\\ Home : Intervento : Stampa
Il ragazzo che non voleva uccidere
Pubblicato da marco il 05/12/2007 alle 15:09:12, in Notizie sparse, letto 1050 volte
Roman Belousov sta ora facendo ricorso in tribunale contro il professore per far cambiare la decisione. Vuole che gli sia concesso di studiare biologia senza fare sperimentazione pratica.

Studente di primo livello, Roman Belousov non è certo il tipo di persona che ti immagineresti venire espulsa da una delle prestigiose università della Russia. Vegano, amante degli animali, è per le sue convinzioni che è finito nei guai.

Il corso di microbiologia prevede di sezionare rane vive, roditori e conigli: ciò che lui si è rifiutato di fare. Belousov ritiene che tali operazioni vanno contro la sua etica e non sono necessarie per la sua carriera.

"Mi sono rifiutato di sperimentare sulla rana, perché dovevo immobilizzarla e operare snza anestesia. Credo che questi esperimenti non hanno senso, specialemente per chi non è interessato a lavorare sugli animali in futuro" afferma Belousov.

Rifiutandosi di partecipare agli esperimenti Belousoiv ha fallito alcune prove e sarà costretto a ripetere l'anno per la terza volta.

Ora però porta in tribunale il preofessore per far valere il suo diritto a studiare senza l'obbligo di sezionare animali. Chiede di poter fare altre prove, tipo le simulazioni al computer.

Tecniche informatiche, modelli e animali morti di cause naturali sono largamentie impiegati in Europeùa e Stati Uniti come altrenative alla vivisezione.

http://www.russiatoday.ru/news/news/17518