RIFUGIO Vieni? Sostienici!
venerdì 23 agosto 2019   # Utenti online n.167 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
 
Aggiornamenti su Simone.
Pubblicato da Piero il 06/11/2007 alle 08:05:05, in Notizie sparse, letto 1182 volte

ITALIANO ARRESTATO IN SPAGNA.

Il senatore di 'Insieme con l' Unione' Mauro Bulgarelli ha presentato un'interrogazione al ministro degli Esteri sul caso di Simone Righi, il trentaseienne bolognese in carcere a Cadice dopo essere stato arrestato dalla polizia spagnola nel corso di una manifestazione organizzata da associazioni animaliste per denunciare i maltrattamenti e la soppressione degli animali all'interno del canile-pensione di Puerto Real. Bulgarelli chiede al Governo di "esigere l' immediata scarcerazione del connazionale, la cui vita e' in pericolo in conseguenza della violazione dei suoi diritti fondamentali da parte delle autorita' spagnole". In quel canile, ricorda Bulgarelli, Righi e la sua compagna avevano lasciato in custodia a pagamento i loro tre cani per alcuni giorni, poichè dovevano spostarsi in un'altra città spagnola per lavoro. Al loro ritorno, i due italiani hanno scoperto che invece gli animali erano stati soppressi e hanno denunciato il proprietario della pensione. L'associazione animalista 'El Rifugio' ha indetto nei giorni successivi una manifestazione, regolarmente autorizzata, alla quale hanno preso parte oltre 2000 persone, tra le quali Righi e la compagna. Una volta giunta in prossimita' della sede del Comune di Cadice, il corteo e' stato sciolto dalla Guardia Civil, che ha individuato tra i manifestanti Righi e, dopo averlo violentemente percosso, lo ha arrestato. Da quel momento e' iniziata per il nostro connazionale un'autentica odissea'. 'Come dimostrano le riprese video di numerose tv spagnole presenti alla manifestazione - spiega Bulgarelli - Simone e' stato accerchiato da cinque poliziotti e picchiato selvaggiamente. E' stato quindi caricato su una macchina della Guardia Civil e portato in commissariato. Qui risulta sia stato privato di assistenza legale per circa 20 ore, e l'avvocato di fiducia, presentatosi la sera stessa al Commissariato, sarebbe stato bruscamente invitato ad andarsene. Le accuse a carico di Simone, che non si e' reso colpevole di alcun atto di violenza, sono incredibili: tentato attentato all'incolumita' del sindaco di Cadice e resistenza e disobbedienza agli agenti e funzionari pubblici, reati per i quali il codice penale spagnolo prevede una pena fino a 6 anni di reclusione. Da quasi un mese Simone e' in carcere in attesa di giudizio, nonostante lo stesso sindaco e la sua guardia del corpo, convocati dal magistrato per il riconoscimento, abbiano affermato soltanto di averlo visto tra i manifestanti e di "aver temuto che egli potesse rendersi protagonista di atti di intemperanza''. 'Sono scandalizzato per questo trattamento riservato a un nostro concittadino - afferma il parlamentare - che, oltre ad aver dovuto sopportare la soppressione illegale dei suoi animali, si trova ingiustamente in carcere. Una cosa inconcepibile, soprattutto perche' Righi e' malato, e nel periodo trascorso in galera ha perso 10 chili di peso. Si tratta di una vicenda ai limiti della realta''. (ANSA).

 

 

Se volete scrivere a Simone in carcere, riceverà molto volentieri le vostre lettere di solidarietà !


Questo è l'indirizzo:


para: SIMONE RIGHI - INGRESO -
CENTRO PENITENCIARIO DE PUERTO II
CTRA.JEREZ - ROTA, KM 5,4
11500 - PUERTO DE SANTA MARIA - ESPAÑA

 


Se volete mandare una donazione per aiutare Simone ed Anna a sostenere le spese legali,
questi sono i riferimenti del c/c bancario aperto in Spagna a questo scopo:
IBAN: ES5400190194114930004193 - CODICE SWIFT : DEUTESBB - intestato a: Angelagiovanna Fiori

 

Questa è la spesa sinora sostenuta >> - Serviranno in seguito oltre 6000 euro.

 

Abbiamo chiamato la raccolta fondi: "Per due come noi" perchè è proprio così che stanno le cose: due persone come noi, come tutti noi che abbiamo almeno un quattrozampe al seguito, per avere scoperchiato una pentola in ebollizione, stanno rischiando grossi guai...

 

Se volete ricaricare la carta di Simone, queste sono le istruzioni:

CODICE DI 16 CIFRE: 4329 3065 4195 2757 (scad. 11/2011)
Può essere ricaricata da tutti gli sportelli bancomat di tutto il circuito Sanpaolo IMI mediante una qualunque carta bancomat o una qualunque carta di credito VISA/MASTERCARD al costo di 50cent. Basterà inserire la carta con la quale si intende effettuare la ricarica e seguire le istruzioni alla voce "ALTRE OPERAZIONI", digitare il cod. di 16 cifre e digitare l'importo che si vuole trasferire. Oppure in contanti presso filiali sempre San Paolo IMI o con addebito in conto al costo di euro 2,5 oppure attraverso il sito www.cartasi.it per possessori di carta di credito o chiamando il numero 800-151616. Il Gruppo Sanpaolo IMI comprende: CARISBO-San Paolo IMI- Banco di Napoli- CARIPARO-BANCA INTESA-BANCA DELL'ADRIATICO-CASSA RISP. FORLI'-CASSA RISP. VENEZIA-MEDIOBANCA-BANCO SANTANDER CENTRAL HISPANO - MONTE PASCHI

 

Nel caso in cui lo Stato italiano proceda a pagare le spese legali (come da richiesta avviata), Anna chiede autorizzazione a destinare i fondi per i randagi della zona di Cadiz, ovvero devolvendoli alle associazioni del posto, aventi l’unico ed esclusivo fine quello della tutela e protezione animali. In questo caso, verrete messi al corrente della destinazione precisa del fondo monetario via mail, e vi invitiamo dunque cortesemente a scriverci se siete d'accordo, via mail. Grazie !!!

 

Visitate il sito www.dogwelcome.it  per ulteriori informazioni e aggiornamenti.



 

 

 

 

 
# 1
La prima volta che ho letto questo articolo su internet ho pensato immediatamente al Parrelli.

Pubblicato da  Simone.  (inviato il 06/11/2007 alle 18:34:30)
 
# 2
Sembra quasi una leggenda metropolitana...
Pubblicato da  dev0tchikhchtchatka  (inviato il 06/11/2007 alle 19:06:25)
 
Testo (max 5000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link
 
no spam! Inserite le 4 cifre che trovate qui a sinistra nell'immagine (procedura antispam)
 
Disclaimer
Le eventuali discussioni degli utenti sono soggette alle regole della Netiquette.
I gestori del blog si riservano il diritto di rimuovere i messaggi non ritenuti idonei alle finalità del sito, senza tuttavia assumersi alcun obbligo di verifica in merito.
Unici responsabili della veridicità e correttezza dei dati inviati nonché delle opinioni espresse sono esclusivamente gli autori dei messaggi.
La Fondazione ValleVegan non può in nessun caso essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da estranei.
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Can not load XML: End tag 'head' does not match the start tag 'link'. Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source