RIFUGIO Vieni? Sostienici!
sabato 6 marzo 2021   # Utenti online n.151 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
Fermata la deportazione dei cani della provincia.
Pubblicato da Piero il 24/12/2007 alle 09:56:51, in Notizie sparse, letto 1182 volte

.

21 dicembre 2007, Canile di Vallecchio (Rimini)

dopo lo sciopero della fame di marzo '07,
STOP ALLE DEPORTAZIONI !

Con un blitz degli animalisti di Animal Liberation è stato impedito al Dr. Bocchi, titolare del canile privato di S.Secondo parmense, di caricare su un furgone i cani dei Comuni di Misano, Verucchio e Santarcangelo ospiti del canile di Vallecchio di Rn per essere deportati a Parma.
Dal giorno prima ai Sindaci sono stati inviati ben due atti di diffida con il quale è stato chiesto di desistere dalla sistematica deportazione.
E' stato sufficiente creare uno sbarramento di persone all'ingresso del canile per non far uscire i cani e impedire che fossero caricati sui mezzi di Bocchi. Il Dr. Bocchi ha preferito rinunciare consapevole della sua posizione in molte procure d'Italia.
Questo episodio, che ha fatto sì che nessun cane abbia lasciato Rimini, si aggiunge a quello di Giussano/Lombardia. Anche lì gli animalisti hanno impedito a Bocchi di prelevare i cani.
Nel frattempo tutte le associazioni animaliste di Rimini hanno formulato un testo con il quale si chiede alla regione Emilia-Romagna un chiaro divieto di esportare i cani dei pubblici canili fuori provincia.

.

Per ogni altra informazione, clicca sul banner di Animal LIberation

 

.

COMUNICATO STAMPA DIGIUNO - 07 MARZO '07 -

 

Animalisti contro la politica delle deportazioni dei cani della Provincia di Rimini, condannati a vita nel canile di S. Secondo Parmense dalla mera speculazione economica dei Comuni di Bellaria, Misano adiatico, Santarcangelo e Verucchio.

Il Coordinamento regionale della Associazioni Animaliste dell'E/R e Animal Liberation che denunciano il viaggio tortura senza controlli, la violazione di tutte le leggi di tutela della popolazione canina
INDICONO LO SCIOPERO DELLA FAME AD OLTRANZA DAVANTI ALLA PROVINCIA  DI RIMINI FINO AL RIENTRO  Di TUTTI I  CANI DEPORTATI A PARMA.

I 28 cani, tra cui un cane morsicatore,  provenienti dai comuni di Bellaria, Misano Adriatico, Santarcangelo e Verucchio, sono stati caricati su un unico automezzo stipati a due a due in gabbie-trasporto diretti al canile privato di S. Secondo Permense . La struttura è posta in aperta campagna, lontano dai luoghi di aggregazione, priva di segnaletica adeguata (appare solo qualche sporadico cartello con scritto ALLEVAMENTO Dr. Bocchi). Ne consegue che NESSUNO se non accompagnato è in grado di raggiungere il canile. Sull¹ingresso della struttura non esiste alcun cartello che indichi  esserci un canile consortile. L¹unico cartello riportante gli orari è affisso all¹interno. I cani qui inviati non hanno pertanto alcuna possibilità di essere adottati, per cui verrà loro negato quanto di diritto e i Comuni continueranno a spendere denaro publico non sufficiente a garantire ai cani il benessere previsto dalle leggi, finché non moriranno. Il canile di Bocchi supera il numero di 200 cani ospitati, nonostante le indicazioni in merito della Circolare Regionale del 1999.
emessa a suo tempo.

Nè un responsabile dei canili comunali di provenienza dei cani, nè un funzionario dell'Ausl di Rimini hanno verificato le condizioni degli animali durante il viaggio nè quelle all'arrivo.

Il Dirigente dell'Ausl di Rimini, azienda che ai sensi della Legge Regionale  27/00 e Legge nazionale 281/91 ha funzioni di controllo dei canili e del benessere degli animali  ha dichiarato, con comunicazione scritta, di non avere alcuna informazione neppure sull'idoneità del mezzo  utilizzato per il trasporto dei cani.

A tutt'oggi NESSUNA Associazione animalista nè della provincia di Rimini nè di Parma ha notizie sullo stato di salute dei cani, costretti a viaggiare in condizioni disumane, nè alcuna notizia sulla loro sistemazione finale.

Per questo  e viste le testimonianze raccolte dalle organizzazioni animaliste sulla realtà del canile di S.Secondo  Parmense i legali del Coordinamento delle associazioni Animaliste della regione E/R stanno esaminando le rispettive eventuali responsabilità  dei Sindaci dei Comuni di Bellaria, Misano Adriatico, Santarcangelo e Verucchio e dell'Ausl riservandosi di depositare denunce in  caso di mancato rientro dei cani, contestualmente gli attivisti dell'Associazioni Animaliste della regione E/R DA GIOVEDI  MATTINA 8 MARZO intraprendono uno sciopero della fame davanti alla Provincia  finchè TUTTI I CANI DEPORTATI A PARMA NON faranno ritorno sul loro territorio d'appartenenza. 

 

Animal Liberation

.


 
# 1
Questo è un regalino di Natale che farà piacere a tutti, certo per chi l'ha vissuto in prima persona è IL REGALO. Vedere il camion che se ne ripartiva senza aver fatto prigionieri è stato un momento indescrivibile.
Grazie Piero per averlo pubblicato.
Pubblicato da  lori  (inviato il 24/12/2007 alle 14:46:28)
 
# 2
Ma grazie a voi! Certo che solo delle/dei folli come voi potevano bloccare con le auto ogni passaggio del camion. Ma quando vi arrestano?
Si dovrebbe fare anche davanti al Parrelli qualcosa del genere.
Sapevo che non ti saresti fermata ai 10 giorni di sciopero della fame...che FENOMENI!!!
Pubblicato da  Piero.  (inviato il 24/12/2007 alle 15:13:36)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source