RIFUGIO Vieni? Sostienici!
martedì 2 marzo 2021   # Utenti online n.1076 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
Buone notizie dal fronte pellicce (speriamo....)
Pubblicato da marco il 24/07/2007 alle 13:28:36, in Notizie sparse, letto 1239 volte
la pelliccia è servita - inchiesta sull'allevamento di cincillàPare finalmente che anche Upim si sia impegnata a dismettere le pellicce. Le tessere cadono come in un domino, fin troppo facile...bah, speriamo bene

http://www.campagnaaip.net/azioni/notizia_295.html

Anche i grandi magazzini Upim diventeranno Fur-Free!
Un'altra vittoria a distanza di due mesi!

Dopo quello di Rinascente, un altro comunicato giunge alla campagna AIP. FUR FREE, ovvero liberi dalle pellicce, una policy con la quale certe aziende prendono le distanze da un capo di abbigliamento confezionato con i lembi dei corpi di animali morti. Morti apposta per compiacere la vanità di una moda assassina. Una linea di condotta che già Rinascente, a maggio, ha abbracciato (per visionare il fax pervenutoci da Rinascente andare alla pagina delle news

06/06/07 "Mai più pellicce alla Rinascente") , rendendo pubblico il cambio di politica aziendale in un comunicato arrivato alla campagna AIP. Una politica che da adesso hanno adottato ufficialmente anche i grandi magazzini UPIM, che hanno inviato un comunicato stampa che potete leggere qui sotto e che conferma quanto da loro preannunciato in giugno:

POSIZIONE UFFICIALE DELL’AZIENDA UPIM NON UTILIZZA PELLICCE DI ANIMALI
Milano, 18 luglio 2007 – UPIM nel 2006 ha dato mandato a tutti i propri buyer di non utilizzare pellicce di animali di alcun tipo (siano esse di coniglio, volpe, procione o altro). Una decisione che fa seguito al cambiamento dei vertici aziendali e della compagine azionaria avvenuto nel 2005. Gli effetti di questa decisione strategica si concretizzano appieno nel 2007 con collezioni UPIM che utilizzano solo ed esclusivamente pellicce ecologiche. Le uniche pelli di cui l’azienda continua a fare uso sono pellami di vitello e maialino in alcune giacche.
Per ulteriori informazioni:
Stefania Lazzaroni
Ufficio Stampa UPIM
02 3313493

Nota aggiuntiva della campagna AIP:

l’industria della pelle, indipendentemente che la si consideri collegata o meno all’industria carnea, è sostanzialmente diversa dall’industria della pelliccia. L’unico comune denominatore è nella sofferenza degli animali. Dopo questa dichiarazione UPIM rinuncia a vendere gli inserti che fino a questo inverno erano esposti nei loro punti vendita, abbandona un mondo fatto di gabbie piccolissime e schiavitù, di bastonate e scosse elettriche. Un insieme di abomini che devono cessare per sempre. Non dimentichiamoci mai quanto dolore e agonia provochi questo settore, uno dei tanti regni dello sfruttamento animale. Lottare contro di esso è urgente e possibile, lo dimostra questa doppia vittoria sul doppio obiettivo che la campagna AIP si era inizialmente prefissata e che instaura in tutti noi entusiasmo e voglia di fare (e che speriamo sproni chi legge e che ancora non si è attivato a non essere spettatore passivo e a cominciare ad aiutare gli animali). UPIM in questi anni ha avuto a che fare con decine e decine di proteste davanti ai suoi negozi in più di venti città diverse e anche agli uffici direzionali, ha ricevuto migliaia di e-mail di protesta, continui inviti al boicottaggio, per non parlare della fantasia che si è trasformata in un allucchettamento dentro una filiale o delle migliaia di volantini distribuiti in tutta Italia. Le campagne antipellicce funzionano e ottengono risultati tangibili, diminuiscono le vendite e questo incide su tutto il settore, a cominciare dagli allevatori e cacciatori che incrudeliranno su un numero sempre minore di animali. E questo avviene in molti paesi: sono decine i grandi magazzini stranieri o gli stilisti fur-free, tutti convinti a suon di megafono e presidi. Settembre sarà un mese importante per AIP, vogliamo continuare questo percorso che, ci auguriamo, contribuirà ad estinguere per sempre questo massacro. Nuovi obiettivi conosceranno a breve la costanza e la passione che ci spinge, perché tanti altri animali necessitano di essere salvati. Prendete parte alla lotta contro le pellicce!

Campagna AIP
 
# 1
Ma sul sito AIP c'è anche un'altra interessante notizia, riporto solo il link per non imbottire troppo la pagina
http://www.campagnaaip.net/azioni/notizia_294.html
Pubblicato da  Marco.  (inviato il 24/07/2007 alle 13:33:43)
 
# 2


Mi sa che era meglio pubblicare l'altra...;P

Bello comunque, due belle vittorie! Speriamo bene....'chè già fare le leggi è difficile...farle risapettare poi è spesso impossibile...l'ideale sarebbe non averne bisogno.
Pubblicato da  devotchka  (inviato il 24/07/2007 alle 15:28:28)
 
# 3
A proposito, spulciando il sito dell'Aiav (Associazione Italiana Allevatori Visoni) di cui sono assiduo lettore, ho trovato quest'opera letteraria
http://www.aiav.it/aiav_informa/Articolo.asp?modo=view&idt=41

'Verso la Fede. Nel silenzio di una pelliccia" di tale Alfredo Luciani, bestseller di esegesi e esaltazione dell'industria pelliciara. Ne consiglio l'acquisto, per chi volesse capire il vero e profondo significato della parola letteratura... ; - )
Pubblicato da  Marco.  (inviato il 24/07/2007 alle 21:06:02)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source