\\ Home : Intervento : Stampa
Il vero volto di Prada
Pubblicato da marco il 03/03/2009 alle 17:44:36, in Notizie sparse, letto 1520 volte
Il 7 marzo 2009 la Clean Clothes Campaign (CCC) insieme al sindacato turco Deri Is organizzeranno una giornata di mobilitazione internazionale nei confronti di PRADA per denunciare la situazione di continua repressione del diritto dei lavoratori e delle lavoratrici della DESA, sua azienda fornitrice, ad organizzarsi in un sindacato libero.

Le mobilitazioni avverranno contemporaneamente a Milano, Londra, Parigi, Madrid e Istanbul. Maggiori info su: www.abitipuliti.org

44 persone della DESA, azienda turca che produce prodotti di lusso per il mercato europeo, sono state licenziate dopo essersi iscritte al sindacato DERI IS per cambiare le proprie condizioni di lavoro in fabbrica, dati i bassissimi salari, gli orari di lavoro eccessivi e le precarie condizioni di igiene come l�assenza di servizi igienici e di acqua potabile.

Avere un sindacato è un diritto non un lusso e i lavoratori hanno diritto ad un salario dignitoso.
PRADA e tutte le imprese committenti hanno la responsabilità di assicurarsi che i diritti dei lavoratori siano rispettati in tutta la filiera produttiva.

Per sensibilizzare l�opinione pubblica sul vero prezzo del lusso, la Campagna Abiti Puliti, sezione italiana della CCC, porterà in Italia una delegazione di sindacaliste turche composta da Emine Arslan e Nuran Gulenc, protagoniste della lotta che quasi un anno stanno conducendo insieme a molte altre donne e uomini della DESA per rivendicare il diritto fondamentale sancito dalle convenzioni internazionali alla libera associazione sindacale.

Per far notare quale sia il vero prezzo del lusso, sulla pelle degli umani come su quella degli animali, Abiti Puliti e Campagna AIP saranno insieme davanti al negozio PRADA di Milano anche contro le pellicce.
Prada si distingue infatti non solo per i casi citati di sfruttamento dei lavoratori, ma anche per un ruolo di spicco nell'utilizzo e nella promozione dei capi in pelliccia, derivanti dall'uccisione e lo scuoiamento di animali.

Prada è uno dei nomi italiani della moda che utilizza il maggior quantitativo di pelli di foca.
La caccia delle foche in Canada, che avviene ogni anno nel mese di marzo e che sta per cominciare nuovamente nei prossimi giorni, uccide 300.000 di questi splendidi animali.
La più grande strage di mammiferi marini nel mondo. Le distese di ghiaccio coperte dal sangue delle foche e le scene dei cacciatori con gli arpioni che li uccidono a colpi sulla testa sono state trasmesse da molte televisioni e non mancano ogni anno di fare scalpore e creare attenzione sulla moda delle pellicce, una vanità basata sulla sofferenza e di cui vogliamo denunciare la complicità di PRADA.
Appuntamento:

SABATO 7 MARZO - ORE 11.00
Davanti a PRADA, Corso Venezia 3, Milano
Nello stesso pomeriggio si svolgeranno anche due proteste davanti a negozi Max Mara nel centro di Milano:

Ore 15.00 davanti a Max&Co, Via Dante 7
Ore 17.00 davanti a Max Mara, Corso Genova 16