home pagefotoalbum
condividi Facebook
sabato 30 agosto 2014  In questo momento ci sono 35 persone collegate.
Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico
Tutti gli articoli.
Ordine cronologico: discendente (il più recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da chiara il 12/09/2007 alle 02:16:59, in Notizie sparse, letto 1110 volte

Oggi è morto Felix. E' stato ucciso da coloro che l'hanno torturato per almeno un anno. E' difficile comprendere che tipo di persona possa torturare in questa maniera un essere senziente per un anno intero. Questa persona, se questa è la parola giusta per descriverla(mostro forse sarebbe più appropriata), è stata capace di guardare negli occhi la sua vittima ogni santo giorno ma non è stata capace di provare alcun senso di rimorso per il dolore e la sofferenza che stavano infliggendo ad quell'essere, capace di provare emozioni come paura, dolore e felicità.

Sfortunatamente Felix non avrà sicuramente mai avuto esperienze felici durante lo scorso anno nell'Università di Oxford, ma se questo è vero, probabilmente non sarà nemmeno stato capace di provare felicità in tutta la sua vita. Infatti sembra che sia nato proprio in una gabbia. Ha vissuto in una gabbia, sofferto in una gabbia, ed oggi in quella gabbia ha esalato il suo ultimo respiro, in solitudine.

[...]

All'inizio della nostra battaglia per Felix abbiamo affermato che  Felix era un individuo e un simbolo. Un simbolo non per i mille animali che muoiono ogni anno Nell'Università di Oxford ma per le centinaia di milioni di animali che vengono sacrficati in tutto il mondo nel nome di una falsa scienza.

[...]

 

Ora prima di tutto dobbiamo mettere fine al progetto che è stato responsabile della morte di Felix. Ricordate: 8 macachi soffriranno proprio come Felix nei prossimi 4 anni se non fermeremo immadiatamente i vivisettori dell'Università di Oxford.
Unitevi a noi. Questa battaglia durerà ancora per poco. Gli animali hanno bisogno di voi e noi abbiamo bisogno di voi al nostro fianco per lottare! Fate in modo che la memoria di Felix rimanga viva in tutti noi così potremo vincere questo orrendo crimine chiamato vivisezione.

 

http://www.speakcampaigns.org/felix/rip.php

 

 
Pubblicato da Simone il 10/09/2007 alle 22:25:19, in Notizie sparse, letto 718 volte
Ho deciso di scrivere quest'articolo dopo aver visto il video allegato. Vi premetto che in genere non ho fastidio a vedere video cruenti ma questo lo è veramente tanto. Nonostante questo chiedo a chiunque apra questo articolo di guardarlo, perchè ci apre gli occhi su una realtà che sta a tutti noi molto a cuore ma che è altrettanto lontana, l'industria della pelliccia in Cina, che ne è tra l'altro la maggior esportatrice mondiale. Dobbiamo guardare perchè non guardare significa chiudere gli occhi davanti alla realtà! Dobbiamo guardare per non allentare mai la tensione! Sto parlando troppo, guardate e basta!



Spero che ora abbiate ancora la forza di leggere perche voglio concludere rammentandovi di far girare questi video in qualunque posto a voi possibile, ma possibilmente in circuiti non vegan/vegani con la speranza che queste vittime possano essere almeno dei martiri. Con la vergogna di chi ha la coscienza di far parte della razza umana.
 
Pubblicato da Piero il 07/09/2007 alle 19:58:12, in Notizie sparse, letto 811 volte

Firmate la petizione contro l'uccisione rituale di giovani cerbiatti nell'area di NY.


Attenzione: il video è abbastanza fastidioso per cui chi non se la sente non ci clicchi sopra. Importante è firmare e fare girare la voce.

 

Please check out this important information about a farm in New
York that is killing conscious, timid deer under grotesque and
inhumane conditions by pulling on the animals' ears and antlers
to expose their throats, gouging into their necks, and more.



Please click the link below to send a quick note to Musicon,
Inc., urging the company to stop torturing terrified animals.



http://getactive.peta.org/campaign/musicon_investigation?rk=J1SeRW11JVUvW

 

Fonte: Giorgio Bastianutti

...

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 07/09/2007 alle 10:28:59, in Notizie sparse, letto 5568 volte

 

CIVITANOVA MARCHE (Macerata) - Un raro esemplare di boa constrictor è stato trovato fra i rifiuti della zona industriale di Civitanova Marche, dove qualcuno che si era evidentemente stancato di tenerlo in casa, lo aveva gettato.
IL SALVATAGGIO - Il serpente, infreddolito e affamato, è stato recuperato dagli agenti del Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato, e affidato al Museo di Storia naturale di Macerata. È stato sistemato in una teca riscaldata e nutrito, e ormai può dirsi fuori pericolo.
SPECIE PROTETTA - Il boa constrictor è protetto dalla convenzione di Washington Cites, che tutela tutte le specie in via di estinzione. Oltre al sequestro dell'animale, il Cfs ha sporto denuncia all'autorità giudiziaria contro ignoti. L'autore del gesto rischia l'arresto da tre mesi ad un anno o un ammenda fra 10.000 e 100.000 euro, per aver violato la normativa sul commercio internazionale di specie selvatiche di fauna e flora minacciate di estinzione.
(Corriere della Sera 6 settembre 2007)

 
Pubblicato da Piero il 07/09/2007 alle 07:17:36, in Notizie sparse, letto 710 volte


Parma, 5-8 maggio 2008
Event -
The Big Bang -

 

The Big Bang in the Food, progetto in progress. Clicca sui links per approfondire e partecipare.

 

Fonte: Luigi Boschi

...

 
Pubblicato da Piero il 06/09/2007 alle 10:19:19, in Notizie sparse, letto 807 volte

Segnaliamo con piacere l'immediata sospensione della campagna di boicottaggio e protesta nei confronti del Gruppo Coin e dei suoi marchi Coin, Oviesse e Yo-Vi.

Il Gruppo Coin ha contattato Campagna AIP accettando la nostra richiesta di togliere dai propri negozi anche gli inserti di coniglio, pur se con tempi e modalità diverse per le diverse insegne del Gruppo.

In attesa di un comunicato ufficiale che l'azienda ci invierà nei prossimi giorni cancelliamo le proteste che avevamo organizzato per le prossime settimane e invitiamo i nostri sostenitori a non inviare più messaggi ai contatti del Gruppo Coin.

Logo AIP

Campagna AIP--------------------------------------------------
CAMPAGNA AIP - Attacca l'Industria della Pelliccia
MBE 242/101, Via Muratori 55
20135 Milano

Web: www.campagnaaip.net
Mail: info@campagnaaip.net

Fax: 02/36522062
Infoline: 340-6368139

 

Fonte: Collettivo Animalista e Coordinamento Campagna AIP.

AVANTI IL PROSSIMO!

AppuntamentiMailing List

....

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 30/08/2007 alle 16:57:24, in Notizie sparse, letto 766 volte

 

(Ansa 28 agosto 2007)
ROMA - In arrivo nei prossimi giorni un'ordinanza per garantire l'immediato stop della stagione venatoria nelle aree colpite da incendi. L'annuncio arriva dal ministro per gli Affari regionali, Linda Lanzillotta, gia' al lavoro a questo scopo con la Protezione Civile. La richiesta di stop alla caccia, non solo nelle aree andate in fumo, ma anche in quelle circostanti, era arrivata oggi al ministro per gli affari regionali da alcune associazioni ambientaliste e animaliste.  E' un richiamo alla legge che prevede il divieto era stato gia' inviato nei giorni scorsi alle Regioni dal ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio. ''Si tratta di intervenire con urgenza sui calendari venatori, dal momento che in molte Regioni la caccia aprira' il prossimo weekend - ha ricordato il ministro dell'Ambiente - per evitare un ulteriore impatto ambientale negativo''. Risultano infatti 14 le Regioni che sabato prossimo daranno il via alla preapertura della stagione venatoria, escluse Liguria, Piemonte, Sardegna, province autonome di Trento e Bolzano, e Lombardia (esclusa Brescia). Esclusa anche la Sicilia, dove il Tar di Palermo ha sospeso il calendario venatorio, accogliendo la richiesta di Legambiente e Wwf. Autori della lettera inviata al ministro Lanzillotta le associazioni di Animalisti italiani, Enpa, Lav, Lac, Legambiente, Lipu e Wwf Italia, secondo cui ''la situazione e' tuttora di piena emergenza e in questo contesto va anche considerata la drammatica situazione in cui viene a trovarsi gran parte della fauna selvatica del nostro Paese''. Impegnato da tempo sullo stesso fronte Pecoraro Scanio, che ha chiesto alle Regioni ''un'assunzione di responsabilita' per assicurare il rigoroso rispetto della legge che gia' prevede il divieto di caccia nelle aree percorse dal fuoco''. E non solo, ma anche ''l'emanazione di provvedimenti per vietarla nelle aree limitrofe'', dando applicazione alle norme esistenti. Secondo Pecoraro infatti ''e' del tutto evidente che gli incendi significano distruzione degli habitat naturali per la nostra fauna e le aree limitrofe a quelle bruciate sono oggi le preziose e delicate zone di fuga e ricovero per specie gia' martoriate dal fuoco''. Sulla stessa linea le associazioni, secondo cui ''la caccia colpirebbe alcune specie migratorie gia' in grave difficolta' nel reperire il cibo. Il blocco delle preaperture appare dunque un provvedimento doveroso, ragionevole e altamente responsabile''. Ambientalisti e animalisti hanno quindi chiesto la ''sospensione delle preaperture nelle regioni maggiormente colpite dagli incendi come Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, divieto di caccia per tutta la stagione venatoria nelle aree limitrofe alle zone colpite, nonche' moratoria della caccia nelle regioni piu' danneggiate quali Sicilia e Campania''. Secondo il quadro fornito dalla Lipu, sono 16 le specie interessate dalle preaperture, sei classificate come specie in declino a livello europeo da Birdlife International. Si tratta di allodola, marzaiola, pernice rossa, quaglia, starna e tortora. KWS

 
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 30/08/2007 alle 16:45:14, in Notizie sparse, letto 639 volte

 

La Repubblica 30 agosto 2007)

PECHINO - Lo si credeva definitivamente estinto, invece il delfino bianco nuota ancora nelle acque del fiume Yangtze, nella Cina orientale. A tre anni di distanza dall'ultimo avvistamento, un esemplare è stato osservato da un turista e persino filmato.

La buona notizia è stata data dalla stampa locale. Zeng Yujiang, che si trovava in riva al fiume per una vacanza, ha avuto la fortuna di avvistare uno degli ultimi "baiji", come vengono chiamati in Cina. "Non avevo mai visto una cosa così grande nell'acqua", ha dichiarato. "Era a circa un chilometro di distanza ed è saltato più volte fuori dall'acqua".

L'uomo ha anche ripreso il cetaceo con la sua videocamera. Il filmato è stato visionato da alcuni studiosi, che ormai temevano che la specie fosse scomparsa. Wang Kexiong dell'istituto di idrobiologia dell'Accademia delle Scienza, ha confermato che secondo gli esperti si tratta di un delfino bianco.

L'ultimo avvistamento di un baiji risaliva al 2004. Negli anni successivi diversi gruppi di ecologisti hanno battuto lo Yangtze ma senza riuscire a individuare nemmeno un esemplare. Di conseguenza, l'anno scorso era stato dichiarato una specie "gravemente minacciata" e forse "completamente estinta".

Un team di scienziati andrà presto sul posto in cerca del delfino avvistato. Anche se la segnalazione ha ridato speranza agli amanti della natura, la situazione dei baiji è drammatica. Negli anni '50 il fiume Yangtze ne ospitava migliaia, ma nel giro di pochi decenni il loro numero si è drasticamente ridotto a causa dell'inquinamento, della pesca eccessiva e dell'aumento del traffico fluviale. Nel 1997 ne furono contati 13, oggi potrebbe esserne rimasto solamente uno.

(La Repubblica 30 agosto 2007)

 
Pubblicato da Lidio il 30/08/2007 alle 13:46:29, in Notizie sparse, letto 1360 volte

Corriere della Sera 28 agosto 2007

Embrioni chimera, metà umani metà animali

In Inghilterra la tecnica è legale, ma la comunità insorge
Inserire Dna umano in cellule staminali di mucca permetterà di sviluppare la ricerca sulle malattie neurologiche e genetiche

LONDRA – Gli scienziati inglesi del King’s College di Londra sono ad un passo dalla creazione - legalizzata - dei primi e controversi embrioni ibridi, ovvero mezzi umani e mezzi animali, in laboratorio. Questi embrioni, condannati come «mostruose chimere» dagli oppositori delle modifiche del Dna, sarebbero fondamentali per la ricerca di malattie neurologiche e genetiche come l’Alzheimer, l’atrofia muscolare, il morbo di Parkinson e diversi disturbi neurodegenerativi che colpiscono milioni di persone in tutto il mondo. La licenza dovrebbe essere accordata nei prossimi giorni, quando si riunirà l’Autorità britannica sull’embriologia e la fertilizzazione umana (HFEA), che inizialmente aveva vietato questa sperimentazione per motivi etici. La tecnica genetica, che è violentemente osteggiata da gruppi religiosi, prevede l’utilizzo di ovuli prelevati da mucche uccise al macello, da cui verrebbe rimosso il tessuto genetico animale sostituendolo con Dna umano.

CELLULE MODIFICATE - Il Professor Stephen Minger, a capo del dipartimento di studi sulle cellule staminali del King’s College, uno dei fondatori dell’utilizzo di cellule staminali a scopo terapeutico, ha spiegato il perché questa tecnica sarebbe necessaria: «Ha senso, a nostro parere, usare cellule staminali da embrioni ibridi piuttosto che da embrioni umani perché quelli umani richiedono ovuli umani fertilizzati da sperma, mentre quelli animali possiamo ottenerli in grosse quantità tutti i giorni dai macelli». Minger ha aggiunto: «Quando spiego alle persone che cosa vogliamo fare, spesso reagiscono in modo schifato, perché pensano che sia strambo quello che proponiamo. Ma una volta che spiego come funziona e perché lo facciamo, allora generalmente pensano che si tratti di una buona idea. Sono cautamente ottimista sui permessi. Spero di aver spiegato chiaramente che, grazie a questa licenza, potremmo studiare una serie di malattie genetiche in modo molto più chiaro. Le scoperte che faremo aiuteranno a sviluppare terapie per curare malattie come il morbo di Alzheimer, che colpisce così tanta gente (circa 26 milioni di persone all’anno, secondo recenti stime, ndr) e per il quale non c’è alcuna terapia esistente».
CHIESA CONTRARIA - Anche il capo del dipartimento di genetica all’istituto nazionale di ricerche mediche, il Professor Robin Lovell-Bage si è dimostrato interessato ad uno dei permessi, dichiarando: «Non vedo assolutamente alcuna ragione per cui questi esperimenti non dovrebbero procedere». La Chiesa cattolica ha invece manifestato la sua piena opposizione, dicendosi contraria alla creazione di embrioni solo a scopo di ricerche e ricordando che la vita inizia al concepimento.
Deborah Bonetti
28 agosto 2007

 
Pubblicato da Lidio il 30/08/2007 alle 12:56:55, in Notizie sparse, letto 2299 volte

Corriere della Sera 27 agosto 2007

Paul McCartney animalista contro la figlia

Litigi in famiglia
Stella, stilista e vegetariana, disegna scarpe in pelle di canguro: l'ex dei Beatles si schiera con chi protesta 

LONDRA — È lite, o almeno forte malumore, tra Paul McCartney e sua figlia Stella. Lei, stilista, disegna scarpe per la Adidas e, benché vegetariana e animalista dichiarata, sembra non fare caso al fatto che le calzature che portano la sua firma sono fatte in pelle di canguro. Questo all'ex dei Beatles non va giù: si è schierato con l'associazione Animal Aid che lamenta il massacro di «milioni di canguri in quello che è il più grande massacro di animali del pianeta ». I litigi tra padre e figlia sarebbero già stati numerosi.
Se dicono il vero certi gruppi animalisti inglesi, australiani e americani, ogni anno «milioni di canguri vengono sterminati in quello che è il più grande massacro di animali in tutto il pianeta». Colpa della loro pelle, assai desiderata: i marsupiali finiscono infatti nelle scarpe di famosi calciatori, e in altri accessori di tutti i tipi. Gli stessi animalisti conducono altre battaglie per le foche, le balene, le cicogne, gli ermellini, i visoni. E Stella la vegetariana è sempre stata schierata con loro: se capitava, petizioni e discorsi contro la bistecca ma anche contro le pellicce, le borse di coccodrillo, le scarpe di lucertola, le cinture di zebra, petizioni indignate senza se e senza ma. Ma sul canguro, no. Di canguri, in un certo senso, Stella vive, poiché disegna e firma anche oggetti prodotti con la loro pelle per il suo datore di lavoro, la grande e potente Adidas.

E sul canguro, Stella si gioca tutto: la sua popolarità fra i vegetariani e gli animalisti di tutto il mondo, che ora la contestano ferocemente, e pure il suo buon rapporto con papà. Che si chiama sir Paul McCartney, è proprio il menestrello dei Beatles e degli Wings, e nel passato ha mugugnato assai contro la Adidas, proprio per la storia dei marsupiali tramutati in scarpette; dunque adesso mugugna anche contro la figlia. Stella, fra l'altro, si trova a una svolta decisiva della carriera: fra pochi giorni, alla Fashion Week o Settimana della moda di Londra, dovrà lanciare la sua nuova linea di abbigliamento sportivo, e perciò alcuni gruppi di animalisti hanno scelto questo momento per attaccarla. O anche, hanno cercato di «riconquistarla » dolcemente alla loro battaglia: «L'uso della pelle di canguro da parte della Adidas è imperdonabile — ha dichiarato al quotidiano Indipendent il direttore di "Animal Aid", Andrew Tyler —. Quanto al presunto silenzio di Stella, noi sappiamo bene che lei si oppone a ogni crudeltà contro gli animali, e presumiamo che stia prendendo tutte le misure che ritiene appropriate, per far pressione sulla sua azienda e far cessare l'uso delle pelli di canguro».
I litigi con papà Paul, secondo i pettegoli dell'ambiente, sarebbero già stati diversi. E non si tratta solo di opinioni teoriche, ma in qualche modo anche di marketing e fatturati: sir Paul, autore di canzoni tradizionalmente friendly, di facile e amichevole ascolto, e anziano ecologista dichiarato, ha costruito la sua immagine non solo sulle serenate d'amore rock ma anche sul proclamato rispetto per la natura; non è il satanico Mick Jagger e tantomeno il sulfureo Ozzy Osbourne, spesso tutti vestiti di pelle. Sentir definire la figlia come complice del «massacro più grande del pianeta» non gli farà certo piacere. A sua volta, la figlia è diventata una firma nota e un talento apprezzato, nel suo mondo: non le farà certo piacere che il famoso padre critichi in privato la sua azienda, e ancor meno le farebbe piacere se la sua critica divenisse pubblica.
Quella intorno ai marsupiali massacrati, poi, è già divenuta una guerra ideologico- commerciale. Così combattuta che uno come David Beckham ha rinunciato alle scarpette che gli garantivano contratti milionari dagli sponsor, per «convertirsi» a scarpe fatte con prodotti sintetici. In California, è intervenuta anche la legge: la Corte suprema ha vietato la vendita di scarpe e accessori calcistici in pelle di canguro, dopo un'ardente campagna di opinione condotta dal movimento «Viva». Ma quasi contemporaneamente, una legge apposita che stabiliva il contrario è stata approvata dal Senato statale: e ora, cioè a settembre, la decisione ultima spetterà al governatore Arnold Schwarzenegger. Che, notoriamente, non è un tenerone romantico come sir Paul McCartney. Ed è anche uno che di sponsorizzazioni e di marketing se ne intende, proprio come Stella la vegetariana.
Luigi Offeddu
27 agosto 2007

 
Pubblicato da Piero il 28/08/2007 alle 22:11:49, in Notizie sparse, letto 971 volte
Era il padre dell'antivivisezione. E’ morto lunedì mattina nella sua casa di Massagno sul lago di Lugano in Svizzera Hans Ruesch. Aveva 94 anni. Nato a Napoli nel maggio 1913. Entrambi i genitori erano di nazionalità elvetica, figli di industriali svizzeri stabilitisi a Napoli. La madre Ginevra, figlia di Filippo Büchy del cantone di Argovia, si era italianizzata, il padre era rimasto svizzero e aveva prontamente iscritto il figlio al consolato svizzero di Napoli, il che faceva di Hans fin dalla nascita un cittadino svizzero a tutti gli effetti, secondo un accordo vigente tra i due Paesi. Dopo aver frequentato le scuole a Napoli fino all'età di 12 anni, Hans è stato mandato in patria a finire i suoi studi, sia nella Svizzera francese che in quella tedesca, diventando così poliglotta (multilingue). Dopo un interludio di 8 anni, in cui ha scorrazzato per tutta l'Europa e l'Africa (Tripolitania e Africa del Sud) e si è impegnato nella sua passione giovanile per le gare automobilistiche di Formula 1 dove ha corso anche per la Scuderia Ferrari, nell'ottobre del '38 emigrò negli Stati Uniti, per proseguirvi una carriera letteraria da lui già iniziata al tempo delle corse. Difatti nel 1937 era apparso in Svizzera il suo primo romanzo, scritto in tedesco, proprio sulle corse d'auto. Romanzo da lui stesso tradotto in inglese alcuni anni dopo e nel 1953 portato sullo schermo da Darryl Zanuck della Twentieth Century Fox con Kirk Douglas nel ruolo del protagonista. Il titolo americano del film fu The Racers, in Italia Destino sull'asfalto. Subito dopo la guerra è ritornato in Europa, sbarcando nel gennaio del 1946 nella sua città natale devastata dai bombardamenti alleati, nel periodo in cui alcuni anni più tardi ambienterà il suo I mammà e papà. Questo romanzo, da lui prima scritto in inglese, era poi stato dall'autore stesso tradotto in italiano. Ma nel frattempo, nel1950, era apparso negli Stati Uniti il suo primo bestseller, TOP OF THE WORLD; noto in Italia come Paese dalle ombre lunghe, portato sullo schermo dieci anni dopo col titolo Ombre Bianche e con Anthony Quinn nel ruolo dell'eschimese. Dopo aver pubblicato ancora Paese dalle ombre corte, Partita di Caccia, Com'esser poveri, I mammà e papà e Ritorno alle ombre lunghe , tutti scritti dapprima in inglese e poi da lui stesso tradotti in italiano, smise di scrivere romanzi per dedicarsi interamente alla lotta contro la truffa della vivisezione, condotta sotto il pretesto della ricerca medica. Avendo anche già studiato medicina per anni e curato per una casa editrice una collana medica denominata “I manuali della salute”, è convinto, come tanti altri, che la vivisezione non è altro che una lucrosissima truffa, finalizzata a una continua raccolta d'ingenti fondi per una presunta “ricerca medica” da molti medici considerata non solo inutile ma fuorviante. Tanto è vero che le malattie tuttora nominate come le principali cause di morte — cancro, diabete, mali cardio-circolatori — non sono sparite, ma sono aumentate da quando è stata introdotta la vivisezione come unico mezzo di “ricerca medica”. Queste idee, esposte in Imperatrice nuda, il primo libro che Hans Ruesch ha scritto fin dall'inizio direttamente in italiano, suscitando scandalo in Italia al suo apparire nel gennaio 1976, segnò anche la fine della carriera letteraria di questo autore fuori dagli schemi. Allora ebbe inizio il suo pellegrinaggio da un tribunale all'altro in vari paesi, trascinatovi non apertamente dall'industria farmaceutica come taluni logicamente assumono, ma al contrario da finti alleati. E' questo il soggetto del suo successivo libro, intitolato I falsari della Giustizia , che verrà presto pubblicato. Ma intanto la Prentice Hall, la primaria casa americana di opere didattiche, ha pubblicato nel 2003 una nuova antologia di quasi 800 pagine, destinata all'insegnamento universitario e intitolata Dal passato al presente: idee che hanno cambiato il nostro mondo. Tra i 73 autori di cui sono citati ampi stralci figura anche Hans Ruesch . Per quale opera? Per quella che finora era stata la più soppressa in tutti i 9 paesi in cui era apparsa: Imperatrice Nuda. Nonostante la lunga malattia che lo ha portato alla morte, Ruesch è riuscito a portare a termine, alla fine del 2006, l’ultimo suo libro, Le figlie dell’Imperatrice, ideale continuazione di Imperatrice Nuda e suo testamento spirituale. Su Ruesh, negli anni scorsi, sono usciti due libri-intervista: nel 2005 La medicina smascherata del prof. Marco Memone Capria e, recentemente, di Luca Delli Carri, un’intervista legata alla ripubblicazione de Il Numero Uno per Fucina Editore, in cui il “grande vecchio” racconta la sua vita. ......................................................... Fonte: tgcom, http://www.tgcom.mediaset.it/libri/articoli/articolo376997.shtml
 
Pubblicato da chiara il 25/08/2007 alle 20:06:25, in Notizie sparse, letto 2762 volte

Dal 27 al 30 agosto ad Arezzo si tiene la European Conference on Visual Perception (ECVP 2007), un appuntamento annuale molto importante per il mondo della ricerca sull'apparato visivo.
Quello che forse non tutti sanno e' che molta di questa ricerca viene portata avanti a scapito degli animali imprigionati e torturati nei laboratori. In particolare quello che ci fa porre attenzione su questo appuntamento e' che tra gli organizzatori, nel comitato scientifico, siede una particolare dottoressa che qui chiameremo A. A.


Questa giovane ed ambiziosa ricercatrice, laureatasi alla Sapienza di Roma si e' poi spostata a lavorare presso la Utah University, negli Stati Uniti, dove dirige un laboratorio di oftalmologia. Il suo lavoro consiste nel piantare elettrodi nel cervello di macachi e marmoset monkeys per studiare la corteccia visiva del loro cervello. ricerche particolarmente dolorose ed invasive, spesso di lunga durata e con enormi sofferenze per le sue vittime.

Nello Utah esiste una campagna denominata UtahPrimateFreedom, che cerca di far cambiare lavoro a tutti i vivisettori di primati dell'universita'. Con proteste settimanali davanti alle loro case, davanti alle loro conferenze e all'universita', gli attivisti della campagna stanno finalmente dando cio' che si meritano a questi ignobili torturatori. Uno di loro ha cambiato lavoro e adesso gli obiettivi della campagna sono solamente 3 vivisettori, tra cui l'ambiziosa italiana A. A. (per info: www.utahprimatefreedom.com ).


Forse spera di venire in Italia per una vacanza, per dimenticare le proteste, ma si sbaglia di grosso!
A darle il benvenuto ci penseranno attivisti che non hanno timore di dire in faccia ai torturatori quello che si meritano.
Cara A. A., ovunque ti muovi qualcuno sapra' dire cosa pensa del tuo lavoro da aguzzina...


Appuntamento per un presidio di accoglienza:

Martedi' 28 agosto - ore 8.00
Centro Affari e Convegni
via Spallanzani 23, Arezzo.

A seguire nella giornata si terranno altre proteste contro la vivisezione, davanti a laboratori e siti produttivi della multinazionale Novartis a Siena; ricordiamo che Novartis e' tra i principali clienti del piu' grande laboratorio di vivisezione in Europa, Huntingdon Life Sciences (per info: www.stophls.net ).
Questi gli appuntamenti:

Ore 12.00 - Novartis vaccines
Via Fiorentina 1, Siena

Ore 16.00 - Novartis Vaccines
Loc. bellaria, Rosia (Siena)

Per chi volesse far sapere agli organizzatori di ECVP2007 che i torturatori non sono ben accetti, questi sono alcuni dei recapiti e-mail. Scrivete anche poche righe in cui dite che non volete vivisettori come la
 A. A. in questi convegni:

info@ecvp2007.org , stefano@ecvp2007.org , francesca@ecvp2007.org , press@ecvp2007.org , aisv@ecvp2007.org , info@cpsarezzo.it


Per info:
Laboratorio Antispecista
Via De Predis 9 20155 Milano
laboratorioantispecista@yahoo.it
Infoline: 340-6368139

Fonte: Laboratorio Antispecista

 
Pubblicato da Piero il 25/08/2007 alle 12:04:34, in Notizie sparse, letto 972 volte

 

Anche quest'anno si terrà un INCONTRO NAZIONALE PER LA LIBERAZIONE ANIMALE, momento che crediamo sia molto importante per un movimento che lotta contro lo sfruttamento dei viventi non umani.

 

Riteniamo gli animali singoli esseri senzienti, ognuno capace di provare emozioni e sentimenti propri.

 

Contrapposto ad una visione specista tipica della nostra società, viviamo l'antispecismo come diretta conseguenza di quello che siamo realmente: persone che si oppongono a qualsiasi forma di sopraffazione e prepotenza, estendendo semplicemente questo concetto anche agli animali.

 

Parliamo di liberazione animale e non di diritti per gli animali. L'assegnazione di particolari benefici presuppone che vi sia qualcuno a concederli. Quando si parla di diritti animali è altrettanto ovvio che ad accordare questi diritti siano gli umani.
La nostra volontà è quella di vedere semplicemente gli animali liberi da qualunque forma di sfruttamento, sia esso l'orrore degli allevamenti o il vincolo di proprietà, esempi diversi ma simbolo entrambi di come le presunte esigenze di una specie, la nostra, possano stravolgere la vita delle altre.

 

Se si vuole lottare per un cambiamento bisogna agire, se vedendo certe cose si chiudono gli occhi si è inevitabilmente complici di ciò che si è visto.
E' con questo spirito che pensiamo debba svolgersi l'incontro di quest'anno, scegliendo ancora una volta un percorso di lotta che parta dal basso, autogestito e determinato.
Come i precedenti vuole essere un momento in cui unire la teoria alla pratica, per questo vi saranno workshop accanto a discussioni e dibattiti. Il tutto per cercare di migliorare, analizzando le strategie e le esperienze passate, esponendo critiche propositive e consigli.
Parlando assieme dei risultati che si vogliono raggiungere e del modo più efficace per ottenerli. Perché siamo convinti che la condivisione non possa che farci crescere.
Ma l'incontro sarà anche una possibilità per conoscersi e passare assieme momenti di vita quotidiani, lontano dallo stress caotico delle città, immersi nel verde di un luogo incantevole.

 

Speriamo che chiunque partecipi esca da questi giorni motivato, convinto, come noi, che la volontà anche solo di un singolo possa molto se si trasforma in attivismo, in azione.
E speriamo anche che nascano le circostanze affinché si allarghi la rete di gruppi locali, a supporto della campagne nazionali ma attivi anche sul proprio territorio, per contrastare il mondo dello sfruttamento animale in maniera sempre più incisiva.
Abbiamo visto dagli anni scorsi che ciò è possibile.

 

Per iniziare a gettare i semi di quelle che saranno le radici di un cambiamento futuro. Che però deve iniziare ora.

 

Per ogni altra informazione:

www.incontro2007.tk

 
Pubblicato da Piero il 24/08/2007 alle 13:34:35, in Notizie sparse, letto 704 volte

Image Hosted by ImageShack.usUNO-FFI-CIA-L-PA-GE-OFVAL-L-EVE-GA-N

.

.

.

.

.

.

Clicca sulla pagina myspace:

 

.

www.myspace.com/vallevegan

 

 .

Fanatics!   : - )

 

.

.

NonUfficiale.

 
Pubblicato da Piero il 22/08/2007 alle 09:57:22, in Diario di ValleVegan, letto 1148 volte

 

Aggiornamento fotografico continuo. Clicca per vedere foto inedite di "ValleVegan in questi giorni"... 

 

Francisco de Lisboa, a dar uma volta pelos montes (autor das fotos) -- Francisco di Lisbona, a passeggiare per i monti (autore delle foto)

 

 
Pubblicato da Piero il 20/08/2007 alle 09:38:00, in Notizie sparse, letto 851 volte

Un nuovo studio recentemente pubblicato sull'American Journal of Epidemiology conferma quanto già descritto da precedenti autori, e cioè che il consumo di latticini risulta correlato con un aumento del rischio di sviluppare la Malattia di Parkinson.

I ricercatori hanno valutato prospetticamente l'associazione tra assunzione di latticini e questo rischio in 388 uomini e donne che hanno sviluppato la Malattia di Parkinson durante la loro partecipazione all'American Cancer Society’s Cancer Prevention Study II. I risultati dimostrano che con l'aumento del consumo di latticini, aumenta il rischio di sviluppare la malattia. In particolare, tra quelli che consumavano il maggior quantitativo di latticini, il rischio aumentava del 70%.

Fonti

Chen H, O’Reilly E, McCullough ML, Rodriguez C, et al. Consumption of Dairy Products and Risk of Parkinson’s Disease. Am J Epidemiol. 2007;165:998-1006.

Park M, Ross GW, Petrovitch H, White LR, Masaki KH, Nelson JS, Tanner CM, Curb JD, Blanchette PL, Abbott RD. Consumption of milk and calcium in midlife and the future risk of Parkinson disease. Neurology. 2005 Mar 22;64(6):1047-51.

 
Pubblicato da chiara il 19/08/2007 alle 00:12:09, in Notizie sparse, letto 3117 volte

MESSAGGIO ANONIMO RICEVUTO DALLA RIVISTA LA NEMESI

31 luglio 2007 Lomazzo (Como)
- notte di luna piena -

Gabbie su gabbie, prigionia che finisce nei ganci di un macello, con la gola tagliata; migliaia di individui ammassati e spersonalizzati, senza la possibilita' di compiere anche i minimi gesti naturali di un animale; zampe che non toccano    mai l'erba, occhi che non vedono mai il sole e non conoscono l'esistenza del buio, solo costante luce artificiale…


Cosi' e' la vita per migliaia di conigli, prigionieri di un aguzzino di Lomazzo, stipati in tre capannoni.



Salvare la vita ad un numero piu' alto di animali e infliggere un notevole danno all'allevatore era la nostra missione di questa notte.
Segando le sbarre di una finestra siamo penetrati in uno dei capannoni, abbiamo segato anche il chiavistello e aperto la porta sul retro. In questo modo il nostro lavoro non e' stato disturbato dalla vigilanza. Con l'aiuto di scatole abbiamo portato via da questo inferno 200 conigli adesso liberi. Una volta portati in salvo questi siamo passati alla seconda fase del lavoro: aprire tutte le gabbie, portare quanti piu' conigli nei campi adiacenti e sfasciare le gabbie.
Alla fine quasi duemila conigli hanno passato la notte (e forse tutto il giorno o, chissa'…tutta la vita) nell'erba, saltellando e giocando, e le loro gabbie sono state distrutte, sperando che non ci debbano piu' ritornare.
E' poi comparsa una scritta "abbiamo preferito la liberta'" - i conigli -, chiudi - aguzzini - non avrete piu' pace.

Le condizioni di questo allevamento sono inquietanti, con le gabbie completamente coperte dai peli e dalla sporcizia.
Molti conigli sono stati trovati morti, altri senza le orecchie o malformati, uno paralizzato.

A questi splendidi animali basta un riparo, un po' d'erba e di acqua.
Nonostante cio' che si pensi di questa specie, i conigli possono rendersi indipendenti dall'uomo e riadattarsi a una vita selvatica.
Vederli liberi e felici ci riempie il cuore e ci spinge a lottare ancora per salvarne altri, ostacolando il genocidio quotidiano dell'industria produttrice di esseri viventi chiamati carne.

Azioni come questa sono possibili.
Niente deve fermarci dall'aprire le gabbie, e niente ci fermera'.

 

Le informazioni qui riportate sono a solo scopo informativo e possono essere incomplete, non si intende incitare ne' azioni ne' comportamenti illegali.

 
Pubblicato da Piero il 17/08/2007 alle 21:33:17, in Notizie sparse, letto 698 volte

Disturbo Venatorio. Domenica 16/9. All'alba. Litorale romano.

 

............e i cacciatori fuggono...

 

 
Pubblicato da Lidio il 16/08/2007 alle 16:09:33, in Diario di ValleVegan, letto 662 volte
Sul nostro sito è stato aperto un nuovo forum nella sezione "animalismo". Si chiama "Come fare per..." e vuole essere uno scambio di idee e di informazioni suddivise ordinatamente per ogni animale con il quale si entra in contatto. L'idea mi è venuta leggendo e partecipando al dialgo avvenuto fra i commenti sul blog relativi a Spisa, la porcellona d'india intraprendente. Ogni iscritto può creare una nuova discussione (io per intanto ne ho create due: porcellini d'india e maiali). Lidio
 
Pubblicato da Piero il 16/08/2007 alle 10:37:42, in Notizie sparse, letto 687 volte

BURTON rinuncia agli inserti di pelliccia!

Sempre più marchi lasciano questo mercato.


La Burton Snowboard (marchio di abbigliamento tecnico sportivo) ha deciso di sostituire gli inserti di pelliccia vera con quella sintetica dopo soli 2 mesi di campagna di boicottaggio lanciata da PETA.


Grazie a messaggi arrivati da tutto il mondo adesso lo sport estremo e' completamente fur-free, visto che gli altri marchi gia' non utilizzavano pellicce vere.

 

Fonte:

www.campagnaaip.net 

...

 

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source