RIFUGIO Vieni? Sostienici!
lunedì 17 giugno 2019   # Utenti online n.101 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
Resoconto dei tre giorni di lotta
Pubblicato da Piero il 27/03/2008 alle 20:21:42, in romantispecismo, letto 1205 volte

Dopo neanche un mese dalla due giorni di proteste di fronte alle sedi più importanti di Novartis e Sanofi Aventis tenutesi nella zona di Milano, gli attivisti della campagna per chiudere HLS sono tornati davanti alle sedi di diverse tra le case farmaceutiche complici e clienti del laboratorio di vivisezione più grande d'Europa. Questa volta ci si sposta più a sud, la campagna è infatti approdata prima in Toscana e poi nel Lazio dove risiedono le principali sedi di Bristol Myers Squibb ed Abbott.

.

 

GIOVEDI' 20 MARZO
Si inizia presto, verso le 8'00 ci ritroviamo in più di una decina di persona davanti alla Chiron/Novartis, nella sede di sviluppo vaccini e centro di ricerche tra i più "importanti" d' Italia. La Chiron ha sviluppato vaccini per l'influenza poi ritirati dal mercato britannico perchè dannosi, qui si è manifestato l'interesse verso un vaccino per l'aviaria, un danno per la collettività che si è diffuso esclusivamente per colpa dello sfruttamento della terra e degli animali da parte di aguzzini come Novartis! La giornata a livello di clima non è tra le più agevoli, Siena è colpita da una fitta pioggia e da un gran freddo ma questo ovviamente non fa demotivare gli/le attivisti/e. Slogan, cartelloni e dita puntate sono ciò che per circa due ore ricevono i/le dipendenti di Chiron/Novartis. Non c'è giustificazione, i loro silenzi e il loro sguardo rivolto a terra ne sono l'ulteriore conferma. Essere parte di una divisione lavorativa come quella del centro ricerche di Siena rende queste persone complici a tutti gli effetti e siamo ben contenti che ancora una volta la gente di Siena, assistendo a questa protesta, si sia resa conto del tipo di persone con cui abbiamo a che fare. Terminato il presidio non c'è molto tempo di riposarsi, ci aspettano parecchi chilometri da fare, si recuperano cartelloni, megafoni e striscioni, prossima tappa: Roma.

Durante il viaggio incontriamo anche una buona dose di neve, questo ci fà abbastanza preoccupare ma una volta arrivati a Roma la nostra preoccupazione scompare, il clima è diverso, troviamo del sole ed una temperatura quasi primaverile. Ci dirigiamo subito al secondo appuntamento della giornata, uno molto importante, la divisione generale della Bristol Myers Squibb a Roma, in Via Maroso, nel quartiere EUR. Qui si sono già tenuti dei presidi e la situazione a causa di prescizioni varie ci permette giusto di fare un'ottima protesta a livello informativo, la Bristol infatti si trova all'interno di un enorme palazzo dai vetri scuri ma che divide con altre 4-5 aziende a cui sicuramente non fà piacere essere associati alle pratiche assassine che la BMS perpetra quotidiamente nei suoi laboratori e dentro HLS! In quest' occasione, come previsto, il nostro numero aumenta grazie al supporto grandissimo dei ragazzi e ragazze di Roma e provincia, rimaniamo per circa due ore in più di venti persone davanti alla sede, intoniamo cori e riportiamo la situazione al momento riguardo HLS e ciò che attraverso clienti come la BMS rende ancora possibile le violenze e le torture all'interno del più grande lager di animali d'Europa.
Bristol, questo era solo un assaggio delle proteste!

Terminata anche questo presidio ci dirigiamo poco distante, la giornata di giovedì è infatti destinata ai presidi contro i clienti che hanno sedi all'interno della città di Roma. Prossimata destinazione è la divisione diagnostica della Abbott, questa è ua sede molto importante per la presenza di diversi dirigenti ma soprattutto è un posto significativo per una protesta come la nostra! La sede è all'interno di un palazzo completamente dell'azienda e situata in mezzo a numerose palazzine abitate da persone che non hanno tardato ad esprimere il loro dissenso assieme agli/alle attivisti/e! Per quasi due ore più di venti manifestanti assai "arrabbiati" hanno urlato slogan contro i dipendenti e dirigenti che lentamente "tentavano" di uscire dall'edificio. Nessuna scusa Abbott! La vostra complicità con HLS è ora all'ordine del giorno nella zona dove risiedete e la cosa più significativa è stata vedere bambini o persone anziane puntare il dito arrabbiatissimi contro i colpevoli "in doppiopetto" che uscivano da Via Mar Della Cina 268. Un'altra giornata contro HLS e i suoi complici... continueremo... finchè non mollerete!

.

VENERDI' 21 MARZO
La giornata di Venerdi' si presenta piena di obiettivi ma questa volta lasceremo Roma per concentrarci sulla provincia di Latina e Frosinone, in queste due zone sono situati 4 tra i maggiori stabilimenti di Bristol Myers Squibb, Abbott e Sanofi Aventis.

Intorno alle 8'00 in più di venti attivisti/e (ancora una volta grande il supporto degli/delle attivisti/e di Roma e dintorni che si uniscono agli/alle altri/e provenienti da tutta Italia...) arriviamo davanti allo stabilimento della Bristol Myers Squibb situato a Sermoneta, a pochi chilometri da Latina. Il sito è impressionante e non possiamo non concentrare la nostra rabbia per un posto dove secondo recenti dossier viene direttamente praticata vivisezione su un numero enorme di animali. Per circa due ore abbiamo gridato contro le auto che entravano e contro i dipendenti che erano costretti a passare davanti alle persone che presidiavano per entrare all'interno del sito. "Alti" personaggi della Bristol sono sembrati ovviamente subito infastiditi dalla protesta e lo crediamo bene, la strada dove si trova lo stabilimento è molto trafficata e mettere in evidenza gli sporchi affari dell'azienda non fa certo piacere! Sicuramente il loro "malcontento" si manifesta attraverso il solito metodo di "distrurbo" da parte di digos, polizia e carabinieri di Latina che non evitano di ostacolare continuamente gli/le attivisti/e. Quest'ultimi/e però non hanno molto interesse ad occuparsi di loro, nelle menti e nei cuori tutti gli animali torturati ogni giorno dalla Bristol o dentro HLS e naturalmente la voglia di urlare contro i complici che si trovano davanti! Davvero un presidio "rumoroso" e sentito da parte di tutte le persone coinvolte nella protesta.

Appena terminata, abbiamo poco tempo per riposare, ci aspetta il secondo obiettivo della giornata, lo stabilimento della Abbott a Campoverde di Aprilia. Questo sito è molto importante per la multinazionale farmaceutica americana, all'interno ha circa 2000 dipendenti e nonostante fossimo preparati a fare un buon presidio informativo (la sede infatti si trova sulla statale Pontina, la più trafficata di tutto il sud del Lazio), non avendo fatto l'orario d' entrata dei dipendenti, "abbiamo avuto il piacere" di notare che diversi dirigenti della Abbott hanno la possibilità di svegliarsi tardi ed arrivare con calma sul posto, questa volta però, al loro arrivo, non troveranno la solita accoglienza ma un folto gruppo di persone pronte a far sapere all'azienda che le loro torture sugli animali e il loro constante avvelenamento della Terra, che noi tutti (animali umani e non) abitiamo, non stanno passando inosservati. Infatti tutto ciò non passa indifferente, una televisione e un giornale locale si presentano sul luogo per riperire informazioni sulla protesta in corso. Entrambi vengono intimati da membri della Abbott di non riprendere marchi e simboli dell'azienda, pena, la denuncia! Inutile, Abbott, che cerchiate di impedire dell'informazione che vi metta in cattiva luce, ci penseremo noi della campagna per chiudere HLS a ricordare alla gente che tipo di aguzzini siete!

Dopo una "pausa" di un paio d'ore passate a spostarci verso altri obiettivi, giungiamo ad Anagni (in provincia di Frosinone) per iniziare il presidio contro lo stabilimento dove la Sanofi Aventis confeziona la maggior parte dei medicinali destinati al mercato italiano. Il posto dove si trova lo stabilimento è desolante e completamente "colonizzato" da colossi del farmaco (l'altro stabilimento della Bristol si trova ad un paio di chilometri) e del biotech. Una volta sul posto, dopo il primo "incontro" con alcuni dipedenti che entrano, ci rendiamo conto che è necessario modificare leggermente l'impostazione della nostra protesta. Infatti, al contrario dei posti dove siamo stati precedentemente, qui incontriamo molti operai. Non consideriamo comunque loro completamente esenti da colpe visto che le atrocità perpetrate da aziende come la Sanofi non sono poi totalmente un segreto, ma decidiamo di concedere il beneficio del dubbio e prima di ogni passaggio forniamo ai dipendenti volantini informativi sulla campagna in corso e sulle torture che avvengono dentro HLS. Troviamo come al solito alcune persone disposte al dialogo ed altre che addirittura pur di non vedere sfiorata la propria auto non sono minimamente disposte ad ascoltarci. Dopo qualche giorno siamo venuti a sapere che all'interno dello stabilimento c'è stato un ampio dibattito sulla protesta che si è tenuta, la prima nella zona che riguardasse la vivisezione, ciò ha provocato a quanto pare diversi interrogativi soprattutto sull'eventualità che le proteste continuino. Dipendenti ed operai dello stabilimento Sanofi Aventis di Anagni adesso non potete più dire: "NON SAPEVAMO"!

Terminiamo un po' prima del previsto questa protesta e ci dirigiamo verso il vicino altro stabilimento della Bristol Myers Squibb, questo luogo è altrettanto inquietante e considerevole. Abbiamo avuto la possibilità di affrontare molti dipendenti e diversi dirigenti, costretti prima a passare a piedi in mezzo agli/alle attivisti/e, quindi a ripassare nel medesimo punto con l'auto. Il nostro modo di porci è simile a quello adottato per la Sanofi, proponiamo comunque prima di protestare il volantino e in questo caso troviamo in molti casi indifferenza ed in alcuni addirittura chiusura o rifiuto. La nostra reazione è prevedibile, il presidio dura più di due ore, in un numero considerevole di persone urliamo e cerchiamo al meglio delle nostre possibilità di essere quella voce, quel grido di dolore delle centinaia, migliaia di animali uccisi per conto della Bristol e che queste persone si rifiutano di ascoltare. Questo è solo una parte di quello che le proteste degli attivisti ed attiviste della campagna contro HLS possono fare, avere a che fare con HLS... significa avere a che fare con loro!

.

SABATO 22 MARZO

Termina così anche questa secondo giornata di presidi, il giorno seguente abbiamo avuto modo di essere ospiti di Torre Maura Occupata, dove abbiamo tenuto una iniziativa in sostegno alla campagna, dal pomeriggio si sono tenuti dei dibattiti, confronti, proiezione di video, distribuzione di cibo vegano (cibo privo di qualsiasi ingrediente di origine animale, quindi non solo privo di carne o pesce, ma anche di uova, latte e qualsiasi altro derivato dallo sfruttamento di qualsiasi essere vivente), infine un concerto. Molte persone sono intervenute ed il sostegno del posto e della gente è stato significativo e denso di significato, grazie!
Ma il ringraziamento doveroso e finale va a tutti/e gli attivisti/e della campagna che da tutta Italia hanno deciso di muoversi, fare numerosi chilometri ed essere parte attiva nelle proteste. Ma non solo, un grazie di cuore agli/alle attivisti/e di Roma e provincia che si sono uniti/e e hanno supportato, sicuramente senza il loro aiuto le proteste non avrebbero avuto la risonanza e l'importanza riscontrata.

.


Questa è solo una tappa, il cammino non si ferma, la lotta contro HLS continua!
Fino alla chiusura!
Fino alla fine della vivisezione!

.

Fonte: stophls

 
# 1
Mi son venuti i brividi a leggere questi resoconti... brividi di sdegno, ma anche un po' di soddisfazione... dobbiamo assolutamente continuare a lottare contro questi colossi dello sfruttamento animale!
Pubblicato da  Romantispecismo  (inviato il 28/03/2008 alle 12:55:33)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source