RIFUGIO Vieni? Sostienici!
venerdì 22 ottobre 2021   # Utenti online n.980 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
Questo fine settimana ancora contro le pellicce!
Pubblicato da vegandalf il 28/11/2008 alle 23:41:21, in romantispecismo, letto 2087 volte
Dopo le iniziative in adesione al Fur-Free Friday di venerdì 28 novembre, anche domenica torneremo davanti ai negozi del Max Mara Fashion Group per denunciare gli orrori dell'industria della pelliccia e chiedere alla dirigenza di mettere fine allo sfruttamento di oltre 50 milioni di animali ogni anno.

DOMENICA 30 NOVEMBRE dalle 16.30 alle 19.30
presso MAX & CO. di via dei Condotti 46
(angolo largo Goldoni / via del Corso - metro A Spagna)

Chiunque voglia urlare il dolore di tutti gli individui rinchiusi negli allevamenti è invitato a raggiungerci portando con sè ogni mezzo utile a esprimere la propria indignazione!

Fino alla liberazione animale,
antispeciste e antispecisti romane/i
romantispecismo@inventati.org
 
# 1
Strillate anche per me...che da quella distanza ne avrete bisogno...
Pubblicato da  dev0tchKa  (inviato il 29/11/2008 alle 09:16:11)
 
# 2
a quale distanza ti riferisci? il presidio si è tenuto a meno di 5 metri dal negozio ;)
Pubblicato da  uno strillante  (inviato il 01/12/2008 alle 01:57:29)
 
# 3
resoconto dei presidi dello scorso weekend:

Fine settimana ricco di impegni per Romantispecismo. Un weekend da passare tra luci e vetrine, tra i primi addobbi natalizi e l'ansia di spendere i propri soldi che pervade molte persone che credono di poter dare solo così un senso alla propria vita. Bene, noi siamo qui per ricordare a tutti che non è opportuno spendere denaro tra gli scaffali di MaxMara e Max&Co e non è corretto foraggiare con i propri stipendi lo sterminio di milioni di animali che avviene ogni anno al chiuso degli allevamenti.

Siamo qui per ricordare a tutti che egualmente colpevole della mano che uccide è anche quella di chi commissiona l'assassinio.

Venerdì 28 novembre iniziamo quindi con una mattinata sotto gli uffici della Bristol Myers Squibb a Roma, in adesione alla settimana mondiale di azione contro questo importante cliente di Huntingdon Life Sciences, per ricordare ai dirigenti e a tutti i dipendenti le responsabilità dell'azienda nel finanziamento del più grande laboratorio-lager d'Europa; per render loro evidente, con striscioni e megafoni, che stanno pagando per la morte di migliaia di animali innocenti all'unico scopo di mettere in vendita più rapidamente i loro veleni; per urlare quello che pensiamo della falsità che chiamano vivisezione.

Lo stesso giorno è anche il Fur-Free Friday e, in solidarietà con analoghi presidi che avvengono in molte altre città d'Italia e del mondo, decidiamo di imporre la nostra rumorosa presenza di grilli parlanti anche in una delle vie dello shopping romano. Lungo viale Marconi presidiamo prima il locale negozio di MaxMara. Due ore di presidio che volano via tranquille, basta una decina di attivisti perché entrino al massimo due o tre persone, senza fare acquisti, in un negozio che rimane costantemente vuoto. Lo sguardo di spaesato fastidio che ci lancia la direttrice ci mette allegria e decidiamo che vale la pena di dare fondo alle riserve d'aria dei nostri polmoni.

Poi ci spostiamo di qualche centinaio di metri e raggiungiamo il punto vendita di Max&Co. La responsabile del negozio non era stata nemmeno avvertita della nostra presenza, tanto che i commessi non avevano tolto gli inserti di pelliccia dalla vetrina (lo faranno circa mezz'ora dopo il nostro arrivo). Con fare stupito ci fa presente che anche lei ama gli animali e che è contraria alle pellicce: noi le rispondiamo che sarebbe meglio per tutti – per lei stessa, per noi e soprattutto per gli animali imprigionati in quei campi di sterminio che la lingua italiana chiama allevamenti – che la sua dirigenza adottasse una politica fur free. Più di venti attivisti presidiano il negozio, distribuiscono volantini, rivelano ai passanti la verità che si cela dietro quelle vetrine illuminate ed accattivanti. Qualcuno entra ugualmente, qualcuno no, ma notiamo che la nostra presenza sul marciapiede basta a disincentivare molti potenziali clienti.

Domenica 30 novembre chiudiamo il cerchio tornando al negozio Max&Co di Largo Goldoni, nella centralissima via Condotti. Le forze dell'ordine non ci permettono di presidiare di fronte al negozio come la volta precedente, ma solo al suo fianco. Quando arriviamo il locale è pieno di clienti o semplici curiosi. Bastano però pochi minuti di megafono e un po' di volantini distribuiti a fare quasi il vuoto intorno all'entrata. Tra il menefreghismo di molte persone incapaci di guardare al di là del proprio naso, raccogliamo il plauso di diversi passanti. Man mano che passano i minuti delle tre ore di presidio, il negozio di Max&Co si svuota di clienti mentre il marciapiede si infittisce di manifestanti. Cosa dovrebbe far pensare? A noi suggerisce l'idea che la dirigenza di MaxMara FG farebbe bene a mollare quanto prima ogni rapporto con i mercanti di morte.
Pubblicato da  romantispecismo  (inviato il 04/12/2008 alle 01:42:39)
 
# 4
intanto hanno arrestato un altro stilista di cadaveri

http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/italia/news/2008-12-05_105291139.html
Pubblicato da  dev0tchKa  (inviato il 05/12/2008 alle 13:36:43)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source