RIFUGIO Vieni? Sostienici!
lunedì 15 luglio 2019   # Utenti online n.460 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico/Diario di ValleVegan
Articoli della sezione «Diario di ValleVegan».
Ordine cronologico: discendente (il più recente in testa).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da chiara il 21/11/2007 alle 22:55:42, in Diario di ValleVegan, letto 1836 volte
 

 

Questa è pe tutti quelli che se sentono chiamati in causa

Quelli che basta che nun magnano la ciccia

Tanto pe l'ovo de la chioccia

Trovano sempre na bella scusa

 

 

Quelli dalla natica pesante

Che quanno c'è da fasse er culo

Pe finta o pe davero

C'hanno sempre na serata galante

 

Quelli che nun leggono mai li materiali

Ma stanno sempre attenti all'ingredienti

Cosi' mangnano bene e so contenti

Senza vedè che se vestono de animali

 

Quelli che hanno troppo poca pazienza

De sta a combatte co l'animali

E pe liberasse da tutti i mali

Fanno sempre tanta beneficenza

 

Quelli che vonno un posto ner movimento

E che pe ingraziasse quello più su

Nella scala mentale de chi vive a mento in giù

Je servirebbero da braccio destro ogni momento

 

A tutti quelli che ho elencato do un consijo:

Se volete apri' le gabbie a le bestiole

Fatelo davero, fatelo cor core

Fatelo co amore, fatelo co rabbia

L'importante è che non ve ce richiudete nella gabbia!

 
Pubblicato da Simone il 06/11/2007 alle 19:46:28, in Diario di ValleVegan, letto 1720 volte

Da un pò di tempo sto pensando di raccogliere le frasi più celebri di cacciatori, carnivori e chi più ne ha più ne metta. Vi invito  tutti, se ne avete qualcuna (lo so che ne siete pieni!), ad inviarle al seguente indirizzo e-mail: simonemaur@gmail.com
L'idea è quella di farne un piccolo opuscolo.


Ad ogni modo mandate!

 
Pubblicato da chiara il 05/11/2007 alle 19:57:35, in Diario di ValleVegan, letto 1406 volte

 

 

 

Quanno che decidi de fa n'orto


nun pensi alla fatica e alle zappate,


pensi sempre subbito al raccorto


ai broccoli, ai carciofi, alle patate.


 
Pe questo ogni vorta è n'ammazzata,


strappa, rivorta, sradica, sfortisci


t' affanni, t' arrabbi, te stranisci


Pe magnatte du foje de 'nsalata.

 


Ma de lati positivi ce ne so na cifra:

 

nun finanzi er mercato pesticida,


autoproduci e scambi co l'amici,


nun finanzi nemmeno l'OMICIDA


e gli insettini pure so felici!

 

 
Pubblicato da Piero il 01/11/2007 alle 01:25:51, in Diario di ValleVegan, letto 1114 volte
 
Pubblicato da Piero il 27/10/2007 alle 10:05:03, in Diario di ValleVegan, letto 1189 volte

ValleVegan dal cielo.La gabbia è sempre più opprimente.

 
Pubblicato da Piero il 15/10/2007 alle 23:11:13, in Diario di ValleVegan, letto 1081 volte

...ci si annoiava a parlare di veganismo...

...basta con queste cose Normali e Naturali!

 

 

Sto scherzando, ovvio.

(...o forse no...)

 
Pubblicato da Piero il 10/10/2007 alle 00:41:55, in Diario di ValleVegan, letto 1127 volte

"Ma quale preda, ma quale tradizione...

...contro la caccia LIBERAZIONE!"

 

"Cacciatori, nei vostri mirini...

...50 morti all'anno, ASSASSINI!"

 
Pubblicato da Piero il 07/10/2007 alle 02:36:44, in Diario di ValleVegan, letto 1092 volte

 

Murale dipinto a mano nel casale della Vallevegan. Ottobre-novembre 2007.

By Andy De Paoli, accanto a Charm.

 
Pubblicato da Lidio il 28/09/2007 alle 16:23:27, in Diario di ValleVegan, letto 1093 volte
Cari amici, questo è un messaggio di servizio per tutti coloro che abitualmente visitano il sito.
Da oggi possiamo anche chattare on line. In alto, sulla barra del menu, oltre ai soliti, ho inserito il link alla chat...
 
Pubblicato da chiara il 27/09/2007 alle 00:19:56, in Diario di ValleVegan, letto 1038 volte

Cosa guardi?Ho appena fatto la permantente...e con questo?

 
Pubblicato da Piero il 21/09/2007 alle 23:10:49, in Diario di ValleVegan, letto 2164 volte

 

Piccioni domestici rinselvatichiti. Tubano, ma... sono ancora ai preliminari. Qui a ValleVegan.

 
Pubblicato da Piero il 17/09/2007 alle 00:52:48, in Diario di ValleVegan, letto 1901 volte

Scarti della lavorazione della mozzarella. 2 cuccioli di bufala semi-abortiti, abbandonati, sequestrati. Ora sono liberi, per sempre. Qui a ValleVegan.

Questa è la loro prima notte totalmente all'aria aperta, senza recinti, al pascolo. Passeggiano sullo stesso terreno di pecore, cani, maiali, istrici, umani, gatti, cinghiali, serpenti, mantidi, poiane...

 

Eventuali presenze di collari, fotocamere, campanacci in questa finestra aperta sono solo scappatoie provvisorie (per il riconoscimento intraspecifico).

 

--foto inedita--solo per i nottambuli--

 
Pubblicato da Piero il 16/09/2007 alle 20:02:39, in Diario di ValleVegan, letto 1272 volte

800.000 fucili sparano in mezzo a noi ma nessuno se ne accorge o, se lo fa, subisce e tace. Sono i fucili dei “cacciatori”, ovvero di quegli uomini “speciali” che, scorrazzando e sparacchiando a volontà nelle campagne italiane, provocano ogni anno dai 40 ai 50 “incidenti” mortali e oltre un centinaio di feriti, più o meno gravi. Sono cifre approssimative, in gran parte ufficiose perché nessuna istituzione si è mai preoccupata di rilevare dati ufficiali. E sono solo la punta dell’iceberg perché dietro a esse c’è la vita da stato di guerra, da stato d’assedio cui milioni di famiglie sono costrette.

 

 

 

 

Questa è l’altra faccia, quella dei danni sociali, della cosiddetta “caccia”. La “caccia”, ma diciamolo meglio: l’uso di centinaia di migliaia di armi da fuoco sul territorio, al di fuori di ogni regola, di ogni norma di sicurezza che sarebbe ritenuta minimale in ogni altro contesto. La “caccia”, ovvero il prodotto di un’anomalia legislativa che non conosce eguali. La “caccia”, ovvero un’emergenza nazionale sommersa che coinvolge e deturpa la vita di milioni di italiani. Senza che nessuno lo sappia.

 

 

 

 

 

      Tanto poco è trattato l’argomento che sono solo due i libri che ne parlano, entrambi usciti nel 2005 ovvero in tempi recentissimi.

 

Il primo, Caccia all’uomo di Filippo Schillaci (Ed. Stampa Alternativa, Viterbo) fornisce un quadro generale del panorama di violenza, irresponsabilità e prevaricazione ai danni della gente che caratterizza la pratica venatoria e mostra, dopo un sistematico esame di fatti spesso sconosciuti ai più, come tutto ciò sia possibile solo grazie a una legge anacronistica che ignora ostentatamente ogni problematica di sicurezza e prevenzione dei, peraltro inevitabili, “incidenti”.

 

Il testo si conclude con un “manuale di autodifesa” che spiega fra l’altro, in forma semplificata, come richiedere al proprio sindaco un’ordinanza di divieto venatorio per motivi di tutela dell’incolumità pubblica.

 

Il secondo testo è il Manuale di autodifesa dai cacciatori (Ed. Agire Ora, Torino), un’opera collettiva che approfondisce gli aspetti più tecnici del problema. Esso è strutturato come una raccolta di saggi monografici e comprende, fra l’altro, oltre al capitolo centrale del libro di Filippo Schillaci, qui in forma più dettagliata, due studi di Massimo Tettamanti, rispettivamente sull’impatto ambientale dell’attività venatoria e sulla sua inadeguatezza come mezzo di regolazione degli ecosistemi e una relazione di Marina Berati sui numerosi sondaggi effettuati negli ultimi anni da cui risulta la forte avversione della maggioranza degli italiani all’attività venatoria. Anche questo testo contiene infine un manuale di autodifesa di autori vari, che illustra in forma dettagliata come richiedere un’ordinanza di divieto venatorio al proprio sindaco.

 

 

 

 

 

 I due testi sono utilmente complementari essendo il primo un’opera di base, pensata per chi sia al suo primo approccio al problema, il secondo un’opera di approfondimento, pensata per gli addetti ai lavori o comunque per chi volesse perfezionare le proprie conoscenze sull’argomento.

 

 

 

 

 

 
Pubblicato da Piero il 22/08/2007 alle 09:57:22, in Diario di ValleVegan, letto 1619 volte

 

Aggiornamento fotografico continuo. Clicca per vedere foto inedite di "ValleVegan in questi giorni"... 

 

Francisco de Lisboa, a dar uma volta pelos montes (autor das fotos) -- Francisco di Lisbona, a passeggiare per i monti (autore delle foto)

 

 
Pubblicato da Lidio il 16/08/2007 alle 16:09:33, in Diario di ValleVegan, letto 1419 volte
Sul nostro sito è stato aperto un nuovo forum nella sezione "animalismo". Si chiama "Come fare per..." e vuole essere uno scambio di idee e di informazioni suddivise ordinatamente per ogni animale con il quale si entra in contatto. L'idea mi è venuta leggendo e partecipando al dialgo avvenuto fra i commenti sul blog relativi a Spisa, la porcellona d'india intraprendente. Ogni iscritto può creare una nuova discussione (io per intanto ne ho create due: porcellini d'india e maiali). Lidio
 
Pubblicato da Piero il 09/08/2007 alle 00:50:14, in Diario di ValleVegan, letto 1412 volte

10 agosto, notte delle stelle cadenti.

 

Scappa dai tuoi confini e vieni a Vallevegan a sdraiarti sul prato!

Al falò pensiamo noi, alla grigliata di verdure anche, alle bruschette anche, alle pannocchie la provvidenza, al vino l'uva, al rumore nessuno, a riscaldarti il bue e l'asinello, alle stelle la natura... a farti amare la vita vegana lo sguardo degli animali.

 

Gratis, come sempre. Al massimo un pò di cibo per i cuccioli.

 

Prenotazione necessaria via e-mail su attivismo@vallevegan.org o al num 329/4955244. Se non resisti tutta la notte occhi in sù, puoi portarti la tenda, l'amaca, il tappetino, il sacco a pelo. O forse ti diamo un letto.

 

Chissà, magari si realizzerà anche il tuo sogno di libertà, come lo è stato per gli animali di Vallevegan, donne e uomini inclus*...

 

Offerta valida anche per tutti gli altri giorni del mese. Autorizzazione ministeriale non richiesta non concessa. Non è gradita l'eleganza. Fosse o Cielo ca caresse 'na stella 'ncoppa a l'uommini!

 

 
Pubblicato da Piero il 07/08/2007 alle 09:33:39, in Diario di ValleVegan, letto 1161 volte

Creato un nuovo sondaggio dal tema: -Chi beve latte di altre specie animali, contribuisce alla loro uccisione? -

Esprimete la vostra preferenza sulla home page di questo sito, in basso a sinistra. Ci sono quattro possibilità: tre per i non vegani e una per i vegani (auto-anti-democratico).

 
Pubblicato da Piero il 06/08/2007 alle 23:52:02, in Diario di ValleVegan, letto 1466 volte
...BASTIAN LIBERO!
Ecco la storia di Bastian riportata da un quotidiano di Brescia, prima di arrivare a ValleVegan: Girovagava alle 8 di sera su via Lamarmora.
Trova un maialino ma non può tenerlo:
«Bisogna salvarlo, altro che salsicce». Interviene la Lac
Potrebbe sembrare la trama di una fiaba da raccontare di sera ai bambini. O di un film come «Babe»: un maialino che si perde in città, una signora che lo trova e lo salva da una brutta fine. E si oppone anche al temporaneo trasferimento al canile municipale. Non potendo tenerlo in casa, ottiene che il maialino non finisca in pentola con le patate e neanche sia trasformato in salsicce e prosciutti. Garanzie scritte, con tanto di intervento della Lac, la Lega per l'abolizione della caccia.
Il maialino è quindi al sicuro. Ha evitato una brutta fine, quello che prevedeva il suo destino: finire su una tavola imbandita. Ma da dove sarà scappato e cosa accadrà il giorno in cui il proprietario lo rivorrà?
La vicenda si è sviluppata nella serata di lunedì quando una signora che passeggiava in via Lamarmora, a Brescia due, si è trovata davanti il lattonzolo che camminava smarrito. Un incontro decisamente insolito per chi vive nella zona. La signora è riuscita a fermarlo, evitando che scappando venisse investito da un'auto. Ma a quel punto, che fare di quel maialino? Ha chiamato i vigili urbani e allo stupito operatore della centrale in servizio nel turno delle venti ha raccontato di un maiale a passeggio per via Lamarmora.
L'agente ha chiesto alla signora dove fosse, per andare a recuperarlo.
Appuntamento davanti alla sede della sesta circoscrizione, dove si sono presentati i vigili e un addetto al canile municipale, per portare via l'animale e metterlo in una stalla o un recinto. «Da qui il maiale non si muove - ha gridato la signora -. Al canile rischia diì essere mangiato dai cani e starà male. Piuttosto me lo porto a casa». Gli sbigottiti vigili le hanno detto che era impossibile. Un maiale, sia pur piccolo, non può stare in casa come un cane, un gatto o la cocorita.
Non c'è stato verso. Anzitutto la signora ha chiesto garanzie.
«Avrete la "liberatoria" solo se mi garantite che il maialino resti vivo e nessuno gli farà del male. Se no, resterà con me». I vigili hanno garantito alla donna che il maiale sarebbe stato trattato bene, anzi, benissimo, ma non è bastato. La signora ha chiesto e ottenuto l'intervento della Lac. I vigili hanno rintracciato Consuelo Bianco, responsabile per Brescia della Lega anticaccia. Dopo aver ottenuto garanzie sulla sorte dell'animale, la donna si è arresa e l'ha consegnato ai vigili. Il maialino ora è «sotto protezione».
Franco Mondini
(BresciaOggi)
 
Pubblicato da Piero il 05/08/2007 alle 23:41:33, in Diario di ValleVegan, letto 1019 volte

 

Foto Francisco in Vallevegan

 
Pubblicato da Piero il 04/08/2007 alle 23:35:21, in Diario di ValleVegan, letto 1218 volte

Ogni tanto, dai paesi intorno alla ValleVegan, si possono osservare strani colori notturni. Cosa c'è di meglio da vedere di notte? ...

...un animale selvatico che non fugge per la paura dei botti!

Fuochi d'artificio: inquinanti-pericolosi-

inutili.

 

 

 

 

...........(umani!).

 

 

...foto originale by Francisco in ValleVegan, agosto 2007.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source