\\ Home : Intervento : Stampa
Posizione dei dietisti americani
Pubblicato da monica il 21/06/2007 alle 10:14:32, in Notizie sparse, letto 1166 volte
POSIZIONE DELL'ASSOCIAZIONE DEI DIETISTI AMERICANI SULL'IMPATTO AMBIENTALE DELLE SCELTE ALIMENTARI: CONFERMATO CHE CONSUMARE MENO PROTEINE ANIMALI E PIU' PROTEINE VEGETALI FA BENE ALL'AMBIENTE
L'ADA, l'associazione scientifica dei dietisti americani, nel numero di questo mese della sua rivista ufficiale afferma che ritiene importante "incoraggiare pratiche ecologicamente responsabili" nelle scelte alimentari dei cittadini e, tra queste, uno dei primi consigli sullo "stile di vita personale" e' di "aumentare il consumo di proteine da fonti vegetali".

L'ADA pubblica sul suo sito e sulla rivista varie "Posizioni Ufficiali" (Position Paper) su vari aspetti della nutrizione, "posizioni" sviluppate sulla base dei piu' recenti articoli della letteratura scientifica internazionale. Nel numero di giugno 2007 della loro rivista (Journal of the American Dietetic Association) hanno pubblicato una interessante Posizione dal titolo "I professionisti della nutrizione possono implementare pratiche utili a conservare le risorse naturali e supportare la sostenibilita' ecologica". E' importante che una delle maggiori associazioni di nutrizionisti del mondo riconosca come le scelte alimentari siano basilari quando si tratta si ridurre l'impatto ambientale e fare scelte sostenibili.

La frase che riassume la posizione ufficiale recita "La posizione dell'American Dietetic Association e' quella di incoraggiare pratiche ecologicamente responsabili che conservino le risorse naturali, minimizzino la quantita' di scarti generati e supportino la sostenibilita' ecologica del sistama alimentare - il processo di
produzione del cibo, della sua trasformazione, distribuzione, accesso e consumo".

Nell'articolo vengono citate varie pratiche che i professionisti della
nutrizioni sono invitati a incoraggiare a questo fine, e, tra queste, da
implementare sia a livello di linee guida per i nutrizionisti, che a
livello di scelte di "stile di vita" personale dei singoli cittadini,
appare il consiglio di "aumentare il consumo di proteine da fonti vegetali".

Infatti, afferma l'ADA nel Position Paper, "la scelta alimentare del
tipo di proteine puo' fare una differenza significativa nella quantita'
di energia che consumiamo. In generale, la produzione di proteine
animali richiede 25 kcalorie per ogni caloria prodotta come cibo. La
produzione di proteine dal grano richiede solo 2,2 kcalorie per ogni
caloria prodotta come cibo. [...] Ad esempio, per ogni kcaloria
prodotta, la produzione di pollo richiede 4 kcalorie, per il tacchino
10, per il latte e il maiale servono 14 kcalorie, per le uova 39, per il
manzo 40 e per l'agnello 57".

Anche per quanto riguarda il consumo di terra e di acqua, i cibi animali
sono molto piu' "dispendiosi" di quelli vegetali e quindi hanno un
impatto ambientale molto maggiore. Dichiara infatti l'ADA "i ricercatori
hanno scoperto che per produrre proteine dalla carne serve piu' terra
che per produrre proteine vegetali, da 6 a 17 volte tanto. Inoltre, la
produzione di proteine animali richiede circa 26 volte piu' acqua
rispetto alla produzione di proteine vegetali su terreni non irrigati, e
la produzione di proteine vegetali e' piu' efficiente, come consumo di
energia, rispetto a quella di proteine animali, da 2,5 a 50 volte tanto
(a seconda del tipo di coltivazione praticata)."

Importante il ruolo dei nutrizionisti, secondo l'ADA, per favorire, nei
singoli e nelle comunita', delle scelte alimentari che minimizzino
l'impatto ambientale. I professionisti della nutrizione, infatti
"possono incoraggiare scelte alimentari che siano sia salutari che in
grado di conservare il suolo, l'acqua e l'energia, enfatizzando il
consumo di proteine vegetali e cibi che siano stati prodotti con meno
input. L'ADA incoraggia i professionisti della nutrizione a informarsi
sui benefici e limitazioni dell'agricoltura biologica per contribuire
allo sviluppo di sistemi alimentari sostenibili" .

Il Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione (NEIC) - un
comitato scientifico interdisciplinare preposto allo studio degli
impatti ambientali e sociali delle scelte alimentari - non puo' che
dichiararsi d'accordo ed accogliere con soddisfazione questa presa di
posizione dell'ADA.

Fonte:
Position of the American Dietetic Association: Food and Nutrition
Professionals Can Implement Practices to Conserve Natural Resources and
Support Ecological Sustainability, Journal of the American Dietetic
Association, June 2007, Volume 7 Number 6

Comunicazione del NEIC - Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione
http://www.nutritio necology. org - info@nutritionecolo gy.org