RIFUGIO Vieni? Sostienici!
domenica 19 maggio 2019   # Utenti online n.151 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico
Tutti gli articoli.
Ordine cronologico: discendente (il piů recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da Piero il 05/08/2007 alle 23:41:33, in Diario di ValleVegan, letto 1001 volte

 

Foto Francisco in Vallevegan

 
Pubblicato da Piero il 04/08/2007 alle 23:35:21, in Diario di ValleVegan, letto 1209 volte

Ogni tanto, dai paesi intorno alla ValleVegan, si possono osservare strani colori notturni. Cosa c'è di meglio da vedere di notte? ...

...un animale selvatico che non fugge per la paura dei botti!

Fuochi d'artificio: inquinanti-pericolosi-

inutili.

 

 

 

 

...........(umani!).

 

 

...foto originale by Francisco in ValleVegan, agosto 2007.

 
Pubblicato da Piero il 02/08/2007 alle 15:47:54, in Notizie sparse, letto 2722 volte

            

 

da Agire Ora.

 

ROMA,  MANIFESTAZIONE SVOLTASI SABATO 4, PIAZZA SANTA MARIA IN TRASTEVERE, DALLE 19.30 ALLE 21.00

Un paio di mesi fa abbiamo segnalato l'iniziativa della campagna inglese Speak, "Lottiamo per Felix": Felix e' un macaco imprigionato nei laboratori di vivisezione della Oxford University, che dovra' subire per almeno due anni esperimenti invasivi e cruenti. L'iniziativa "Lottiamo per Felix", ha lo scopo di far liberare l'animale per potergli ridare una vita degna di essere vissuta.

Qui il video che mostra la sofferenza di Felix:
http://www.speakcampaigns.org/felix/fighting_for_felix_video.php


Liberiamo Felix!
Ora gli attivisti inglesi di Speak han chiesto a tutti gli attivisti del mondo di partecipare alla "Giornata di solidarieta' per Felix", che si terra' sabato 4 agosto: in tutto il mondo si terranno presidi, tavoli informativi o altro per far conoscere alle persone la situazione di Felix, che e' poi la stessa di milioni di animali nei laboratori di tutto il mondo.

 



E' stata preparata la traduzione in italiano del volantino da distribuire, del poster da attaccare ai cartelloni, e della petizione per la raccolta di firme per Felix. Questi file sono disponibili qui, e anche sul sito di Speak:
Scarica la petizione
Scarica il poster a colori (da fotocopiare ingrandito in A3 per attaccarlo sui cartelloni)
Scarica il volantino A5 (e' un A4 da stampare fronte/retro e poi tagliare a meta')
Scarica il volantino A4 (da usare magari da attaccare a qualche bacheca)

Invitiamo tutti a usare questi materiali per organizzare un presidio il 4 agosto!

Non pensate che ad agosto sia inutile fare un presidio, non lo e' affatto: innanzitutto, mica tutti sono in ferie, in secondo luogo, dato che agosto e' un mese un po' morto per le notizie e' probabile che la stampa si interessera' di piu' all'evento. Bastano poche ore per organizzare l'evento, , vi diamo qui tutte le istruzioni e materiali necessari, aiutiamo gli attivisti inglesi a far liberare Felix, e facciamo conoscere a tutti gli orrori della vivisezione!

Consigli e linee guida su come procedere per essere piu' efficaci
Individuate un posto in centro che sia frequentato e possibilmente lontano dal traffico;

Consigliamo di fare il presidio in questo modo:

preparando centinaia di fotocopie del volantino A5;
allestendo un piccolo tavolo informativo (molto piccolo, cosi' rientra nel permesso per il presidio e non serve la richiesta del suolo pubblico, per la quale non c'e' comunque il tempo!) dove tenere 2 petizioni: quella per Felix sopra indicata e quella per chiedere la sostituzione dei test su animali a livello europeo, scaricabile da qui: Petizione europea
Se avete altro materiale informativo sulla vivisezione, mettetelo sul tavolo;
Se avete un megafono, portatelo;
Portare cartelloni e striscioni contro la vivisezione.
Una volta deciso il posto, inviate una notifica di presidio via fax alla Questura e pubblicizzate l'iniziativa tra i vostri contatti locali. Anche se al presidio ci sono solo 7-8 persone va bene lo stesso, non servono le folle (se c'e' la folla, tanto meglio, ma anche in pochi si puo' essere efficaci!). Il fac-simile di notifica potete trovarlo qui: Come notificare un presidio. Specificate nella richiesta che ci sara' anche un piccolo tavolo informativo per la raccolta firme, che farete volantinaggio ai passanti e che avrete il megafono (se ce l'avete).
Avvertite la campagna Speak del vostro presidio, indicando luogo, orario e un vostro contatto email, scrivendo a: felixsolidarity@speakcampaigns.org
Questo per quanto riguarda l'allestimento del presidio. E' poi importante pubblicizzarlo, quindi avvertite tutti i vostri contatti, ma anche, e soprattutto, i giornali e altri mezzi di comunicazione, perche' questa deve essere anche l'occasione per far parlare del problema vivisezione. Inviate i comunicati stampa ai giornali locali subito, appena decisa la data e il posto, e poi di nuovo 3 giorni prima dell'evento.

Qui sotto riportiamo un testo per il comunicato stampa, che potete usare cosi' come sta cambiando solo luogo e orario e inserendo i vostri recapiti, oppure che potete personalizzare, come preferite.

Ricordiamo che maggiori informazioni sull'iniziativa si trovano sul sito della campagna Speak: http://www.speakcampaigns.org/felix/felix_solidarity.php. Ricordiamo anche che l'1 settembre c'e' una grossa manifestazione a Oxford. Dall'Italia, con i voli low-cost e' del tutto fattibile andarci, quindi vi invitiamo a farci un pensierino, le informazioni sono sempre sul sito di Speak. C'e' gia' un rifugio pronto ad adottare Felix... se si riesce a liberarlo!

Diffondete e partecipate numerosi!

Testo del comunicato stampa proposto

[COMUNICATO STAMPA]
A XXXCITTA', 4 AGOSTO, PRESIDIO ANTIVIVISEZIONE
PER L'INIZIATIVA INTERNAZIONALE
"GIORNATA DI SOLIDARIETA' PER FELIX"
IL MACACO PRIGIONIERO NEI LABORATORI
DELLA OXFORD UNIVERSITY
XXXdata di invio del comunicato

A XXXCitta', sabato 4 agosto 2007, alle ore XXX, in piazza XXX, e' stato organizzato un presidio informativo, con raccolta firme contro la vivisezione nell'ambito dell'iniziativa internazionale "Giornata di solidarieta' per Felix", il macaco prigioniero nei laboratori della Oxford University, promossa dalla Campagna inglese "Speak - la Voce per gli Animali".

Felix è la scimmia apparsa di recente nel documentario "Le scimmie, i ratti ed io", trasmesso dalla BBC2 inglese il 27 novembre 2006, in cui si mostra il volto accettabile della vivisezione che i ricercatori vogliono presentare al pubblico.

Il filmato ha mostrato Felix tenuto su una sedia di contenzione, pronto a essere condizionato dai vivisettori della Oxford University per la sua futura vita di tortura. Nel documentario si vuole far intendere che il "condizionamento" di Felix avviene "volontariamente", che i ricercatori non hanno forzato Felix nella sedia di contenzione ne' a uscire dalla sua gabbia. Chi e' stato testimone della dura realtà della vita in laboratorio, come infiltrato, e ha pubblicato la sua storia e mostrato le prove al pubblico, direbbe che questa è solo una rappresentazione mistificata di ciò che succede nei laboratori, e che la presentazione ai media e' palesemente di parte.

Non dimentichiamo che nessuna scimmia, cane, gatto o altro animale, noi compresi, si presterebbe mai volontariamente a essere mutilato o macellato o avvelenato. Si tratta, in sostanza, di andare contro l'istinto di sopravvivenza, che serve in generale ad evitare il dolore, la sofferenza e ovviamente la morte. Per poter esercitare il controllo, l'oppressore deve disporre di una vittima collaborativa. Il potere di un vivisettore o di un tecnico di laboratorio sta nella paura che riesce a infondere nelle sue vittime. La realta' della vita di Felix e' che non gli verranno mai concesse gentilezze, mai avra' dignita', ne' ricevera' rispetto da parte dei suoi torturatori. Gli verra' insegnato ad avere paura.

La lotta per Felix è una iniziativa concreta con uno scopo pratico ben preciso, ma simboleggia anche la lotta per tutti gli animali imprigionati nella università di tutto il mondo, Italia compresa, per esperimenti del tutto INUTILI scientificamente, quando non dannosi (come spesso accade).

Affermano gli attivisti contro la vivisezione: "Ai presidi del 4 agosto che si terranno in tutto il mondo, comprese varie città in Italia, verranno distribuiti volantini alle persone e verrà chiesto a tutti di firmare due petizioni: una contro il laboratorio di vivisezione della Oxford University e una a livello europeo per la sostituzione degli esperimenti su animali con metodi davvero scientifici senza animali. Invitiamo tutte le persone sensibili al problema a partecipare e a venire a firmare la petizione".

Comunicato di:
XXX vostri recapiti

Note:

Per maggiori informazioni sulla campagna Speak:
http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=197
http://www.speakcampaigns.org/

Il filmato di Felix prigioniero:
http://www.speakcampaigns.org/felix/fighting_for_felix_video.php

 
Pubblicato da monica il 02/08/2007 alle 15:46:39, in Notizie sparse, letto 1024 volte

Da sempre il latte animale è ritenuto un alimento sano, nutriente, fortificante e rimineralizzante grazie al calcio che contiene.
In realtà, diverse ricerche hanno portato medici e ricercatori a considerarlo nocivo per l’uomo e responsabile di numerose patologie
– fra cui demineralizzazione, decalcificazione, problemi digestivi, intestinali, ormonali – oltre che di formazioni cistiche e tumorali.
In questo libro, Anne Laroche de Rosa espone, con rigore e chiarezza, le molteplici ragioni che consigliano di eliminare dalla nostra dieta il latte animale e i suoi derivati.
L’autrice sottolinea le differenze esistenti fra il latte materno, molto salutare per il bambino, e quello di vacca, perfettamente adatto al vitello ma non al bebè.
Il libro contiene inoltre i pareri e le esperienze in materia di numerosi medici, e le testimonianze di tante persone che hanno avuto grande giovamento dall’abolizione dei latticini dalla loro dieta.

L'AUTORE :Anne Laroche de Rosa è iridologa, nutrizionista del CEHMN (Collège Européen d’Hygiène et de Médecine Naturelles) ed è autrice di numerosi articoli e libri sul vivere sano.
Ex allevatrice di capre riconvertita, conosce a fondo la questione dei vari tipi di latte.

 

 
Pubblicato da Lidio il 02/08/2007 alle 15:46:38, in Notizie sparse, letto 1124 volte
Per chi legge ValleVegan da fuori Roma, riassumiamo qui sotto le iniziative sulle quali ci sono informazioni, e invitiamo tutti a partecipare all'evento piu' vicino!
Ci sono poi altre iniziative personali di volantinaggio senza presidio e raccolta firme sulle petizioni, vanno benissimo anche quelle, quindi se non potete partecipare a qualcosa di organizzato, fate cosi'!

Raccomandiamo la lettura degli aggiornamenti e di tutte le info, i volantini da scaricare, le petizioni, su:
http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=275

Eventi in Italia:

Torino, ritrovo in piazza Castello angolo via Garibaldi ore 15.30, riferimento: piemonte@agireora.org

Roma, Piazza S.M. in Trastevere ore 19.30-21.00, riferimento: monicalugini@yahoo.it

Rimini, corso d’Augusto angolo via Gambalunga, ore 9.00, riferimento: info@animalliberation.it

Cassine (Alessandria), tavolo informativo ore 18.00-24.00 presso la manifestazione Etnomosaico, riferimento: alessandria@agireora.org

Livorno, presidio all'interno del festival che occupa un quartiere della città, riferimento Manuela: smanutobi@gmail.com

Genova, presidio in Corso italia, altezza bagni Lido dalle 18.30 sino alle 23.00, riferimento: patrizia.gaia@libero.it

Mariano Comense, volantinaggio, riferimento: manuela@gliamicidelrandagio.it

Lecco, presidio in piazza XX settembre, dalle 9 alle 18, riferimento: becamsas@becamsas.191.it

 
Pubblicato da Lidio il 02/08/2007 alle 15:40:17, in Notizie sparse, letto 1121 volte
Fonte: La Stampa - 31/7/2007
Uno studio antropologico sugli stili di consumo lancia alla ribalta i vegansexuals
CARLA RESCHIA
L'uomo è ciò che mangia, diceva Feuerbach. Un gruppo di ultrà vegetariani in Nuova Zelanda ha preso talmente alla lettera il monito del filosofo tedesco da teorizzare l'impossibilità di qualsiasi genere di contatto intimo con chi si pasce di «cadaveri». Il gruppo, studiato quasi fosse una tribù perduta dell'Amazzonia da Anne Potts, ricercatrice dell’Università di Canterbury e direttrice del Centro neozelandese di studi umani e animali, e stato ribattezzato vegansexual.
E' stato individuato grazie a una serie di interviste condotte a campione su 157 persone. Una chiaccherata sui massimi sistemi, dalle preferenze sui consumi alle abitudini sessuali. Ebbene, i vegan, vegetariani particolarmente ortodossi che, oltre alla carne, rifiutano anche uova e formaggi, si sono detti, in linea di massima, contrari a mescolarsi, anche solo per una notte di sesso, con chi ha il corpo «ripieno di carcasse animali».

Che, detto così, in effetti non suona invitante. Non è tuttavia una ripugnanza istintiva, dettata dalla diffierenza di gusti e abitudini, è una scelta ideologica. Molte donne, infatti hanno ammesso di essere attratte da persone che mangiano carne, ma di non voler avere nulla a che fare con loro.
Lo studio della Potts, intitolato «Consumi senza crudeltà in Nuova Zelanda. Rapporto nazionale sulle prospettive ed esperienze di vegetariani e di altri consumatori etici», cita molti esempi e racconti: «Se sei vegetariano o vegan, sei molto consapevole del fatto che coloro che seguono una dieta di carne sono una specie di cimitero di animali», ha risposto una donna. Una altra ha detto: «Non voglio essere in intimità con qualcuno il cui corpo è letteralmente composto da corpi di esseri prima viventi, che sono morti per il suo sostentamento».
Anche la Potts si è detta stupita da risultati così netti, «Sono concetti completamente nuovi, non li avevo mai sentiti prima» . E stupire antropologi e sociologi, si sa, non è impresa facile.
 
Pubblicato da Lidio il 01/08/2007 alle 16:11:18, in Notizie sparse, letto 1041 volte

Carola nel ranchFonte: Endlesslove

Dopo numerose peripezie siamo riusciti a fermare al commerciante la mula cieca. Mercoledi sarebbe andata al macello invece giovedi è arrivata presso la nostra struttura (http://www.endlesslove.it).

Servono 800 euro. Per il momento abbiamo raccolto 170 euro ma se tutte le persone che ci hanno cantattate mandassero anche solo 10 euro la mula sarebbe riscattata.

Vi prego continuate a far girare questo appello. Grazie a tutti da parte della piccola CAROLA (questo è il nome che abbiamo scelto per lei non ci piace chiamarla Mula).

Siamo tanti in rete e tante piccole gocce formano un mare. Aiutateci a salvare la piccola Mula. Per offerte in denaro contattare via email <info@endlesslove.it> o chiamare al 3333289717, comunque sul sito sono presenti tutte le informazioni utili (coordinate bancarie, ecc.)

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 31/07/2007 alle 16:32:16, in Notizie sparse, letto 1232 volte

 

Gi animali che non morivano negli incontri venivano soffocati o annegati
Michael Vick, quarterback degli Atlanta Falcons, davanti al giudice: è accusato di avere organizzato combattimenti clandestini tra cani.
RICHMOND (Virginia, Usa) - E' una star del footballl americano, tra i più acclamati portacolori degli Atlanta Falcons. Michael Vick, uno dei quarterback più in vista della National Football League (Nfl), si sta ora giocando la carriera e la reputazione in un processo che lo vede alla sbarra come membro di un'associazione a delinquere dedita allo smercio di pitbull e all'organizzazione di combattimenti tra cani. In una sua villa, lo scorso 25 aprile, la polizia che aveva fatto irruzione alla ricerca di droga aveva rinvenuto 66 cani e attrezzatura specialistica utilizzata per l'addestramento alla lotta degli animali, come catene, collari, bastoni e divaricatori per aprire forzatamente la bocca degli animali.
LE ACCUSE - Le accuse di cui deve rispondere assieme ad altre tre persone sono molto gravi. E oltre alla decisione del tribunale di Richmond, in Virginia, c'è attesa per i provvedimenti che saranno adottati dalla stessa Nfl e dalla sua società. Il patron dei Falcons, Arthur Blank, ha fatto sapere che il club era pronto a comminare al suo atleta quattro turni di sospensione, la massima penalità che un team può disporre nei confronti di un proprio tesserato. Ma la stessa Nfl avrebbe chiesto alla società di prendere tempo, in attesa delle decisioni della corte. Ora che il processo è stato definito - si svolgerà dal 26 novembre prossimo - le autorità sportive potranno prendere i propri provvedimenti.
IL GIRO D'AFFARI - La posizione di Vick è tutt'altro che semplice. Nella sua residenza di campagna di Smithfield, nella contea di Surry, secondo i capi di imputazione scaturiti dall'operazione «Bad Newz Kennels» e contenuti in una relazione di 18 pagine, era stata allestita una vera e propria centrale clandestina finalizzata all'organizzazione di combattimenti tra cani in diversi Stati americani. Un'attività attorno alla quale ruota un giro di affari altissimo, legato in particolare alle scommesse e alla compravndita dei cani. Difficile però pensare che Vick possa essere stato attratto da una motivazione puramente economica: nel 2004 ha infatti siglato un contratto da 130 milioni di dollari, il più ricco nella storia della Nfl.


ALL'ULTIMO SANGUE - Gli animali, secondo gli inquirenti, venivano tenuti in condizioni precarie, probabilmente per aumentarne l'aggressività. E secondo quanto risulta nei documenti processuali depositati nelle settimane scorse, i cani che non venivano uccisi durante i combattimenti - la cui regola era quella dell'«ultimo sangue», ovvero l'incontro doveva terminare con la morte di uno dei due animali in lotta - erano poi uccisi con colpi di arma da fuoco oppure venivano soffocati o annegati.
L'AUTODIFESA - Vick si è fino ad ora difeso sostenendo di non sapere nulla delle attività illegali che venivano svolte nella sua villa, una residenza secondaria dove, secondo quanto da lui stesso raccontato, il quarterback si recava raramente e dove invece viveva stabilmente un suo cugino. L'accusa però non è dello stesso parere e pensa che l'atleta abbia avuto un ruolo non secondario nell'organizzazione. Vick ha cercato di ribadire la propria innocenza anche nel corso dell'udienza preliminare, dichiarandosi non colpevole per alcuna delle accuse mosse nei suoi confronti. Attorno al suo caso l'interesse è grande: nell'attesa del rinvio a giudizio i contatti al suo sito Internet personale sono stati così tanti da causare al caduta del server per eccesso di visitatori.

SUPPORTER E ANIMALISTI - All'esterno del tribunale, nel giorno della prima udienza, si sono affollati sostenitori dell'innocenza di Vick ma anche gruppi animalisti - tra cui la Peta, che già aveva organizzato presidi all'esterno della sede dei Falcons e davanti al palazzo della Nike, uno dei principali sponsor di Vick - che hanno inscenato una proesta contro la pratica dei combattimenti tra cani. Ora c'è grande attesa per la sentenza: se condannati, l'atleta dei Falcons e gli altri imputati potrebbero dover scontare fino a sei anni di reclusione e pagare una sanzione pecuniaria di 350 mila dollari. I gruppi animalisti sperano che la vicenda accenda i riflettori sulla realtà dei combattimenti clandestini e che serva da monito per il futuro. «Che sia giudicato innocente o colpevole - si legge in una dichiarazione della Peta a margine di una petizione contro i combattimenti tra cani - , Michael Vick è solo una persona in un grande mucchio. La vera linea del fronte nella guerra al dogfighting è nelle comunità locali ed è una guerra combattuta ogni giorno da gruppi animalisti e forze dell'ordine. Una battaglia per questi animali innocenti che non hanno né voce né scelta».
Alessandro Sala (Corriere della Sera)
26 luglio 2007

 
Pubblicato da Piero il 30/07/2007 alle 15:53:03, in Diario di ValleVegan, letto 1086 volte

Che differenza c'è?

Coniglio-uomo-ratto.

 
Pubblicato da Piero il 30/07/2007 alle 11:29:41, in Diario di ValleVegan, letto 1182 volte

Incontro antispecista a porte aperte tra le Ceraselle, Luis di Equanimal (Spagna), Carletto, Bastian.

Questa immagine giustifica ogni sacrificio...

(regalino per gli antispecisti).

 

 
Pubblicato da Piero il 29/07/2007 alle 12:36:32, in Notizie sparse, letto 1337 volte

Un'altra buona notizia!


CAFT (Coalition to Abolish the Fur Trade) ci informa di un'altra vittoria contro l'industria della pelliccia.

L'azienda americana di abbigliamento GUESS diventera' completamente fur-free dalla fine della prossima stagione autunno-inverno, ovvero da aprile 2008.

La comunicazione dell'azienda e' un altro grande traguardo degli attivisti che negli scorsi mesi hanno tenuto proteste internazionali davanti ai suoi punti vendita in Inghilterra, America, Olanda, Svezia, Irlanda, Canada, Russia e Italia. La scelta di GUESS segue quella di molti marchi che trainano la moda internazionale.

La campagna AIP ha preso parte alla campagna contro GUESS organizzando due giornate di protesta a distanza di un mese, in cui i negozi di Torino, Milano e Bologna e gli uffici europei di GUESS a Firenze hanno visto molti manifestanti davanti alle proprie porte.

Purtroppo GUESS continuera' a vendere prodotti con inserti in pelliccia anche questo inverno.

Fermare l'industria della pelliccia che ogni anno tortura ed uccide milioni di animali in nome del lusso e dell'apparenza e' possibile, e dobbiamo farlo.

 

GUESS to go fur free -

But not until April

More...

 

 

About CAFT-UK

Formed in 1997, CAFT-UK has helped regenerate the grass-roots campaign against the fur trade in Britain.

Through investigations, education, campaigns and demonstrations we have exposed the horror of the fur trade and helped establish and continue anti-fur actions across Britain. We have filmed undercover in fur farms, lobbied for a ban on fur farming and persuaded dozens of shops to stop selling real fur.

We also work with anti-fur groups across the world. The fur industry is a global one so our fight against it should work on an international level too.

For those of you who haven’t yet decided which side of the ‘fence’ you are on we hope that the materials contained on this website will help you come to the right decision, and that you will join the millions of other caring people who realise there is no excuse for murdering millions of animals each year for vanity.

For those of you firmly opposed to the fur trade we hope this site will inspire you to get more active and join us in ending this sickening trade. Wherever you live in the world there is always something you can do. Under Links you will find links to other anti-fur groups around the world. To find your nearest Animal Rights group in the UK or elsewhere see http://www.veggies.org.uk

Please join us in the struggle on behalf of fur-bearing animals worldwide. Get actively involved, support us financially, and educate others.

Thank you for your support.


No furFur free policy of various shops around the UK

Read More...

 

 

 
Pubblicato da Piero il 27/07/2007 alle 01:01:20, in Diario di ValleVegan, letto 1120 volte

Cerasella (ovis cerasellis linnaei).

Vegana dalla nascita. ValleVegana di adozione.

.

 
Pubblicato da monica il 26/07/2007 alle 12:05:19, in Notizie sparse, letto 1429 volte

FUR FREE, ovvero liberi dalle pellicce, una policy con la quale certe
aziende prendono le distanze da un capo di abbigliamento confezionato
con i lembi dei corpi di animali morti. Morti apposta per compiacere la
vanità di una moda assassina.
Una linea di condotta che gia' La Rinascente ha abbracciato nello scorso
mese di maggio, rendendo pubblico il cambio di politica aziendale in un
comunicato arrivato alla campagna AIP e poi attraverso la stampa.

Una politica che da adesso hanno adottato ufficialmente anche i grandi
magazzini UPIM, che hanno inviato un comunicato che potete leggere qui
sotto e che conferma quanto da loro preannunciato in giugno:

...............................................

POSIZIONE UFFICIALE DELL’AZIENDA
UPIM NON UTILIZZA PELLICCE DI ANIMALI

Milano, 18 luglio 2007 – UPIM nel 2006 ha dato mandato a tutti i propri
buyer di non utilizzare pellicce di animali di alcun tipo (siano esse di
coniglio, volpe, procione o altro). Una decisione che fa seguito al
cambiamento dei vertici aziendali e della compagine azionaria avvenuto
nel 2005.
Gli effetti di questa decisione strategica si concretizzano appieno nel
2007 con collezioni UPIM che utilizzano solo ed esclusivamente pellicce
ecologiche. Le uniche pelli di cui l’azienda continua a fare uso sono
pellami di vitello e maialino in alcune giacche.

Per ulteriori informazioni:
Stefania Lazzaroni
Ufficio Stampa UPIM
02 3313493

............................

Nota aggiuntiva della campagna AIP:

L’industria della pelle, indipendentemente che la si consideri collegata
o meno all’industria carnea, e' sostanzialmente diversa dall’industria
della pelliccia. L’unico comune denominatore e' nella sofferenza degli
animali.


Dopo questa dichiarazione UPIM rinuncia a vendere gli inserti che fino a
questo inverno erano esposti nei loro punti vendita, abbandona un mondo
fatto di gabbie piccolissime e schiavitu', di bastonate e scosse elettriche.
Un insieme di abomini che devono cessare per sempre. Non dimentichiamoci
mai quanto dolore e agonia provochi questo settore, uno dei tanti regni
dello sfruttamento animale.
Lottare contro di esso e' urgente e possibile, lo dimostra questa doppia
vittoria sul doppio obiettivo che la campagna AIP si era inizialmente
prefissata e che instaura in tutti noi entusiasmo e voglia di fare (e
che speriamo sproni chi legge e che ancora non si e' attivato a non
essere spettatore passivo e a cominciare ad aiutare gli animali).

UPIM in questi anni ha avuto a che fare con decine e decine di proteste
davanti ai suoi negozi in piu' di venti citta' diverse e anche agli
uffici direzionali, ha ricevuto migliaia di e-mail di protesta, continui
inviti al boicottaggio, per non parlare della fantasia che si e'
trasformata in un allucchettamento dentro una filiale o delle migliaia
di volantini distribuiti in tutta Italia.
Le campagne antipellicce funzionano e ottengono risultati tangibili,
diminuiscono le vendite e questo incide su tutto il settore, a
cominciare dagli allevatori e cacciatori che incrudeliranno su un numero
sempre minore di animali. E questo avviene in molti paesi: sono decine i
grandi magazzini stranieri o gli stilisti fur-free, tutti convinti a
suon di megafono e presidi.

Settembre sara' un mese importante per AIP, vogliamo continuare questo
percorso che, ci auguriamo, contribuira' ad estinguere per sempre questo
massacro.
Nuovi obiettivi conosceranno a breve la costanza e la passione che ci
spinge, perche' tanti altri animali necessitano di essere salvati.
Prendete parte alla lotta contro le pellicce!

CAMPAGNA AIP - Attacca l'Industria della Pelliccia
MBE 242/101, Via Muratori 55, 20135 Milano
Web: www.campagnaaip.net
Mail: info@campagnaaip.net
Fax: 02/36522062
Infoline: 340-6368139

 
Pubblicato da Piero il 26/07/2007 alle 00:16:23, in Diario di ValleVegan, letto 1232 volte

Quiz notturno.

Cosa starà pensando Tarallo il gatto, alla vista di Flora il cane (?) ? Scoprilo alla pagina seguente...

 

bleah! ... (PERCHE'?)

(Perchè l'ha vista di profilo!!!)

: - )

 

(...prognatismo...animalettismo...)

 

 
Pubblicato da Piero il 25/07/2007 alle 10:12:07, in Notizie sparse, letto 3985 volte

CAMPO DI PROTEZIONE DEGLI UCCELLI MIGRATORI A CIPRO.
Autunno 2007
Nella primavera del 2006 nell’ambito della Rete Natura 2000 abbiamo proposto per Cipro l’istituzione di una zona di protezione intorno all’area di Capo Greco. Questa importante area di sosta per i migratori è da noi sorvegliata in primavera ed autunno, affinché gli uccelli di passo non vengano fatti oggetto di bracconaggio.
A Cipro ancora nel 2005 sono stati cacciati o bracconati più di 10 milioni di uccelli, nonostante dal 2002 l’Unione Europea faccia pressioni sul governo dell’isola perché una volta per tutte il bracconaggio venga eliminato.
E’ necessaria la nostra guardinga presenza, soprattutto nella zona di protezione proposta, perché le misure promesse dal Governo vengano mantenute. La popolazione dell’isola dà per scontato il bracconaggio e molti mangiano abitualmente gli uccelli; per questa ragione riusciamo a trovare ben pochi sostenitori delle nostre azioni fra i locali.
Con un gruppo di volontari svizzeri, italiani e tedeschi riusciamo invece a controllare che il divieto di caccia ai migratori venga rispettato nelle sovracitate aree anche per quest’anno.
Il governo cipriota riunisce squadre di guardia caccia ciprioti che sostengono il lavoro dei nostri gruppi; purtroppo queste guardie sono troppo poco attive e ci delegano una fin troppo grande parte del controllo del territorio. In ogni caso noi lavoriamo come isservatori. Ogni scontro, confronto o misura repressiva contro i bracconieri non fa parte delle nostre mansioni e viene lasciata alle guardie.
Ciononostante, la liberazione e cura degli uccelli è demandata a noi.
Durata del campo: 21 Settembre – 26 Ottobre 2007

PROGRAMMA DIARIO:
Sveglia presto. A letto circa alle 20-21 la sera.
Durante il giorno o di sera ricerca del vischio o di tracce di bracconaggio sul territorio.
I bracconieri cambiano spesso le loro tattiche a causa del divieto di caccia, che li rende a tutti gli effetti dei criminali. Di conseguenza anche noi dobbiamo adeguare i nostri tempi ai loro. Di notte un secondo gruppo di volontari esce per 2-3 ore alla ricerca dei richiami elettromagnetici.
Cibo ed alloggiamento sono messi a disposizione gratuitamente per i partecipanti.
Fare il bagno al mare e il birdwatching (portare i binocoli) saranno naturalmente un nostro piacere per i momenti di relax.
Una condizione fisica eccellente, maturità, senso di responsabilità e interesse per il mondo degli uccelli sono caldamente auspicati! La ricerca di siti di bracconaggi richiede giornalmente lunghe attese, spesso in aree pietrose o in zone impervie. I ritmi di marcia richiedono pertanto una condizione fisica buona e l’attitudine al trekking.

IL VOSTRO MATERIALE DI LAVORO

Un cellulare personale, che vi funzioni anche all’estero. Gli adattatori, macchine fotografiche e rullini si possono comprare in loco.
Uno zaino piccolo ed un cappello sono obbligatori. In più forbici, attrezzi personali, un coltellino, quaderno degli appunti e penna.
Gli stranieri normalmente non sono molto ben visti nell’area. Gli uccellatori comunque non sono armati. Mai in passato abbiamo subito incidenti o attacchi di qualsiasi tipo

ABITI
Costume da bagno e asciugsmsno (temperatura del mare 26 gradi), vestiti leggeri, una giacchetta a vento e dun maglioncino. In autunno può esserci sull’isola un vento fresco insistente.
Un cappello contro il sole, protezione solare, secondo la vostra sensibilità si possono trovare anche in loco.
I vestiti di lavoro sono pantaloni leggeri ma robusti ed una t-shirt scura (verde, marrone, blu, nera). Stesso colore anche la giacca. I vestiti chiari sono visibili da lontano e tradiscono la nostra presenza. Scarpe alte da trekking sono obbligatorie per camminare fra cespugli spinosi e terreni accidentati.
Il volo: destinazione Larnaca, arrivi giornalieri (4 ore dall’Italia). I partecipanti saranno ricevuti all’aereoporto in auto.

La moneta locale è la sterlina cipriota (CŁ). 1 CŁ è più o meno il doppio di un €.
Le carte di credito sono utilizzabili. Se dovete cambiare fatelo direttamente qui. E’ più conveniente.
Lingua franca: inglese
Prima di salire su un taxi stabilire il prezzo.

Sistemazione:
è in una casa affittata vicino al mare a Protaras/Connos bay, con stanze doppie. Sistemazione e spese sono tutte pagate. Il cuoco no: bisogna fare la spesa e cucinare. I negozi sono vicini alla casa

Durata minima richiesta ai partecipanti:
2 Settimane, è possibile prolungare. A chi si ferma almeno due settimane viene rimborsato il biglietto di viaggio.

Indirizzo a Cipro:
c/o Helen Panova
Protaras, Odos Pountou 21
Paralimni
Cipro
Tel 00357 23 833009
E-mail: flora.ch@gmx.net

Ulteriori informazioni:
Edith Loosli, Schorenstr 33, CH - 3645 Gwatt Tel 033/336 30 45
E-mail: flora.ch@gmx.net

E’DISPONIBILE LA VERSIONE IN INGLESE. PER PARTIRE DALL’ITALIA (DA ROMA) CI STIAMO ORGANIZZANDO SIA PER IL VIAGGIO INSIEME SIA PER EVENTUALI TRADUTTORI. CHI VOLESSE ADERIRE ME LO COMUNICASSE SU attivismo@vallevegan.org DANDOMI TUTTI I DATI.
Grazie,
Piero Liberati

 
Pubblicato da Lidio il 25/07/2007 alle 08:01:52, in Diario di ValleVegan, letto 1032 volte

Mah!Esistono varie ragioni in base alle quali è nato questo sito.

Sono tutte nobili.

Dalla prima all'ultima.

Sono certo sia assolutamente inutile che mi metta a snocciolarle in questa comunicazione di servizio, poichè ciò sminuirebbe il lavoro fatto in circa un anno da un discreto numero di persone che credono nella buona comunicazione.

Il tentativo di alcuni, di provocare discussioni - attaccandosi a effimere motivazioni quali, ad esempio, l'opportunità di pubblicare l'IP di chi inserisce commenti - sono palesi azioni di disturbo, artatamente organizzate per distogliere l'attenzione da quelli che sono i temi dominanti che quotidianamente vengono immessi in queste pagine.

Per mia forma mentale non ho mai censurato nulla, non ho mai bannato nessuno all'interno dei forum e non intendo iniziare ora.

Chiedo dunque - e lo chiedo gentilmente - a coloro che vogliono proseguire in queste infantili dissertazioni, di cambiare idea e di rimboccarsi le maniche insieme a noi per riprendere a lavorare.

L'obiettivo è ambizioso: ricompattare tutto il movimento per essere un reale punto di riferimento nel cambiamento. Aumentare il numero di persone che si schierano dalla parte degli esseri senzienti che non hanno altro modo per far sentire la propria voce. Diminuire il consumo carneo globale facendo sì che chi decide di stare da questa parte, la nostra, lo faccia per motivazioni squisitamente etiche e quindi prenda quella decisione una volta per tutte.

Viste dall'esterno, le vostre schermaglie fanno amaramente sorridere. E il pensiero corre ai canili lager, ai circhi, alle foche immerse nel loro sangue che contrasta con il candore della neve circostante.

Il pensiero corre allo sguardo di un gorila dietro le sbarre di uno zoo.

Se potesse leggervi!

Basta. Ve lo chiedo per favore.

Lidio

 
Pubblicato da Piero il 24/07/2007 alle 18:04:39, in Notizie sparse, letto 1212 volte
Giu 07 - Orvieto      Stampa      E-mail

martedì 24 luglio 2007

Liberazione palombelle ad Orvieto (maggio 07)


Messaggio anonimo ricevuto dalla rivista "La Nemesi":

Palombella libera - informazione in gabbia!

ImageClamorosa incompetenza giornalistica riguardo agli avvenimenti che hanno preceduto la tristemente nota festa della crudelta' sulla palombella di Orvieto.
Quest'anno nella notte del 24-05-07 il Fronte Liberazione Animale e' intervenuto con metodi illegali quanto efficaci a liberare e salvare alcune centinaia di palombelle dell'allevamento lager che ogni anno ne fornisce la vittima sacrificale.
La festa si e' svolta di conseguenza con minor clamore e palesemente sottotono vista anche la massiccia presenza di polizia e nessun giornale ha riportato la notizia dell'avvenuta liberazione.

 


Nonostante inutili leggi sul maltrattamento!
Nonostante crudeli tradizioni religiose!
Nonostante il silenzio di chi dovrebbe informare... le palombelle sono libere!

A.L.F.


Le informazioni qui riportate sono a solo scopo informativo e possono essere incomplete, non si intende incitare ne' azioni ne' comportamenti illegali.

 
Pubblicato da Piero il 24/07/2007 alle 16:00:18, in Notizie sparse, letto 1032 volte
 
Pubblicato da marco il 24/07/2007 alle 13:28:36, in Notizie sparse, letto 1188 volte
la pelliccia è servita - inchiesta sull'allevamento di cincillàPare finalmente che anche Upim si sia impegnata a dismettere le pellicce. Le tessere cadono come in un domino, fin troppo facile...bah, speriamo bene

http://www.campagnaaip.net/azioni/notizia_295.html

Anche i grandi magazzini Upim diventeranno Fur-Free!
Un'altra vittoria a distanza di due mesi!

Dopo quello di Rinascente, un altro comunicato giunge alla campagna AIP. FUR FREE, ovvero liberi dalle pellicce, una policy con la quale certe aziende prendono le distanze da un capo di abbigliamento confezionato con i lembi dei corpi di animali morti. Morti apposta per compiacere la vanità di una moda assassina. Una linea di condotta che già Rinascente, a maggio, ha abbracciato (per visionare il fax pervenutoci da Rinascente andare alla pagina delle news

06/06/07 "Mai più pellicce alla Rinascente") , rendendo pubblico il cambio di politica aziendale in un comunicato arrivato alla campagna AIP. Una politica che da adesso hanno adottato ufficialmente anche i grandi magazzini UPIM, che hanno inviato un comunicato stampa che potete leggere qui sotto e che conferma quanto da loro preannunciato in giugno:

POSIZIONE UFFICIALE DELL’AZIENDA UPIM NON UTILIZZA PELLICCE DI ANIMALI
Milano, 18 luglio 2007 – UPIM nel 2006 ha dato mandato a tutti i propri buyer di non utilizzare pellicce di animali di alcun tipo (siano esse di coniglio, volpe, procione o altro). Una decisione che fa seguito al cambiamento dei vertici aziendali e della compagine azionaria avvenuto nel 2005. Gli effetti di questa decisione strategica si concretizzano appieno nel 2007 con collezioni UPIM che utilizzano solo ed esclusivamente pellicce ecologiche. Le uniche pelli di cui l’azienda continua a fare uso sono pellami di vitello e maialino in alcune giacche.
Per ulteriori informazioni:
Stefania Lazzaroni
Ufficio Stampa UPIM
02 3313493

Nota aggiuntiva della campagna AIP:

l’industria della pelle, indipendentemente che la si consideri collegata o meno all’industria carnea, è sostanzialmente diversa dall’industria della pelliccia. L’unico comune denominatore è nella sofferenza degli animali. Dopo questa dichiarazione UPIM rinuncia a vendere gli inserti che fino a questo inverno erano esposti nei loro punti vendita, abbandona un mondo fatto di gabbie piccolissime e schiavitù, di bastonate e scosse elettriche. Un insieme di abomini che devono cessare per sempre. Non dimentichiamoci mai quanto dolore e agonia provochi questo settore, uno dei tanti regni dello sfruttamento animale. Lottare contro di esso è urgente e possibile, lo dimostra questa doppia vittoria sul doppio obiettivo che la campagna AIP si era inizialmente prefissata e che instaura in tutti noi entusiasmo e voglia di fare (e che speriamo sproni chi legge e che ancora non si è attivato a non essere spettatore passivo e a cominciare ad aiutare gli animali). UPIM in questi anni ha avuto a che fare con decine e decine di proteste davanti ai suoi negozi in più di venti città diverse e anche agli uffici direzionali, ha ricevuto migliaia di e-mail di protesta, continui inviti al boicottaggio, per non parlare della fantasia che si è trasformata in un allucchettamento dentro una filiale o delle migliaia di volantini distribuiti in tutta Italia. Le campagne antipellicce funzionano e ottengono risultati tangibili, diminuiscono le vendite e questo incide su tutto il settore, a cominciare dagli allevatori e cacciatori che incrudeliranno su un numero sempre minore di animali. E questo avviene in molti paesi: sono decine i grandi magazzini stranieri o gli stilisti fur-free, tutti convinti a suon di megafono e presidi. Settembre sarà un mese importante per AIP, vogliamo continuare questo percorso che, ci auguriamo, contribuirà ad estinguere per sempre questo massacro. Nuovi obiettivi conosceranno a breve la costanza e la passione che ci spinge, perché tanti altri animali necessitano di essere salvati. Prendete parte alla lotta contro le pellicce!

Campagna AIP
 
Pubblicato da chiara il 23/07/2007 alle 20:46:24, in Diario di ValleVegan, letto 1053 volte

PICCOLINA...CANUCCIA OBESA O FOCA PELOSA?

GIORGIA

Sir POMPO

 

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), localitŕ Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source