\\ Home : Intervento : Stampa
Come eravamo: anno 2005
Pubblicato da Piero il 13/08/2007 alle 21:20:19, in Notizie sparse, letto 1284 volte

BISTURI SPEZZATI

MOSTRA FOTOGRAFICA SULLA VIVISEZIONE

Progetto ideato e realizzato nella primavera del 2005 da Antasophia, AgireOraRoma, Emergenzanimale.

.

.

.

.

.

.

.

.

Pannelli tematici:

1 SCIENZA E DOMINIO

2 IL METODO SPERIMENTALE

3 L'ETICA DELLA SPERIMENTAZIONE

4 LA PSICOLOGIA SPERIMENTALE

5 LA SPERIMENTAZIONE MILITARE

6 LE FRODI FARMACEUTICHE

7 LE FRODI ACCADEMICHE

 

Sia la vita umana che quella animale vengono disciplinate e razionalizzate all’interno di un nesso che non prevede un fuori possibile: il sapere è l’altra faccia del potere. La vivisezione è, in questo orizzonte, l’istanza del puro dominio sulla nuda vita. Agisce come un dispositivo, in modo razionale, crudele e spregiudicato, sulla vita ancora incolume, sul corpo immobile, provocando lo strazio della tortura, la beffa dell’utilità scientifica e la morte. Ora basta, le scuse, o spiegazioni scientifiche che dir si voglia, non reggono più.
Allestire e organizzare una mostra sulla vivisezione vuol dire per noi, studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici, o semplicemente uomini e donne: singolarità qualunque, porre un problema la cui risoluzione è una necessita immediata. Abbiamo scelto come sede Villa Mirafiori, che ospita la facoltà di filosofia e il corso di laurea in lingue, perché riteniamo l’università un luogo ultrasensibile a tematiche politiche, come questa, che vengono di solito marginalizzate.


Nell’era della biopolitica ciò che viene messo in questione non è più, o non soltanto, il controllo del territorio, ma il controllo della vita, come vita dell’essere vivente. È per questo che la fine delle pratiche vivisettive, riguarda ognuno di noi, tanto quanto il corpo di colui il quale sta per essere trafitto da un bisturi.

 

Visita il sito e allestisci una mostra simile:

http://www.bisturispezzati.org/

Attenzione! Immagini e testi forti!

Sito incompleto ma eventi perfettamente riusciti.