\\ Home : Intervento : Stampa
ER CACCIATORE
Pubblicato da Claudia (Nefertari77) il 19/06/2007 alle 09:50:00, in Diario di ValleVegan, letto 1175 volte

 

Giuseppe Gioacchino Belli

Er cacciatore

Fijjolo, me seccate inutirmente.
D’un cacciatore io poco me ne fido.
Nun me guardate fisso, ché nun rido.
Fijjo caro, io nun sposo scerta ggente.

Come! sorprenne (1) e condannà a lo spido (2)
una povera passera innoscente,
che a vvoi nun v’odia e nnun v’ha ffatto ggnente,
e sta pper fatto suo drentar zu nido!

Io la penzo pe mmé cche un cacciatore
che ggode tanto d’ammazzà un uscello,
nun pò èsse (3) un cristiano de bbon core.

Bella raggione! Ah, ddunque perché cquello
è ppiccinino, nun zente er dolore
comun omo a lo sfràggneje er cervello?

settembre 1835

(1) Sorprendere. (2) Spiedo, in senso di schidione. (3) Non può essere, ecc.