\\ Home : Intervento : Stampa
Escursione Vegana. Selva di Malano
Pubblicato da Piero il 31/01/2008 alle 21:10:32, in Notizie sparse, letto 2560 volte

Escursione alla Selva  di Malano (m.263) domenica 10 Febbraio 2008

.

La Selva di Malano si trova tra Viterbo e Bomarzo. Sarà un itinerario di 5,30 ore di cammino (ad una andatura normale ed escluse le soste), con 100 metri di dislivello. Sarà un percorso ad anello. Attraverseremo tratti di campagna coltivata a nocciolo e poi boschi intricati che hanno avvolto ruderi etruschi e poi romani. Tra questi ruderi è particolare la presenza di due monoliti scolpiti con una gradinata che vengono chiamati Sassi del predicatore dove si pensa che i sacerdoti etruschi salissero per fare le loro divinazioni guardando il volo degli uccelli. Si arriverà alla rupe di Corviano dove si trovava un villaggio preistorico che utilizzava le caverne che forano le pareti di tufo che costituiscono la rupe. Questa volta non avremo la necessità di effettuare guadi, se non uno che però è facoltativo e può essere evitato.

.

Appuntamento ore 8.30 al parcheggio del benzinaio TOTAL de LA STORTA. Dal raccordo prendere la CASSIA normale(evitare la CASSIA BIS) direzione Viterbo. Dopo qualche Km si supera sulla Ds il benzinaio AGIP della Giustiniana, poco dopo si seguono le indicazioni a Ds per CASSIA Viterbo, e poco dopo ancora si arriva a LA STORTA, sulla Sn c'e' un campanile e sulla ds c'e' un benzinaio TOTAL. Dopo l’appuntamento continueremo lungo la Cassia, dopo aver raggiunto Viterbo prenderemo la superstrada per Orte che abbandoneremo all’altezza di Vitorchiano per portarci, in breve, nella zona della nostra escursione, che si trova poco prima di Bomarzo. Prego chi vuole venire di contattarmi nei giorni precedenti e di darmi un recapito perché  a seconda delle condizioni del tempo potremmo fare dei cambiamenti di appuntamento.

.

Consigli per le cose da portare:
1) Innanzi tutto si consiglia l’utilizzo di scarponcini da trekking. Sono comodi, si fatica di meno perché fanno più presa nel terreno, proteggono dalle storte.
2) Uno zainetto da portare a spalla dove vanno messe le varie cose.
3) Almeno un litro d’acqua a persona.
4) Pranzo al sacco. Non esistono rifugi gestiti come sulle Alpi, per cui per il pranzo bisogna essere autosufficienti.  Invito caldamente tutti i partecipanti (vegan, vegetariani,e simpatizzanti in transizione) a portarsi per questa escursione un pasto vegan (senza animali e derivati).
5) Abbigliamento: durante le escursioni ci si veste a strati, perché si può passare dal molto caldo al molto freddo nel giro di  poco tempo. Come calzoni vanno bene un paio di blue jeans comodi o i pantaloni di una tuta. Consiglio poi una camicia a maniche lunghe, un pile o un maglione, un giubbotto di sicurezza per la pioggia e da mettere comunque se fa freddo, un berretto, dei guanti.
6) in macchina lascio un paio di scarpe da ginnastica e un paio di calzettoni di ricambio da mettere al ritorno. Dopo avere camminato è buona norma cambiarsi i calzettoni e gli scarponcini (questi ultimi possono essere infangati, fanno traspirare poco il piede, rendono difficile la guida della macchina).
7) in macchina lascio anche una t-shirt di riserva per cambiarmi al ritorno dell’escursione e mettermi un indumento pulito.

.

Il mio cellulare è 338 11 63 040 e la mia mail è titoferretti@libero.it chi è interessato a venire è pregato a contattarmi nei prossimi giorni.
La gita è gratuita!

.

ciao Tito