consente il porto d'armi per uso di caccia perfino a persone che abbiano perso l'uso di un occhio (e dunque la possibilità di valutare le distanze, che solo la visione binoculare consente) o siano affette da minorazioni agli arti superiori o alla colonna vertebrale purché si dotino di 'mezzi protesici od ortesici che consentano potenzialmente il maneggio sicuro dell'arma'. Ci si domanda il significato che il legislatore ha voluto dare al termine 'potenzialmente', notando che esso si presta a essere interpretato nel senso dell'insussistenza a carico dell'esaminatore, dell'obbligo di accertare la capacità effettiva, non solo teorica, del minorato, di maneggiare in maniera sicura l'arma. Un'ultima nota la rivolgiamo al regime sanzionatorio che nel D.L. 626/94 (Titolo IX) è fortemente spostato sul versante penale (delle 13 sanzioni previste 12 sono penali e una sola amministrativa), a prescindere dal fatto che specifiche mancanze nell'attuazione degli obblighi relativi alla prevenzione si siano o meno tradotte in un effettivo danno alle persone. Il solo fatto di non aver posto in atto una misura di prevenzione è visto come reato penalmente perseguibile. Nella L. 157/92 le sanzioni relative a violazioni degli obblighi relativi alla sicurezza sono esclusivamente amministrative (art. 31, comma 1 lettera e): caccia in zone di divieto non diversamente sanzionate): in poche parole sparare un colpo d'arma da fuoco a distanza ravvicinata contro una abitazione (e dunque contro i suoi occupanti) è ritenuta dal Legislatore mancanza appena un po' più grave del parcheggiare in divieto di sosta. Solo qualora l'atto procuri danni reali scattano le conseguenze penali. Come era nel campo della sicurezza sul lavoro prima delle più recenti evoluzioni legislative. Concludendo relativamente alla L. 157/92, notiamo esplicitamente come essa nasca in anni che vedono importanti innovazioni legislative in tema di sicurezza del cittadino (e primo fra tutti il definitivo abbandono del concetto di incidente come fatalità): il ripetutamente citato D.L. 626/94 in tema di sicurezza sul lavoro e la L. 46/90 in tema di impiantistica: norme capillari e dettagliate fino al limite (peraltro ben comprensibile) della pignoleria.[10] Ancor più singolare e stridente risulta pertanto il fatto che essa sia ferma a una impostazione che nella sicurezza sul lavoro era tipica, come abbiamo visto, della legislazione di un secolo prima. Nel seguito cercheremo di comprendere le ragioni di questa 'immobilità' della legislazione che regolamenta l'attività venatoria in merito alle questioni relative alla sicurezza e ci domanderemo soprattutto se tale immobilità sia riformabile o non piuttosto 'fisiologica' ovvero strettamente legata alla natura dell'attività venatoria stessa. 4. Valutazione quantitativa dei rischi connessi all'attività venatoria Per comprendere questa contraddittoria, arcaica arretratezza della L. 157/92 rispetto alla contemporanea regolamentazione della sicurezza in altri, meno controversi campi, fingeremo nel seguito che la caccia sia una attività lavorativa e che pertanto essa rientri nell'ambito di applicabilità del D.L. 626/94. Proveremo dunque ad abbozzare una sorta di documento di valutazione dei rischi relativo all'attività venatoria. Premettiamo che il percorso attraverso cui nel campo della sicurezza sul lavoro si giunge alla prevenzione è il seguente: - Individuazione delle fonti di pericolo; - Valutazione dei rischi; - Eliminazione o riduzione dei rischi. Diamo ora le seguenti definizioni: Pericolo: Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (sostanza, attrezzo, metodo) avente potenzialità di causare danni; Rischio: esprime il livello potenziale di danno nelle condizioni d'impiego e/o esposizione. La probabilità che sia raggiunto il livello di danno potenziale rappresenta la valutazione qualitativa del rischio; la previsione della dimensione del possibile danno rappresenta la valutazione quantitativa. La presenza di una fonte di pericolo non implica necessariamente un rischio né tanto meno la presenza di un pericolo è in grado di dare informazioni sulla natura del possibile rischio, sia in termini qualitativi (probabilità) che quantitativi (dimensione, entità del danno). Nel nostro caso la fonte di pericolo è rappresentata ovviamente dalle armi da fuoco. Anche nel caso di esse (più che mai nel caso di esse) il rischio collegato al loro uso è strettamente connesso alle condizioni operative. E' chiaro che l'utilizzo di un fucile all'interno di un poligono di tiro, con il tiratore in piedi su una pedana antisdrucciolo, la visuale libera e l'area di tiro recintata presenta un rischio, se non altro in termini qualitativi (probabilità) estremamente inferiore all'uso dello stesso fucile su terreni di campagna o boschivi, non di rado irregolari, scoscesi o sdrucciolevoli e per di più in spazi promiscui con altre attività umane e dunque senza alcuna certezza che l'area di tiro sia sgombra. Queste ultime, ripetiamolo e sottolineiamolo, sono le condizioni in cui si svolge l'attività venatoria. Uno dei più semplici criteri di valutazione quantitativa del rischio collegato a una attività produttiva è dato dalla formula: R = P * D dove: R = Rischio P = Probabilità che l'evento si verifichi D = Danno conseguente all'evento (gravità o magnitudo)> P e D dipendono ovviamente dalle condizioni di impiego della, o esposizione alla, fonte di pericolo.> A P e D si attribuiscono valori numerici da 1 a 4 secondo la seguente scala arbitraria: 1- Improbabile 2 - Poco probabile 3 - Probabile 4 - Altamente probabile Bisogna poi stabilire dei criteri con cui attribuire ciascun evento a uno dei livelli sopra elencati. Si attribuisce valore di Probabilità 1 (minima) a un evento per il quale non esiste correlazione diretta fra mancanza rilevata e danno; non si sono già verificati danni simili in situazioni operative simili; il verificarsi del danno susciterebbe stupore in azienda. Si attribuisce valore di Probabilità 4 (massima) a un evento per il quale esiste correlazione diretta fra mancanza rilevata e il verificarsi del danno ipotizzato per i lavoratori; si sono già verificati danni simili in situazioni operative simili (cioé identica mancanza) nella stessa azienda o in aziende simili; il verificarsi del danno non susciterebbe stupore in azienda. 2 e 3 sono ovviamente casi intermedi. La scala del danno D da infortunio o esposizione acuta o cronica è definita come segue: 1 - Lieve: esposizione con effetti rapidamente reversibili 2 - Medio: esposizione con effetti reversibili 3 - Grave: infortunio o esposizione generante invalidità parziale. 4 - Gravissimo: infortunio o esposizione generante effetti letali o invalidità totale. Il valore di R risulta in tal modo compreso fra 1 e 16. Esso viene rappresentato graficamente in una matrice che è il punto di partenza per la definizione delle priorità e della programmazione temporale negli interventi di prevenzione e protezione da adottare. Si stabilisce con criteri da indicare che se: R=1 le azioni migliorative sono da valutare in fase di programmazione (sono cioé dilazionabili) 2≤R≤ 3 le azioni correttive sono da programmare a breve o medio termine 4≤R≤ 8 le azioni correttive sono da programmare con urgenza R>8 le azioni correttive sono indilazionabili. Applichiamo ora tutto ciò alla valutazione del rischio connesso all'attività venatoria. A) Valutazione di P - Correlazione diretta fra mancanza rilevata e danno: nella maggior parte degli incidenti con esito mortale questa condizione sussiste verificandosi essi a seguito di tiro in condizioni di visuale non libera e senza pertanto avere percezione del punto di impatto. Una parte rilevante degli incidenti mortali avviene inoltre in condizioni di caccia di squadra (caccia al cinghiale) in luoghi boschivi, condizioni in cui l'unione dell'alta probabilità di spostamenti erronei da parte di uno dei membri della squadra e della scarsa visuale del terreno rende evidente la correlazione fra condizioni operative ed evento negativo. - Occorrenza di danni simili in situazioni operative simili: ovviamente questa condizione è verificata sulla base di una nutrita casistica. - Reazione di stupore al verificarsi del danno: questa condizione è la più ambigua in quanto dipendente da fattori emotivi (e dunque soggettivi) e dalla conoscenza da parte delle persone coinvolte della casistica relativa agli incidenti analoghi. Quest'ultimo punto è da ritenersi fondamentale poiché è chiaro che qualsiasi evento, anche il più frequente, genererà stupore in chi non è a conoscenza delle precedenti occorrenze di esso. Ipotizzando dunque una piena conoscenza delle statistiche e delle cronache relative agli incidenti di caccia non riteniamo sia lecito ipotizzare o giustificare alcuno stupore di fronte alla notizia dell'ennesimo incidente di caccia. Ciò che se mai potrebbe generare stupore è la notizia di una stagione venatoria conclusasi senza incidenti mortali. Si conclude che sono verificate tutte e tre le condizioni cui è associato il valore massimo di P e pertanto assumiamo: P = 4 B) Valutazione di D La casistica mostra che esiste un'ampia gamma di gravità dei danni possibili, dal danno lieve fino all'evento letale. Sono tuttavia questi ultimi che ci interessano, e abbiamo visto come la loro frequenza sia tale da superare di oltre 6 volte quella degli incidenti mortali sul lavoro. Inoltre gli incidenti con esito mortale sono stati come già detto 47, su un totale di 113 incidenti verificatisi durante la stagione venatoria 2001/2002, ovvero essi sono stati il 41.6% del totale. Nel 2001 il totale di incidenti sul lavoro fu di 998.007, di cui come già detto 1.366 mortali, ovvero lo 0.14 % del totale il che ci dice come quando avviene un incidente nell'attività venatoria la probabilità che esso sia mortale sia 297 volte maggiore che negli incidenti sul lavoro. Si ha dunque una netta prevalenza della casistica relativa alla massima magnitudo del danno. Assumeremo pertanto: D = 4 Si giunge così a una valutazione di R pari a: R = 4 x 4 = 16 ovvero al valore massimo della scala. Si noti come anche volendo essere meno severi ed attribuendo sia a P che a D il valore 3 (non ci sembra comunque lecito scendere ulteriormente) si ottiene comunque R = 9. Nell'uno come nell'altro caso rimaniamo nella condizione R > 8, ovvero di necessità indilazionabile di misure correttive. Notiamo anche come un ipotetico datore di lavoro che persistesse nel mantenere in essere una tale situazione andrebbe incontro a severe sanzioni penali. 5. Prevenzione, protezione e loro conseguenze sull'esercizio venatorio. Constatato dunque lo stato di assoluta illegalità ipotetica dell'attività venatoria qualora la si assimilasse fittizziamente a una attività lavorativa e stabilita pertanto l'indilazionabilità di misure correttive, vediamo quali esse possano essere, distinguendo fra misure di prevenzione e di protezione. 5.1 Misure di prevenzione. Una cosa è certa dopo quanto si è esposto: la vigente legislazione in materia venatoria non ci guida minimamente nella loro elaborazione, per cui è altrove che dovremo cercare dei punti di riferimento. Paradossalmente essi ci vengono dai manuali di tecnica venatoria. Faremo riferimento nel seguito nuovamente a quello edito dalla Federazione Italiana della Caccia nel 1979[11], anteriore dunque di 13 anni alla L. 175/92. Riteniamo significativa questa cronologia, emblematica di come la Legge non abbia neppure recepito preesistenti acquisizioni tecniche, e non certo di parte abolizionista. Prima di esaminare il testo citato cerchiamo di capire in quale direzione si possano ritenere attuabili misure di prevenzione. Si possono distinguere misure attuate sulle procedure (cioé sui comportamenti), sugli attrezzi (in questo caso l'arma da fuoco) e sull'ambiente in cui si svolge l'attività (in questo caso boschi e campagne). Si può senz'altro escludere quest'ultimo punto in quanto, essendo la caccia attività che si svolge sul campo, l'ambiente è a priori non soggetto ad alcuna controllabilità. Detto in altro modo, l'incontrollabilità dell'ambiente in cui si svolge è caratteristica intrinseca, ineliminabile dell'attività venatoria. Per quanto riguarda il secondo punto, la 'sicurezza delle armi', il concetto stesso risulta internamente contraddittorio essendo un'arma un oggetto il cui scopo è quello di procurare un danno. Rendere un'arma 'sicura' equivale a renderla inoffensiva, dunque ad annullarne la funzione. Si ricordino a questo proposito i già citati problemi sorti nell'applicazione del D.L. 626/94 a Esercito e Forze dell'Ordine. Unica eccezione a questo discorso il 'dispositivo di sicura' di cui ogni arma è dotata, avente lo scopo di evitare spari accidentali. Su questo punto il manuale suddetto afferma testualemente: Se un fucile è ben costruito il sistema di sicura dovrebbe in astratto garantirci da cattive sorprese. Ma tutti i meccanismi sono soggetti a guasti e alcuni fucili a canne basculanti, purtroppo, sono belli a vedersi esternamente e un po' meno belli all'interno. Pertanto, anche con l'arma in sicura, nessuna confidenza o distrazione; la sicura non è sicura in senso assoluto. La mai completa affidabilità della sicura è ritenuto concetto di tale rilevanza da essere poi ribadito in un ulteriore passo che citeremo più avanti. Discuteremo infatti ulteriormente nel seguito di tale dispositivo e dei suoi limiti nel garantire la prevenzione. Rimane dunque il primo punto, i comportamenti. Il citato manuale dedica alla sicurezza 11 pagine di testo, quattro delle quali enfatizzate mediante stampa a caratteri maiuscoli, più 10 pagine di illustrazioni. Ventuno pagine in tutto su un totale di 500 non sono tantissime ma sono sempre più di quante non ne abbia mai dedicate a questo tema il Legislatore. Esaminiamone i punti principali (omettendo per comodità di trascriverle nell'originario maiuscolo). Il paragrafo relativo alle 'Norme generali' comincia con alcune affermazioni estremamente interessanti, che riportiamo integralmente: Qualcuno ha detto che il fucile lo carica il diavolo. È, questa, una frase che riassume in modo colorito ed efficace tutta la pericolosità delle armi ma che sottintende come l'effettiva pericolosità non risieda tanto nell'arma in sé quanto nel comportamento, spesso irrazionale, dell'uomo. Negli incidenti di caccia la fatalità ha un ruolo veramente marginale e viene spesso invocata soltanto per giustificare maldestramente ben diverse cause e responsabilità. Qui vediamo enunciati alcuni principi estremamente evoluti in merito alla sicurezza, benché accompagnati da alcune contraddizioni. Nel primo capoverso viene enunciata la differenza fra fonte di pericolo e rischio effettivo, tuttavia con riferimento a quest'ultimo, si suggeriscono come cause 'comportamenti irrazionali' (senza dubbio massicciamente presenti) ma non si fa alcun riferimento esplicito al sussistere di intrinseche condizioni operative determinanti il rischio. Importante è anche il secondo capoverso in cui si prendono radicalmente le distanze dal concetto di incidente come fatalità. A questa introduzione seguono 20 norme di prudenza (le 4 pagine in maiuscolo). Analizziamone le principali. Possiamo suddividerle in due gruppi: a seconda che si tratti di norme relative ai comportamenti atti a conseguire la prevenzione di incidenti nel porto dell'arma o nell'atto dell'uso della medesima. Cominciamo dall'analisi del primo gruppo, limitandoci alle principali fra esse. 2) Evitare sempre nella maniera più assoluta e neppure per un attimo di rivolgere le canne del fucile verso le persone, anche se siete convinti che l'arma sia scarica. 10) Nelle soste di caccia (...) fucili sempre scarichi e sotto controllo: un fucile carico appoggiato ad un albero può sempre cadere e non è detto che il colpo non parta, anche se è in sicura. 11) Nell'attraversare un bosco, proteggere i grilletti mettendo la mano sopra il ponticello (...) 14) Evitare di portare il fucile a bilanciarm: un colpo che parta accidentalmente segue la traiettoria dell'altezza d'uomo! Questo primo insieme di norme appare improntato al più elementare e intuitivo buon senso ed è soprattutto di facilissima attuabilità. Nonostante ciò si riscontra quasi in ogni annata venatoria la presenza di incidenti causati dal mancato rispetto delle norme 10) e 11). Si tratta comunque di incidenti causati da mancanza individuale, non da una intrinseca inattuabilità della prevenzione. 5) Poiché le cadute sono a portata di... piede, quando appaiono anche lontanamente possibili mettere almeno l'arma in sicura; ma nei passaggi difficili, in terreni notevolmente scoscesi, ecc. è necessario provvedere a scaricare l'arma stessa! Questa è la sicura migliore. L'attuabilità di questa norma dipende fortemente dalla natura del terreno. In caso di caccia su terreni montuosi la presenza di passaggi difficili è ovviamente così frequente che il cacciatore dovrebbe continuamente stare a scaricare e caricare l'arma. Su tali terreni è pertanto irrealistico parlare di prevenzione di incidenti da caduta. Notiamo anche che incidenti di questo genere sono anche fra i più frequenti, e non di rado con esiti gravi. La norma successiva è, sotto questo aspetto, illuminante. 3) Non esiste una posizione di sicurezza per portare il fucile da caccia: tutto dipende dalle caratteristiche del terreno, dalla posizione dei compagni di caccia o di altre persone ecc. ecc.: ma la regola fondamentale è (...): evitare di volgere le canne dell'arma, neppure per un attimo, verso le persone. In questa norma si afferma di fatto la dominanza dell'ambiente nel determinare il livello di sicurezza e dunque, stante la già detta non assoggettabilità a controllo dell'ambiente stesso, si afferma l'ineliminabile aleatorietà di tale livello. Ancora sul rischio di cadute e nel contempo sui limiti nell'efficacia del dispositivo di sicura, è illuminante il passo seguente: La sicura peraltro, è bene ricordarlo, non dà mai la sicurezza in senso assoluto; talvolta un violento urto dell'arma sul terreno può far partire egualmente il colpo, anche se il fucile è in sicura (...) perciò nei passaggi difficili e tutte le volte in cui si presentino possibilità di rovinose cadute (il terreno di caccia non è mai il pavimento di una sala!) la migliore sicura è l'arma scarica. Ricordarsene sempre, perché è meglio perdere un'occasione venatoria piuttosto che piangere su un ferito o su un morto! Passiamo ora al secondo gruppo di norme relative alle modalità d'uso delle armi. Notiamo che sono questi ultimi, nella quasi totalità, i casi in cui si hanno incidenti coinvolgenti terze persone. 9) Evitare di recarsi a caccia in brigate numerose: in questo caso è praticamente impossibile conoscere le posizioni degli altri: non siate mai in più di due o tre cacciatori, e segnalatevi sempre le rispettive posizioni 18) Cacciando in battuta agli ungulati, evitare nella maniera più assoluta di abbandonare la posta assegnata, o anche di gironzolare attorno ad essa fino a che la battuta non ha termine: sparare rigorosamente solo entro l'angolo di tiro assegnato dal capocaccia. Durante la stagione venatoria 2001/2002 si ebbe notizia di una battuta al cinghiale in Umbria cui partecipavano addirittura 50 persone. La battuta si concluse con un incidente mortale. La prima di queste due norme è da intendersi probabilmente con riferimento a cacce non organizzate. La caccia agli ungulati si effettua sempre in squadre i cui membri superano di gran lunga il numero di 2 o 3 suggerito sopra. Si tratta tuttavia di situazioni in cui esiste una figura di coordinatore, il capocaccia, che definisce si presume rigorosamente posizioni e angoli di tiro di ognuno. Il capocaccia tuttavia non è una figura definita per legge, non almeno a livello nazionale. Per l'esattezza 'Le disposizioni sulle responsabilità del caposquadra nelle battute (che in realtà sono "braccate", perchè quasi sempre si usano segugi inseguitori e non battitori) al cinghiale, o sui cartelli di avviso, o sulle pettorine o abbigliamento dai colori appariscenti, sono variegate e non omogenee, e discendono non da leggi dello Stato ma, principalmente, da regolamenti provinciali e regionali che disciplinano più in dettaglio tali cacce. In molte realtà tali accorgimenti non sono neppure obbligatori'.[12] In mancanza di specifiche normative a carattere locale dunque il capocaccia è semplicemente un cacciatore ritenuto particolarmente esperto per opinione comune degli altri partecipanti alla battuta. Egli non deve superare esami particolari, non è tenuto a possedere requisiti specifici. Eppure dalla sua competenza dipende spesso la vita di esseri umani. Si confronti tutto ciò con quanto detto a proposito della genericità con cui il D.L. 626/94 definisce i requisiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e le conseguenze di ciò a livello europeo e si comprenderà quale abisso di diversità in termini di rigore esista fra i due diversi contesti. Ammesso ora il sussistere di fatto di un adeguato livello di competenza del capocaccia e la completa messa in atto di tutti gli accorgimenti precauzionali possibili ('cartelli di avviso, pettorine o abbigliamento dai colori appariscenti'), notiamo che la caccia agli ungulati si svolge spesso in zone di fitta boscaglia e, come già detto, in squadre numerose. In tali condizioni tuttavia il rischio di un movimento fuori tempo, di una posizione errata di uno dei partecipanti alla battuta è elevatissimo e ineliminabile perché dipendente ancora una volta dalle condizioni dell'ambiente. Lo stesso Fausto Prosperini, intervenendo nella polemica sorta nel novembre 2001 a seguito dei numerosi incidenti mortali verificatisi nella caccia al cinghiale in Umbria, indicava nella 'stessa conformazione della regione', cioé in un elemento ambientale intrinseco e ineliminabile, una delle cause principali di tali episodi.[12b] Non è casuale dunque che la percentuale più alta di incidenti mortali si riscontri proprio nella caccia agli ungulati. Se ne conclude che la caccia in battuta può ritenersi possibile in condizioni di sicurezza solo se ciascuno dei partecipanti ha completa visibilità delle posizioni di tutti gli altri. Il che non si avvera mai. 12) Astenersi sempre dallo sparare a un selvatico se non si ha dinanzi a sé la massima visibilità, ricordando sempre quanto già detto: se un pallino a 100 metri non abbatte un selvatico, può sempre accecare una persona! Se un selvatico si leva in terreni cespugliati ad altezza di uomo, astenersi in ogni maniera dallo sparargli: sulla traiettoria dei pallini può sempre esservi un essere umano! Non sparare mai contro frasche che si muovono! Sicuramente quel movimento non è provocato da un selvatico, ma da una persona o da un animale domestico. Interessante notare che moltissimi incidenti, e fra i più gravi, accadono proprio per la violazione di questa norma da parte dei cacciatori. Durante la stagione venatoria 2002/2003 un cacciatore uccise, in simili circostanze, addirittura il proprio fratello. D'obbligo domandarsi come mai quello che dovrebbe essere un comportamento intuitivo per chiunque (non sparare alla cieca) viene invece così spesso accantonato nell'attività venatoria. La risposta è che le condizioni di piena visibilità nelle campagne e ancor più nei boschi si verificano molto di rado. Per l'esattezza si verificano esclusivamente nel caso di terreni prevalentemente o totalmente pianeggianti coperti da vegetazione molto bassa per una estensione pari a tutto il campo di tiro. Cioé in una percentuale assolutamente esigua dei terreni soggetti all'attività venatoria. Il cacciatore che spara senza avere una chiara idea di cosa (e chi) andrà a colpire dunque non è da intendersi come uno sconsiderato che nel premere il grilletto in quelle condizioni compie un gesto irresponsabile. Egli in un non trascurabile numero di casi si trova a dover inevitabilmente agire in quel modo, pena il fallimento della giornata di caccia. Se mai si potrebbe concludere che il gesto irresponsabile egli lo ha compiuto a monte, quando ha richiesto la licenza di caccia. Queste considerazioni risultano poi ulteriormente amplificate quando l'arma utilizzata è la carabina a canna rigata, la gittata massima dei cui proiettili, «cioè la massima distanza a cui il proiettile può arrivare nella migliore delle ipotesi»[13] può giungere fino all'ordine delle migliaia di metri. Si veda a tale proposito la seguente tabella [13] in cui sono riportate le gittate massime dei più comuni proiettili per armi leggere. Gittate massime dei più comuni proiettili per armi leggere Calibro Velocità m/s Gittata in m. 4,5 mm aria compressa 120/165 100/150 4,5 mm aria compressa 200/250 200/300 6/9 mm Flobert 225 700 22 conto 260 1000 22 Long Rifle 350 1370 22 Long Rifle HS 370 1500 22 Winch. magnum 610 1800 243 Winch. 1070 3200 6,35 mm 220 800 7,65 mm 285 1300 9 mm corto 285 1300 9 mm Para 350 1700 AS ACP 300 1620 30 M1Carb. 600 2000 7x70 mm 830 3500 8x57 mm JS 830 3500 6,5x57 mm 1020 4000 7x57 mm 850 4500 6,5x68 mm 1150 5000 Ma crediamo che, al di là delle suddette specifiche balistiche, e dunque degli astratti dati numerici, giovi riflettere su un episodio verificatosi nell'ottobre 1999 nella zona di Karsamaki nella Finlandia centrale: un cacciatore, sparando a un gallo cedrone, colpisce e uccide il fratello che si trovava a 1800 metri di distanza.[13a] Non crediamo sia necessario aggiungere altro sull'estremo, inaccettabile grado di pericolosità di questo tipo di armi e pertanto sulla necessità assoluta e inderogabile di vietarne tassativamente l'uso sul territorio. Ci è stato fatto correttamente notare chercatore di funghi a lasciare sul posto quello di cui non è sicuro di aver identificato la specie e dunque l'innocuità. E' a questo stesso principio che del resto sembra, una volta tanto, essersi ispirato il legislatore nell'aver fatto riferimento alla gittata massima, e non a quella utile, nello stabilire le distanze di sicurezza per le armi a canna rigata. Ancora una considerazione legata al concetto di visibilità: il lettore più attento e consapevole avrà notato che fin qui nessuna menzione è stata fatta di un fenomeno atmosferico che su di essa, come è noto a chiunque, incide pesantemente: la nebbia. È noto a chiunque ma non, a quanto pare, al Legislatore venatorio. In nessuna sua parte la L. 157/92 prevede infatti divieti o limitazioni di sorta all'attività venatoria in caso di nebbia. Alcune leggi regionali o provinciali (ad esempio in provincia di Ravenna) prevedono che in tali casi si indossino speciali indumenti atti ad accentuare la visibilità del cacciatore ma, a parte il fatto che tali misure non tutelano certamente terze persone, la loro efficacia in condizioni di visibilità ridotta non può che essere in pari misura ridotta. Proprio in provincia di Ravenna infatti durante la stagione di caccia 2001/2002 si verificò un incidente provocato dalla nebbia in cui un cacciatore rimase ferito gravemente.[14] 13) Non sparare contro muretti, contro rocce, contro terreni sassosi; i pallini rimbalzano sempre prendendo le più imprevedibili direzioni; ciò avviene, anche se la cosa a molti può apparire impossibile, anche sull'acqua. E avviene, come abbiamo visto, anche a opera delle fronde di un albero. L'esercizio venatorio avviene pertanto in moltissimi casi in presenza di condizioni ambientali in cui il rimbalzo, dunque la perdita di controllo della traiettoria dei pallini, è una eventualità altamente possibile. 15) Non occorre farsi prendere dalla frenesia venatoria alla presenza del selvatico; prima di sparare, va valutata la situazione di sicurezza, senza perdere la calma. Tuttavia in quanti casi il cacciatore ha il tempo di compiere tale valutazione prima che il 'selvatico' si sia portato fuori tiro? Se si esclude la caccia al capriolo e pochi altri casi l'attività venatoria è molto più simile al tiro al piattello che al tiro a bersaglio fisso, e l'intervallo di tempo disponibile alla ponderazione è ridotto spesso a frazioni di secondo. In particolare il tiro al cinghiale, senza dubbio, ripetiamo, una delle forme di caccia più rischiose per numero e gravità degli incidenti che provoca, avviene quasi sempre col selvatico in corsa. La norma 19) ricorda le già citate e discusse disposizioni di legge in materia di distanze da abitazioni ecc., già in vigore a quel tempo. Si noti che essa è l'unica richiamante disposizioni di legge. Tutte le altre hanno valore di pure e semplici raccomandazioni. La loro violazione non era nel 1979 e non è a tutt'oggi, reato né infrazione. La norma 20) infine non aggiunge nulla di nuovo alle precedenti ma ha il solo compito di enfatizzarne, anche emotivamente, l'importanza. È istruttivo riportarla integralmente. 20) Prudenza, prudenza, prudenza! Ogni anno si verificano incidenti, di cui alcuni mortali, nell'esercizio della caccia. Colui che è prudente, colui che è doppiamente prudente, colui che è tanto prudente da apparire pignolo non è mai ridicolo, ma dimostra di essere persona di coscienza, perché nella stragrande maggioranza dei casi gli incidenti di caccia sono dovuti ad una imprudenza. Ad una imprudenza certamente. Quanto evitabile o non piuttosto connessa alle condizioni intrinseche in cui la caccia si svolge, come abbiamo visto, è un altro discorso. Rimane, di questo passo, l'enfasi estrema posta sull'immensa pericolosità dell'esercizio venatorio. Sull'imperativo triplamente iterato a una prudenza attuabile, come abbiamo visto, aleatoriamente e tutt'altro che con razionale sistematicità. Va aggiunto che tutto ciò vale con riferimento alla caccia vagante, ritenuta la meno rischiosa. Lo stesso manuale infatti rileva che: Il controllo dell'arma va ulteriormente intensificato quando ci si trova a cacciare da appostamenti o da natanti. Negli appostamenti il fucile rappresenta un notevolissimo elemento di pericolo; in un capanno di frasche, dove lo spazio è estremamente limitato, è molto facile ad esempio che una frasca si impigli nel grilletto; tenere perciò l'arma in posizione sempre di sicura, potendosi poi rimuovere questa facilmente un attimo prima dello sparo. Si noti come la sicura sia l'unico elemento di prevenzione suggerito, si pensi a quanto sia facile l'eventualità di una banale dimenticanza, nonché l'affermazione della stessa fonte circa la mai completa affidabilità del dispositivo e si raffronti ciò all'entità del rischio conseguente, quale è dal manuale stesso enunciata. 5.2 Misure di protezione. Si intendono per dispositivi di protezione quei dispositivi che garantiscono la sicurezza in condizioni impreviste oppure previste ma non normali. Essi si distinguono in dispositivi di protezione individuale (DPI) e collettiva. Ci si rende conto immediatamente che sull'argomento, con riferimento alla caccia, c'è ben poco da dire. Dispositivi di protezione collettiva non si sa immaginare quali possano essere. Quanto ai DPI, volendo applicare l'art. 43 lettera b) del D.L. 626/94 ('Il datore di lavoro (...) individua le caratteristiche dei DPI necessarie affinché questi siano adeguati ai rischi') si giunge all'ovvia constatazione che esiste un solo tipo di tali dispositivi atto a fungere da protezione contro le armi da fuoco: il giubbotto antiproiettile (classificabile fra quelli che nell'allegato IV del D.L. 626/94 sono definiti" 'Indumenti di protezione contro le aggressioni meccaniche"'). Ed è ovviamente impensabile ritenere che tutti i soggetti esposti, ovvero chiunque transiti o sosti in un territorio aperto alla caccia, debba dotarsene. Inoltre questo 'DPI' fornisce una protezione soltanto parziale: un non trascurabile numero di incidenti effettivamente verificatisi avrebbero avuto esito analogo anche se la vittima avesse indossato il giubbotto antiproiettile in quanto colpita in parti che esso lascia scoperte (testa, arti). 6. Considerazioni sulla vigilabilità e sulla vigilanza dell'attività venatoria. Un altro elemento che gioca un ruolo attivo nell'attuazione della prevenzione è la controllabilità dell'attività a rischio. Nel già citato manuale è riportata con estrema evidenza la frase: 'I comportamenti non prudenziali sono purtroppo facilmente riscontrabili sul terreno di caccia', frase che smentisce in maniera eclatante, per la fonte da cui proviene, l'affermazione di Fabio Faina riportata all'inizio di questo articolo. Ed è anche facile comprendere il perché della frequenza di tali comportamenti 'non prudenziali'. Una attività confinata in spazi limitati e ben definiti è intuitivamente maggiormente controllabile di una attività territorialmente 'distribuita' su ampi spazi. Quando poi questa attività è tale da interessare di fatto una parte rilevante del territorio nazionale, si comprende come il suo grado di controllabilità sia minimo. Una tale situazione si presta inevitabilmente al proliferare di comportamenti anomali con conseguente ulteriore degrado dei livelli di sicurezza. E' risaputo oltre tutto che anche il più rigido dei sistemi sanzionatori risulta tanto più inefficace quanto più bassa è la probabilità che la sanzione venga comminata. Nel caso dell'attività venatoria questa probabilità è, per sua intrinseca natura, bassissima. Un altro punto che aggrava ulteriormente questa situazione è poi il fatto che la questione dell'incompatibilità fra l'appartenere a organismi che hanno la vigilanza venatoria fra i propri compiti e l'essere titolare di licenza di caccia, è posta in termini tutt'altro che rigorosi, prevedendo la Legge esclusivamente il limite di non poter esercitare l'attività venatoria nello stesso ambito territoriale in cui si esercitano le funzioni di vigilanza, nonché ovviamente il sussistere di tali funzioni (Art. 27 comma 5). Quest'ultimo punto ha dato origine a interpretazioni di grande elasticità, quale ad esempio quella della sentenza della Prima Sezione Civile della Corte Suprema di Cassazione del 18 dicembre 2000, la quale ha ritenuto lecito che un Vigile Urbano esercitasse attività venatoria fuori dall'orario di servizio nel territorio del proprio comune in quanto, non essendo in quel momento in servizio egli era temporaneamente privo della qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria prevista dalla L. 157/92 per poter esercitare compiti di vigilanza venatoria e pertanto veniva meno ogni incompatibilità. A tutto quanto sopra detto si aggiungano dunque gli effetti di una impostazione eccessivamente generica del problema delle incompatibilità, che offre il fianco a una interpretazione puramente astratta, che disgiunge il ruolo giuridico dalla persona fisica come se, cessato tale ruolo, la persona che lo ricopriva cessasse di essere la stessa persona. In concreto, si immagini il Vigile Urbano del caso citato, che, trovandosi in servizio, riscontra una situazione di illecito venatorio in una persona con la quale magari aveva partecipato a una battuta di caccia il giorno prima e con la quale è in rapporti di amicizia o comunque di cointeresse. C'è tuttavia da aggiungere che la stessa sentenza, pur discutibile su questo punto, è interessante per un altro aspetto: quanto sopra detto si ritiene applicabile alle 'guardie delle provincie e dei comuni (...) a differenza di agenti appartenenti ad altri corpi, quali esemplificativamente quelli di Polizia di Stato o della Guardia di Finanza, ovvero i Carabinieri, per i quali il divieto opera comunque e dovunque, essendo gli stessi considerati dal legislatore sempre in servizio in qualsiasi parte del territorio dello Stato.' Si noti come ci siano voluti 8 anni perché si giungesse a questa semplice constatazione, e come nel frattempo numerosi agenti di polizia giudiziaria con compiti di vigilanza venatoria abbiano potuto esercitare nel contempo l'attività venatoria essendo dunque simultaneamente 'controllati' e 'controllori'. Non ci risulta inoltre che, a oltre due anni da questa sentenza, avente, notiamolo esplicitamente, valore giurisprudenziale, la situazione sia in questo senso mutata.[15] Per quanto riguarda infine la vigilanza operata da guardie volontarie ci limitiamo a notare come addirittura sia previsto che le stesse Associazioni Venatorie possano avere le proprie guardie venatorie volontarie. A quali aberrazioni possa condurre una tale impostazione è fin troppo intuitivo e non staremo a dilungarci. Per confronto, il D.L. 626/94 prevede un ben preciso regime di incompatibilità. Ad esempio il medico competente non può avere compiti di vigilanza. Si potrà obiettare che una incompatibilità quale quella sopra prospettata equivarrebbe a sostenere che vi sia incompatibilità fra l'essere Vigile Urbano e avere la patente. Il paragone non è realistico perché i cacciatori, a differenza degli automobilisti, non sono una somma di singoli individui sconosciuti gli uni agli altri ma sono nella preponderante maggioranza riuniti in associazioni, a loro volta federate fra loro. Essi sono in altre parole una entità monoliticamente organizzata a livello nazionale. Non è pensabile che un membro di una tale entità possa poi essere validamente proponibile come controllore dell'attività di altri membri di essa, un po' come impensabile è affidare la custodia delle carceri ai detenuti e sperare che non vi siano evasioni. 7. La giurisprudenza: un esempio. Da più parti si lamenta come la giurisprudenza in materia di incidenti sul lavoro sia rimasta fino a tempi molto recenti sensibilmente arretrata rispetto all'evoluzione subita nello stesso campo dalla legislazione e in particolare come in essa sia sopravvissuto il concetto di incidente come evento fatale, imprevedibile, inevitabile. Non meraviglia che una situazione analoga esista nella giurisprudenza in materia di incidenti di caccia dato che in questo contesto, come si è mostrato, non vi è stata alcuna evoluzione legislativa analoga. Citeremo un solo caso, che ci pare esemplare, relativo a un incidente mortale verificatosi durante la stagione di caccia presa in esame. Il primo settembre 2001 un cacciatore 'non prestando la dovuta attenzione ai luoghi e all'eventuale presenza di altre persone, aveva esploso un colpo di fucile calibro 270 Winchester in direzione di un gruppo di alberi e cespugli (dove presumeva ci fosse un capriolo), senza avere una totale e completa visibilità dei luoghi e senza pertanto avere la certezza che non vi fossero persone lungo la traiettoria del proiettile'. Così si legge nel capo d'imputazione riportato dal cronista, il quale prosegue: 'Così facendo aveva colpito Rodolfo Luigi Balatti, cagionandogli, per colpa, gravissime lesioni personali che ne avevano determinato il decesso per arresto cardiocircolatorio determinato da un'imponente emorragia. Le indagini svolte su questa tragedia hanno portato gli inquirenti a stabilire che l'omicidio colposo avvenne in concorso indipendente di causa con la condotta colposa della parte offesa: Balatti esercitava infatti caccia di frodo con un'arma clandestina e si era nascosto dietro gli alberi e i cespugli alla vista di possibili cacciatori'.[16] 'Concorso indipendente di causa'. Si noti come a determinare tale 'indipendenza', tale pretesa assenza di legame causa-effetto sia il solo fatto che la vittima si sarebbe volutamente nascosta fra i cespugli. Una tale motivazione sembra non prendere minimamente in considerazione l'eventualità che una persona possa essere 'nascosta dietro alberi o cespugli' anche per tutt'altre, e non premeditate ragioni. Ad esempio perché sta svolgendo un lavoro sul suolo o perché si è accasciata colpita da un malore, o semplicemente perché si è distesa a riposare, o per innumerevoli altre ragioni, come dimostrano i numerosissimi casi analoghi in cui da parte della vittima non vi era alcuna intenzionalità nell'occultarsi alla vista. Lo stesso manuale già diffusamente citato infatti definisce: comportamento assolutamente imprudente, che può portare a conseguenze assai spiacevoli quello del tiro incontrollato contro cespugli e macchioni, che potrebbero celare alla vista una persona intenta a raccogliere legna, a cercar funghi, o anche in semplice sosta all'ombra del frascame. Nulla dunque può razionalmente giustificare la gravità del gesto compiuto dallo sparatore. Questo esempio, nella sua preoccupane tipicità, mostra come tutt'ora sussista una giurisprudenza improntata a un garantismo estremamente sbilanciato nei confronti di quanti si rendono responsabili di simili fatti. 8. Conclusioni relativamente alla situazione presente. Si constata dunque come l'unica efficace misura di prevenzione razionalmente attuabile sia quella di limitare la caccia ai casi descritti a commento della norma 12) del citato manuale. Il che poi equivale a vietarla quasi ovunque. E si comincia con ciò a comprendere le ragioni della arretrata impostazione della L. 157/92 in tema di sicurezza: applicare a questo aspetto della caccia una evoluzione legislativa analoga a quella verificatasi in altri campi significa di fatto por fine alla caccia. E questa constatazione se ne porta dietro un'altra: la caccia è attività per sua intrinseca natura incompatibile con i moderni principi che vedono nella salute e nella sicurezza del cittadino un valore primario e irrinunciabile. Essa nasce in epoche remotissime e si svolge fin dalle sue origini secondo modalità affini alla guerriglia, né ha subito né può subire sostanziali evoluzioni se non in funzione della tecnologia degli attrezzi (dalla 'clava' alla carabina) rimanendo tuttavia immutata, di questi ultimi, anzi essendo amplificata dal progredire della tecnica, la intrinseca caratteristica di strumenti atti ad offendere. La caccia attraversa con ciò immutata gran parte della storia umana come lo squalo ha attraversato immutato un lungo arco di evoluzione biologica, rimane impenetrabile alla sempre maggiore attenzione che lo Stato rivolge non solo alla tutela dell'ambiente ma anche come detto alla tutela della sicurezza e della salute del cittadino, intrinsecamente estranea a tali concetti proprio perché è storicamente anteriore (e di molto) alla loro nascita e opera secondo modalità con essi incompatibili. Perché la caccia continui a sussistere la legislazione attinente deve a sua volta rimanere estranea a tali concetti, e al secondo soprattutto, deve ignorare il fatto che essi vengano sempre più acquisiti in ogni altro campo, deve in altri termini divenire un anacronismo, una aberrazione giuridica. È dunque lo stesso evolversi interno della società umana che, non solo a livello di costume ma anche a livello giuridico, pone la caccia, e relativa legislazione, sempre più ai margini, sempre più estranea, sempre più improponibile. E ciò a prescindere da motivazioni ulteriori quali possono essere quelle di stampo ambientalista o etico-animalista che in questo studio, come si è visto, non sono state nemmeno sfiorate. 9. Prospettive future. Nel momento in cui scriviamo (giugno 2003) sono in discussione in Parlamento varie proposte di legge, quasi tutte provenienti dal Centro-Destra, tendenti a una massiccia liberalizzazione dell'attività venatoria e pertanto a una ulteriore involuzione della situazione sopra descritta. Con riferimento all'insieme di tali proposte l'opposizione di Centro-Sinistra ha emesso il 26 marzo 2003 un comunicato unitario di contenuto fortemente critico, in cui vengono motivate le proprie posizioni affermando che: La fine di ogni tutela degli animali selvatici, la strumentalizzazione della caccia per un modello di società senza regole e ai fini dello smantellamento della riforma in direzione di un sistema venatorio deregolato e privatistico, l'attacco ai parchi e alle aree protette, la mercificazione e la svendita del patrimonio naturalistico, paesaggistico, ambientale, faunistico e storico-culturale italiano, il tradimento delle politiche ambientali europee e delle Convenzioni internazionali, il disprezzo degli equilibri della natura, è il rischio che corriamo di fronte alle proposte del Centrodestra che intendono infliggere un colpo di grazia all'ambiente e alla fauna del nostro Paese. Le proposte di modifica alla legge 157/92 sulla tutela della fauna e sulla regolamentazione della caccia e della legge 394/91 sui parchi, rappresentano una grave minaccia all'ecosistema nazionale. Ancora una volta si nota un'assenza: il problema dei livelli di rischio insiti nell'attività venatoria non viene nemmeno sfiorato. Il documento citato prosegue elencando in 8 punti le proposte alternative del Centro-Sinistra, le quali difendono totalmente, nella sua versione attuale, la L. 157/92, definita 'innovativa'. Anche qui nessun riferimento al problema della sicurezza. Un riferimento molto preciso lo troviamo invece in una delle sopra nominate proposte di legge, quella dell'On. Belillo, il cui art. 11 recita: «All'articolo 25 della legge n. 157 del 1992, le parole: "Fondo di garanzia per le vittime della caccia", ovunque ricorrano, sono sostituite dalle seguenti: "Fondo di garanzia" e la rubrica è sostituita dalla seguente: "Fondo di garanzia" [anziché "Fondo di garanzia per le vittime della caccia", (ndr)]». Il problema insomma viene 'trattato' sì, ma col chiaro intento di occultarlo cancellando dalla normativa ogni termine che possa in qualche modo richiamarlo.[17] Abbiamo in questo studio rilevato la forte anomalia costituita dalla persistente omissione della problematica della sicurezza, attraverso il confronto con il contesto legislativo della sicurezza sul lavoro, ma altri e ugualmente istruttivi confronti si potrebbero fare con contesti diversi. Si pensi ad esempio che nelle stesse settimane in cui si discutono le proposte di legge sopra citate lo stesso Parlamento sta varando l'ennesima modifica del Codice della Strada, avente come obiettivo dichiarato proprio il miglioramento dei livelli di sicurezza. E si pensi anche, per ulteriore e finale confronto, ai ripetuti, quasi ossessivi allarmi che da più parti amministratori locali e politici nazionali lanciano relativamente al pericolo per la salute pubblica costituito dalla presenza dei piccioni nei centri urbani. Fra i casi a suo tempo più eclatanti quello del sindaco di Venezia Massimo Cacciari. Fra i più recenti quello del senatore di Forza Italia Lorenzo Piccioni il quale, affermando che «esistono seri problemi di ordine sanitario, come la salmonellosi, l'ornitosi, la borrelliosi e la toxoplasmosi» e dunque che si è in presenza di «gravi rischi per la salute dei cittadini» ha presentato un disegno di legge volto a risolvere il problema inserendo i piccioni fra le specie cacciabili e dunque autorizzandone l'abbattimento ad opera dei cacciatori.[18] Si vede quale grave contraddizione esista in questo atteggiamento che concentra l'attenzione in maniera parossistica su un 'pericolo', se tale può essere definito, puramente potenziale (poiché non risulta che vi siano a tutt'oggi morti causati dai piccioni) proponendo come soluzione un metodo la cui attuazione comporta, essa sì, come abbiamo visto, una altissimo, ed effettivo, coefficiente di rischio. Su questa strada l'unica realistica previsione che si possa fare per il futuro è quella sintetizzata chiarmente ed efficacemente nella frase conclusiva di un recente comunicato stampa di Claudio Locuratolo, presidente della sezione laziale della Lega per l'Abolizione della Caccia: «Più piombo per tutti».[19] Ringraziamenti Si ringraziano Augusto Atturo, l'Avv. Onorina Sarlo e Massimo Rocchi per le consulenze fornite, nonché il Prof. Carlo Consiglio e Carla Carrara della LAC, Aldo Sottofattori di Rinascita Animalista, Massimo Filippi di Oltre la Specie, Massimo Tettamanti, Maria Rita Catelani dell'UNA, Luca Conti del WWF Marche per le osservazioni, i consigli o gli apprezzamenti. Note 1. Roberto Borgioni, Faina: il Wwf approfitta delle tragedie, La Nazione, 7 novembre 2001. 2. Per avere un'idea di questa entità numerica, composta, teniamolo ben presente, da uomini armati, si pensi che durante l'ultima guerra contro l'Iraq le forze anglo-americane erano composte da 270.000 uomini, appena un terzo cioé dei cacciatori italiani. 3. E in essa sta la motivazione, fra l'altro, del nostro non aver tenuto conto del fatto che alcune Regioni, sfruttando le possibilità loro concesse dall'art. 18 comma 5 della L. 157/92, hanno portato da 3 a 5 il numero di giornate settimanali di caccia concesse nei mesi di ottobre e novembre. E' ovviamente impensabile che tutti i cacciatori di tali regioni siano andati a caccia per 5 giorni alla settimana, 4 ore al giorno, ininterrottamente per 2 mesi. 4. Per l'esattezza il D. M. 13 agosto 1998, n.325 relativo alla Guardia di Finanza non fa alcuna specifica menzione di quali siano le 'particolari esigenze connesse al servizio' mentre il D. M. 29 agosto 1997 n. 338 relativo alle strutture giudiziarie e penitenziarie individua le suddette esigenze nella necessità di 'offrire il massimo della tutela contro i pericoli di fuga, di aggressione, di attentati alla incolumità del personale di vigilanza e dei detenuti, di sabotaggi di sistemi, apparecchiature ed impianti, di atti auto ed eteroaggressivi, di autolesionismo o di autosoppressione.'. Si noti come fatti di questo genere (ferimenti, omicidi, suicidi) risultino frequentemente nelle cronache in relazione al possesso di armi da caccia. 5. AA. VV. La Caccia: tutela dell'ambiente, legislazione e tecnica venatoria, Federazione Italiana della Caccia, 1979. 6. Da una mail ricevuta in data 14 giugno 2003 da Augusto Atturo della sezione Ligure della Lega per l'Abolizione della Caccia. La sentenza è la N.2387 del 4/2/2003 (Depositata il 7/5/2003), la quale fa riferimento, per la parte che qui ci interessa, alla Legge 142/90, oggi abrogata. Per l'esattezza: «La LEGGE 8 giugno 1990, n. 142 - Ordinamento delle autonomie locali - era stata più volte modificata: dal D.L. 31 dicembre 1996, n. 669, convertito con modifiche ed integrazioni dalla L. 28 febbraio 1997, n. 30; dalla L. 15 maggio 1997 n. 127; dalla L. 16.6.1998 n. 191; dalla L. 18 novembre 98 n. 415; dalla L. 30 aprile 1999 n. 120; e dalla L. 3 agosto 1999 n. 265. Infine, è stata definitivamente abrogata dal Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162)» (da una mail ricevuta in data 1 luglio 2003 dall'avv. Onorina Sarlo) del quale D.L. ci interessa qui il seguente art. 50 (Competenze del sindaco e del presidente della provincia), comma 5: 'In particolare, in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal sindaco, quale rappresentante della comunità locale. Negli altri casi l'adozione dei provvedimenti d'urgenza, ivi compresa la costituzione di centri e organismi di referenza o assistenza, spetta allo Stato o alle regioni in ragione della dimensione dell'emergenza e dell'eventuale interessamento di più ambiti territoriali regionali.' È scomparso dunque, rispetto alla formulazione del 1990, il riferimento a 'edilizia e polizia locale' nonché il riferimento esplicito all'obiettivo di tutela dell'incolumità dei cittadini. 7. Giuseppe Cancedda, Ha 100 anni e va ancora a caccia, La Nuova Sardegna, 16 marzo 2002. 8. Enrico Mirani, Caccia, i praticanti in aumento, Giornale di Brescia, 26 febbraio 2003. 9. Benché esuli dall'argomento del presente lavoro notiamo come il Legislatore abbia qui limitato l'uso della parola 'sport' al solo tiro a volo escludendone con ciò la caccia. 10. Si pensi, tanto per fare un esempio, che il DPR 547 del 27 aprile 1955, come modificato dal DL 242/94, giunge a prescrivere nel suo art. 13 non solo la larghezza delle porte delle uscite di emergenza ma perfino la tolleranza in meno consentita su tale larghezza. E non fa a meno di soffermarsi perfino a dare una definizione precisa del termine 'larghezza'. 11. AA. VV. La Caccia: tutela dell'ambiente, legislazione e tecnica venatoria, cit. 12. Da una mail ricevuta in data 21 marzo 2003 da Augusto Atturo della sezione Ligure della Lega per l'Abolizione della Caccia. 12b. Claudio Lattanzi, Proibire la caccia? Assurdo, non si aboliscono le autostrade per via degli scontri d'auto, La Nazione, 6 novembre 2001. 13. Dal sito web http://www.earmi.it, link: Balistica esterna. 13a. Finlandia: spara col fucile a un gallo cedrone e uccide il fratello lontano quasi due chilometri, Il Piccolo, 13 ottobre 1999. 14. Emilia-Romagna: a caccia nella nebbia, Il Resto del Carlino, 2 novembre 2001. 15. Augusto Atturo, Le incompatibilità tra attività venatoria e il ruolo di agente di polizia o guardia venatoria, Inedito, 2002. 16. Articolo di cronaca su La Provincia di Sondrio, 18 febbraio 2003. 17. A questo proposito citiamo le parole con cui Danilo Selvaggi, responsabile dei Rapporti Istituzionali della LIPU, commenta tale proposta di modifica dell'art. 25: «le 'vittime della caccia' spariscono. Il 'Fondo per le vittime di caccia' diventa fondo di garanzia. Non si morirà più sparati. Si sarà 'garantiti'. Se volete essere garantiti, fatevi sparare». Danilo Selvaggi sembra non rendersi conto di essere di fronte a un semplice adeguamento terminologico e che già oggi la situazione è quella da lui descritta come ipotesi futura. 18. Giancarla Moreo, Il senatore Piccioni (FI): «Gravi rischi per la salute dei cittadini», La Stampa, 16 aprile 2003. 19. C. Locuratolo, Parchi del Lazio: da oggi aree sprotette e pericolose, Comunicato stampa del 21 marzo 2003. Home•Archivio•Biblioteca•Links•Contatti

 
Pubblicato da monica il 06/03/2007 alle 13:29:02, in Notizie sparse, letto 1107 volte
Giovedì 8 marzo alle ore 16.30 saremo di nuovo davanti ai grandi magazzini della Rinascente a Roma.
Il presidio è molto importante per la campagna e la nostra presenza è indispensabile, come la partecipazione attiva al presidio.
Non facciamo gli prendere aria, la nostra pressione affinché la Rinascente smetta di far ammazzare animali è fondamentale in questa campagna.
Ci vediamo giovedì, portate fischietti megafoni e tutto quello che vi viene in mente per farci sentire.
Senza tregua
 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 05/03/2007 alle 21:58:28, in Notizie sparse, letto 1137 volte

 

(dal Corriere della Sera) Croazia: cacciatore italiano salta su una mina In compagnia di altre tre persone stava addestrando i cani. L'incidente è avvenuto domenica non lontano da Zara.

ZAGABRIA - Un cacciatore italiano di 34 anni è morto nell'esplosione di una mina anti-uomo durante una battuta di caccia in Croazia. Lo riferisce l'agenzia di stampa croata Hina che cita fonti locali di polizia. L'incidente è avvenuto domenica non lontano da Zara, in un campo vicino al villaggio di Donji Biljani. Nella regione si era combattuto durante la guerra, ma il luogo preciso della deflagrazione non era stato segnalato come zona minata.

L'uomo, di cui non è stata precisata l'identità, secondo una prima ricostruzione della polizia era in compagnia di altre tre persone, due cacciatori italiani e un croato, per addestrare dei cani. Gli amici hanno dato l'allarme dopo che l'uomo non si era presentato a un luogo di ritrovo concordato. Il cadavere è stato trovato alcune ore dopo, al termine di una prolungata ricerca. La polizia ha aperto un'inchiesta, a cui partecipano esperti militari di sminamento. Il corpo del cacciatore nelle prossime ore sarà sottoposto ad autopsia.

MINE - L'ordigno era probabilmente un residuato bellico della guerra serbo-croata-bosniaca tra il 1991 e il 1995. Oltre 1.100 chilometri quadri di territorio croato sono infestati da circa 500 mila mine, circa il 2% della superficie del Paese. Secondo le statistiche ufficiali, dalla fine della guerra, oltre 440 persone sono state uccise dalle esplosioni di mine e altre 1.400 sono rimaste ferite.
05 marzo 2007

 
Pubblicato da monica il 01/03/2007 alle 14:55:10, in Notizie sparse, letto 1154 volte
Aism (associazione italiana sclerosi multipla) torna in piazza questo fine settimana il 3 e il 4 marzo a vendere fiori; fiori per la morte di tanti animali massacrati con la vivisezione.
Tornano a venderci buonismo celando la brutalità del loro scopo
Tornano a venderci gardenie bianche in occasione della festa della donna con lo slogan “ perchè non sia la sclerosi a farci la festa”.
Una festa con più di 260.000 piante di gardenia in cambio di una donazione di 13 euro.
Il 70% del ricavato andrà alla ricerca scientifica. La festa l’andranno a fare a milioni di innocenti.
Scriviamogli che non compreremo mai i lori fiori sporchi di sangue, non finanzieremo mai nessuna delle loro iniziative finchè non dichiareranno di non usare più animali per le loro ricerche.
Scriviamo a: aism@aism.it
Per maggiori info consultate www.ricercasenzaanimali.org

Non vendetemi un fiore per la vita, penserò inevitabilmente alla morte,
alla morte di tanti animali innocenti vittime involontarie della vivisezione.
Quante sono le alternative per le quali
nessuna sofferenza verrebbe inflitta alla vita,
nessun orrore perpretato!
non diteci che ci sono bambini che muoiono perchè lo sappiamo,
potrebbero essere anche i nostri;
ma non è la morte che sconfigge la morte.
Vogliamo una medicina più umana
ed allora accetteremo di buon grado
e compreremo il vostro fiore
e sarà anche la nostra bandiera
a questo prezzo non possiamo;
e per noi questo sarà un giorno di grave lutto
nel quale i fiori appassiranno
per ammazzare degli "esseri viventi".
(autore ignoto)
 
Pubblicato da Piero il 28/02/2007 alle 23:15:44, in Notizie sparse, letto 1538 volte

Logo Valle VeganDal 17 febbraio sono operative due nuove sedi periferiche della Vallevegan, allo scopo di divulgare e promuovere i principi della cultura vegana, dell’antispecismo e della liberazione animale, intese come condizioni imprescindibili per la ricerca della ri-naturalizzazione di qualunque essere senziente, in quanto nasce libero e vive libero da ogni forma di sfruttamento da parte dell’uomo.

La prima sede è anche il luogo redazionale del sito internet e si trova a Roma nel quartiere di S.Lorenzo, in via dei Campani 14.

La seconda a Fiuggi (FR), in via Arcinazzo s.n.c., già sede operativa locale della Lega Abolizione Caccia.

Per ogni informazione e richiesta va fatto comunque riferimento alla sede centrale in loc. Maranese a Rocca S.Stefano (RM), tel 06/9565565, e-mail attivismo@vallevegan.org.  

 
Pubblicato da Piero il 28/02/2007 alle 22:49:50, in Notizie sparse, letto 1237 volte

Escursione al Monte Tolfaccia (m.580), domenica 11 Marzo.

Monte TolfacciaSarà un itinerario di 5 ore e 30 di cammino (ad una andatura normale ed escluse le soste), con 500 metri di dislivello. Attraverseremo una zona di pascoli e boschi tipicamente maremmana che dal medioevo viene utilizzata dalla gente del paese per lasciare allo stato brado gli animali. Risaliremo la valle di uno dei ruscelli che dalla Tolfa scendono verso il mare ed arriveremo ai ruderi di un abitato medievale dove vivevano i minatori che lavoravano alle cave di allume. Nella zona nidifica il rarissimo NIBBIO REALE. Questa volta avremo un solo piccolo guado da affrontare al ritorno. Il percorso è ad anello, in buona parte su strade sterrate e con dislivello molto graduale. Ci risentiamo il giovedì prima dell’escursione quando sapremo meglio le previsioni del tempo. Anche con il tempo nuvoloso nei luoghi dove dovremmo andare si va benissimo, non staremo in alta montagna, per cui il clima è sempre più mite, l’importante è che non piova. Quando vado in Maremma ed il tempo è incerto mi porto sempre un ombrello che, quando non si è in alta montagna, è una cosa molto buona per ripararsi dalla pioggia( i pastori portano sempre con sé un ombrello).

Appuntamento ore 9.00 all’autogrill Arrone-Est, è uno dei primi autogrill lungo l’autostrada Roma-Civitavecchia. Dall’autogrill procederemo insieme fino all’uscita di Santa Severa e dopo pochi chilometri da Santa Severa incontreremo la partenza del nostro itinerario. Prego chi vuole venire di contattarmi nei giorni precedenti e di darmi un recapito, perché a seconda delle condizioni del tempo potremmo fare dei cambiamenti di appuntamento.

Consigli per le cose da portare: 1) Innanzi tutto si consiglia l’utilizzo di scarponcini da trekking. Sono comodi, si fatica di meno perché fanno più presa nel terreno, proteggono dalle storte. 2) Uno zainetto da portare a spalla dove vanno messe le varie cose. 3) Almeno un litro d’acqua a persona. 4) Pranzo al sacco. Non esistono rifugi gestiti come sulle Alpi, per cui per il pranzo bisogna essere autosufficienti. Invito caldamente tutti i partecipanti (vegan, vegetariani,e simpatizzanti in transizione) a portarsi per questa escursione un pasto vegan (senza animali e derivati). 5) Abbigliamento: durante le escursioni ci si veste a strati, perché si può passare dal molto caldo al molto freddo nel giro di poco tempo. Come calzoni vanno bene un paio di blue jeans comodi o i pantaloni di una tuta. Consiglio poi una camicia a maniche lunghe, un pile o un maglione, un giubbotto di sicurezza per la pioggia e da mettere comunque se fa freddo, un berretto, dei guanti. 6) in macchina lascio un paio di scarpe da ginnastica e un paio di calzettoni di ricambio da mettere al ritorno. Dopo avere camminato è buona norma cambiarsi i calzettoni e gli scarponcini (questi ultimi possono essere infangati, fanno traspirare poco il piede, rendono difficile la guida della macchina). 7) in macchina lascio anche una t-shirt di riserva per cambiarmi al ritorno dell’escursione e mettermi un indumento pulito.

La mia mail è titoferretti@libero.it chi è interessato a venire è pregato a contattarmi nei prossimi giorni. La gita è gratuita!

ciao Tito

 
Pubblicato da chiara il 28/02/2007 alle 10:09:44, in Notizie sparse, letto 1219 volte

I tre istruttori della ValleVegan sono lieti di offrire gratuitamente, per chi volesse partecipare, lezioni di “aerobica su prato”. Si tratta di un nuovo tipo di ginnastica ideale per ritrovare l’ormai perduto contatto con la terra e con la natura. Non c’entra nulla con lo yoga e con lo zen, sia ben chiaro. Per farvi avere una piccola idea di ciò di cui sto parlando, vi basti sapere  che non vi serviranno delle scarpe da ginnastica ma dei bei scarponi da lavoro, non vi servirà una semplice tuta, ma magari un paio di pantaloni che avete deciso di buttare tempo fa (mettete anche una magliettina estiva, chè dopo 5 minuti inizia a far caldo),non vi servirà un tappetino bensì una zappa o una vanga, se poi avete un trattore verrà eretta una statua in vostro onore nel mezzo del recinto di Bastian! A seguire...passeggiata anaerobica nei prati e nei boschi.

Insomma, se vi siete fatti, anche lontanamente, un’idea di ciò che vi stiamo offrendo, vi sarete di certo accorti che questa è una di quelle offerte che non si possono rifiutare!

 

ValleVegan, domenica 4 marzo, dalla mattina. Pranzo a offerta libera.

 
Pubblicato da Lidio il 28/02/2007 alle 10:00:00, in Notizie sparse, letto 1243 volte
La conduttrice del programma, Monica Leofreddi(Fonte: Agire Ora) Certo che la RAI deve avere proprio tanta paura dei vegani e vegetariani... ma tanta-tanta, se impegna tempo e risorse al solo scopo di costruire delle situazioni atte a ridicolizzarli, in modo da creare confuszione nelle testa della gente... un comportamento cosi' meschino e umiliante (quello di cercare di "intrappolare" il vegan di turno) puo' solo spiegarsi con tanta paura da parte della raitivvu', perche' che altre ragioni ci possono essere?
La storia e' questa: circa una settimana fa alcuni collaboraboratori della trasmissione settimanale "Donne" (un talk show che ha per protagoniste varie donne ospiti, che raccontano "di desideri irrealizzabili o a portata di mano, di paure e ambizioni, di progetti e sconfitte") si scatenano alla ricerca di una donna vegan che vada in trasmissione venerdi' 23 febbraio per parlare della sua scelta, dato che la puntata e' dedicata all'alimentazione. Pero', che carini, vien da pensare, ci danno la possibilita' di parlare della nostra scelta. "Dato che l'argomento non e' molto conosciuto", dicono pure questi gentili signori alle vegane contattate.  Ma gia' nel corso della giornata si sente puzza di bruciato: gli intervistatori parlano con diverse donne e ragazze vegan, ma non gli vanno bene, sono persone troppo convinte, che han fatto una scelta etica e la sanno spiegare, e persone troppo "normali". No, loro cercano "qualcuno di alternativo", che magari vada li' "vestito un po' strano". Mh. E perche'? Se intervistando 10 persone vedi che sono "persone normali" che han fatto questa scelta e la sanno spiegare, perche' devi cercare la "persona strana" che non abbia motivazioni etiche, visto che la realta' dei vegan non e' quella? Sara' mica che invece di mostrare la realta' vuoi tendere una trappola?

Detto-fatto: hanno invitato alla fine una persona che NON ha detto una parola delle ragioni etiche e che ha affermato di aver fatto questa scelta per ragioni salutistiche, il che e' sempre un autogol, perche' poi ci mettono il nutrizionista da TV (che ovviamente c'era) che fa il professorone cui non si puo' replicare (anche se dice cose non dimostrate scientificamente e non sa o non cita le posizioni scientifiche ufficiali pro-scelta vegetariana e vegana) e sei bell'e che a posto...

Poi in questo caso particolare e' stato un vero massacro, anche volendo difendersi sarebbe stato impossibile, tutti contro uno, con reginetta della puntata una casalinga che cucinava “code alla vaccinara” strappando, fra l'ilarità generale, applausi e consensi del pubblico e degli ospiti.

Dato che una persona proprio "strana" non sono riusciti a trovarla, hanno pensato di sopperire intervistando la figlia che diceva che sua madre era una disadattata e mostrando la signora mentre faceva l'"om" durante la sua meditazione - come se questa pratica c'entrasse qalcosa col veganismo, o come se quelli che praticano meditazione fossero tutti vegan (ma quando mai) o che i vegan praticassero tutti meditazione (ma ancora meno...). Pero' almeno una cosa "diversa dalla normalita'" dovevano mostrarla, di meglio non han trovato.

Come mai tutto questo dispendio di energie e tempo e persone per scovare una persona vegan piu' "incastrabile" della altre? E come mai cosi' tanto accanimento? Signori della RAI, avete cosi' tanta paura che la gente sappia che le persone vegan sono esattamente come tutte le altre solo che, come le altre non vogliono ammazzare i cani per sfizio, cosi' i vegan non vogliono ammazzare i vitelli per sfizio?

Non c'e' nemmeno da essere offesi per il trattamento (certo, la signora portata in trasmissione ha di che essere offesa, ci mancherebbe!), quanto divertiti, sapendo tutto il teatrino che c'e' stato dietro.
Divertiti per la paura che facciamo. Se andiamo li' e gli facciamo "Bu'!" cosa fanno, svengono?!

Allora, l'invito e' duplice: da un lato, scriviamo al direttore di RAI2 e all'ufficio stampa della RAI, non per fare gli offesi, no, ma per prenderli un po' in giro, siate leggeri nei vostri messaggi, un po' di sarcarsmo e disprezzo per la loro meschinita' penso funzioni meglio dell'esprimere "dignita' offesa".
Dall'altro, fate attenzione se vi capita di essere invitati "a parlare della scelta vegan" in TV,  molto spesso e' una trappola come questa.
Purtroppo, non c'e' molta possibilita' di difendersi, perche' se voi li mandate a quel paese di certo troveranno qualcuno piu' sprovveduto di voi da massacrare. Non c'e' difesa. Ma tenete la guardia alzata.  Mal che vada, fategli "Bu'" che gli viene un coccolone... ; - )

Scriviamo a:
a.marano@rai.it
ufficiostampa@rai.it


Grazie a tutti per la partecipazione!
Marina Berati

 
Pubblicato da monica il 28/02/2007 alle 09:59:00, in Notizie sparse, letto 1145 volte
3 marzo 2007 ore 16 davanti alla RinascenteSabato 3 Marzo alle ore 16 tutti in piazza contro le pellicce. Ancora una volta ci ritroveremo sotto la Rinascente di piazza Fiume a Roma per protestare contro l'uccisione di piu' di un miliardo di esseri viventi che ogni anno vengono massacrati dall'industria della pelliccia per poi essere venduti in grandi magazzini come La Rinascente e L' Upim. Facciamoci sentire, portate fischietti, cartelloni, foto e quanto vi suggerisce la vostra fantasia. La strage di animali da pelliccia deve finire la Rinascente deve smettere di vendere pelli di animali morti. Ancora una volta, fino alla fine, SABATO 3 MARZO PIAZZA FIUME ore 16.00. Rinascente vende morte, fino alla fine davanti alle sue porte. Info: iniziative_vegan@yahoo.it, www.campagnaaip.net
 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 27/02/2007 alle 19:14:28, in Notizie sparse, letto 1955 volte

(articolo segnalato da Kalp, dal sito www.lalente.net)

Eleonora Palma – eleonorapalma@lalente.net
lunedì 26 febbraio 2007

Di solito si fa leva sull’etica, sulla “pietas”, sulle foto cruente con gli elettrodi in primo piano, conficcati nella carne. Ma non basta, non è mai bastato. Arriva veloce la contromossa: meglio salvare un topo o un bambino? “Entrambi”, è la risposta di un numero sempre più ampio di scienziati La vivisezione, o sperimentazione in vivo, consiste in qualsiasi esperimento eseguito su un animale: ne sono vittime circa un milione ogni anno in Italia. Tali prove vengono ripetute ad intervalli ben precisi, con altre forme e altri tempi, sui destinatari ultimi del prodotto: gli esseri umani, noi.
Al centro degli esperimenti ci sono le industrie chimico-farmaceutiche, quelle cosmetiche, le industrie belliche, gli istituti pubblici e le università. Per il 95% si utilizzano topi e ratti (animali poco costosi, piccoli, che si riproducono facilmente e non incontrano molto le simpatie del grande pubblico) ma anche gatti, cani, primati non umani, porcelline d’India, mucche, suini, cavalli, pecore, capre, piccioni, furetti, rettili, pesci ed uccelli. Vengono effettuati test di tossicità acuta e cronica, irritazione della pelle ed inalazione di sostanze, avvelenamenti, induzione di cancro, privazione dei genitori per esperimenti psicologici. Gli animali sono simili a noi nel percepire il dolore, l’apprensione, la paura, ma sono diversi per i meccanismi di assimilazione, per struttura fisica e biochimica.



La sperimentazione animale è prescritta per legge un po’ ovunque ma i risultati troppo spesso sono fuorvianti, tanto più che da decenni è obbligatorio un successivo ed indispensabile protocollo sugli esseri umani. Questo perché non è possibile a priori capire la specie che in quel caso specifico è più simile all’uomo. Animali di specie diversi, come pure di razze diverse – o addirittura di ceppi della stessa specie – rispondono in modo diverso ad un dato stimolo. Esistono differenze microscopiche dei processi metabolici e anche differenze macroscopiche fra uomini e animali. Alcune delle differenze macroscopiche più famose: a differenza dell’uomo, i roditori non sono in grado di vomitare le tossine, l’uomo può accumulare agenti nocivi dal naso e dalla bocca mentre i roditori respirano solo dal naso; ratti, topi e criceti sintetizzano la Vitamina C all’interno del loro corpo ottenendo così naturalmente un potente agente anticancerogeno mentre l’uomo non è in grado di farlo; i ratti hanno una elevata capacità enzimatica di non accumulare massa grassa (che in loro si accumula nel fegato) a differenza dell’uomo nel quale si accumula nelle arterie, diventando una potenziale causa di
patologie.
Nessuna teoria può essere approvata o respinta sulla base di un’analogia. Si sperimentano direttamente sull’uomo sostanze che non hanno subìto alcun reale vaglio preventivo e si corre il rischio di scartare sostanze che potrebbero essere invece di grande aiuto, per il solo fatto che su di una particolare specie sono risultate tossiche.
Qualche esempio significativo può aiutarci: una bella mangiata di amanita phalloides, uno dei funghi più velenosi
presente nei nostri boschi ammazzerebbe tutta la famiglia, dal nonno al nipote, ma non farebbe venire neanche un mal di pancia al gatto di casa. La mitica penicillina è letale per le cavie ma con enorme fortuna per l’umanità fu sperimentata sui topi, come dichiarò Florey, uno degli scopritori insieme a Pasteur. La diossina è innocua per il criceto, letale per il ratto 
ma  per quanto riguarda l’uomo, abbiamo ancora Seveso negli occhi. Se ci viene il mal di testa ci prendiamo un’aspirina, non i topi e i gatti però: per i primi è teratogeno (1), per i secondi nefrotossico (2).
Difficilmente (per non dire mai) una scoperta biomedica deriva dall’osservazione animale: il percorso inizia da uno studio epidemiologico (ossia un’osservazione scientifico-statistica di determinati gruppi di persone con lo scopo di studiare la frequenza e la distribuzione delle patologie nella popolazione) oppure da un’osservazione clinica casuale: solo in seguito si cerca di ottenere sugli animali lo stesso fenomeno, sperimentando su varie specie, fino a trovare la razza ed il ceppo che diano la risposta.



Questo perché la medicina ufficiale tende ad accreditare la scoperta solo quando l’esperimento sugli animali è positivo, esperimento tagliato e cucito su misura, che può dimostrare tutto e il contrario di tutto. La sperimentazione animale può (e ci è riuscita molto bene) persino rallentare la ricerca: gli effetti dannosi di alcool, fumo di sigaretta, amianto, metanolo, non sono stati considerati provati scientificamente per moltissimi anni.
Molti farmaci, testati regolarmente su cavie di varie specie, hanno avuto conseguenze nefaste: l’Opren, un farmaco contro l’artrite, ha ucciso 61 persone (3). Sono stati documentati più di 3500 casi di reazioni connesse, gravi e meno gravi. Il Talidomide, un tranquillante per le gestanti, si è dimostrato teratogeno, ovvero in grado di alterare il corredo genetico, dando luogo alla nascita di bimbi focomelici, privi di arti sviluppati. Gli scienziati cercavano negli animali la prova di ciò che già era tristemente noto nell’uomo, in base ad un semplice studio statistico. Nessuno degli animali da laboratorio trattati con il talidomide in un primo tempo ha causato feti focomelici e questo ritardò il suo ritiro dal mercato.
Soltanto aumentando la dose e la varietà degli animali si ottennero alcuni nati focomelici in una delle circa 150 razze di coniglio, il coniglio bianco neozelandese, a dosi comprese tra le 25 e le 300 volte superiori a quella normale per l’uomo. Il riscontro epidemiologico è stato ignorato per 5 anni, il farmaco ritirato solo nel 1962, dopo la nascita di migliaia di bambini gravemente malformati.
Dopo questi e molti altri episodi le case farmaceutiche sono corse ai ripari: basta dare un’occhiata ai foglietti illustrativi.
Su quello del Clopifogrel – testuali parole – c’è scritto: “studi di riproduzione condotti nel ratto e nel coniglio non hanno rilevato alcuna diminuzione della fertilità né danno fetale attribuibili a Clopidogrel. Non esistono però adeguati studi e controllati su donne gravide. Per la mancanza di dati non è consigliato durante la gravidanza”.
Non solo i foglietti, ma anche le riviste più autorevoli hanno preso coscienza del problema, oramai non è più una questione per anime candide ed animalisti irriducibili. Nel Febbraio 2006 i ricercatori del Diabetes Research Institute dell’Università di Miami e del dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Stoccolma hanno affermato che la struttura del tessuto umano responsabile della produzione di insulina è fortemente diversa da quello dei roditori, normalmente utilizzati per studi sul diabete. Insomma almeno 30 anni di studi falsati. “La nostra maggiore scoperta è che il tessuto pancreatico umano ha una struttura totalmente unica e ha una modalità di funzionamento diversa rispetto a quello di roditori. Non possiamo più continuare a basarci su studi condotti su topi e ratti. È imperativo ora focalizzarci sui tessuti umani perché alla fine, è l’unico modo che abbiamo per capire come funzionano”.
A fine 2006, il British Medical Journal ha pubblicato un articolo dal titolo: “Confronto degli effetti delle cure provate su animali e clinicamente: una revisione sistematica”. Il giudizio è chiaro: “La nostra revisione sistematica fornisce indicazioni sulla limitatezza dei modelli animali, e sulla loro incapacità di rappresentare le corrispondenti malattie negli umani”.
Ma quali sono le alternative (possibilmente più efficaci delle sofferenze animali)? Ha fatto passi da gigante
l’epidemiologia molecolare, una scienza che collega i fattori genetici, metabolici e biochimici a dati epidemiologici
sull’incidenza delle malattie. I risultati arrivano: il Lipid Research Clinics Trial ha dimostrato che abbassare l’1% il tasso di colesterolo ematico riduce di almeno il 2% il rischio di malattia cardiaca. Studi in vitro sui tessuti cellulari hanno permesso di studiare e perfezionare i più usati farmaci anti-HIV: l’AZT, il 3TC e gli inibitori della proteasi. Gli studi in vitro si sono rivelati utilissimi per i test di tossicità, per studiare specifiche parti del corpo. È entrata in campo anche la robotica, con modelli matematici computerizzati come il Derek, simulatori e manichini computerizzati. Dalle biopsie endoscopiche si possono ottenere informazioni durante i vari stadi della malattia. Ad esempio è stato dimostrato che il cancro al colon deriva da tumori benigni (adenomi), risultato del tutto in contrasto con il modello animale più usato, in cui la sequenza non c’è.
Gandhi ha definito la vivisezione il crimine più nero tra i neri crimini commessi dall’uomo, Kant ha scritto che la la crudeltà nei loro confronti predispone ad uguale comportamento verso i nostri simili. È giunta oramai l’ora di chiudere quei laboratori, con le gabbie tristi e mai a norma, ancora aperti solo per un’inerzia culturale, superata dalla dottrina scientifica maggioritaria ma non ancora dalla coscienza comune. Chi fa divulgazione ha un grande compito: sollevare il velo di ignoranza.

LIBRI CONSIGLIATI:
(1) Sulla vivisezione. Lettera aperta al signor Ernest von Weber, autore dello scritto «Le camere di tortura della scienza»,
Richard Wagner, Euro 10,00
Ordina da IBS Italia
(2) Gli animali e la ricerca. Viaggio nel mondo della vivisezione, Stefano Cagno, Euro 10,00
Ordina da IBS Italia


NOTE:
(1) Sono teratogeni quelle sostanze o quei farmaci che provocano malformazioni nel neonato.
(2) Sostanza nociva ai reni.
(3) Si veda il sito
laLente.net

 
Pubblicato da Lidio il 27/02/2007 alle 14:01:30, in Notizie sparse, letto 4563 volte

Sono stato in banca. Ho revocato le disposizioni in base alle quali dal mio conto veniva prelevata la somma di 50 euro l'anno per il finanziamento di Greenpeace.
Questa è la conseguenza immediata di quanto ho letto stamane fra  le notizie apparse su Agire Ora.
In breve: alcuni attivisti di GP hanno banchettato a base di carne di balena, accogliendo l'invito di alcuni giapponesi.
Motivazione: rispetto delle millenarie culture locali.

Non ho parole tanto sono schifato. Ho sotto i miei occhi l'ennesima dimostrazione di quanto dannosa sia la nostra specie, non appena iniziano a girare interessi economici di un certo livello.
L'esigua minoranza di umani "passabili", che pure, non lo nego, esiste, non soccombe grazie alla tenacia con la quale riesce a tenere silente l'istinto schifoso della voracità che alberga in ciascuno di noi.

La prostituzione peggiore, quella mentale, di organizzazioni che sbandierano nobili valori per poi agire meschinamente in nome di un discutibile, quanto inutile, rispetto. Ecco, in due parole, ciò che penso oggi di Greenpeace.

Mi sento tradito due volte.
Tra i commenti presenti sul sito di YouTube (dove è possibile vedere il filmato) ce n'è uno che vale per tutti: "I hope they won't decide to save the dogs and cats in China next" (Spero che non decidano di salvare cani e gatti in Cina come prossima iniziativa)...

Lidio Maresca

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 23/02/2007 alle 14:29:30, in Notizie sparse, letto 1239 volte
(dal corriere della sera) Ma solo le femmine ne farebbero uso a partire da rami d'albero e appuntite con i denti. Per utilizzarle nella cattura dei galago .
New York. Alcuni scimpanzè si procurano il cibo servendosi di strumenti da caccia che sembrano lance rudimentali. Ma sarebbero solo le femmine a farne uso a partire da rami d'albero e appuntite con i denti. I ricercatori Jill Pruetz e Paco Bertolani dell'università dell'Iowa hanno osservato gli scimpanzè che vivono nella savana del Senegal sud-orientale. Un habitat inusuale per questo genere di scimmie, che sembravano per questo aver escogitato nuove strategie per procurarsi il cibo come, appunto, servirsi di armi.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica «Current Biology», mostra che le lance vengono utilizzate per agitarle nelle tane dei galago, un piccolo animale dell'ordine dei primati, nella speranza di infilzarne qualcuno. «Non si può dire sia una tecnica di caccia efficace», ha dichiarato Pruetz, «ma è un modo innovativo di adattarsi a un ambiente ostile. Gli scimpanzè devono scendere dagli alberi per raccogliere il cibo e ripararsi nelle caverne durante la stagione calda. Come riteniamo facessero i primi ominidi, che vissero circa 6 milioni di anni fa». Prima d'ora, studi analoghi avevano dimostrato che alcuni tipi di scimmie - tra cui scimpanzè, gorilla e orangutang - si servono di utensili per rompere noci e per catturare le termiti di cui si nutrono. Ma l'uso di uno strumento tanto «evoluto» per cacciare non era mai stato osservato prima d'ora.
23 febbraio 2007
 
Pubblicato da Piero il 22/02/2007 alle 15:22:20, in Notizie sparse, letto 3284 volte

 

Riceviamo e giriamo con piacere e sollazzo.

 

 

 

Scopri chi c’è dietro effimeri gruppi pseudo animalisti neo-formatisi, al solo scopo di screditare chi veramente lotta per gli animali.

Questa non è la solita guerra tra animalisti, perché in questo caso la parte ripudiata è stata sempre scoperta e allontanata, in qualunque gruppo abbia provato ad infiltrarsi. Nonostante ciò, stavolta il nemico è grande, nonostante abbia scelto come braccio il più fantozziano tra i propri stipendiati.  

Il personaggio in questione è già noto alle cronache animaliste per aver dato questi “contributi” alla causa:

-          Manifestazione di varie ore davanti all’ambasciata del Canada, o meglio davanti alla EX ambasciata del Canada ormai traslocata, quindi CHIUSA e ABBANDONATA. La manifestazione, che avrebbe dovuto essere contro le pellicce di foca, si è poi trasformata in cori anti vecchiette col cane al guinzaglio.

-          Scritte notturne sulle mura della ASL di FR, di “invito” alla chiusura del lager di SAN Giuliano. Degno di nota è sapere che GIULIANO è un PAESE della provincia di Frosinone e non un SANTO!!! Dopo di ciò i gestori del canile hanno riso di cuore perchè la ASL ha rotto il già sottile legame con le associazioni animaliste che permetteva di salvare cani moribondi da quel lager.

-          Insulti col megafono ad una passante perché colpevole di indossare un collo di pelliccia, FINTA. La passante ha poi obiettato sul perché il megafonante avesse sulle spalle uno zaino di marca Prada in pura pelle. Ilarità generale in via del Corso a Roma.

-          Acquisti vari di tartarughe e ratti in vari negozi…per salvarli!

 

 

 

Anche questa notizia è effimera, comparirà e scomparirà, come il soggetto qui rappresentato.

Ancora una volta: NO AI VIVISETTORI! Per saperne di più, metti sul motore di ricerca “Nome Cognome” del personaggio in questione, e vedi da chi è pagato.

 

 
Pubblicato da monica il 19/02/2007 alle 20:20:10, in Diario di ValleVegan, letto 1262 volte
Partendo dagli albori della civiltà umana, passando attraverso il mito dei cowboy, gli infernali mattatoi di chicago e le stalle superautomizzate, fino ai giorni nostri, l'autore formula il suo atto di accusa contro la "cultura della bistecca" impernante nella società occidentale:In modo impietoso e documentato esamina costi e conseguenze delle nostre abitudini alimentari: un mondo in cui gli abitanti dei paesi poveri muoiono di fame perchè una parte considerevole di cereali viene impiegata come mangime per rendere la carne bovina più grassa e più gradita ai cittadini delle nazioni ricche, i quali finiscono poi per morire a milioni di tumori, infarto, diabete; un mondo in cui per fare posto ai pascoli vengono abbattute foreste, terre fertili vengono trasformate in deserti, e su cui incombe la minaccia di catastrofi climatiche.
Ecocidio è un libro profetico, che ci invita a cambiare rotta prima che sia troppo tardi, un pressante avvertimento per chiunque abbia a cuore la propria salute ed il destino del pianeta.
 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 19/02/2007 alle 17:12:32, in Diario di ValleVegan, letto 1153 volte
Consideriamo senz’altro assurda la convinzione di quanti affermano che l’uso di mangiare carne abbia un’origine naturale. Che l’uomo non sia carnivoro per natura, è provato in primo luogo dalla sua struttura fisica.
Il corpo umano infatti non ha affinità con alcuna creatura formata per mangiare la carne: non possiede becco ricurvo, né artigli affilati, né denti aguzzi, né viscere resistenti e umori caldi in grado di digerire ed assimilare un pesante pasto a base di carne.
Invece, proprio per la levigatezza dei denti, per le dimensioni ridotte della bocca, per la lingua molle e per la debolezza degli umori destinati alla digestione, la natura esclude la nostra disposizione a mangiare carne.
Se però sei convinto di essere naturalmente predisposto a tale alimentazione, prova anzitutto a uccidere tu stesso l’animale che vuoi mangiare.
Ma ammazzalo tu in persona, con le tue mani, senza ricorrere ad un coltello, ad un bastone od a una scure.
Fà come i lupi, gli orsi ed i leoni, che ammazzano da sé quanto mangiano:
uccidi un bue a morsi od un porco con la bocca, oppure dilania un agnello od una lepre, e divorali dopo averli aggrediti mentre sono ancora vivi, come fanno le bestie.
Ma se aspetti che il tuo cibo sia morto e se la vita presente in quelle creature ti fa vergognare di goderne la carne, perché continui a mangiare contro natura gli esseri dotati di vita?
Al di là di tali considerazioni, non credi che sia una cosa straordinaria l’abitudine ad un comportamento umano? Chi farebbe infatti del male ad un uomo, se lui stesso è tanto mitemente ed umanamente disposto verso creature estranee e appartenenti ad una specie diversa?
Nulla turba comunque il nostro senso del pudore, non il fiorente aspetto di queste creature sventurate, non il fascino della loro voce armoniosa, non l’accortezza della loro mente, né la purezza del loro modo di vivere e la loro straordinaria intelligenza.
Invece, per un minuscolo pezzo di carne priviamo un essere vivente della luce del sole e del corso dell’esistenza, per cui esso è nato ed è stato generato. Per di più, crediamo che i suoni e le strida che gli animali emettono siano voci inarticolate, e non piuttosto preghiere, suppliche e richieste di giustizia.
Plutarco nato a Cheronea , in Beozia, tra Atene e Delfi nel 47 d.C. e morto nel 127 d.C.)

n.b.: è morto all’età di 80 anni!
 
Pubblicato da Lidio il 17/02/2007 alle 18:31:30, in Notizie sparse, letto 1321 volte

Riportiamo una notizia lanciata dalla Reuters. (Leggere il nostro commento finale n.d.r.)


CANBERRA (Reuters) - Un pescatore ubriaco ha catturato con le sue mani uno squalo di 1,3 metri e lo ha trascinato sul molo di una piccola località sud occidentale dell'Australia, tutto questo in cambio di qualche graffio sui pantaloni, hanno riportato oggi i media locali.
Si chiama Philip Kerkhof e ha 41 anni l'uomo che lunedì ha cacciato a mani nude uno squalo che stava mangiando le sue esche per calamari vicino al molo della piccola località marina di Louth Bay nella parte meridionale dell'Australia.
"Mi sono appostato dietro di lui, ho atteso il momento giusto e alla fine l'ho afferrato e non l'ho mollato più", ha detto Kerkhof alla televisione australiana . La zona di Louth bay, vicino all'estremità meridionale della penisola australiana dell'Eyre, è nota per gli squali che la popolano, tanto che alcune scene del film "Lo squalo" del 1975 sono state girate proprio là.
Kerkhof, che ha ammesso di aver bevuto "un po' troppa vodka" prima di andare a pescare, ha detto di aver realizzato di aver rischiato la vita solo il giorno dopo.
"Non è qualcosa che consiglierei di fare", ha detto. "Quando mi sono ripreso dalla sbronza ci ho pensato e mi son detto '...sono un idiota' ".

 

Se lo dice da solo...

 
Pubblicato da monica il 15/02/2007 alle 11:38:42, in Notizie sparse, letto 1429 volte

Per chi legge l'inglese un articolo sulla Cina.
444 gatti sono stati salvati da un mercato dove sarebbero stati uccisi e scuoiati, probabilmente per carne e pelliccia. 100 attivisti sono entrati nel mercato e si sono scontrate con la polizia. Il Comune ha deciso di salvare i gatti per evitare altri casini! Al link in fondo c'è anche una foto.

Animal lovers win extra life for 400 Chinese cats Jonathan Watts in Beijing Monday February 12, 2007 Guardian Unlimited Some of the 400 cats that were rescued from a market in Tianjin Some of the 400 cats that were rescued from a market in Tianjin. Photograph: China Photos/Getty Images China's nascent animal rights movement claimed a rare and bloody victory today after rescuing more than 400 cats that were about to be slaughtered for their fur and meat. The felines were saved from a market in Tianjin after a standoff last week between 100 pet lovers and police that left one protester hospitalised. Until recent years, respect for animal rights was almost non-existent in China, where dogs, cats, birds, lizards and turtles are often displayed in cramped market cages, before being slaughtered - sometimes by being beaten to death. But the country's rising affluence has brought with it a pet-pampering middle class, many of whom think of dogs as man's best friend rather than a popular item on a restaurant menu. Activists are becoming bolder, posting video footage of cruel treatment on Youtube and staging protests. Last November, 500 pet lovers in Beijing staged a noisy demonstration against a police cull of dogs and new limits on pet ownership - both introduced to halt the spread of rabies. In the latest confrontation, 100 supporters of the "Love Kitty" group in Tianjin surrounded a market, where cats and dogs were being slaughtered. Many of the protesters were local people who had lost their pets and suspected the animals had been abducted by furriers. The police refused to support the animal protection group because there is no law in China against killing cats and dogs, and all the animal traders were licensed. Lu Di, director of the Small Animal Protection Association, described the confrontation that followed: "The demonstrators were afraid that the killings were continuing behind the closed doors so they made their way inside. They found cats crammed inside tiny wire cages about 10 cm high. About 80 police officers arrived and there were scuffles. One man suffered a head injury and is still in hospital." To avoid further clashes, the Hebei provincial government allowed the cats to be taken to Lu's shelter in Beijing. But it has been difficult for her small, non-profit organisation to cope with so many maltreated animals. Of the 444 cats that were initially saved, 19 have died. "We don't have enough money, food or medical care so we are calling for help," said Lu. Her fellow volunteers want the government to take steps to prevent a recurrence. "In China, there is no law to protect animals," said the association's vice-director Zhang Dan. "This is unacceptable. Even poor countries in Africa have such laws. We are petitioning the National People's Congress to make new legislation." Attitudes to other animals may also need to change. Less than a week before the start of the Chinese Year of the Pig, the local media reported the maltreatment of hundreds of swine that were not allowed to be tended because of a lease dispute. "Most pigs were so hungry and thirsty that they were not even able to stand and only huddled together, with some piglets lying lifeless," the Yangcheng Evening News said. Fonte: guardian

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source