RIFUGIO Vieni? Sostienici!
mercoledì 3 marzo 2021   # Utenti online n.2332 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
ValleVegan, viviendo libres
Pubblicato da Lidio il 15/12/2007 alle 11:31:10, in Diario di ValleVegan, letto 1254 volte

Fare click per accedere al loro sito!Bastian es el nombre del cerdito que consiguió escapar del camión que le conducía inexorablemente a la muerte. Sus hermanos no tuvieron tanta suerte, pero el destino quiso que Piero y Daniela, los fundadores de Valle Vegan lo acogieran. Ahora vive feliz retozando en el campo.
Valle Vegan es un santuario para animales que al igual que Bastian, tienen una historia que contar: algunos se salvaron del matadero, otros cuantos provienen de laboratorios de experimentación, unos pocos llegaron de ferias y, otros, simplemente ya no son deseados por los que un día fueron su familia.
Enclavado en la población de Bellegra, a unos 45 kilómetros de Roma, encontramos 11 hectáreas de terreno en un valle de gran frondosidad y belleza. El proyecto surge de la necesidad de acoger a decenas de animales que no tienen cabida en otros lugares, y se mantiene gracias a donaciones y el trabajo de activistas de entre otros grupos “Agire ora” y “Liga para abolición de la caza”.
No es fácil encontrar un lugar donde ubicar especies tan dispares como las que allí acogen. Valle Vegan alberga desde cerdos, búfalos y conejos hasta perros, tortugas y cabras, que de otro modo, habrían muerto o sufrido cautiverio, abandono o serían víctimas de la experimentación.
Pese a esta dificultad, lo primero que hacen Piero y Daniela cuando llega un nuevo animal a Valle Vegan es intentar ubicarlo en un entorno lo más parecido posible a su hábitat natural. Si el animal está sano y es posible su reintroducción en libertad, trabajan con él para que pueda volver a ser libre, aunque la mayoría de animales, por ser de los consideramos domésticos, pasarán a ser habitantes habituales de Valle Vegan.
Las ovejas y los búfalos tienen amplios prados y sombras donde pastar tranquilamente, a las tortugas se les ha habilitado una zona verde húmeda donde no corren peligro, las gallinas, ocas y patos tienen un recinto estupendo donde picotear, bañarse y campar a sus anchas, y los conejos, chinchillas  y cobayas también disponen de instalaciones adaptadas bajo árboles frutales.
En el caso de perros y gatos, se trabaja para conseguir su adopción en un nuevo hogar.
Valle Vegan es también un centro de  actividades contra la caza y vigilancia contra furtivos, habituales en la zona. Asimismo, el lugar sirve como punto de encuentro para los movimientos de defensa de los animales en Italia.
Como contrapunto al respeto por los animales que Piero y Daniela profesan, han decidido conservar en Valle Vegan  lo que ellos llaman “La habitación de los horrores”. En este lugar, han ido recogiendo todos los útiles que se usaban para sacrificar a los animales, o para amputar y despellejar a los que el antiguo propietario de la finca cazaba de forma furtiva en la zona, junto con cepos, lazos y trampas.
Valle Vegan es un ejemplo para nuestra sociedad, un sitio que sirve para sensibilizarnos y educarnos en la comprensión del mundo animal. Quizá, el de Piero y Daniela no sea el único en llevarse a la práctica y pronto deje de ser un enclave escondido entre montañas y un reducto único. Quizá mañana otros muchos despierten habiendo tenido su mismo sueño y decidan, con valentía, convertirlo en realidad.
Visita la web de Valle Vegan pinchando aquí 

Silvia Barquero y Luís Moreno
Miembros de la Fundación Equanimal

 
# 1
Abbiamo ricevuto questo regalo oggi da Silvietta e Luisòn, attivisti di Equanimal e nostri graditi ospiti.

Visitate il loro sito spagnolo. Sono grandi!
Pubblicato da  Piero.  (inviato il 15/12/2007 alle 13:17:56)
 
# 2
MI SoNo PERMESSO DI TRADURLO IN ITALIANO :D
BUONA LETTURA



Bastian è il nome del maialino che è riuscito a scappare dal camion che lo stava portando inesorabilmente alla morte. I suoi fratelli non hanno avuto la stessa fortuna però il destino ha voluto che Piero e Daniela, i fondatori di Valle Vegan lo accogliessero. Adesso vive felice rotolandosi tra le colline. Valle vegan è un santuario dove animali come Bastian hanno una storia da raccontare: alcuni sono stati salvati dal mattatoio, altri vengono da laboratori di ricerca e vivisezione, alcuni sono arrivati durante durante le vacanze, mentre altri semplicemente non sono più desiderati da quella che una volta era la propria famiglia.
Situato nel comune di Bellegra, a circa 45 km da Roma, abbiamo trovato 11 ettari di terreno in una valle di grande bellezza. Il progetto nasce dalla necessità di ospitare decine di animali che non hanno luogo altrove, e viene mantenuta attraverso donazioni e per il lavoro di attivisti provenienti da altri gruppi "Agire ora" e "Lega per l'abolizione della caccia".
Non è facile trovare un posto per specie così diverse in quanto sono di accolte. Valle Vegan ospita suini, bufali e cani di conigli, tartarughe e le capre, che altrimenti sarebbero morti o avrebbero sofferto di reclusione, di abbandono o di essere vittime di sperimentazione.
Nonostante questa difficoltà, la prima cosa che fanno Piero e Daniela quando arriva un nuovo animale a Valle Vegan è cercare di individuare un ambiente il più vicino possibile al loro habitat naturale. Se l'animale è sano ed è possibile reintrodurlo alla libertà , lavorano con lui in modo da poterlo far tornare ad essere libero, anche se la maggior parte degli animali, perché li consideriamo domestici diventeranno comuni abitanti della Valle Vegan.
Le pecore e bufali hanno ampi prati e ombre dove pasc
Pubblicato da  luciano  (inviato il 15/12/2007 alle 15:52:24)
 
# 3
dove pascolano tranquillamente, alle tartarughe sono state costruite una zona verde dove non sono minacciate, mentre polli, anatre e oche hanno un meraviglioso luogo dove poter picchettare, bagnarsi e muoversi liberamente, e conigli, cavie e cincillà Inoltre dispongono di strutture sotto alberi da frutto.
Nel caso di cani e gatti, si è al lavoro per ottenere le loro adozioni in una nuova casa.
Vegan valle è anche un centro di lotta contro le attività di caccia e di sorveglianza contro branconieri, comuni nella zona. Inoltre, il sito web funge da punto di incontro per la difesa dei movimenti di animali in Italia.
Come un contrappunto al rispetto per gli animali Piero e Daniela hanno deciso di mantenere nella Valle Vegan quello che chiamano "La stanza degli orrori". In questo luogo, vengono raccolte tutte le apparecchiature che sono state utilizzate per la macellazione di animali, oppure per amputare e squoiare in cui l'ex proprietario della fattoria nascondeva per la caccia in una struttura nella zona, insieme alle scorte, obbligazioni e trappole.
valle vegan è un esempio per la nostra società, un sito che serve a sensibilizzarci e ad educarci alla comprensione del mondo animale. Chissà , quello di Piero e Daniela non è l’uncio posto , e presto cessarà di essere un enclave nascosto tra le montagne e di un unico roccaforte. Forse molti altri si sveglieranno domani, avendo avuto lo stesso sogno e di decidere, con coraggio, di trasformarlo in realtà.


Silvia Barquero e Luis Moreno
Membri della Fondazione Equanimal

Pubblicato da  luciano  (inviato il 15/12/2007 alle 15:53:46)
 
# 4
Fighissimo!!! "Un ejemplo para nuestra sociedad" VERDAD!
Pubblicato da  lori  (inviato il 15/12/2007 alle 22:22:14)
 
# 5
Tante grazzie ai fratelli animalisti italiani. Alla spagna la lotta per il diritti dei animali e molto dura. Ciabiamo 40 anni di ritardo con il resto dei paessi circondanti e il politici sono ancora gente senza cuore e inteligenza. Ma cuando la lotta e dura, i duri lottano.
Hasta la Liberacion Animal Siempre.
Luis (Luvi) Equanimal.
Pubblicato da  Luvi  (inviato il 19/12/2007 alle 12:13:40)
 
# 6
Ciao Luis, ciao Silvia, ciao Oscar, ciao Eladio! Grazie grazie grazie a voi. Tutti da qui seguiamo le vostre azioni... siete grandi! Purtroppo c'è sempre molto da fare, in Italia come in Spagna. Vallevegan è sempre qui per voi.

Hasta la Liberacion Animal Siempre!
Pubblicato da  Piero.  (inviato il 19/12/2007 alle 12:44:06)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source