RIFUGIO Vieni? Sostienici!
sabato 23 ottobre 2021   # Utenti online n.907 #

Mappa Vegana Italiana
Mappa Vegana Italiana: clicca e iscriviti
Le nostre NEWS
Per sezione:
Per mese:
india
Ultimi 15 commenti:
la «valle incantata»
gatto
la flora y la luna
Sondaggi
Vaccinare un animale "domestico": è necessario?
 Sempre, bisogna pensare all'individuo di cui ci prendiamo cura
 Solo per i cuccioli, sono troppo deboli e senza intervento esterno rischiano di morire. Da adulti se la cavano
 Mai, i vaccini sono testati su molti altri animali e per salvarne uno se ne condannano molti altri
 No, non servono anche perchè la natura deve fare il suo corso
 Non so, non escludo la vaccinazione ma valuto di volta in volta

Visualizza i risultati  o
Home/Storico
Tutti gli articoli.
Ordine cronologico: ascendente (il più recente in coda).
[inverti l'ordine]
 
Pubblicato da Piero il 15/02/2008 alle 20:12:42, in Notizie sparse, letto 1537 volte
Modena è una città famosa per tante cose, anche per il suo grande amore per gli animali………
Eppure questo posto……queste gabbie……questi resti di poveri cani…..sono proprio a Modena, a pochi chilometri dal Centro storico …
e nonostante l’articolo pubblicato sulla cronaca cittadina, a quasi 2 settimane di distanza, tutto è rimasto uguale. Non solo sono stati ignorati da vivi …..ma anche da morti .
Dove erano e dove sono le istituzioni che, anche in base all’articolo, erano informate dei fatti….perchè nessuno ha fatto nulla nè prima e ….neanche dopo? ….
E’ questo il benessere animale di cui tanti si riempiono la bocca…….?
Come associazione scriveremo agli uffici competenti e chiederemo spiegazioni affinché una situazione del genere non si ripeta MAI PIU’…
Invitiamo tutti a chiedere spiegazioni a:

sindaco@comune.modena.it  Sindaco
gorlando@comune.modena.it  Assessore all’Ambiente
ambi004@comune.modena.it   Ufficio Diritti Animali
.
Fonte: www.centrosoccorsoanimali.it
 
Pubblicato da cristiano il 15/02/2008 alle 21:33:32, in Notizie sparse, letto 1348 volte
[http://www.repubblica.it/2008/02/sezioni/scienza_e_tecnologia/animali-clonati/animali-clonati/animali-clonati.html]
(leggere l'articolo prima)

la vivisezione prende in giro pure chi la sovvenziona. e la sovvenziona pure tanto, a botte di 150.000 US$ per volta!

«...la società si aspetta centinaia di ordinazioni di questo tipo nei prossimi anni. Potrebbero anche essere clonati cani addestrati a scovare bombe o droga. E, nel momento in cui "la clonazione diventerà un'industria - spiega il direttore marketing della RNL Bio, Cho Seong-Ryul - il costo per un cane potrebbe scendere fino a una cifra inferiore a 50.000 dollari"»

come si fa a far credere che un animale clonato venga fotocopiato pure nei sentimenti, nell'affetto, nell'abilità raziocinante [perché si ammette implicitamente che lo siano, "raziocinanti"!], nella scaltrezza...?
come si fa, come si fa!

quand'è che cloneranno gli umani a fini commerciali, eh?

che cosa aspettano?
non vedo l'ora...
 
Pubblicato da Piero il 16/02/2008 alle 11:15:40, in Notizie sparse, letto 2702 volte

Riceviamo dai nostri amici spagnoli Luis e Silvia il resoconto delle loro attività di disturbo venatorio. Appoggiamo il nuovo sito web per l'attivismo anticaccia in Spagna. Soliderietà all'amico Eladio per l'arresto e per l'aggressione subita!

.

El II Boicot a la Caza del Zorro celebrado en el municipio de Portomarín (Lugo) contó ayer con la participación de 60 activistas de Equanimal. Nuestros activistas, llegados de numerosos puntos de nuestra geografía, junto a asociaciones animalistas y ecologistas locales, dificultaron al máximo la actividad de los cazadores participantes en el V Torneo de la Caza del Zorro, con el objetivo común de salvar al mayor número de animales posible.

.

Los activistas, organizados en pequeños grupos, seguimos a las distintas cuadrillas de cazadores por las zonas de batidas.

.

"Armados tan sólo con silbatos, conseguimos hacer el ruido suficiente para alertar a estos animales y alejarlos de las zonas de caza, impidiendo así que les dieran muerte."

.

Este año y, conocedores de que nuestra presencia el año anterior dificultó enormemente su actividad, los cazadores se movilizaron para intentar despistarnos y alejarnos de las zonas donde realmente pensaban cazar. Entre nuestras furgonetas y los vehículos todo terreno de los cazadores, dispusieron uno o varios vehículos para impedirnos seguirles, llegando a poner en peligro nuestra seguridad con maniobras irregulares y adelantamientos arriesgados.

.

En el monte la situación fue haciéndose cada vez más tensa.

.
Fuimos testigos de la crueldad con la que los cazadores tratan a sus perros, a la vista del lamentable estado en el que éstos se encontraban: sucios, extremadamente delgados e incluso con heridas provocadas por el transporte utilizado: remolques con minúsculas jaulas donde los animales tenían que amontonarse.

.

"Nuestros activistas se enfrentaron a situaciones de todo tipo: fuimos encañonados, amenazados y agredidos verbal y físicamente. Pese a todo, y conscientes en todo momento del peligro, ninguno abandonamos."

.

Cuando constataron que por medio de la fuerza no iban a conseguir que cesara nuestra actividad, optaron por atacarnos de la manera que más nos podía afectar. Uno de nuestros grupos de activistas, encontró a su paso un zorro muerto que los cazadores habían colgado de un árbol, en un estado que demostraba una crueldad infinita y un ínfimo respeto por la vida. Nuestros voluntarios no pudieron hacer otra cosa que enterrar al animal para que al menos no pudieran hacer gala de su trofeo.

.

Los cazadores, llegaron a la conclusión de que hicieran lo que hicieran no íbamos a permitirles matar animales, por lo que su última táctica fue requerir la presencia policial para que intentaran disolvernos.

.

Sin duda, el momento más tenso se vivió cuando Eladio Ferreira, Director de Equanimal, fue detenido con violencia por negarse a entregar su megáfono a los agentes de la autoridad. Pese a que la misión de los agentes era la de velar porque se respetara normativa de caza y evitar incidentes entre 300 cazadores armados con escopetas y 60 activistas armados con silbatos, la única detención producida fue la de un activista que se negó legítimamente a abandonar su lucha para salvar a los animales y a entregar su arma: un simple megáfono. Pese a las órdenes iniciales de pasar todo el domingo en los calabozos de la Guardia Civil al ser detenido en domingo fue puesto en libertad a las 18:00 horas después de tomarle declaración un funcionario de guardia. Las lesiones sufridas no son graves aunque a día de hoy mantiene dolores en el costado izquierdo y espera recuperarse en menos de una semana.

.

Afortunadamente, los medios de comunicación que acudieron, fueron más que testigos de todo lo acaecido, ya que ellos no recibieron mejor trato por parte de los cazadores que nosotros.

.

La jornada finalizó con una concentración en la plaza del pueblo, donde los cazadores acostumbran a exponer a los indefensos animales a los que han dado muerte. Este año no contemplamos la triste imagen de los cuerpos inertes de estos preciosos animales tiñendo el suelo con su sangre. La plaza, en lugar de ser la exposición de la barbarie, se convirtió en el símbolo de nuestro triunfo. Una plaza llena tan solo con nuestros activistas, nuestras pancartas, nuestro mensaje de repulsa contra cualquier acto que suponga la explotación o la privación de vida a cualquier animal.

.

Ni nosotros ni los medios de comunicación desplazados a la zona conseguimos acceder al sitio donde los cazadores expusieron sus macabros trofeos, por lo que no podemos confirmar ni desmentir que el número de animales asesinados haya sido efectivamente el que ha facilitado la Federación de Caza. Sin embargo, podemos dar testimonio de que la mayoría de nuestros grupos consiguieron su objetivo: que los cazadores no lograran abatir a ningún animal.

.

Nos fuimos con tristeza por los animales que no logramos salvar debido a que no había suficientes activistas para seguir a todas las cuadrillas de caza, pero también con satisfacción por haber conseguido nuestro objetivo: salvar el mayor número de animales posibles, poniendo todo nuestro empeño e ignorando el frío, el cansancio, las amenazas y las agresiones sufridas.

.

Queremos dar las gracias a todos nuestros activistas, voluntarias y voluntarios, así como a los compañeros de las asociaciones que participaron de la convocatoria y otras que no pudieron asistir pero que la apoyaron, tanto de Galicia como otras partes del Estado: "LIBERA!", “Verdegaia”, “Matarpormatar,non”, “ADEGA”, “Amigos da Terra”, “Ecologistas Extremadura”, “Altarriba”, “Colectivo Ecologista do Salnés”, “Grupo GAS”, “PACMA”, “SEO-Birdlife”, “Sociedade  Ecoloxista Outeriro”, “Sociedade Galega de Historia Natural”, “Anadel”, Grupo Hábitat”; desde México: “Komchén de los pajaros”, “Asociación Autónoma de Ayuda a los Animais, A.C.” Y por supuesto a todas los particulares que allí estuvieron en esta lucha por salvar vidas, ya que sin su presencia, no habríamos podido salvar a tantos animales como hicimos.

.

"Amenazas, agresiones y detenciones no impedirán que volvamos. Volveremos, tanto a este lugar como a cualquier otro donde la vida de cualquier animal corra peligro."

.

En la próxima acción esperamos ser más. Únete a nosotros. Salva vidas. Apóyanos.

 
Pubblicato da Piero il 17/02/2008 alle 14:43:27, in Notizie sparse, letto 1907 volte

La Cena della Valle dei Sogni

Lo Scudo di Pan e Progetto Vivere Vegan vi invitano a "La Cena della Valle dei Sogni". Cena vegan il cui ricavato sara' utilizzato per acquistare croccantini AMI (100% vegetali) per gli ospiti a quattro zampe di Valle Vegan (www.vallevegan.org). Valle Vegan e' un rifugio vicino Roma dove sono ospitati animali scampati al macello, randagi o salvati dai laboratori di vivisezione. Noi vorremmo contribuire alla loro attivita' con un piccolo contributo.

La Cena della Valle dei Sogni si terra' domenica 17 febbraio alle 20,30 al ristorante Blusol in piazza San Gemignano ad Arezzo

Menu'


Carpaccio di grano in salsa 
Involtino primavera di seitan e tofu 
Alghe arame marinate

Lasagne rosse alla "Sicilienne" 
con ragù di soia e melanzane

Seitan alla trevigiana e misticanza

Mousse di cioccolato con panna vegan e mandorle 

Vino e acqua

€25

Per prenotazioni telefonare al numero 0575 302420

Lo Scudo di Pan www.loscudodipan.org
Progetto Vivere Vegan Onlus  www.viverevegan.org

Valle Vegan www.vallevegan.org
AMI http://ami.aminews.net/
 
Pubblicato da Piero il 17/02/2008 alle 20:22:15, in Notizie sparse, letto 1571 volte

Attivamente dalla parte degli Anfibi e della Piccola Fauna
 

Molte regioni italiane risultano fortemente frammentate a causa di una diffusa ed eccessiva rete stradale. Estremamente negativo è l’impatto di queste infrastrutture  sugli habitat e le popolazioni della piccola fauna terricola. Tra questi ben note sono le conseguenze per le popolazioni di Anfibi, che durante il loro ciclo di attività si spostano abitualmente dai siti di alimentazione e svernamento a quelli di riproduzione. Nel loro incedere lento e goffo durante il crepuscolo e le ore notturne essi vanno immancabilmente incontro ad ecatombi sulle strade che sono costretti ad attraversare.

.

Tra il 1986 e il 1990 censimenti mirati in diversi tratti stradali della Lombardia (Ferri, 1998, 2004) hanno permesso di stimare in più di un milione gli esemplari adulti di Anfibi uccisi dal traffico automobilistico sulle strade lombarde. Nello stesso periodo, a causa delle trafficatissime strade che circondano le sponde, sono state accertate estinzioni di importanti popolazioni di rospo comune (Bufo bufo)   che scendevano a riprodursi, almeno fino agli anni Settanta, nelle acque del Lago di Como (Cadenabbia, Gravedona, Menaggio, Piona, Colico). Sempre per il traffico veicolare nei territori circostanti decine di chilometri di queste strade peri-lacustri (dal Lago Maggiore al Lario, dal Lago di Lugano al Lago d’Idro, al Lago di Garda, oggi questi Anfibi sono una presenza eccezionale.  Oltre al rospo comune sono risultate decimate dal traffico stradale le popolazioni di rane verdi (Rana kl. esculenta), di Rana temporaria, Rana dalmatina e Rana latastei.

Si è ritenuto così  urgente ricorrere alle iniziative già sperimentate in altri Paesi (Svizzera, Olanda, Gran Bretagna) per ridurre l’incidenza deleteria del traffico veicolare sulle popolazioni ancora vitali.

Dal 1990 è stato così attivato e promosso da Vincenzo Ferri il "Progetto ROSPI": per garantire le trasmigrazioni stagionali e gli spostamenti tra i diversi habitat delle grosse popolazioni lombarde di Anfibi, per promuovere altre attività di conservazione attiva e di censimento e per aumentare l’interesse generale verso le problematiche di salvaguardia di tutta la Piccola Fauna.

.

Sotto il coordinamento scientifico generale di V.Ferri e con il patrocinio della Regione Lombardia (oggi della Direzione Generale Qualità dell'Ambiente), a partire dal 1991 sono stati formati e attivati gruppi di volontari (Guardie Ecologiche Volontarie, attivisti di associazioni protezioniste e animaliste, studenti di scuole superiori e appassionati) nelle località interessate da importanti trasmigrazioni di Anfibi. Sono stati raccolti giornalmente i diversi dati del salvataggio con apposite schede, per implementare a fine anno  la Banca-dati generale del "Progetto ROSPI" (che dal 1997 è gestito e promosso dal Centro Studi Arcadia© - info@centrostudiarcadia.it)

Sulla base dei dati dei conteggi annuali effettuati a partire dal 1992 nelle diverse località oggetto di campagne di salvataggio Anfibi in Lombardia nell'ambito del "Progetto ROSPI" è stata costituita una banca-dati generale (DB Microsoft AccessÒ) utilizzando l'architettura proposta dalla D.A.P.T.F., Declining Amphibian Populations Task Force, (Wilkinson, 2000). Dal 1998 è stato possibile sintetizzare in modo omogeneo questi dati e produrre tabelle riassuntive per ciascuna località. L'analisi di questi dati permetterà le giuste valutazioni sulla numerosità, il rapporto sessi e le dimensioni di maschi e femmine delle principali popolazioni  italiane di Bufo bufo per affrontare "su base scientifica e non solo politica, la programmazione degli interventi di conservazione attiva sul territorio" (Giacoma, 2000).

Trattandosi di conteggi effettuati durante le trasmigrazioni riproduttive, mancano per ora dati sugli stadi giovanili e sulle popolazioni in generale, compresa anche la parte non riproduttiva.

Dalle 2 località di salvataggio iniziali del 1992, in provincia di Bergamo (Sponda sinistra del Lago d’Endine e Località Zu del Lago d’Iseo), si è passati alle attuali  47 in 5 Regioni e 13 province  (vedi elenco generale).

I  volontari, che  nel  1991 erano soltanto una cinquantina sono stati nel 2005 circa ottocento.

In tutte le località  sono state posizionate barriere di contenimento temporanee  costituite da teli di polietilene sostenuti da picchetti in ferro o legno, lastre in materiale plastico o rete a maglia stretta, con o senza secchi-trappola. Lungo la sponda orientale del Lago d’Idro, per la prima volta, sono state installate nel 1998 barriere fisse,  prodotte con plastica riciclata appositamente sagomata. In diverse localita' sono stati realizzati appositi condotti sottostradali per facilitare le trasmigrazioni degli Anfibi. Significativo il successo di tali iniziative: dai circa 9.000 Anfibi salvati nel 1992  si è passati  ai  più di  138.000 del 2004 (tabella 1).

I salvataggi hanno interessato 16 specie di Anfibi (Salamandra salamandra, Salamandrina terdigitata, Triturus carnifex, T. vulgaris meridionalis, Bombina variegata, Bombina pachypus, Bufo bufo, Bufo viridis, Hyla intermedia, Rana temporaria, Rana italica, Rana dalmatina, Rana latastei, Rana kl. esculenta, Rana kl. hispanica).  Il rospo comune è la specie più  “salvata”  (dal 66 al 68% degli Anfibi totali negli ultimi tre anni), seguito da Rana temporaria, Rana dalmatina e Rana latastei.

.

L’aumento progressivo dei punti di salvataggio e dei volontari coinvolti annualmente dimostra la validità di questo  programma regionale di salvataggio Anfibi. Le vecchie e nuove campagne di salvataggio potranno continuare se non verrà meno la disponibilità dei Volontari e la fattiva collaborazione delle amministrazioni competenti, che devono emanare per tempo ordinanze per  la limitazione di velocità del traffico locale, autorizzare il posizionamento di cartelli o  di segnalazioni  a luce intermittente e ricercare i fondi per costituire sistemi risolutivi (quali barriere fisse e tunnels).

L'esperienza e l'esempio del "Progetto ROSPI" in Lombardia sono serviti in questi anni per l'attivazione o la programmazione di altre simili iniziative italiane (p.e. in Provincia di Torino; Progetto "Bufo bufo" del WWF Toscana; Progetto Anfibi Abruzzo; Progetto Piccola Fauna Marche; Progetto LAC Veneto in Montello).

 

Maggiori informazioni: http://www.centrostudiarcadia.it

 
Pubblicato da Piero il 18/02/2008 alle 14:51:44, in Mappa Vegana Italiana, letto 7642 volte

Troglodita Tribe S.p.A.f. (Società per Azioni felici) e ValleVegan presentano: la Mappa Vegana Italiana.

.

Dal desiderio di favorire le richieste, i bisogni, gli scambi e gli incontri fra persone vegan, dal desiderio di dar loro energia affinchè possano svilupparsi nuovi rapporti e progetti, sta nascendo la MAPPA VEGANA ITALIANA.

.

Cerchiamo quindi persone vegan (individui, gruppi, aziende, associazioni. comunità, branchi, tribù...) pronte a fare rete, a disegnare una nuova geografia vegan, antispecista, libertaria. 

.

.

Chi sono, cosa faccio, sono vegan.

In altre parole, dovendo acquistare cibo, preferiamo acquistarlo da produttori vegan. Dovendo consultare un veterinario preferiamo che sia vegan. E lo stesso vale se cerchiamo un gruppo d'acquisto o se siamo dei Woofer alla ricerca di ospitalità in cambio di lavoro.

Tutto ciò diventa anche una garanzia sul prodotto o sul servizio in questione. Un agricoltore vegan che produce patate ci darà la certezza di non finanziare un'azienda agricola che alleva anche maiali o mucche, un medico vegan ci darà consigli su rimedi e farmaci che non prevedono la sofferenza animale, un tipografo vegan non realizzerà pubblicazioni con colle animali...

.

.

La Mappa Vegana Italiana non è una lista di annunci, ma un elenco di luoghi vegan abitati da persone vegan che divengono punto di riferimento per un nuovo paesaggio.

.

La partecipazione alla Mappa Vegana Italiana è gratuita.

La mappa sarà suddivisa per regioni e i vari partecipanti saranno elencati in ordine alfabetico.

La Mappa Vegana Italiana sarà realizzata annualmente in forma cartacea (autoprodotta con tecniche di editoria casalinga e arricchita con articoli e notizie), ma sarà fruibile (con periodici aggiornamenti) anche in forma digitale.

Per la versione cartacea sarà richiesta un'offerta libera per coprire le spese di spedizione e realizzazione.

.

.

La realizzazione della Mappa Vegana Italiana dipende soprattutto dal desiderio delle persone vegan di partecipare ed esserci, di diffonderla nel mondo vegan e di contribuire con le proprie energie e la propria creatività al fiorire di un pianeta sempre più vegan.

.

.

La mappa è in fase di allestimento, maggiori informazioni si possono avere sul sito di ValleVegan - email attivismo@vallevegan.org oppure scrivendo a Troglodita Tribe S.p.A.f. (Società per Azioni felici), Castel San Venanzo 33bis, 62020 Serrapetrona (MC) - email troglotribe@libero.it

.

.

Compila un semplice schema e spediscilo agli indirizzi indicati, via email o posta ordinaria.

.

CHI SONO.........................................................

COSA FACCIO.......................................................

SONO VEG DA.......................................................

REGIONE................................................................

CONTATTI.............................................................

.

.

Le foto hanno il solo scopo di esporre altre attività della Troglodita Tribe S.p.A.f.

Per maggiori info, scrivere all'indirizzo.

 
Pubblicato da Piero il 19/02/2008 alle 21:30:24, in Vegan Training, letto 3105 volte

VeganTraining - 30 giugno / 6 luglio 2008 - Toscana

.

Organizzato presso il Rifugio Valnera di Marradi (FI), il Vegan Training è una vacanza seminario di sette giorni, immersi nella natura, dove si potranno approfondire le conoscenze teorico-pratiche riguardo ai vantaggi dell'alimentazione vegan, utili anche per la divulgazione agli altri.

.

I corsi, tenuti da esperti di nutrizione di tutta Italia, provenienti da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana, fra cui la Dr.ssa Luciana Baroni, neurologa, geriatra, nutrizionista esperta in alimentazione vegetariana e presidentessa dell'associazione, saranno correlati a dimostrazioni di cucina vegan-biologica, in maniera da mettere a punto le competenze acquisite dai partecipanti.

.

Inoltre, l'impianto è dotato di campi da pallavolo, tennis e calcetto per momenti liberi che certamente non mancheranno!

.

Ecco il programma di massima:

.

- Alimentazione vegan in età adulta (VegPyramid) + corso di cucina
- Alimentazione vegan in gravidanza + corso di cucina
- Alimentazione vegan durante allattamento e svezzamento + corso di cucina
- Alimentazione vegan nell'età dello sviluppo + corso di cucina
- Alimentazione vegan per gli anziani + corso di cucina
- Alimentazione vegan e sport + corso di cucina
- Alimentazione vegan e intolleranze (al nichel, celiachia, ecc.) + corso di cucina
- Psicologia della nutrizione
- Ecologia della nutrizione
- Campagne di informazione vegan
- Imparare a leggere le etichette e scegliere gli alimenti
- Medicina naturale

Nonostante l'ampio spazio disponibile, ovviamente la struttura non è illimitata: il numero massimo di partecipanti si fermerà quindi a 100 iscrizioni e si raccomanda di prenotare il prima possibile, comunicando il numero di persone ed eventuali animali e specificando se si e' dotati di tenda. Una volta verificata la disponibilità, si potra' confermare la prenotazione versando la relativa quota.

.

Vista la finalità dell'iniziativa a puro scopo divulgativo, i costi, dovendo rappresentare una semplice copertura delle spese organizzative, saranno molto bassi, 80 euro a persona TUTTO INCLUSO (pasti compresi), mentre i minori di 15 anni (uno per famiglia) e gli animali potranno
accedere gratis!

.

Il seminario e' organizzato da Gianfranco Longo, attivista vegan e moderatore del forum di Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana, in collaborazione con la Fondazione ValleVegan.
L'organizzatore si impegna a versare eventuali avanzi di gestione ad associazioni promotrici della scelta vegan.
Per eventuali notizie o referenze sul suo conto potete contattare la Segreteria di Redazione di SSNV scrivendo a info@scienzavegetariana.it.

.

Per informazioni e prenotazioni: Gianfranco 335.6147857, seitanterzo@yahoo.it

.

Riguardo al versamento della quota di iscrizione, saranno comunicate in privato le modalita' al momento della prenotazione.

.

I dettagli del programma, riguardanti corsi, orari ed elenco dei relatori verranno comunicati nelle prossime settimane.

.

Fornitore ufficiale: GaiaTerra soc. coop. prodotti Bio-Vegan, consegne in tutta Italia
www.gaiaterracoop.blogspot.com

 
Pubblicato da Piero il 25/02/2008 alle 08:33:13, in Diario di ValleVegan, letto 2039 volte

.

ValleVegan, l'A-fattoria che non produce e che non fa. Quando stiamo fermi, è perchè abbiamo qualcosa in mente! Sotto il sole preprimaverile non c'è niente di meglio che pulirsi le mani con la terra, pianificando la Mappa Vegana Italiana, organizzando il Vegan Training, guardando Sherman che corre di nuovo, programmando la trasferta antispecista al nord, preparando secchiello e guanti per i rospi, definendo l'arrembaggio primaverile alle isole prede di bracconieri.

.

Ieri, una troupe inglese ha girato un video a ValleVegan intervistando gli animali liberi. Sono stati tutti molto... naturali.

.

Alcune foto delle giornate di primavera anticipata.

.

Ora scusateci ma torniamo in riunione con i lombrichi, per liberare un pò di radici.

 
Pubblicato da Lidio il 26/02/2008 alle 12:35:42, in Notizie sparse, letto 1512 volte
COMITATO 100CELLE APERTE
via delle resede, 5 (tram 5-p.le dei gerani) 06.2426503 (lun 17-20, merc 11-13, ven 16-20)
VENERDì 29 FEBBRAIO SABATO 1 MARZO h 21.30
durante la serata sarà in funzione il 100cl CRITICAL BAR
dove bere e mangiare etico e vegano

JAZZ A 100CELLE H. 21.30 3 euro

VENERDì 29 FEBBRAIO tributo a THELONIUS MONK
ore 21.30 proiezione di "straigh no chaser"

a seguire live jazz con
CARLO CONTI_sax
VINCENZO FLORIO_contrabbasso
MARCO VALERI_batteria

SABATO 1 MARZO live jazz con S.T. SORRENTINO TITTARELLI QUINTET

ANTONELLO SORRENTINO_tromba
DANIELE TITTARELLI_sax
GIOVANNI CECCARELLI_ piano
FRANCESCO PONTICELLI_contrabbasso
ALESSANDRO MARZI_batteria

ingresso 3 euro

COMITATO 100CELLE APERTE
via delle resede, 5 (tram 5-p.le dei gerani)
06.2426503 (lun 17-20, merc 11-13, ven 16-20)
info@comitato100celle.org
http://www.comitato100celle.org

 
Pubblicato da Piero il 27/02/2008 alle 17:33:18, in Notizie sparse, letto 1623 volte

Martedi' 11 Marzo ore 21

.

Cinetica presenta la prima di due serate di film e dibattito sul tema di Ecologia Profonda e la prima Italiana del premiato documentario "The Witness": il percorso di un operaio fino a diventare un animalista attivo.

Con l'accelerare dei cambiamenti climatici la sostenibilita' diventa sempre piu' attuale. Una cosa e' certa: non possiamo continuare a vivere come abbiamo fatto finora. Cosa sono le implicazioni dell'ambientalismo sulle nostre scelte etiche e come consumatori? L'ecologia profonda e' il ricollocare il ruolo degli esseri umani nel mondo naturale, riconoscendo che non possiamo salvare il pianeta se non smettendo di trattare la natura e gli altri come semplici risorse da sfruttare. La prima serata esaminera' il nostro rapporto con gli animali non-umani, e parleranno attivisti nel movimento per i diritti degli animali.

.

Presso il Cineclub Detour - Via Urbana 47/a 00184, Roma, Telefono: +39 06 45490845, email: cinedetour@tiscali.it

 
Pubblicato da Piero il 28/02/2008 alle 01:40:12, in Diario di ValleVegan, letto 1264 volte
 
Pubblicato da Piero il 28/02/2008 alle 19:00:52, in romantispecismo, letto 1764 volte

Nei giorni 28 e 29 febbraio si terranno a Milano delle proteste contro i clienti di Huntingdon Life Sciences, il più grande laboratorio di vivisezione d'Europa.
La lotta contro HLS non si è placata e continuerà passo dopo passo a smantellare questo laboratorio degli orrori. In tutto il mondo le proteste nei confronti di fornitori, clienti e finanziatori di HLS stanno continuando a portare risultati, come i successi dei mesi scorsi contro tutti gli azionisti che hanno cessato di finanziare questa azienda di morte o clienti che nelle ultime settimane hanno rilasciato dichiarazioni e non lo useranno più in futuro.

.

Sappiamo che non sarà una lotta breve, ma per i 500 animali che ogni giorno muoiono tra atroci torture in questo laboratorio siamo determinati e pronti ad una battaglia lunga.
Sappiamo che non sono le parole o le lacrime a determinare il cambiamento, ma l'azione, le scelte quotidiane, il mettersi in gioco.
Speriamo di trovare molti alleati e trovarci insieme davanti alle sedi di aziende che ogni giorno commissionano torture dentro HLS!

.

----GIOVEDI' 28 FEBBRAIO----
ore 14'00 - SANOFI AVENTIS (Laboratorio di vivisezione)
Via Piranesi 38, Milano

.

ore 16'00 - NOVARTIS (Uffici e produzione farmaceutica)
Largo Boccioni 1, Origgio (VA)

.

----VENERDI' 29 FEBBRAIO----
ore 8'00 - NOVARTIS (Uffici e produzione farmaceutica)
Largo Boccioni 1, Origgio (VA)

.

ore 11'00 - SANOFI AVENTIS (uffici, sede nazionale)
V.le Bodio 37/B, Milano

.

ore 14'00 - BAYER (Uffici, sede nazionale)
Viale Certosa 131, Milano

.

ore 16'00 - SANOFI AVENTIS (Produzione farmaceutica)
Via Europa 11, Origgio (VA)

.

Stop Huntingdon Life Science

 
Pubblicato da Piero il 29/02/2008 alle 08:44:14, in Notizie sparse, letto 3710 volte

A.P.E. è un’associazione animalista ambientalista, attenta alla salvaguardia degli animali selvatici e dei loro habitat, al risparmio energetico ed alle energie rinnovabili.

.

A tale scopo A.P.E. ha l’obiettivo di gestire e costituire aree naturalistiche specializzate nella salvaguardia di piccoli mammiferi, insetti, anfibi e uccelli, e delle aree negli ambiti comunali che molto spesso vengono lasciate senza custodia, dove molti animali si insediano come rondini, rondoni, rapaci notturni e ricci.

.

Progetta e installa mangiatoie e cassette nido per uccelli e piccoli mammiferi, ricrea aree umide e stagni per la riproduzione di anfibi, progetta piantumazioni con piante autoctone; progetta serre, biciclette, impianti ad energia rinnovabile.
Ogni area oasi-parco, gestita da A.P.E., avrà l’obiettivo di produrre energia naturale, senza arrecare nessun impatto dannoso sull’ambiente.

.

Grazie alla creazione di aree protette intende far conoscere l’importanza di ogni forma di vita nel nostro territorio, per la conoscenza della biodiversità, e ribadire l’importanza delle amministrazioni comunali nel ripristinare i corridoi naturali nelle città che favoriscono lo spostamento degli animali garantendo una discreta sopravvivenza delle specie migratrici, che a causa dell’urbanizzazione si trovano sempre più spesso senza la possibilità di riprodursi.
A.P.E. partecipa alle campagne antibracconaggio organizzate dalla Lega Abolizione Caccia, alle campagna per la migrazione di anfibi e ai censimenti di uccelli migratori e nidificanti in Lombardia .
Organizza cene vegane a scopo sociale e incontri per una cucina sana e non violenta, senza ingredienti di origine animale, perché considera primario il rispetto totale di ogni essere vivente.
Organizza laboratori didattici rivolti alle scuole su birdgardening, birdwatching, cucina naturale ed energie rinnovabili, viaggi naturalistici nei parchi nazionali e internazionali, organizza incontri e dibattiti sulla salvaguardia della Biodiversità del rispetto degli animali delle piante sul Pianeta Gaia, progetta in collaborazione con i comuni sterilizzazione di colonie feline.

.

A.P.E. ripudia la caccia, la vivisezione, le pellicce, gli allevamenti intensivi, la guerra, ogni intolleranza e razzismo.

.


Per informazioni:    
Catia Acquaviva,
Tel.: 3388713534

.

Visita il sito di APEnatura,

e-mail info@apenatura.it

 
Pubblicato da Piero il 29/02/2008 alle 15:48:20, in Notizie sparse, letto 3527 volte

Escursione alla Selva del Lamone (m.410) domenica 9 Marzo 2008.

.

La Selva del Lamone si trova tra i comuni di Farnese, Ischia di Castro, Pitigliano. Sarà un itinerario di 5,30 ore di cammino (ad una andatura normale ed escluse le soste), con 50 metri di dislivello. Sarà un percorso ad anello. La Selva  del Lamone è una giungla intricata, costellata di massi vulcanici, che per secoli è rimasta integra e dove tutt’ora si nascondono alcuni degli animali più selvatici che abbiamo in Italia (Caprioli, Lupi, Lontre). Da pochi anni è stata dichiarata parco e vi è stata vietata la caccia. Nel fitto del bosco ci sono resti preistorici, etruschi e medievali. A dare un ulteriore fascino al luogo c’è anche il fontanile dove si accampava il brigante Tiburzi, l’ultimo brigante della maremma, che sfruttava il fitto del bosco per sfuggire agli inseguimenti dei carabinieri. La difficoltà dell’itinerario è costituita proprio dal sapersi orientare nel fitto del bosco: io personalmente non sono mai uscito dalla Selva del Lamone dallo stesso sentiero da cui vi ero entrato. Questa volta non avremo la necessità di effettuare guadi.

.

Appuntamento ore 8.30 al parcheggio del benzinaio TOTAL de LA STORTA. Dal raccordo prendere la CASSIA normale (evitare la CASSIA BIS) direzione Viterbo. Dopo qualche Km si supera sulla Ds il benzinaio AGIP della Giustiniana, poco dopo si seguono le indicazioni a Ds per CASSIA Viterbo, e poco dopo ancora si arriva a LA STORTA, sulla Sn c'e' un campanile e sulla ds c'e' un benzinaio TOTAL. Dopo l’appuntamento continueremo lungo la Cassia, dopo aver raggiuntoViterbo prenderemo la superstrada per Orte che abbandoneremo per riprendere la Cassia in direzione Siena. Poco dopo seguiremo le indicazioni a destra per Valentano e poi raggiungeremo Farnese. Prego chi vuole venire di contattarmi nei giorni precedenti e di darmi un recapito perché  a seconda delle condizioni del tempo potremmo fare dei cambiamenti di appuntamento.

.


Consigli per le cose da portare:
1) Innanzi tutto si consiglia l’utilizzo di scarponcini da trekking. Sono comodi, si fatica di meno perché fanno più presa nel terreno, proteggono dalle storte.
2) Uno zainetto da portare a spalla dove vanno messe le varie cose.
3) Almeno un litro d’acqua a persona.
4) Pranzo al sacco. Non esistono rifugi gestiti come sulle Alpi, per cui per il pranzo bisogna essere autosufficienti.  Invito caldamente tutti i partecipanti (vegan, vegetariani,e simpatizzanti in transizione) a portarsi per questa escursione un pasto vegan (senza animali e derivati).
5) Abbigliamento: durante le escursioni ci si veste a strati, perché si può passare dal molto caldo al molto freddo nel giro di  poco tempo. Come calzoni vanno bene un paio di blue jeans comodi o i pantaloni di una tuta. Consiglio poi una camicia a maniche lunghe, un pile o un maglione, un giubbotto di sicurezza per la pioggia e da mettere comunque se fa freddo, un berretto, dei guanti.
6) In macchina lascio un paio di scarpe da ginnastica e un paio di calzettoni di ricambio da mettere al ritorno. Dopo avere camminato è buona norma cambiarsi i calzettoni e gli scarponcini (questi ultimi possono essere infangati, fanno traspirare poco il piede, rendono difficile la guida della macchina).
7) in macchina lascio anche una t-shirt di riserva per cambiarmi al ritorno dell’escursione e mettermi un indumento pulito.

.


Il mio cellulare è 338 11 63 040 e la mia mail è titoferretti@libero.it chi è interessato a venire è pregato a contattarmi nei prossimi giorni.
La gita è gratuita!

.

ciao Tito

 
Pubblicato da Piero il 04/03/2008 alle 11:15:36, in Notizie sparse, letto 1328 volte

.

Nuova grande abbuffata Vegan, al CSOA Macchia Rossa, a cura di VEGANRIOT.

.

Sabato 8 marzo ore 20,30. Per una panza piena si consiglia l'arrivo in orario.

.

CSOA Macchia Rossa, via Pieve Fosciana 56-82, Magliana, Roma.

 
Pubblicato da Piero il 06/03/2008 alle 15:50:25, in Notizie sparse, letto 1957 volte


dal 15 MARZO al 7 GIUGNO
i giovani metteranno le mani in pasta.

.

LABORATORIO DI CUCINA CREATIVA (vegana) PER GIOVANI ALLIEVI (5-13 anni)

.

QUATTRO INCONTRI
dalle 15.30 alle 18.30
presso il comitato 100celle aperte

.

SABATO 15 MARZO: “acqua e farina”
SABATO 5 APRILE: “la primavera nel piatto”
SABATO 10 MAGGIO: “dal crudo al cotto”
SABATO 7 GIUGNO: “il filo del mondo”

.

Quota partecipativa:
e.25 a incontro - e.80 l’intero corso

.

Il primo incontro sarà dedicato al’acqua e alla farina. Da questo primo passo gli allievi realizzaranno un  nuovo mondo di ricette con i cereali,le verdure e la frutta di stagione: dagli antipasti ai dolci, dalla pasta al pane fatto in casa. Sperimenteranno la magia del cibo attraverso l’esperienza visiva,  manuale ed olfattiva della trasformazione degli ingredienti, e del passaggio dal crudo al cotto, condividendo alla fine e tutti insieme il risultato delle loro creazioni. Una cucina senza proteine animali e accurata nella scelta degli ingredienti.

.

Unica regola: i bambini devono essere muniti di grembiule, canovaccio personale e contenitore da asporto.

.

Per info:
Stefania: 335.6116252
Nuvolabianca.tai@libero.it

.


COMITATO 100CELLE APERTE
via delle resede, 5 (tram 5-p.le dei gerani)
06.2426503 (lun 17-20, merc 11-13, ven 16-20)
info@comitato100celle.org
www.comitato100celle.org

 

 
Pubblicato da Susi il 08/03/2008 alle 14:42:15, in Notizie sparse, letto 1416 volte
Auguri a tutte le donne!
Tratto dal libro Corpo Celeste (Attraverso un paese sconosciuto) di Anna Maria Ortese (1914-1998)
…….
Ecco ho finito. Ho finito anche di essere uno scrittore – se mai lo sono stata -, ma sono lieta di averlo tentato. Sono lieta di aver speso la mia vita per questo. Sono lieta, in mezzo alle mie tristezze mediterranee, di essere qui. E dirvi com’è bello pensare strutture di luce, e gettarle come reti aeree sulla terra, perché essa non sia più quel luogo buio e perduto che a molti appare, o quel luogo di schiavi che a molti si dimostra – se vengono a occupare i linguaggi, il respiro, la dignità delle persone. A dirvi come sia buona la Terra, e il primo dei valori, e da difendere ogni momento. Nei suoi paesi, anche nei suoi boschi, nelle sorgenti, nelle campagne, dovunque siano occhi – anche occhi di uccello o domestico o selvatico animale. Dovunque siano occhi che vi guardano con pace o paura, là vi è qualcosa di celeste, e bisogna onorarlo e difenderlo. So questo. Che la Terra è un corpo celeste, che la vita che vi si espande da tempi immemorabili e prima dell’uomo, prima ancora della cultura, e chiede di continuare a essere, e a essere amata, come l’uomo chiede di continuare ad essere, e a essere accettato, anche se non immediatamente capito e soprattutto non utile. Tutto è uomo. Io sono dalla parte di quanti credono nell’assoluta santità di un albero e di una bestia, nel diritto dell’albero, della bestia, di vivere serenamente, rispettati, tutto il loro tempo. Sono dalla parte della voce incerata che si libera in ogni essere, e della dignità di ogni essere – al di là di tutte le barriere – e sono per il rispetto e l’amore che si deve loro.
C’è un mondo vecchio, fondato sullo sfruttamento della natura madre, sul disordine della natura madre, sulla certezza che di sacro non vi sia nulla. Io rispondo che tutto è divino e intoccabile: e più sacri di ogni cosa sono le sorgenti, le nubi, i boschi e i loro piccoli abitanti. E l’uomo non può trasformare questo splendore in scatolame e merce, ma deve vivere e essere felice con altri sistemi, d’intelligenza e di pace, accanto a queste forze celesti. Che queste sono le guerre perdute per pura cupidigia: i paesi senza più boschi e torrenti, e le città senza più bambini amati e vecchi sereni, e donne al di sopra dell’utile. Io auspico un mondo innocente. So che è impossibile, perché una volta, in tempi senza tempo e fuori dalla nostra possibilità di storicizzare e ricordare, l’anima dell’uomo perse una guerra. Qui mi aiuta Milton, e tutto ciò che ho appreso dalla letteratura della visione e della severità. Vivere non significa consumare, e il corpo umano non è un luogo di privilegi. Tutto è corpo, e ogni corpo deve assolvere un dovere, se non vuole essere nullificato; deve avere una finalità, che si manifesta nell’obbedienza alle grandi leggi del respiro personale, e del respiro di tutti gli altri esseri. E queste leggi, che sono  la solidarietà con tutta la vita vivente, non possono essere trascurate. Noi, oggi, temiamo la guerra e l’atomica. Ma chi perde ogni giorno il suo respiro e la sua felicità, per consentire alle grandi maggioranze umane un estremo abuso di respiro e di felicità fondati sulla distruzione planetaria dei muti e dei deboli - che sono tutte le altre specie - può forse temere la fine di tutto? Quando la pace e il diritto non saranno solo per una parte dei viventi, e non vorranno dire solo la felicità e il diritto di una parte, e il consumo spietato di tutto il resto, solo allora, quando anche la pace del fiume e dell’uccello sarà possibile, saranno possibili, facili come un sorriso, anche la pace e la vera sicurezza dell’uomo.
Ecco. Come sono venuta vado via; e vi ringrazio di avermi ascoltata; mi scuso se ho detto troppo o confusamente; e se ho detto poco, e se ho potuto dispiacervi. Come dicono i bambini: non l’ho fatto apposta. Vi auguro un buon giorno di pace e di comprensione. La vita è più grande di tutto, ed è in ogni luogo, e da tutte le parti – proprio da tutte le parti – chiede amicizia e aiuto. Non chiede che questo. E il valore di ogni buona risposta è immenso, se anche non dimostrabile. Amate e difendete il libero respiro di ogni paese, e di ogni vita vivente.
Questo invito, alla fine, calma e consola la mia stessa tristezza, e il senso di essere stata uno scrittore inutile. Ma non lo sono stata del tutto se, oltre il mio respiro, ho appreso a desiderare il libero respiro di ogni creatura e di ogni paese. E’ tutto, il respiro. E’ Dio stesso; ed è la cultura quando non fine a se stessa; quando, d’un tratto – voi non lo sapevate che era anche questa -, solleva e trasporta i popoli, come fa a volte, con le confuse onde del mare, un gran vento celeste
19 febbraio 1980
 
Pubblicato da Daniela il 09/03/2008 alle 07:44:40, in Notizie sparse, letto 1100 volte
Aggiornamento di "reperti modenesi".
Solo in seguito a un ulteriore articolo apparso su un quotidiano, il 23 febbraio le carcasse sono state rimosse, dopo ben 25 giorni dal loro rinvenimento. L’incomprensibile ritardo è dovuto, secondo dichiarazione della responsabile dell’Ufficio Diritti Animali di Modena, a “confusione sulle competenze” e “dimenticanza”. Dalla dichiarazione rilasciata risulta inoltre che l’ufficio del Comune e i servizi veterinari conoscessero quel canile lager fin dal 2001 e che vi erano tenuti ben 28 cani destinati alla riproduzione. Le indagini ora procedono ad opera della Polizia Municipale, mentre il Comune si è adoperato ad inviare le carcasse all’Università di Bologna per l’identificazione della razza allo scopo di “collegare o scollegare” i cani con l’allevatore, che lì risiedeva.
Dal canto nostro abbiamo contattato la Polizia Municipale rendendoci disponibili a verificare con loro l’eventuale presenza di microchip sul luogo di ritrovamento delle carcasse. La ricerca è stata fatta ed è andata a buon fine e sono stati rinvenuti due microchip che potranno con certezza condurre all’identità del proprietario dei cani.
Restiamo sorpresi che questa banale ricerca non sia stata fatta prima da coloro che hanno gestito la rimozione delle carcasse.
Restiamo senza parole di fronte alla notizia che gli organi competenti fossero informati sulla situazione fin dal 2001 e che a seguito dei sopralluoghi, pur riscontrando problemi, non si sia monitorata la sorte di quei cani, la cui fine è tristemente nota.
Restiamo attoniti alle dichiarazioni del Comune secondo cui i cani durante i sopralluoghi in quello che può essere definito un lager, furono trovati in condizioni che “non motivavano un maltrattamento o un mancato benessere”.
Restiamo offesi dai 25 giorni in cui nessuno ha mosso un dito per rimuovere quei poveri resti e riteniamo inaccettabili le giustificazioni a questo.
Per tutto questo e per lo sdegno dei tanti cittadini che ci hanno contattato, continueremo a collaborare con le istituzioni affinché siano puniti tutti i responsabili della tremenda morte di quei cani.
 
Chiediamo a tutti di continuare a scrivere e a chiedere spiegazioni ai seguenti indirizzi:
sindaco@comune.modena.it  Sindaco
gorlando@comune.modena.it Assessore all’Ambiente
ambi004@comune.modena.it   Ufficio Diritti Animali
 
Invitando anche i giornali a non trascurare la notizia:
cronaca.mo@gazzettadimodena.it
cronaca.modena@ ilcarlino.net
 
Pubblicato da Piero il 11/03/2008 alle 11:01:39, in Notizie sparse, letto 1247 volte

L’Osservatorio Parlamentare dell’Ufficio Legislativo del Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con il Centro studi per il Parlamento della Luiss, ha monitorato la giurisprudenza in materia ambientale da gennaio a dicembre 2007.

Vi alleghiamo le massime di alcune sentenze particolarmente significative che riteniamo possano rappresentare un efficace supporto per il lavoro di difesa dell'ambiente e degli animali.

.

Ministero dell’Ambiente
e della Tutela del Territorio e del Mare
Ufficio Legislativo

.

Osservatorio Parlamentare


 

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA AMBIENTALE

.

Gennaio – Dicembre 2007

.

SCHEDE DI SINTESI

.

 

 

CONSIGLIO DI STATO

.

Consiglio di Stato, sez. V, 31 gennaio 2007 sentenza n. 408

.

Pubblica Amministrazione – Inquinamento Acustico - Attività valutativa ed elaborativa - Istanza generica di accesso agli atti - Limiti - Diniego di accesso - Fattispecie.

.

Quando l’istanza di accesso agli atti postuli un’attività valutativa ed elaborativa dei dati in possesso dell’amministrazione, è precluso il suo accoglimento, poiché rivela un fine di generale controllo sull’attività amministrativa che non risponde alla finalità per la quale lo specifico strumento in parola può venire azionato, che è solo quella della tutela di un ben specifico interesse (Consiglio Stato, sez. IV, 9 agosto 2005, n. 4216).

.

Fattispecie: lesioni da inquinamento acustico, accesso alla documentazione concernente il procedimento avviato dall’ARPA Lazio per il risanamento acustico dell’area. Quanto al procedimento sanzionatorio a carico dell’Impresa in relazione all’inquinamento acustico lamentato, la nota del Comune informava l’interessato che il procedimento era in corso di svolgimento, procedendosi alle verifiche richieste. Pertanto, l’auspicato intervento sanzionatorio si trovava in una fase interlocutoria, destinata all’accertamento dei presupposti legali per l’adozione del provvedimento, quindi, l’Amministrazione non era in condizioni di esibire un documento di natura provvedimentale, che integrava in modo compiuto l’esito delle valutazioni necessarie. 

.


Consiglio di Stato, sez. V, 31 gennaio 2007 sentenza n. 408

.

Pres. Santoro - Est. Branca - Comune di Arpino (avv. ti De Rubeis e Cocco) c. Merolle (n.c.) (annulla, TAR Lazio, Latina, 27 febbraio 2006 n. 167, resa tra le parti). 

.
Consiglio di Stato, sez. VI, 6 aprile 2007, n. 1565

.
La Soprintendenza non può sospendere discrezionalmente il decorso del termine assegnato per il riscontro di legittimità del nulla osta paesistico, salvo che non vi siano effettive carenze documentali.

.

In materia di nulla osta paesistico, l’inclusione nel decreto il rilascio in sanatoria dell’autorizzazione prevista dall’art. 151 del d.lgs. n. 490/1999 e, nel contempo, l’applicazione della misura sanzionatoria di cui al successivo art. 164 T.U. non si risolve in vizio di illegittimità dell’atto né giustifica l’arresto del procedimento di controllo dell’autorizzazione paesistica da parte del Ministero per i beni e le attività culturali, da concludersi entro il termine perentorio di sessanta giorni dalla ricezione dell’ atto. In motivazione, il Consiglio di Stato precisa che la Soprintendenza non può sospendere per sua scelta discrezionale il decorso del termine assegnato per il riscontro di legittimità del nulla osta paesistico, mentre ai sensi dell’art. 151, comma quarto, del d.lgs. 29.10.1999, n. 490 solo effettive carenze documentali possono dare ingresso ad istruttoria con effetto interruttivo del termine per il controllo.

.
Cons. Stato, sez. VI, 6 aprile 2007, n. 1565

.

Pres. Trotta – Est. Polito – La Pineta s.r.l. (avv.to Vitolo) c. Ministero beni e attività culturali (Avv. Stato) e Comune di Battipaglia (n.c.)

.

Consiglio di Stato, sez. VI, 10 settembre 2007, n. 4749

.
Sono devolute alla giurisdizione del giudice amministrativo le controversie in tema di nomina di presidenti di parchi e riserve naturali.

.

Il conferimento dell’incarico di presidente di parco o riserva naturale secondo i criteri stabiliti dall’art. 8, legge regionale Campania n. 33/1993 non è indirizzato alla costituzione di un rapporto di natura privatistica con l’Ente, trattandosi, invece, di un atto di natura provvedimentale ed a contenuto autoritativo che esprime la scelta selettiva di un soggetto preposto ad organo di vertice di parchi e riserve naturali.

.

A fronte dell’esercizio del potere di nomina di presidente di parchi e riserve naturali, ex art. 8, legge regionale Campania n. 33/1993, sussistono posizioni di interesse legittimo e non di diritto soggettivo: con la conseguenza che la loro tutela è devoluta al giudice amministrativo che, secondo la decisione di Corte cost. n. 204/2004, è giudice “nell’Amministrazione” di ogni controversia che la veda porsi come soggetto autoritativo per il perseguimento di scopi di interesse pubblico attraverso scelte a contenuto discrezionale.

.


Cons. Stato, sez. VI, 10 settembre 2007, n. 4749

.

Pres. Varrone – Est. Polito – Colucci (avv. Centore) c. Regione Campania (Avv.ra regionale) e altri.

.
Consiglio di Stato, sez. VI, 10 settembre 2007, n. 4749  [2]

.
Per la nomina di presidente di parchi e riserve naturali sono necessari specifici requisiti ed esperienze nel settore ambientale.

.

Costituisce requisito soggettivo per poter aspirare alla nomina di presidente di parchi e riserve naturali, ex art. 8, legge regionale Campania n. 33/1993, non l’avere genericamente e saltuariamente svolto attività che abbiano potuto esprimere un interesse per la protezione dell’ambiente (che in quanto valore “trasversale” può assumere rilievo in un gran numero di attività che direttamente o indirettamente incidano sul territorio, l’aria, le acque lacuali, fluviali e marine e sulle loro condizioni di salubrità ed integrità) ma che detto impegno, per continuità di studi e di concrete iniziative, deve elevarsi a requisito distintivo della persona rispetto alla cerchia di soggetti che nella vita sociale, di relazione o nello svolgimento di cariche pubbliche abbiano avuto occasione di occuparsi di questioni inerenti alla protezione di valori ambientali e naturalistici.

.
Cons. Stato, sez. VI, 10 settembre 2007, n. 4749

.

Pres. Varrone – Est. Polito – Colucci (avv. Centore) c. Regione Campania (Avv.ra regionale) e altri.

.
Consiglio di Stato, sez. VI, 2 novembre 2007, n. 5669

.
Pubblica Amministrazione – Beni Culturali e Ambientali - Atti discrezionali (nella specie nulla osta paesaggistico) - Provvedimenti positivi - Motivazione - Necessità - Principi di trasparenza e buona amministrazione - Art. 3, c. 1 L. n. 241/90.

.

I principi di trasparenza e buona amministrazione impongono che anche i provvedimenti positivi siano motivati, soprattutto in presenza di atti discrezionali da cui discenda, come nel caso di specie, una irreversibile alterazione dello stato dei luoghi, con incidenza non solo sugli interessi dei privati proprietari, ma anche sull’interesse pubblico alla tutela del territorio in aree vincolate (Cons. St., sez. VI, 13.2.2001, n. 685); non può, dunque, non applicarsi anche al parere ex art. 7 L. n. 1497/1939 la prescrizione, di cui all’art. 3, comma 1 della legge n. 241/90, a norma del quale il difetto di motivazione deve considerarsi violazione di legge. 

.
Consiglio di Stato, Sez. VI, 2 novembre 2007, n. 5669

.

Pres. Varrone - Est. De Michele - Biagi (Avv.ti Scavone e Bovelacci) c. Ministero per i beni culturali ed ambientali (Avvocatura generale dello Stato) (conferma Tribunale Amministrativo Regionale dell’Emilia Romagna, sede di Bologna, sez. II, n. 189/2002 del 30.1.2002).

.

.

TRIBUNALI AMMINISTRATIVI REGIONALI
 


Tar Campania, Salerno, sez. I, 12 gennaio 2007, n. 12  


Pubblica Amministrazione - Energia - L. n. 55/2002 - Autorizzazione unica - Programmazione energetica regionale - Provvedimenti Indipendenti - Scelta localizzativa dell’impianto - Spetta al privato.

La cd. autorizzazione unica di cui alla L. n. 55/2002 deve ritenersi del tutto indipendente dalla programmazione energetica regionale (Cons. Stato, n. 3502/2004); nel relativo procedimento non spetta all’Amministrazione selezionare il sito per l’intervento, ma solo sottoporre ad adeguata ed esaustiva valutazione di compatibilità la scelta localizzativi rimessa all’iniziativa del soggetto privato richiedente. 


Tar Campania, Salerno, sez. I, 12 gennaio 2007, n. 12 

Pres. Fedullo, Est. Grasso - Italia Nostra ONLUS (avv. Cantillo) c. Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e altri (Avv. Stato), Ente Parco Regionale dei Monti Picentini (avv. Laperuta), Regione Campania (avv. Consolazio).

  


Tar Veneto, 7 febbraio 2007, n. 294


Informazione ambientale - D.Lgs. n. 195/05 - Nozione - Dichiarazione in ordine all’interesse all’accesso - Necessità - Esclusione.

Si definisce “informazione ambientale”, di cui al D.Lg. 195/05, qualsiasi informazione disponibile in forma scritta, visiva, sonora, elettronica od in qualunque altra forma materiale concernente: 1) lo stato degli elementi dell'ambiente, quali l'aria, l'atmosfera, l'acqua, il suolo, il territorio, i siti naturali, compresi gli igrotopi, le zone costiere e marine, la diversità biologica ed i suoi elementi costitutivi, compresi gli organismi geneticamente modificati, e, inoltre, le interazioni tra questi elementi; 2) fattori quali le sostanze, l'energia, il rumore, le radiazioni od i rifiuti, anche quelli radioattivi, le emissioni, gli scarichi ed altri rilasci nell'ambiente, che incidono o possono incidere sugli elementi dell'ambiente, individuati al numero 1); 3) le misure, anche amministrative, quali le politiche, le disposizioni legislative, i piani, i programmi, gli accordi ambientali e ogni altro atto, anche di natura amministrativa, nonché le attività che incidono o possono incidere sugli elementi e sui fattori dell'ambiente di cui ai numeri 1) e 2), e le misure o le attività finalizzate a proteggere i suddetti elementi; 4) le relazioni sull'attuazione della legislazione ambientale; 5) le analisi costi-benefìci ed altre analisi ed ipotesi economiche, usate nell'àmbito delle misure e delle attività di cui al numero 3); 6) lo stato della salute e della sicurezza umana, compresa la contaminazione della catena alimentare, le condizioni della vita umana, il paesaggio, i siti e gli edifici d'interesse culturale, per quanto influenzabili dallo stato degli elementi dell'ambiente di cui al punto 1) o, attraverso tali elementi, da qualsiasi fattore di cui ai punti 2) e 3). L’informazione può essere richiesta da qualsiasi persona fisica o ente “senza che questi debba dichiarare il proprio interesse”, ad ogni Autorità pubblica che ne abbia il possesso “in quanto dalla stessa prodotta o ricevuta o materialmente detenuta”. 


Tar Veneto, 7 febbraio 2007, n. 294

Pres. De Zotti, Est. De Piero - Comitato Bassopolesano Antiterminal (avv.ti Ceruti e Acerboni) c. Regione Veneto (avv.ti Cusin e Zanlucchi).

 


Tar Abruzzo, Pescara, 11 aprile 2007, n. 450


Pubblica Amministrazione - Accesso agli atti - Informazione ambientale - Art. 2 L. n. 195/2005 - Ambito oggettivo - Fattispecie in materia di gara di appalto.

Il diritto all’informazione ambientale (art. 2 L. n. 195/2005) investe qualsiasi informazione circa lo stato dell’ambiente (aria, suolo, territorio, siti naturali ecc.), nonchè i fattori (sostanze, energia, rumore, radiazioni, emissioni ecc.) che possono incidere sull’ambiente. Con riferimento agli atti di gara per la realizzazione di un impianto RTL elettrificato, pertanto, sono ricompresi nell’ambito dell’informazione ambientale lo studio di fattibilità dell’opera ed il progetto esecutivo, non invece gli altri documenti (capitolato di gara, bando e verbali), attinenti al momento procedimentale. 


Tar Abruzzo, Pescara, 11 aprile 2007, n. 450

Pres. Catoni, Est. Nazzaro - D.G. (avv.ti Del Peschio Liberatore e Mancuso) c. G.T.M. s.p.a. (avv. Marchese) e altro (n.c.) - 
 


Tar Lombardia, Milano, 10 luglio 2007, n. 5355


A carico del proprietario dell’area inquinata che non sia responsabile della sua contaminazione non incombe un obbligo, ma solo una facoltà, di porre in essere gli interventi di recupero ambientale

L’art. 17 del d. lgs n. 22/1997 (la cui impostazione sul punto è stata ora confermata e specificata dagli artt. 240 e ss. del D.lgs n. 152/2006 recante il Codice dell’ambiente) impone l’esecuzione di interventi di recupero ambientale anche di natura emergenziale al responsabile dell’inquinamento, che può non coincidere con il proprietario ovvero con il gestore dell’area interessata. Pertanto, a carico del proprietario dell’area inquinata che non sia responsabile della contaminazione non incombe alcun obbligo di porre in essere gli interventi ambientali in argomento ma solo la facoltà di eseguirli al fine di evitare l’espropriazione del terreno interessato gravato da onere reale, al pari delle spese sostenute per gli interventi di recupero ambientale assistite anche da privilegio speciale immobiliare.


Tar Lombardia, Milano, 10 luglio 2007, n. 5355

Pres. Arosio – Est. Dongiovanni – Immobiliare 2C (avv.ti Buccello, Viola e Bassi) c. Min. Ambiente, tutela del territorio e del mare (avv.ra Stato) e altri.
 


Tar Liguria, sez. I, 1 agosto 2007, n. 1426


Confermata la legittimazione ad agire delle associazioni ambientaliste.

Costituisce jus receptum il principio secondo cui le associazioni ambientaliste individuate ex art. 13 della legge n. 349/86, tuttora in vigore anche in costanza del Codice dell'ambiente di cui al d. lgs. n. 152/2006 (come anche l'art. 18, comma 5, della stessa legge 349/86, che ne riconosce la legittimazione), sono legittimate ad agire in giudizio avverso qualsiasi provvedimento che leda in maniera diretta e immediata l'interesse ambientale, potendo, dunque, impugnare: 1) atti a contenuto urbanistico, purchè idonei a pregiudicare il bene dell'ambiente come esso viene definito in termini normativi; 2) ogni provvedimento che incida sull’ambiente, ancorché lo specifico bene oggetto del provvedimento impugnato non sia stato sottoposto ad uno specifico vincolo (ad esempio, paesistico, archeologico, idrogeologico) (cfr., ad esempio, Cons. Stato, sez. IV, 9 novembre 2004, n. 7246; sez. V, 1 dicembre 1999, n. 2030).

L’ambiente costituisce un valore ‘trasversale’ costituzionalmente protetto, in funzione del quale lo Stato può dettare standard di tutela uniformi sull’intero territorio nazionale, anche incidenti sulle competenze legislative che, secondo il rinnovellato art. 117 Cost., spettino alle regioni e alle province autonome su materie (governo del territorio, tutela della salute) per le quali quel valore costituzionale assume rilievo, anche tenendo conto della disciplina comunitaria risultante dagli artt. 2 e 230 Trattato nonché dagli artt. 1 e 3 Costituzione dell’Unione europea (cfr., in termini, Corte cost. n. 227/2003; n. 259/2004).


Tar Liguria, sez. I, 1 agosto 2007, n. 1426

Pres. Prosperi – Est. Ponte – V.A.S. (avv. Granara) c. Comune di Levanto (avv. Quaglia).
 


Tar Puglia, Lecce, sez. I, 13 agosto 2007, n. 3068


Il dissenso manifestato da una Regione in seno alla Conferenza di servizi comporta la rimessione della decisione alla Conferenza Stato-Regioni

Il dissenso manifestato nell’ambito di una conferenza di servizi, ex art. 14 quater, comma 3, legge n. 241/90, da un’amministrazione regionale titolare, ex art. 117, comma 3, Cost., di competenze in materia di salute e governo del territorio, determina la necessità di rimettere la decisione alla Conferenza Stato-regioni.

La conferenza di servizi, anche dopo la legge n. 127/97 e il d.P.R. n. 340/2000, non ha natura di organo collegiale, ma costituisce una modalità di semplificazione dell’azione amministrativa finalizzata, nella sua accezione decisoria, alla più celere formazione di atti complessi per i quali è necessario il concorso di volontà di più amministrazioni: con la conseguenza che la deliberazione assunta a seguito di essa non può essere imputata specificamente ad un ente che vi ha partecipato (nella specie, il T.a.r. Puglia ha escluso che l’atto di impugnazione della conclusione della conferenza di servizi dovesse essere notificato alla Regione Puglia dissenziente).


Tar Puglia, Lecce, sez. I, 13 agosto 2007, n. 3068

Pres. Ravalli – Est. Manca – Provincia di Brindisi (avv.ti Giampietro e Durano) c. Ministero dell’ambiente e altri (Avv. Stato) e altro (n.c.)
 


Tar Puglia, Lecce, sez. I, 28 agosto 2007, n. 3111


Illegittimo il rinvio sine die dell’approvazione o autorizzazione di impianti di discariche di rifiuti speciali.

E’ illegittima, per violazione dell’art 2 della legge n. 241/90 e dell’art 97 cost., la delibera con la quale il Consiglio dell’Amministrazione provinciale, nell’adottare un atto di indirizzo per le politiche ambientali del territorio di riferimento in materia di rifiuti, si determina a soprassedere  in merito alla approvazione o autorizzazione di impianti di discariche di rifiuti speciali, pericolosi e non (anche in ampliamento), in attesa della adozione di atti di futura programmazione del settore, in quanto non conclusiva del procedimento avviato ad istanza del privato che, anzi, subisce, per tal via, un ingiustificato arresto procedimentale.


Tar Puglia, Lecce, sez. I, 28 agosto 2007, n. 3111

Pres. Ravalli – Est. Dibello – Ecolevante s.p.a. (avv.ti P. e L. Quinto, Pasqualone)  c. Provincia di Taranto (Avv. Fumarola)
 
 
 
 


Tar Liguria, sez. I, 12 settembre 2007, n. 1569


La società che rilascia certificati di sicurezza delle navi è pubblica amministrazione, ed è perciò soggetta al diritto di accesso, solo quando agisce per conto dello Stato italiano.

L’attività di rilascio dei certificati di sicurezza delle navi svolta su concessione dello Stato italiano dal R.I.Na s.p.a. (società derivante dal Registro navale italiano) rappresenta un’attività di pubblico interesse in quanto consistente nello svolgimento di un’opera di ausilio tecnico di cui le amministrazioni competenti si avvalgono per i propri fini, con la conseguenza che la medesima R.I.Na. s.p.a. – ricadendo nella nozione di pubblica amministrazione – è soggetta integralmente alla disciplina del diritto d’accesso ex artt. 22 ss., legge n. 241/90.

Se l’attività di rilascio dei certificati di sicurezza delle navi svolta su concessione dello Stato italiano dal R.I.Na s.p.a. società derivante dal Registro navale italiano) rappresenta un’attività di pubblico interesse che assoggetta la medesima R.I.Na. s.p.a. – in quanto pubblica amministrazione – alla disciplina del diritto d’accesso ex artt. 22 ss., legge n. 241/90, non può invece affermarsi il medesimo principio allorquando la R.I.Na. s.p.a. svolga la propria attività nel diretto interesse di altri Stati (nella specie, della Repubblica di Panamà), in quanto in tale ipotesi non sussistono quelle esigenze di rispetto dei principi di pubblicità, trasparenza e buon andamento cui la disciplina interna sull’accesso presiede.


Tar Liguria, sez. I, 12 settembre 2007, n. 1569

Pres. Vivenzio – Est. Grauso – A.N.H.M.A. c. R.I.Na. s.p.a. (avv. Damonte) e Ministero de Economia y Finanzas, Autoridad marittima de Panamà n.c.
 


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943


Il termine di sessanta giorni di cui all’art. 151, comma 4, d. lgs. n. 490/1999, attiene solo all’esercizio del potere di annullamento e non alla fase successiva di comunicazione.

Il termine perentorio di sessanta giorni previsto dall’art. 151, comma 4, del Decreto Legislativo n. 490/1999 decorre dalla ricezione, da parte della Soprintendenza, dell’autorizzazione rilasciata completa della relativa documentazione tecnico-amministrativa, ed attiene esclusivamente alla fase dell’esercizio del potere di annullamento da parte della Soprintendenza, e non alla successiva fase di comunicazione o notificazione del provvedimento di annullamento (Cons. Stato, Sez. II, 18 gennaio 2006, n. 2449; Cons. Stato, Sez. VI, 8 marzo 2006, n. 1261).

Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943

Pres. Guerriero – Est. Polidori – Silvestri (avv.to Vitale) c. Ministero beni e attività culturali (Avv.ra Stato).
 


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943 [2]


Il principio del raggiungimento dello scopo di cui all’art. 21 octies, comma 2, legge n. 241/90, concerne lo scopo generale dell’azione amministrativa complessivamente considerata.

L’art. 21 octies, comma 2, legge n. 241/90, sulla non annullabilità del provvedimento adottato in violazione di norme sul procedimento o sulla forma degli atti qualora sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato, costituisce un’applicazione del “principio del raggiungimento dello scopo”, già enunciato dall’art. 156, comma 3, c.p.c. (secondo il quale “la nullità non può mai essere pronunciata, se l’atto ha raggiunto lo scopo a cui è destinato”); fermo restando che lo scopo di cui trattasi - a differenza di quanto accade nell’art. 156, comma 3, c.p.c. - non è quello dell’atto procedimentale o della formalità omessi o imperfetti, bensì lo scopo generale dell’azione amministrativa complessivamente considerata, costituito dall’adozione di una decisione il cui contenuto dispositivo sia sostanzialmente conforme al paradigma normativo.


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943

Pres. Guerriero – Est. Polidori – Silvestri (avv.to Vitale) c. Ministero beni e attività culturali (Avv.ra Stato).
 


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943 [3]


Va esclusa in radice la configurabilità di un potere statale di controllo (di merito) dell’autorizzazione paesistica rilasciata dalla Regione (o ente subdelegato).

L’annullamento ministeriale dell’autorizzazione paesistica costituisce un provvedimento di amministrazione attiva, in quanto espressione del potere di cogestione del vincolo paesistico da parte dello Stato e della Regione (o Ente subdelegato), ed è posto ad estrema difesa del vincolo stesso, sicché va esclusa in radice la possibilità di configurare un potere statale di controllo in relazione all’autorizzazione paesistica rilasciata dalla Regione (o ente subdelegato). Ne consegue che, mentre alla decisione di annullamento di un atto controllato va riconosciuta, secondo i principi generali, la natura vincolata e di atto dovuto, il Ministero può ritenere pienamente giustificato l’accoglimento dell’istanza di annullamento e non annullare l’autorizzazione paesistica rilasciata, seppure essa non risulti adeguatamente motivata (ferma restando, ovviamente, la tutela giurisdizionale del terzo che impugni la predetta autorizzazione) (Cons. Stato, Sez. VI, 13 febbraio 2001, n. 685).


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943

Pres. Guerriero – Est. Polidori – Silvestri (avv.to Vitale) c. Ministero beni e attività culturali (Avv.ra Stato).
 


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943 [4]


L’art. 21-octies, comma 2, prima parte, legge n. 241/90, non si applica al provvedimento di annullamento dell’autorizzazione paesaggistica, che ha natura discrezionale.

La natura discrezionale del potere statale di annullamento dell’autorizzazione paesistica esclude in radice, in relazione ai provvedimenti che costituiscono espressione di tale potere, la possibilità di fare applicazione della prima parte dell’art. 21 octies, comma 2, della legge n. 241/1990, posto che tale disposizione riguarda espressamente i provvedimenti vincolati.


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943

Pres. Guerriero – Est. Polidori – Silvestri (avv.to Vitale) c. Ministero beni e attività culturali (Avv.ra Stato).
 


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943 [5]


Per il principio del raggiungimento dello scopo della norma violata, non può dolersi dell’omessa comunicazione dell’avvio del procedimento il soggetto che sia stato comunque posto in condizione di partecipare al procedimento amministrativo.

La comunicazione prevista dall’art. 7 della legge n. 241/1990 non costituisce un adempimento fine a sé stesso, ma è volta a consentire un’effettiva partecipazione attiva al procedimento da parte dei soggetti destinatari dell’attività amministrativa. Ne consegue che la codificazione del principio del raggiungimento dello scopo dell’azione amministrativa non ha precluso l’operatività del principio, di origine pretoria, del raggiungimento dello scopo della norma violata, in forza del quale laddove sia provato che l’interessato è stato comunque posto in condizione di partecipare al procedimento amministrativo questi non può dolersi dell’omessa comunicazione dell’avvio del procedimento stesso (T.A.R. Campania Napoli, Sez. VII, 21 maggio 2007, n. 5494).


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943

Pres. Guerriero – Est. Polidori – Silvestri (avv.to Vitale) c. Ministero beni e attività culturali (Avv.ra Stato).
 


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943 [6]


In sede di controllo dell’autorizzazione paesaggistica, la Soprintendenza non può suggerire al proprietario di un‘area modifiche progettuali.

Se è vero che la Soprintendenza nell’esercizio dei suoi poteri di controllo può verificare la legittimità delle autorizzazioni paesistiche anche sotto tutti i profili sintomatici dell’eccesso di potere, ciò non significa che essa possa spingersi fino al punto di suggerire modifiche progettuali, perché tali modifiche possono essere imposte esclusivamente dalla amministrazione comunale, cui compete la valutazione della compatibilità paesistica degli interventi edilizi (Cons. Stato, Sez. VI, 11 settembre 2003, n. 5099; T.A.R. Campania Napoli, Sez. IV, 10 dicembre 2004, n. 18694; Cons. Stato, Ad. Plen., n. 9/2001; T.A.R. Campania Napoli, Sez. VII, 8 giugno 2007, n. 6052; 21 maggio 2007, n. 5494).


Tar Campania, Napoli, sez. VII, 4 ottobre 2007, n. 8943

Pres. Guerriero – Est. Polidori – Silvestri (avv.to Vitale) c. Ministero beni e attività culturali (Avv.ra Stato).
 


Tar Liguria, sez. I, 12 ottobre 2007, n. 1759


Pubblica Amministrazione - Procedimento amministrativo - Accesso alle informazioni ambientali - Art. 2, n. 5, D.Lgs. n. 195/2005 - Accesso alle analisi e ai dati di carattere economico e contabile - Limiti. 

Le analisi e i dati di carattere economico e contabile di cui all’art. 2, n. 5 del D.Lgs. n. 195/2005 possono integrare un’informazione ambientale soltanto qualora vengano utilizzati nell’ambito dell’esercizio di un’attività amministrativa (n. 3) che incida o possa incidere concretamente sugli elementi dell’ambiente di cui al n. 1 (aria, atmosfera, acqua, suolo, etc.) o sui fattori dell’ambiente di cui al n. 2 (energia, rumore, radiazioni, etc.). Al fine di evitare forme di controllo sistematico e generalizzato sull’attività amministrativa, la latitudine del riferimento alle misure amministrative è stata dunque temperata dalla necessità che, per integrare propriamente un’informazione ambientale, l’attività amministrativa incida concretamente, in positivo (tutelandoli) o in negativo (compromettendoli) sugli elementi o sui fattori ambientali come individuati ai nn. 1 e 2 dell’art. 2 D.Lgs. n. 195/2005: spetta ovviamente a colui che chiede l’accesso la precisa definizione dell’oggetto dell’istanza, mediante la chiara indicazione del nesso concreto dal quale sia possibile desumere l’incidenza della misura amministrativa su detti elementi o fattori ambientali. 


Tar Liguria, Sez. I, 12 ottobre 2007, n. 1759

Pres. Di Sciascio, Est. Vitali - V.A.S. (avv. Granara) c. Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre (avv.ti Gerbi e Zanobini) - 
 
 


Tar Liguria, sez. I, 12 ottobre 2007, n. 1759 [2]


Pubblica Amministrazione - Procedimento amministrativo - Accesso alle informazioni ambientali - D.Lgs. n. 195/2005 - Strumento di controllo sistematico e generalizzato sulla gestione dei procedimenti in itinere - Esclusione.

Per quanto esteso sia - in forza della definizione di cui all’art. 2 - l'ambito applicativo del D.Lgs. n. 195/2005, esso non può dare titolo ad una forma di indiscriminato accesso a tutte le pratiche inerenti ad un determinato settore di attività amministrativa, non potendosi il diritto all’informazione in materia ambientale, al pari del diritto di accesso in genere (cfr. l’art. 16 della legge n. 15 del 11 febbraio 2005), tradursi in uno strumento di controllo sistematico e generalizzato sulla gestione di tutti i procedimenti amministrativi in itinere e, più in generale, sull'intero operato di un ente pubblico, che finirebbe per conferire ad un’associazione privata poteri ispettivi, che non le competono (nello stesso senso, recentemente, T.A.R. Puglia, III, 5.7.2006, n. 2725; T.A.R. Lombardia, I, 26.5.2004, n. 1770). 


Tar Liguria, Sez. I, 12 ottobre 2007, n. 1759

Pres. Di Sciascio, Est. Vitali - V.A.S. (avv. Granara) c. Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre (avv.ti Gerbi e Zanobini) -  T.A.R. LIGURIA, Sez. I - 12 ottobre 2007, n. 1759

.

.

CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITA’ EUROPEE
 


Corte di Giustizia delle Comunità Europee, sez. VI, 5 luglio 2007, Causa C-340/06


Pubblica amministrazione – Danno Ambientale - Accesso del pubblico all'informazione in materia d'ambiente - Mancata trasposizione entro il termine prescrive - Inadempimento di Stato (Austria) - Direttiva 2003/4/CE.

Non avendo adottato, entro il termine prescritto, tutte le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla direttiva 2003/4/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2003, che riguarda l'accesso del pubblico all'informazione in materia d'ambiente e che abroga la direttiva 90/313/CEE del Consiglio, la repubblica dell'Austria è venuta meno agli obblighi che gli incombono ai sensi di questa direttiva. La repubblica dell'Austria è condannata alle spese. 
 


Corte di Giustizia delle Comunità Europee, sez. II, 5 luglio 2007, causa C-255/05


Pubblica Amministrazione - Danno Ambientale – Urbanistica e Edilizia - Inizio attività della «terza linea» di un inceneritore - Pubblicità della domanda di autorizzazione - Comunicazione - Osservazioni - Inadempimento di uno Stato (Repubblica italiana) - Direttive 75/442/CEE, 85/337/CEE e 2000/76/CE.

Non avendo reso accessibile in uno o più luoghi aperti al pubblico la comunicazione di inizio attività della «terza linea» del detto inceneritore per un adeguato periodo di tempo affinché il pubblico potesse esprimere le proprie osservazioni prima della decisione dell’autorità competente e non avendo messo a disposizione del pubblico stesso le decisioni relative a tale comunicazione insieme ad una copia dell’autorizzazione, la Repubblica italiana è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza dell’art. 12, n. 1, della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 4 dicembre 2000, 2000/76/CE, sull’incenerimento dei rifiuti.

 

 


 

 
Pubblicato da Piero il 12/03/2008 alle 10:51:29, in romantispecismo, letto 1436 volte

.

E' in arrivo nel Lazio...

.

.

GIOVEDI' 20 MARZO
ore 7'45 - NOVARTIS VACCINES & DIAGNOSTICS (Sede sviluppo e commercializzazione vaccini)
Via Fiorentina 1, Siena

ore 15'00 - BRISTOL MYERS SQUIBB (Div. generale, sviluppo e sperimentazione)
Via Virgilio Maroso 50 , Roma

ore 17'00 - ABBOTT DIAGNOSTICS
Via mar della Cina 268, Roma
_____________________

VENERDI' 21 MARZO
ore 7'45 - BRISTOL MYERS SQUIBB (Prod. farmaceutica, interazione specie)
Via Del Murillo KM 2.800/2.900, Sermoneta (LT)

ore 11'00 - ABBOTT INTERNATIONAL (Stabilimento)
Via pontina km. 52, Campoverde di Aprilia (LT)

ore 14'00 - SANOFI AVENTIS (Magazzino materie prime e confezionamento finale)
Località Volcanello, Anagni (FR)

ore 16'00 - BRISTOL MYERS SQUIBB (Produzione farmaceutica)
Via Fontana Del Ceraso 1 , Anagni (FR)
_____________________

SABATO 22 MARZO
Iniziativa benefit per SHAC dalle 18'30
- dibattito e spunti di riflessione
- cena vegan
- proiezione video "Dentro HLS"

concerto con:
THE BONE MACHINE
(rockabilly dalla Palude)
MYTHLESS
(mithra+ restless wrestlers, delirio grind con due batterie)
THINK ABOUT
(Roma hardcore old school)
NEID
(grindcore da viterbo)
REBIRTH
(vegan sxe hardcore agli esordi)

TORRE MAURA OCCUPATA
Via Delle Averle, 10
Roma
per arrivare: bus 105/556/312 oppure trenino Roma/Pantano

per ulteriori informazioni:

www.stophls.net / info@stophls.net

 

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Cerca per parola chiave
vita beata: click per l'immagine ingrandita
GEAPRESS:
Error has occured while trying to process http://www.geapress.org/feed
Please contact web-master
buffalo Laverabestia.org - Animal Video Community La guida prodotta dal sito www.tutelafauna.it: tutte le specie di uccelli, i loro habitat...
News AL da informa-azione:
Error has occured while trying to process http://www.informa-azione.info/node/42/feed
Please contact web-master
nebbia a ValleVegan: click per l'immagine ingrandita
Siti amici

Comune di Rocca S.Stefano (RM), località Maranese, n.1   CAP 00030
tel 329/4955244   e-mail attivismo@vallevegan.org
www.vallevegan.org © 2006. On line dal 1° ottobre 2006. Sito pubblicato su server Aruba.it - Internet service provider. Technorail Srl Piazza Garibaldi 8 - 52010 Soci (AR). Autorizzazione min. Comunicazioni n° 473. Gli scritti presenti sul sito non sono pubblicati con cadenza periodica (si vedano le date pubblicate sui singoli articoli).
powered by dBlog CMS ® Open Source