RIFUGIO Vieni? Sostienici!
domenica 17 ottobre 2021   # Utenti online n.467 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
Versace all'Uninsubria: presidio contro lo sfruttamento animale
Pubblicato da vegandalf il 12/10/2008 alle 19:42:49, in romantispecismo, letto 1500 volte
Da Campagna AIP e CCVU... VERSACE ALL'UNINSUBRIA: CORPI RESI OGGETTI, INDIVIDUI RESI "CORPI"

Presidio davanti all'Università dell'Insubria
via Dunant 3, Varese
Lunedì 13 ottobre ore 14


Lunedì 13 ottobre l'Università dell'Insubria invita, nell'ambito dei festeggiamenti del proprio decennale, lo stilista Santo Versace a tenere una lezione presso la Facoltà di Scienze.

Noi però non vogliamo dimenticare che questa stessa università è quella che, nel chiuso dei propri laboratori, utilizza da anni migliaia di animali per la sperimentazione, grazie anche alla complicità di istituzioni che, come il Comune di Busto Arsizio, elargiscono finanziamenti dedicati alla vivisezione.
E non vogliamo tacere il fatto che l'illustre ospite è un individuo che si arricchisce proponendo ogni anno indumenti di "alta moda" costruiti sulla sofferenza di migliaia di animali allevati e uccisi appositamente per la loro pelliccia, alimentando una logica di consumo che vede nelle persone dei consumatori da conquistare.


Ancora una volta denunciamo la vivisezione in quanto pratica di sequestro legalizzato di corpi viventi, resi oggetti nelle mani dei ricercatori.

Si tratta di un circolo vizioso.
Da una parte è la riduzione di corpi viventi al rango di cose a legittimarne uno stupro sistematico che non accetta alcun tipo di critica sostanziale. Dall'altra è proprio il perpetuarsi quotidiano di tale pratica a legittimarla ed a rafforzare la stessa convinzione che un corpo vivente possa essere oggetto, addormentando così la capacità d'immedesimazione nell'animale-cavia e con essa qualsiasi senso critico.

E, ancora una volta, vogliamo far notare come la pratica della sperimentazione animale si inserisca in un sistema generalizzato di reificazione di corpi animali (umani e non umani).
Nei laboratori, i corpi resi cavie e sezionati non sono altro che modelli di corpi etichettati dalla medicina ufficiale come "pazienti", come "malati", come oggetti di "cura", e parcellizzati in organi e funzioni.

Denunciando la vivisezione, denunciamo dunque non solo una singola pratica, ma una manifestazione emblematica di un intero sistema basato sulle medesime logiche.

GLI ANIMALI NON SONO OGGETTI

La presenza delle autorità accademiche è oggi l'espressione più visibile di una di queste pratiche, quella vivisettoria, esercitata nel segreto degli scantinati universitari.
La presenza di Versace è invece simbolo di un'analoga pratica di dominio, che si esprime però sotto i riflettori dell'alta moda, facendo indossare a persone rese "corpi", animali fatti a pezzi e resi cappotti, resi merce da propinare a persone ridotte a semplici consumatori.

Non è dunque un caso che l'Università dell'Insubria, mentre pretende di costruire il sapere sulla tortura legalizzata di migliaia di cavie, celebri il proprio ruolo nella società chiamando chi ha costruito la propria fortuna sul sangue degli animali "da pelliccia" e sull'adesione acritica al cosiddetto "sistema della moda", al culto dell'immagine, alla pratica di degradare i corpi mostrandoli come beni di consumo privi di vita, di emozioni, di desideri, morti come le pelli degli animali che li rivestono in passerella.

Versace, Uninsubria...

Dietro ogni pelliccia c'è un animale.

Dietro ogni consumatore, dietro ogni malato, c'è una persona.

Dietro ogni cavia c'è un individuo.



AIP – ATTACCA L'INDUSTRIA DELLA PELLICCIA
COALIZIONE CONTRO LA VIVISEZIONE NELLE UNIVERSITA'

www.campagnaaip.net
www.bastavivisezione.net
 
# 1
ho partecipato all'incontro con versace e l'ho ritenuto molto interessante. All'uscita trovare i manifestanti è stato un po esagerato per quanto anche io possa essere una grande amante degli animali!
Pubblicato da  f.  (inviato il 27/10/2010 alle 17:46:48)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source