RIFUGIO Vieni? Sostienici!
mercoledì 20 gennaio 2021   # Utenti online n.177 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
IN NOME DELLA LIBERAZIONE ANIMALE
Pubblicato da monica il 12/03/2007 alle 12:27:41, in Notizie sparse, letto 1199 volte
Il quotidiano australiano Herald Sun riporta una interessante campagna portata avanti da alcuni attivisti della citta' di Victoria per liberare gli animali prigionieri degli allevamenti, in particolare gli allevamenti di galline per la produzione di uova.
Si tratta degli stessi attivisti che qualche settimana fa si sono introdotti nel piu' grande allevamento di galline ovaiole di Victoria e hanno portato via 18 galline.
Mercoledi' 21 febbraio gli attivisti hanno superato un gigantesco recinto elettrificato, cani da guardia e fari di sorveglianza presso l'allevamento "Happy Hens" (Galline Felici) nella citta' di Meredith.
Sostengono di aver visto un sovraffollamento illegale, sporcizia estrema, galline che si mangivano altre galline morte, altre finite dentro la fossa del letame.
Gli attivisti erano soprattutto studenti universitari, ma tra loro c'era anche Patty Mark, di 57 anni, che ha gia' a suo carico 8 accuse penali. "Le galline gridavano, c'erano corpi che marcivano nelle gabbie, i contenitori con i corpi degli animali morti venivano lasciati nei capannoni e gli animali malati e sfiniti venivano abbandonati a loro stessi in minuscole gabbie" ha dichiaro Patty Mark, fondatrice di Animal Liberation Victoria.
Patty Mark sostiene che i capannoni contengono 80.000 galline allevate in batteria, in uno spazio che una volta conteneva un quarto degli animali. Gli allevatori invece affermano di trattare bene gli animali, per farli rendere al massimo, e minacciano di denunciare gli attivisti.
La signora Mark pero' invita tutti a unirsi in questa lotta. Il loro piano e' di liberare gli animali senza nascondersi e celare la propria identita'. Questo li espone alle denunce, ma dicono di essere disposti a finire in prigione per la causa.
Noah Hannibal, laureato in filosofia, ha dichiarato di aver passato qualche notte in prigione per violazione di proprieta' privata, furto, o disturbo della quiete pubblica, ma che le accuse sono sempre state ritirate. "Specialmente quando si fanno liberazioni alla luce del sole" ha detto "abbiamo in pratica la licenza di fare quel che vogliamo.
Anziche' arrestarci, la polizia ci ha aiutato a portar fuori gli animali malati".
Gli attivisti organizzano riunioni per mettere a punto le proprie strategie e usano tecniche elaborate per entrare negli allevamenti super-protetti. Ogni membro di una squadra ha un ruolo specifico - dal disabilitare recinti elettrificati, a documentare le condizioni degli animali nei capannoni, a guidare il furgone.
Callum Bryant, una studentessa 20enne che studia arte all'universita' dichiara "Mi piacerebbe che tutti diventassero vegetariani, o, piu' specificamente, vegani.
Vorrei fermare la crudelta' sugli animali" e dichiara di non aver paura di andare in prigione per difenderli. Le galline liberate sono gia' state adottate da famiglie nei dintorni di Melbourne.
La Reale Societa' per la Prevenzione delle Crudelta' sugli Animali (RSPCA) sta esaminando le segnalazioni degli attivisti sulle irregolarita' nell'allevamento Happy Hens.
Fonte: Herald Sun, "In the name of animal liberation", 25 febbraio 2007 http://www.news.com.au/heraldsun/story/0,,21283415-2862,00.html
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source